Rh su FacebookRh su Twitter

Recensione del giorno [20.01.2018]


David Ramirez
We're Not Going Anywhere
[Sweetworld/ Goodfellas]

"...tanto sono sferzanti i testi quanto un po' altalenanti, per non dire anonimi, gli arrangiamenti di questo We're Not Going Everywhere..."




Anderson East
Encore
[Low Country Sound]


"...un disco che sceglie con risolutezza la via del rhythm'n'blues e del soul d'annata, enfatizzando il canto di educazione gospel del protagonista..."



Hans Chew
Open Sea
[At the Helm]


"...l'Inghilterra e i suoi dubbi amletici lo ispirano in un disco che è una scommessa: può la musica rurale essere erudita?..."



Robert Finley
Goin' Platinum
[Nonesuch]


"...la vicenda artistica e umana di Robert Finley non può non colpire nel segno, al resto ci pensano dieci canzoni nuove di zecca che hanno il passo dei classici..."


Le ultime recensioni su RootsHighway
18.01.18

Nowhere Brothers
Down Life Boulevard
[Nowhere Brothers]
"...due italianissimi musicisti trapiantati negli States, i quali uniscono le loro radici musicali fatte di un American rock ormai classico, per portare a termine il loro disco di debutto..."
//////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////
17.01.18

Blank Range
Marooned with The
Treasure
[Sturdy Girls]
"...la band possiede buone canzoni, ancora da rifinire, e qualche potenzialità per restare in pista, soprattutto grazie alle composizioni e alla voce di Jonathan Childers..."
//////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////
15.01.18

Samantha Fish
Belle of the West
[Ruf records]
"...una miscela a trazione elettro-acustica dove alle regole delle dodici battute si affiancano i canoni del soul, del country, di certa swamp music..."
//////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////
13.01.18

Elijah Ocean
Elijah Ocean
[New Wheel Music]
"...l'eco è quella della più classica canzone country rock degli anni Settanta, di certa West Coast virata alla tradizione, nonché di ballate e chitarre twang..."
//////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////
12.01.18

Zachary Richard
Gombo
[RZ records]
"...l'album si immerge in una serie di racconti delle paludi raccontate in quel francese/americano che rappresenta la sua veste espressiva migliore..."
//////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////
11.01.18

The Cash Box Kings
Royal Mint
[Alligator/ IRD]
"...le due anime non si compenetrano alla perfezione, seguono due strade separate e questo è il limite della formazione..."
//////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////
10.01.18

The Low Cards
The Low Cards
[75 or Less]
"...i brani migliorano durante lo scorrimento progressivo, come se davvero il gruppo trovasse il giusto affiatamento durante un'unica lunga esecuzione..."
//////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////
06.01.18

Son Little
New Magic
[Anti-/ Self]
"...insiste nel forzare le porte del soul americano dei grandi capoluoghi inserendovi elementi riconducibili alla postmodernità, al villaggio globale..."
//////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////
04.01.18

Nona Hendryx &
Gary Lucas
The World of Captain Beefheart
[Knitting Factory]
"...senza troppi clamori esce questo disco tributo voluto dal suo storico chitarrista Gary Lucas e affidato alla voce di Nona Hendryx..."



Claudio Conti
Garnet Dusk
[Seahorse Rec.]


"...un cambiamento sensibile sia nella qualità delle melodie (decisamente più immediate) sia nel mood, che a mio avviso è più luminoso e meno malinconico..."



The Yardbirds
Yardbirds '68
[JimmyPage.com]


"...un documento fondamentale dell'ultimo periodo del gruppo, nonché del passaggio dagli Yardbirds ai Led Zeppelin, contenendo brani e improvvisazioni che saranno sviluppati da Page....."



Ronnie Earl & The Broadcasters
The Luckiest Man
[Stony Plain]


"...bella definizione per un disco giocato come sempre da Earl su tempi tendenzialmente lenti, con alternanza di brani cantati e strumentali...."

 

 

 

 

 

 






 Spotify Playlist di RH


 Top five: la cinquina consigliata





RootsHighway segnala [dicembre 2017]


Lawrence Ferlinghetti
Scrivendo sulla strada
[ilSaggiatore]


"...da ogni segmento di questo incessante viaggiare che copre mezzo secolo, da un capo all’altro del pianeta come una biglia da flipper, emanano una saggezza affatto cattedratica e un impagabile senso di pace....."
 



Andy White
Belfast Child, l'intervista


"...colto, affabile, gentile, ironico e appassionato, Andy White ha collezionato una carriera al di sopra di ogni sospetto, ricamandosi uno spazio tutto suo, canzone dopo canzone..."

 

 




    


© RootsHighway 2001-2017
Credits: la redazione