Rh su FacebookRh su Twitter

Recensione del giorno [23.03.2017]

Torgeir Waldemar
No Offending Borders
[Jansen Platerproduksj]

"...sfoggia una padronanza della materia ed un'ispirazione compositiva clamorose, iniettando in diversi punti del disco un senso di fine incombente, di giorno del giudizio..."




Chuck Berry
Down to the Promised Land: la storia (immaginaria) di una canzone


"...perché quelli erano i riff di chitarra di Chuck Berry - Cristo santo! - e il pubblico nella Terra Promessa del rock'n'roll ce lo doveva portare lui..."



Laura Marling
Semper Femina
[Kobalt]


"...un disco più luminoso e acustico del previsto, che in parte riconduce Laura Marling verso i suoi timidi esordi, ma con la consapevolezza acquisita in questi anni..."



Tinariwen
Elwan
[Wedge/ Pias]


"...al termine delle tredici tracce, capiamo che ascoltare un disco dei Tinariwen è come chiudersi in un mondo parallelo, un'esperienza totale..."


Le ultime recensioni su RootsHighway
22.03.17

Valerie June
The Order of Time
[Caroline/ Universal]
"...è una questione di ritmi, di arrangiamenti, e naturalmente di una voce sui generis, fanciullesca e ipnotica in alcuni passaggi, senza dubbio lontana dai luoghi comuni..."
//////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////
21.03.17

Frontier Ruckus
Enter the Kingdom
[Loose/ Goodfellas]
"...cronache di disillusione, amarezza e quotidiana sconfitta, raccontate con buon gusto per i dettagli da un songwriter che non nasconde né le evidenti ascendenze letterarie..."
//////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////
18.03.17

Mark Porkchop Holder
Let It Slide
[Alive Records]
"...il peccato principale del disco è la voce poco caratterizzante di Mark Holder, che altrimenti avrebbe potuto suscitare più interesse, nonostante la scarsa originalità del materiale..."
//////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////
17.03.17

Temples
Volcano
[Heavenly/ Coop]
"...seguono la rivoluzione dei costumi e destrutturano il loro sound, buttano tutto quello abbiamo ascoltato in una centrifuga, e fanno girare a massima velocità l'interruttore..."
//////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////
16.03.17

Carrie Elkin
The Penny Collector
[Carrie Elkin]
"...a ritmo lento, infatti, il disco alterna ballate elettriche con frequenti riverberi in stile R.E.M. che ne dilatano l'effetto di generale inquietudine, ad altre più semplici ed acustiche..."
//////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////
15.03.17

Aaron Watson
Vaquero
[Big Label/ IRD]
"...suonerà autentico soltanto a chi è abituato a certi prodotti confezionati, ma in verità non si allontana dal mainstream nashvilliano..."
//////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////
14.03.17

Old 97's
Graveyeard Whistling
[ATO]
"...non si cercano scappatoie e sperimentazioni, solo un treno in corsa, una locomotiva che sbuffa ballate western e country punk a rotta di collo..."
//////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////
11.03.17

Little Steve & The
Big Beat
Another Man
[Continental/ IRD]
"...un suono volutamente rétro che tuttavia appare fresco, dinamico ed energico, per merito della voce soul di Steven, della timbrica squillante degli strumenti...."
//////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////
10.03.17

Mark Eitzel
Hey Mr Ferryman
[Decor records]
"...il titolo giusto a riportarlo in carreggiata, e a far ricordare che sì, lo stile non cambia, ma lui resta un maestro di un songwriting..."
//////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////
09.03.17

Black Joe Lewis
Backlash
[BJL]
"...cercando spesso il riff accattivante, l'arrangiamento più rotondo ed efficace, oltre a una palese attitudine rock che contamina ogni singolo episodio del del disco...."
//////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////
08.03.17

Daniel Vezoja
Where the Light Resides
[Daniel Vezoja]
"...sorprende la padronanza dei temi, dei suoni, dello stile che fanno scoprire un songwriter molto acuto, ma anche semplice ed elegante nel costruire le canzoni...."



Peter Rowan
Texican Badman
[Appaloosa/ IRD]


"...seppure il disco resti discontinuo e un po' naif nella sua concezione, senz'altro non al livello di altre opere fondamentali di quell'epoca..."



The Rusties
Dove osano i rapaci
[Tube Jam]


"... chiarisce il coraggioso salto dei Rusties attraverso undici episodi originali che scelgono definitivamente l'espressione del rock in lingua madre..."



Jim Lauderdale
London Southern
[Proper]


"...Jim Lauderdale attraversa l'oceano e registra per la prima volta in Inghilterra, nei Goldtop Studios, con musicisti inglesi e con Neil Brockbank e Robert Trehern come produttori..."


 

 

 

 

 


Dischi del mese [marzo 2017]




Rhiannon Giddens
Freedom Highway

[Nonesuch]

"...un lavoro che cerca innanzi tutto un'espressività e un senso comunitario, lasciando a nudo l'anima della Giddens ed esaltando il suo canto..."




Chuck Prophet
Bobby Fuller Died for Your Sins

[Yep Roc]

"...ci restituisce una manciata di canzoni colte e dalla cifra personale e letteraria, che dal semplice fatto di cronaca evocato nella title track ripercorrono le morti più recenti del rock..."



 Spotify Playlist di RH


 Top five: la cinquina consigliata




RootsHighway segnala [febbraio 2017]



Gianni Del Savio
Nina Simone. Il piano, la voce e l'orgoglio nero
[VoloLibero]


"... dalla collana SoulBooks una firma a noi cara, Gianni Del Savio, e il suo lavoro biografico su Nina Simone. Ce ne parla l'autore direttamente nell'intervista..."

 



Courtney Marie Andrews
Further Up the Road - l'intervista di Rh


"...disco del mese di febbraio, tra le voci rivelazione della nuova stagione americana, scambiamo qualche breve impressione con Courtney Marie Andrews in questa intervista..."




 




    


© RootsHighway 2001-2016
Credits: la redazione