:: Menù
 



RootsHighway è membro ufficiale della Euro Americana Chart, la classifica dei dj e giornalisti europei sul mondo Americana/ Roots. Leggi la classifica completa su euroamericanachart.eu

 
 

IN USCITA: scorri l'elenco delle prossime uscite discografiche in campo Americana/ Roots/ Indie:

9 ottobre
Loudon Wainwright III - I’d Rather Lead a Band (Search Party Records)
Darlingside – Fish Pond Fish (More Doug Records)
Great Peacock – Forever Worse Better (Soundly Sounds)
Izzy Heltai – Father (self released)
Kronos Quartet – Long Time Passing: Kronos Quartet and Friends Celebrate Pete Seeger (Smithsonian Folkways Records)
The Onlies – The Onlies (self-released)
Kim Wilson – Take Me Back (M.C.Records)
Adam Wright – I Win (De Casa Records)

2 ottobre
Brent Cobb - Keep ‘Em on They Toes (Ol’ Buddy Records)
Chris Smither - More From The Levee (Signature Sounds)
BeauSoleil – Evangeline Waltz (Sunset Blvd Records)
Joachim Cooder – Over That Road I’m Bound (Nonesuch Records)
Dawes – Good Luck with Whatever (Rounder Records)
Drive-By Truckers – The New OK (ATO Records)
Jackson Emmer – Alpine Coda (Diamond Ranch Records)
Ned Hill – By the Light of the Radio (WhistlePig Records)
Jensen Sisters – Yellow Frames (self-released)
NRBQ – In Frequencies (Omnivore Recordings)
The Nude Party – Midnight Manor (New West Records)
Robert Plant – Digging Deep: Subterranea (Warner Music)
Bonnie Whitmore – Last Will & Testament (Aviatrix Records)

25 settembre
The Band of Heathens - Stranger (BOH Records)
Diana Demuth – Misadventure (Creaky Gate Records)
Lyman Ellerman – Closer To Home (Woodshed Resistance Records)
Freddy & Francine – I Am Afraid to Die! (self-released)
Andrew Grimm – A Little Heat (WhistlePig Records)
Thomm Jutz – To Live in Two Worlds, Vol. 2 (Mountain Home Records)
Phil Leadbetter and The All Stars of Bluegrass – Swing for the Fences (Pinecastle Records)
Lydia Loveless – Daughter (Honey, You’re Gonna Be Late Records)
Susan Pepper – The Prettiest Bird (Ballad Records)
Jordan Tice – Motivational Speakeasy (Padiddle Records)

18 settembre
Fred Eaglesmith & Tif Ginn - Alive (Sawdust Records)
Otis Gibbs - Hoosier National (Wannamaker Records)
Victoria Bailey – Jesus, Red Wine & Patsy Cline (Rock Ridge Music)
Tyler Childers – Long Violent History (Hickman Holler Records/RCA Records)
Stephen Clair – The Small Hours (Rock City Records)
John Pops Dennie – I’ve Got Something To Say (Freestone Records)
Elliott Brood – Keeper (Six Shooter Records)
Stephie James – These Days (Label Logic)
Brennen Leigh – Prairie Love Letter (self-released)
Liz Longley – Funeral for My Past (Tone Tree Music)
Joan Osborne – Trouble And Strife (Womanly Hips Music)

11 settembre
Elizabeth Cook - Aftermath (Agent Love Music)
The Dillards - Old Road New Again (Pinecastle Records)
Blitzen Trapper – Holy Smokes Future Jokes (Yep Roc Records)
Gasoline Lollipops – All The Misery Money Can Buy (self-released)
Donal Hinely – Diary of a Snowflake (Scuffletown Records)
Waylon Payne – Blue Eyes, The Harlot, The Queer, The Pusher & Me (Carnival Recording Company)
Shoebox Letters – Treasure Map (self-released)
Two Bird Stone – Hands and Knees (Wondermore Records)
Doc & Merle Watson – Songs Doc Didn’t Sing (Fli Records)

4 settembre
Hayes Carll - Alone Together Sessions (Dualtone Music)
Dirk Powell - When I Wait For You (Compass Records)
Hannah Aldridge – Live in Black and White (Icons Creating Evil Art)
Emily Barker – A Dark Murmuration of Words (Everyone Sang Records)
Carolina Story – Dandelion (Black River Americana)
Kris Delmhorst – Long Day In The Milky Way (Big Bean Music/CEN)
New Moon Jelly Roll Freedom Rockers – New Moon Jelly Roll Freedom Rockers, Vol. 1 (Stony Plain Records)
Grant-Lee Phillips – Lightning, Show Us Your Stuff (Yep Roc Records)
India Ramey – Shallow Graves (self-released)
Tennessee Jet – The Country (Tennessee Jet Music, LLC)

28 agosto
Molly Tuttle …but i’d rather be with you (Compass Records)
Colter Wall - Western Swing & Waltzes and other Punchy Songs (Black Hole Music)
The Allman Betts Band – Bless Your Heart (BMG Rights Management)
Avett Brothers – The Third Gleam (Loma Vista Records)
Karen Jonas – The Southwest Sky and Other Dreams (Yellow Brick Road Records)
Ruston Kelly – Shape & Destroy (Rounder Records)
Kelly’s Lot – Another Sky (PK Entertainment)
Bettye LaVette – Blackbirds (Verve Records)
Zephaniah Ohora – Listening To The Music (Last Roundup Records)
J.S. Ondara – Folk n’ Roll Vol. 1: Tales Of Isolation (Verve Forecast)
Dan Penn – Living On Mercy (The Last Music Company)
Josh Ritter – See Here, I Have Built You A Mansion (Pytheas Recordings)
Bobby Rush – Rawer Than Raw (Deep Rush Records)
Walter Trout – Ordinary Madness (Provogue/Mascot Label Group)
Various Artists – Willie Nile Uncovered (Paradiddle Records)
Wood & Wire – No Matter Where It Goes From Here (Blue Corn Music)

21 agosto
The Mavericks - En Español (Mono Mundo Recordings)
Old 97’s - Twelve (ATO Records)
Mandy Barnett – A Nashville Songbook (BMG)
Cidny Bullens – Walkin’ Through This World (Blue Lobster Records)
Robert Gordon – Rockabilly For Life (Cleopatra Records)
Jerry Joseph – The Beautiful Madness (Cosmo Sex School/Soundly Music)
H.C. McEntire – Eno Axis (Merge Records)
Chuck Prophet – The Land That Time Forgot (Yep Roc Records)
Emma Swift – Blonde On The Tracks (Tiny Ghost Records)

14 agosto
The Two Tracks - Cheers to Solitude (self-released)
Twisted Pine - Right Now (Signature Sounds Recordings)
Kathleen Edwards – Total Freedom (Dualtone Music Group)
Arlo McKinley – Die Midwestern (Oh Boy Records)
Ashley Ray – Pauline (Soundly Music)
Rodney Rice – Same Shirt, Different Day (self-released)
Matt Rollings – Mosaic (Dualtone Music Group)
Sylvie Simmons – Blue on Blue (Compass Records)
Sugarcane Jane – Ruffled Feathers; Songs in the Key of Me (Admiral Bean Records)

7 agosto
Mary Chapin Carpenter - The Dirt and the Stars (Lambent Light Records)
Kenny Roby - The Reservoir (Royal Potato Family Records)
Carolina Blue – Take Me Back (Billy Blue Records)
Daniel Donato – A Young Man’s Country (Cosmic Country Music)
Golden Shoals – Golden Shoals (Golden Shoals Music)
Market Junction – Burning Bridges (self released)
Cary Morin – Dockside Saints (self released)
The Furious Seasons – La Honda (Stonegarden Records)
Deborah Silver – Glitter & Grits (NTL Records)
The Wildmans – The Wildmans (Mountain Fever Records)

31 luglio
Charley Crockett - Welcome to The Hard Times (Son of Davy Records)
Peter Himmelman - Press On (Himmasongs)
Shirley Collins – Heart’s Ease (Domino Recording Co.)
The Jason Daniels Band – Downloads from the Universe (Jax-Zen Studios)
Mac McAnally – Once in A Lifetime (Mailboat Records)
Maple Run Band – Maple Run Band (Back Pasture Records)
Stephen Mougin – Ordinary Soul (Dark Shadow Recording)
Evan Ogden – Undone (self-released)
John Fusco & The X-Road Riders – John The Revelator (Checkerboard Lounge Recordings)

24 luglio
Courtney Marie Andrews - Old Flowers (Fat Possum Records)
Ted Russell Kamp - Down In The Den (PoMo Records)
Bill Kirchen - The Proper Years (Last Music Company)
Cinder Well – No Summer (Free Dirt Records)
Bernie Barlow – Redeemed (West Valley Records)
Eliot Bronson – Empty Spaces (New Pain Records)
Jesse Dayton – Gulf Coast Sessions EP (Blue Elan Records)
Lori McKenna – The Balladeer (CN Records)

17 luglio
The Chicks - Gaslighter (Columbia Records)
The Texas Gentlemen - Floor It!!! (New West Records)
Laura Cortese & The Dance Cards – Bitter Better (Compass Records)
Samantha Crain – A Small Death (Ramseur Records) Tara Dente – Truth In The Mud (Travianna Records)
SG Goodman – Old Time Feeling (Verve Forecast)
David Ramirez – My Love Is A Hurricane (Sweetworld Music)
Bret Reilly – Bluebird (Mighty Quinn Productions)

10 luglio
Margo Price - That’s How Rumors Get Started (Loma Vista Recordings)
Ray Wylie Hubbard - Co-Starring (Big Machine Records)
Greyhounds – Primates (Nine Mile Records)
Jack The Radio – Creatures (self-released)
The Jayhawks – XOXO (Sham Records)
Kalen & Aslyn – Back Of Our Minds (Normaltown Records)
Kyle Nix – Lightning on the Mountain & Other Short Stories (Bossier City Records)
Nocona – Los Dos (Mule Kick Records)
Billy Prine – A Place I Used to Know (Memphis International Records)
Rufus Wainwright – Unfollow The Rules (BMG Music)
Joshua Ray Walker – Glad You Made It (State Fair Records)
Gillian Welch & David Rawlings – All The Good Times (Acony Records)
Afton Wolfe – Petronius’ Last Meal (Twangri-La Records)

3 luglio
Willie Nelson - First Rose of Spring (Legecy Recordings)
Dave Alvin – From an Old Guitar: Rare and Unreleased Recordings (Yep Roc Records)
Bowregard – Arrow (self-released)
Victor Camozzi – Black Dog (Volco Records)

26 giugno
Corb Lund - Agricultural Tragic (New West Records)
Various Artists - On The Road: A Tribute To John Hartford (LoHi Records)
Country Westerns – Country Westerns (Fat Possum Records)
Emily Duff – Born On The Ground (Mr. Mudshow Music)
Will Hoge – Tiny Little Movies (Edlo Records)
Scroggins & Rose – Curios (self-released)
Arielle Silver – A Thousand Tiny Torches (self-released)



 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
Home page


 News   notizie, video, segnalazioni, classifiche


Video della settimana:
This is the Kit - "This is What You Did"



-----------------------------------------------------------------------------------------


:: Qui giace un poeta -60 visite a tombe d’artista, Jimenez edizioni

Oltre cinquanta autori italiani e stranieri – tra scrittori, artisti, editori, giornalisti, librai e blogger – accomunati dalla passione per i viaggi sulle tombe di poeti e romanzieri. Tombe sfarzose, come quella di Oscar Wilde, o semplici lapidi in un prato, come quelle di Jack Kerouac e James Joyce, tombe ospitate in cimiteri celebri – il Père-Lachaise di Parigi o l’acattolico di Roma – oppure nascoste in mezzo a monti desertici, coperte dal segreto di un monastero, come quella di Javsandamba Zanabazar, artista e poeta mongolo, in patria venerato come un santo.

Tombe che raccolgono ossa e ceneri, niente di più, ma che sono spesso meta di trascinanti pellegrinaggi. Perché, quando si ama visceralmente un poeta o uno scrittore ormai morto e sepolto, non bastano le parole che ha lasciato, non sono sufficienti i diari, le lettere, le biografie e le autobiografie. Quando si ama qualcuno che non c’è più, arriva sempre il giorno in cui si fa irresistibile il desiderio di “vederlo ancora una volta”, andare a trovarlo dove giace per sempre.

Cosa si prova – quali emozioni, ricordi, riflessioni scattano – quando ci si trova di fronte alla tomba di un artista amato? Che storia c’è, dietro quella lapide? E che storia c’è, dietro quel pellegrinaggio? Di questo scrivono gli autori coinvolti: hanno compiuto il loro pellegrinaggio e ce lo hanno raccontato. Massimiliano Governi sulla tomba di Sandro Onofri, Daniele Mencarelli sulle tracce di Camillo Sbarbaro, Barry Gifford tra i cimiteri di Parigi e Venezia, Matteo Trevisani in ricordo di Giordano Bruno, Giovanni Dozzini in cerca di Elio Vittorini, Tyler Keevil tra le brughiere gallesi con Dylan Thomas, Nicola Manuppelli sulle tracce di William Butler Yeats e molti altri ancora. Alcuni di loro hanno scelto di descrivere che fine abbiano fatto, post mortem, alcune coppie celebri della letteratura, altri si sono avventurati anche tra tombe di personaggi che, nel loro ambito e a loro modo, potevano definirsi poetici. Insieme compongono un mosaico di pellegrinaggi letterari su tombe di poeti, scrittori e artisti, per parlare, attraverso la morte, della vita e dell’arte.

fonte: Jimenez edizioni

----------------------------------------------------------------------------------------


:: Clap Your Hands Say Yeah - il nuovo album ‘New Fragility’ in uscita il 29 gennaio

‘New Fragility’ è una rinascita artistica per la band di Alec Ounsworth, il primo album dopo il deal di distribuzione internazionale con Secretly Canadian e il secondo per la sua personalissima CYHSY Records. Ascolta 'Hesitating Nation'

I Clap Your Hands Say Yeah, la perfetta creatura indie-rock creata e guidata dal talentuoso Alec Ounsworth, ai tempi del loro omonimo esordio del 2005 hanno rappresentato lo standard da seguire in termini di sound, etica DIY e lavoro per centinaia di band indipendenti. Il loro primo album fu un caso discografico autoprodotto che fece innamorare di un nuovo sound centinaia di migliaia di fan in tutto il mondo. Ora a 15 anni di distanza dal loro esordio Alec e i CYHSY tornano con un nuovo album, il migliore dai tempi dell'immortale esordio. Il titolo del nuovo album, New Fragility, è stato ispirato dalla lettura del racconto ‘Per sempre lassù’ di David Foster Wallace (parte dell’antologia ‘Brevi interviste con uomini schifosi’) ed è stato prodotto da Alec stesso con l’aiuto di Will Johnson (noto per i suoi lavori con Jason Molina e Conor Oberst dei Bright Eyes) e Britton Beisenherz a Austin, Texas. “Queste canzoni sono politicamente motivate, che non è insolito per me. In passato avevo scritto ‘Upon This Tidal Wave of Young Blood’ a proposito del fallimento della democrazia americana. Il nuovo brano ‘Hesitating Nation’ trasmette il mio disappunto con la mentalità di andare sempre avanti a tutti i costi, senza pensare a chi rimane indietro. Invece ‘Thousand Oaks’ parla della sparatoria di Thousand Oaks, California, del 2018, in cui morirono 13 persone, e dell’impotenza del governo americano di fronte a certe tragedie”.

‘New Fragility’ arriva a 3 anni di distanza da ‘The Tourist’ e ben 15 dal disco d'esordio, album che fece diventare i Clap Your Hands And Say Yeah una delle band di punta della scena indie-rock dei primi anni 2000.

fonte: Goodfellas

----------------------------------------------------------------------------------------

:: JW FRANCIS - l’esordio con ‘We Share A Similar Joy’ dal 6 novembre per Sunday Best

JW Francis è un artista originale, capace di unire rock lo-fi e melodie pop nella miglior tradizione musicale newyorkese, ispirandosi agli artisti che hanno reso unica la grande mela negli ultimi 50 anni: Patti Smith, The Velvet Underground, Television, Talking Heads, Strokes e yeah yeah heahs su tutti. We Share A Similar Joy è un album autentico e frizzante, composto da 10 tracce di grande valore nell'immortale stile di autori del livello di di Mac DeMarco, Ariel Pink e Connan Mockasin.

JW Francis è una promessa della scena indie americana, o meglio newyorkese, come ci tiene a specificare lui. JW è nato in Oklahoma ed è cresciuto a Parigi, ma si è formato artisticamente nella grande mela, dove lavora ancora oggi come assistente per un premio Nobel, fa la guida turistica ufficiale della città e organizza cene con delitto con la sua sua Murder Mistery. Il primo singolo inciso da JW Francis per Sunday Best è stato il brano 'New York', perfetta introduzione al suo sound e stile inimitabile e di cui l’autore racconta: “Sono una guida ufficiale di New York City, questo posto mi ha dato molto e volevo rendergli omaggio, e dirgli come mi sento tra le su braccia … I’ll sleep when dead”. JW è il perfetto esempio di artista indie contemporaneo, capace di suonare dal vivo di continuo e portare la sua grande carica indie rock lo-fi ovunque, da New York a LA, da Parigi a Glasgow e fino in Costa Rica. I suoi singoli hanno raccolto quasi un milione di play su Spotify ed è stato fortemente voluto dalla Sunday Best per pubblicare il suo album d'esordio 'We Share A Similar Joy'.

fonte: Goodfellas

----------------------------------------------------------------------------------------


:: The Kinks - il cinquantesimo anniversario di "Lola", il box in uscita l'11 docembre

Lola Versus Powerman and the Moneygoround, Part One, comunemente abbreviato in Lola Versus Powerman o semplicemente Lola, è stato l'ottavo album in studio dei Kinks, registrato e pubblicato nel 1970. Concept album in anticipo sui tempi, Lola è uno sguardo satirico e pungente sul mondo dell'industria musicale inclusi editori, manager, produttori, mass media, stampa musicale e case discografiche. Uno dei classici di tutti i tempi dei Kinks. Che i festeggiamenti per il 50° anniversario abbiano inizio, mentre i Kinks svelano speciali piani di uscita multi-format per l'album, come i deliziosi formati Deluxe Box Set, 1LP, Deluxe 2CD, 1CD e digitale, che usciranno l'11 dicembre su BMG.

Sebbene sia uscito durante un periodo di transizione per i Kinks, Lola Versus Powerman è stato un successo sia dal punto di vista della critica che commerciale, classificandosi nella Top 40 negli USA e contribuendo a rilanciarli al pubblico, in una sorta di grande ritorno. L'album conteneva due singoli di successo: "Lola", che raggiunse il 9° posto negli Stati Uniti, il 2° nel Regno Unito e in Germania, diventando il più grande successo dei Kinks dopo "Sunny Afternoon" del 1966, e "Apeman", che raggiunse il 5° posto nel Regno Unito e in Germania. Ray Davies dice: "L'album è una celebrazione della libertà artistica (compresa la mia) e del diritto di chiunque di essere libero da ogni genere, se lo si desidera. Il segreto è essere una persona buona e fidata e un amico". In anticipo sui tempi, 'Lola' fu scritta da Ray Davies all'inizio del 1970 e registrata ai Morgan Studios di Londra. Il brano narra la storia romantica tra un giovane uomo e una persona transgender incontrata in un club di Soho e il testo fu ispirato da una storia di un presunto incontro del manager della band. Uscito come singolo insieme al brano "Berkeley Mews" outtake dell'album Village Green Preservation Society in Inghilterra e con il brano di Dave Davis "Mindless Child of Motherhood" negli Stati Uniti, l'iconico successo è stato cantato in tutto il mondo per decenni. L'uscita di Lola Versus Powerman and the Moneygoround, Part One, segue il recente successo del #LolaDay, che ha celebrato i 50 anni di questo singolo seminale. I fan hanno potuto ”Lolafy” le loro foto con 10 nuovi adesivi personalizzati disponibili sul sito web dei Kinks. Nel corso di quella giornata alcuni dei migliori artisti in circolazione come The Amazons, hanno pubblicato le loro cover del brano attraverso i canali di The Kinks e vari materiali audio, video e stampa dell'archivio Kinks sono stati condivisi con i fan.

Per lanciare I festeggiamenti per l'uscita del box set del 50° Anniversario, I Kinks presentano un nuovissimo remix/medley di Ray Davies del brano 'Any Time'. Originariamente scritto da Ray come possibile B-side per 'Apeman', 'Any Time' include estratti da diversi brani dei Kinks dall'album, oltre ad aggiungere effetti sonori e parti vocali. Si tratta di un concept piece sul quale Ray afferma: "L'isolamento causato dal Coronavirus può dare alle persone il tempo di rivalutare il mondo e di rivalutare le proprie vite. La musica può confortare i solitari, trascendere il tempo e non è il futuro o il passato, ieri, oggi o domani. È in qualsiasi momento". E aggiunge: "Ho visto un modo per far sì che questo brano inedito degli anni Settanta si connetta a un pubblico nel 2020. Ho anche visto un modo per dimostrare che la musica può viaggiare nel tempo, che la memoria è istantanea e quindi può unirsi a noi nel presente. Ho messo insieme tutto questo come qualcosa di surreale e poi mi sono reso conto che stava realmente accadendo. La canzone ha trovato il suo posto, dopo il suo cinquantesimo compleanno".

fonte: A Buzz Supreme

----------------------------------------------------------------------------------------


:: Bad Religion - Do What You Want - La Storia dei BAD RELIGION'. Disponibile dal 27 novembre per Sabir Editore

Disponibile anche in Italia dal 27 novembre per Sabir Editore la biografia ufficiale dei Bad Religion, la band che ha cambiato le regole del punk californiano e creato un mito ancora oggi vivo e vegeto. La band formata a Los Angeles, California, nel 1980 da Greg Graffin, Brett Gurewitz e Jay Bentley ha deciso di festeggiare i 40 anni di ininterrotta attività con un'attesissima biografia scritta da tutti i membri presenti e passati della band e guidata dalla sapiente mano del giornalista musicale e autore Jim Ruland. Il libro è stato pubblicato con successo negli states e l'Italia sarà uno dei primi paesi ad avere una versione tradotta del racconto dei Bad Religion.

'Do What You Want - La Storia dei Bad Religion' racconta la straordinaria carriera quarantennale della famosa band in prima persona. Dagli esordi, adolescenti che sperimentano in un garage della San Fernando Valley soprannominato"The Hell Hole", ai principali festival musicali di tutto il mondo. Con la loro miscela unica e inconfondibile di hardcore melodico e testi profondi ed evocativi, i Bad Religion hanno spianato la strada all'esplosione del punk rock degli anni '90, aprendo le porte a band come NOFX, The Offspring, Rancid, Green Day e Blink-182. Hanno mostrato al mondo ciò che potrebbe essere il punk all’ennesima potenza, che unisce musicisti eccezionali con la ricerca intellettuale nella composizione dei testi, e continuano a diffondere il loro messaggio una canzone, uno spettacolo, un tour alla volta. Senza alcun segno di interruzione.

'Do What You Want' racconta l'intera storia in stile irriverente, rintracciando quasi tutti i membri del passato e del presente della band. Quattro le voci che si alternano e si sovrappongono al narratore Jim Ruland, le quattro voci che maggiormente definiscono oggi i Bad Religion: Greg Graffin, un ragazzo del Wisconsin che cantava nel coro e divenne un'icona punk rock di Los Angeles mentre era ancora un adolescente. Brett Gurewitz, che si ritira dalle scuole superiori e fonda l'etichetta indipendente punk Epitaph Records, fino a diventare uno dei rappresentanti più influenti dell’industria discografica. Jay Bentley, skater, surfista, famoso tanto per essere il bassista eccezionale che è diventato negli anni quanto per le sue buffonate sul palco e Brian Baker, membro fondatore dei Minor Threat che si è unito alla band nel 1994 e porta nel libro una prospettiva differente, come il più intimo degli outsider.

fonte: Goodfellas

----------------------------------------------------------------------------------------


:: The War on Drugs - "Live Drugs", album dal vivo dal 20 novembre

The War on Drugs annunciano il loro primo live album, ‘Live Drugs’ disponibile dal 20 novembre per Super High Quality Records, label di proprietà del cantante e frontman Adam Granduciel. TheWar on Drugs sono certamente una delle più note band dell'ultimo decennio, capaci di rivitalizzare la miglior tradizione del rock americano e dare nuovo lustro e splendore alla scena indipendente internazionale. I loro ultimi due album 'Lost in Dream' e 'A Deeper Understanding' sono considerati dei classici contemporanei.

‘Live Drugs’ è il primo live album della band guidata da Andam Granduciel, una collezione di brani che arrivano da album, tour e mood differenti tra loro. L’album è il ritratto della band nel suo habitat naturale, la dimensione live, e anche della relazione che lega Adam con Dominic East, produttore , tecnico delle chitarre e stage manager dei The War On Drugs. La scaletta di ‘Live Drugs’ è stata programmata per far fluire i 70 minuti del disco come se ci si trovasse di fronte ad uno show dei War On Drugs, con versioni ed evoluzioni differenti dei vari brani. Sono presenti pezzi da tutti i dischi della band di Philadelphia, da brani dell'esordio del 2008 pensati per i piccoli club ai favolosi brani pensati per gli ultimi dischi e le grandi arene, come per la coinvolgente versione di 'Under the Pressure’ cantata insieme ad una platea di 20.000 persone. “Come band leader ho sempre voluto capire dove può arrivare una canzone – spiega Adam Granduciel – Anche quando una canzone l'abbiamo registrata, masterizzata, messa in vendita e suonata dal vivo non significa che poi dovremo farla sempre allo stesso modo”. La forza di ‘Live Drugs’ è proprio li, un momento di libertà della band catturato su disco. Questo live album mostra come sei ragazzi si siano evoluti come band tra il 2014 e il 2019. Negli ultimi sei mesi The War on Drugs hanno lavorato in studio su un nuovo album, realizzato un favoloso remix per il brano ‘Scarlett’ dei Rolling Stones e fatto live per associazioni no-profit che si occupano di arte e diritti civili.

fonte: Goodfellas

----------------------------------------------------------------------------------------


:: John Fogerty - "Forgety's Factory", John canta con la sua famiglia

Quello che è stato pubblicato all'inizio di quest'estate come EP digitale è ora diventato un album completo su BMG: Fogerty's Factory, sarà disponibile in digitale e in formato fisico su CD a partire dal 20 Novembre 2020. L'uscita in vinile seguirà in data 15 Gennaio 2021. Mentre era insieme e in quarantena, la Famiglia Fogerty, John e i suoi figli Shane, Tyler (Hearty Har) e la figlia Kelsy, si è riunita nel suo studio casalingo per suonare insieme. Volendo condividere questa esperienza con i loro fan, ogni venerdì hanno pubblicato un nuovo video nell'ambito di una serie speciale su YouTube, che i fan adoravano e aspettavano con ansia ogni settimana per ascoltare I classici di John in questa nuova versione.

Ad oggi, questi video hanno raccolto quasi 8 milioni di visualizzazioni e hanno attirato l'attenzione di testate prestigiose come Tiny Desk di NPR, The Late Show with Stephen Colbert, realizzando addirittura uno speciale radiofonico di un'ora su SiriusXM, The Fogerty Rockin' Family Hour, dove John ha parlato insieme ai suoi figli, Shane e Tyler, di musica e della vita. In ogni video prodotto, la Famiglia Fogerty ha cantato e suonato una canzone diversa dal repertorio iconico di John. La famiglia si è persino riunita in un Dodger Stadium vuoto per girare "Centerfield" il giorno del 75° compleanno di John, il 28 maggio. L'audio di queste session è stato originariamente pubblicato in formato digitale come EP quel giorno. Ma la famiglia non si è fermata qui, aggiungendo alla raccolta nove nuovi brani che sono stati masterizzati da Bob Ludwig ai Gateway e assemblati insieme per formare un album completo. L'elenco completo dei brani è riportato di seguito. La Famiglia ha persino ricreato la classica copertina dello storico album Cosmo's Factory trasformando l'idea originale di 50 anni fa in quella che oggi è conosciuta come Fogerty's Factory. Sia la copertina originale che la nuova copertina di Fogerty's Factory sono state realizzate da un altro membro della famiglia, Bob Fogerty.

John ricorda: "Julie aveva detto di chiamare questa cosa Fogerty's Factory! Eravamo lì, tutta la famiglia che si riuniva e produceva musica senza un vero scopo se non quello di condividere il nostro amore per la musica e per lo stare insieme in un momento molto difficile. Abbiamo persino ricreato l'iconica copertina di Cosmo's Factory usando cose che avevamo in casa. Ricordate, infatti, che in quei giorni nessun negozio era aperto, ma tutto è venuto fuori perfettamente".

fonte: A Buzz Supreme

----------------------------------------------------------------------------------------


:: Keith Richards - il box di Live at the Hollywood Palladium con The X-Pensive Winos

Il 15 dicembre 1988, Keith Richards e la sua incredibile band, The X-Pensive Winos, suonarono al Palladium di Hollywood. Fu il penultimo spettacolo in un tour che toccò 12 città degli Stati Uniti e una notte che sia la band che il pubblico presente, non dimenticheranno mai. Ora questo leggendario concerto è disponibile per la prima volta come cofanetto in edizione limitata. In tutti i formati disponibili (boxset, CD, vinile 2LP e digitale) troverete Keith Richards che conduce la sua band esplosiva attraverso un classico dopo l'altro, compresi i suoi brani solisti più famosi 'Take It So Hard', 'Make No Mistake', fino ai classici degli Stones 'Happy' e 'Connection'. In esclusiva per i formati boxset e digitale ci sono 3 brani inediti 'Little T&A', 'You Don't Move Me' e la hit di Lennon-McCartney 'I Wanna Be Your Man'.

Keith aveva assemblato il nucleo di questa band tra il 1987 e il 1988 durante le session dell'album "Talk Is Cheap". Per questo primo tour da solista Keith Richards volle accanta a sé una formazione stellare, una delle migliori del pianeta: il chitarrista Waddy Wachtel (Everly Brothers, Fleetwood Mac, Linda Ronstandt, Stevie Nicks), il batterista Steve Jordan (collaboratore di lunga data di Keith), il bassista Charley Drayton, il tastierista Ivan Neville (già collaboratore dei Rolling Stones), la cantante Sarah Dash e, al sassofono, l'inimitabile, grande e incredibile spalla dei Rolling Stones, Bobby Keys. Live At The Hollywood Palladium, ristampa dell'album originale che nel 1991 fu stampato a causa della grande popolarità dei bootleg esistenti, si presenta come uno speciale cofanetto deluxe, avvolto in una replica in cotone nero della camicia del tour in vendita quella sera, completo di un pass VIP in raso e include anche un ottimo saggio inedito, 'The Loosest Tight Band You've Ever Heard', della famosa penna rock David Fricke.

fonte: A Buzz supreme

----------------------------------------------------------------------------------------


:: Eels - il nuovo album ‘Earth to Dora’ dal 30 ottobre per E Works/ Pias

EELS annunciano oggi l’anticipato nuovo album Earth to Dora in uscita il 30 ottobre su E Works / [PIAS]. In occasione dell’annuncio, la band presenta il nuovo singolo “Are We Alright Again”. L’album sarà disponibile in digitale, su 12” LP standard e doppio 12” LP in un box set deluxe. Registrato nello studio degli EELS a Los Feliz, California, Earth to Dora è stato prodotto dal leader della band Mark Oliver Everett a.k.a. E ed eseguito da E, Koool G Murder, The Chet and P-Boo. Riguardo al nuovo album E afferma, “Questi brani sono nati appena prima dell’inizio della pandemia. Spero che possano dare in qualche modo conforto. Ascoltando brani che parlano di cose che sogniamo di tornare a fare. O magari perché le persone stanno affrontando proprio ora alcune di queste tematiche. Solo una canzone è stata completata proprio durante i primi giorni di pandemia, “Are We Alright Again” una sorta di sogno ad occhi aperti in quarantena di cui avevo disperatamente bisogno.”

Earth to Dora è il 13esimo album degli EELS, il primo dall’acclamato The Deconstruction del 2018 descritto da MOJO come “un altro album degli EELS di cui fare tesoro”, da Uncut come “travolgente” e da CLASH come “una collezione di greatest hit dove tutte le hit sono nuove”, e include i recenti singoli “ Baby Let’s Make It Real” e “ Who You Say You Are”.

fonte: Spin-Go!


 




info@rootshighway.it