:: Menù
 



RootsHighway è membro ufficiale della Euro Americana Chart, la classifica dei dj e giornalisti europei sul mondo Americana/ Roots. Leggi la classifica completa su euroamericanachart.eu

 
 

IN USCITA: scorri l'elenco delle prossime uscite discografiche in campo Americana/ Roots/ Indie:

15 febbraio
Hayes Carll - What It Is (Dualtone Music)
Dale Watson - Call Me Lucky (Red House Records)
Ryan Bingham – American Love Song (Axster Bingham Records)
Cave Twins – Best Friends For Now (self released)
Steve Conn – Flesh and Bone (Not Really Records)
Robert Ellis – Texas Piano Man (New West Records)
Rosie Flores – Simple Case Of The Blues (The Last Music Company)
John Fusco and the X-Road Riders – John Fusco and the X-Road Riders (Checkerboard Lounge Records)
Charles Wesley Godwin – Seneca (self released)
Jared & The Mill – This Story Is No Longer Available (self released)
The Long Ryders – Psychedelic Country Soul (Omnivore Recordings)
Peter Mulvey – There Is Another World (Righteous Babe Records)
J.S. Ondara – Tales of America (Verve Forecast)
Boo Ray – Tennessee Alabama Fireworks (BRRB Music)
Nell Robinson & Jim Nunally – Steel (Whippoorwill Arts)
Shook Twins – Some Good Lives (Dutch Records)
Tedeschi Trucks Band – Signs (Swamp Family Music/Concord/Fantasy Records)
Robbie Walden Band – When the Rooster Crows (Floating Records)
Seth Walker – Are You Open? (The Royal Potato Family)

8 febbraio
Mercury Rev - Bobbie Gentry’s ‘The Delta Sweete’ Revisited (Partisan Records)
Jason Ringenberg -Stand Tall (Courageous Chicken Entertainment)
Michael Chapman – True North (Paradise of Bachelors Records)
Galactic – Already Ready Already (Tchoup-zilla Records)
Eric Gales – The Bookends (Provogue Records)
Colin Linden & Luther Dickinson – Amour (Stony Plain Records)
Marley’s Ghost – Travelin’ Shoes (Sage Arts)
Amy McCarley – Meco (Meco Records)
Sean McConnell – Secondhand Smoke (Big Picnic Records)
Gurf Morlix – Impossible Blue (Rootball Records)

1 febbraio
Eric Brace, Peter Cooper & Thomm Jutz - Riverland (Red Beet Records)
Mandolin Orange - Tides of a Teardrop (Yep Roc Records)
Jesse Dayton – On Fire In Nashville (Blue Elan Records)
Reed Foehl – Lucky Enough (Green Mountain Records)
Abigail Lapell – Getaway (Coax Records)
The Lonely Heartstring Band – Smoke & Ashes (Rounder Records)
A. Sinclair – Catpaws (Nine Mile Records)

25 febbraio
Lula Wiles - What Will We Do (Smithsonian Folkways Records)
Joshua Ray Walker - Wish You Were Here (State Fair Records)
Maya de Vitry – Adaptions (self released)
Ted Drozdowski – Coyote Motel (Dolly Sez Woof Recordings)
Melody Guy – Dry The Rivers (MFG Records)
Jess Klein – Back To My Green (Motherlode Records)
Terry Klein – Tex (self released)
Addi McDaniel – After the News (Sylvan Songs)
Province of Thieves – Weight Of The Sky (Bluewater Music)
Trapper Schoepp – Primetime Illusion (Xtra Mile Recordings)
Frank Solivan and Dirty Kitchen – If You Can’t Stand the Heat (Compass Records)
Bob Sumner – Wasted Love Songs (self released)
Walter Trout – Survivor Blues (Mascot Label Group/Provogue)
Amelia White – Rhythm Of The Rain (White-Wolf Records)

18 gennaio
Danny Burns - North Country (Bonfire Recording Company)
The Steel Woods - Old News (Woods Music)
Liz Brasher – Painted Image (Fat Possum Records)
Deerhunter – Why Hasn’t Everything Already Disappeared? (4AD)
Flatland Cavalry – Homeland Insecurity (self-released)
Steve Gunn – The Unseen In Between (Matador Records)
The Flesh Eaters – I Used to Be Pretty (Yep Roc Records)
Greensky Bluegrass – All For Money (Big Blue Zoo Records)
Pierce Pettis – Father’s Son (Compass Records)
Joanne Rand – Just Keep Going (self-released)
Steve Gunn – The Unseen In Between (Matador Records)
Charles Shafter – When I Was Yours And You Were Mine (self-released)
Alice Wallace – In to The Blue (Rebelle Road Records)

11 gennaio
The Delines – The Imperial (El Cortez Records)
Tommy Emmanuel & John Knowles – Heart Songs (CGP Sounds)
Five Letter Word – Siren (self-released)
Hot Club of Cowtown – Crossing the Great Divide (Gold Strike Records)
Shoebox Letters – Bender (self-released)

7 dicembre
John Mellencamp - Other People’s Stuff (Republic Records)
Van Morrison – The Prophet Speaks (Exile Productions Ltd.)

30 novembre
Jeff Tweedy - Warm (dBpm Records)
Rev. Horton Heat – Whole New Life (Victory Records)
Daniel Romano – Finally Free (New West Records)
Neil Young – Songs for Judy (Reprise Records)

23 novembre
Stephen Kellogg – Objects in the Mirror (Fat Sam Records)
Lone Justice – The Western Tapes, 1983 (Omnivore Recordings)

16 novembre
Southern Culture On The Skids - Bootleggers Choice (SCOTS Sounds)
Jonathan Byrd & the Pickup Cowboys – Jonathan Byrd & the Pickup Cowboys (self released) Floyd Domino – Floyd Domino’s All-Stars (Golliber Records)
The HillBenders – The HillBenders (Compass Records)
Mark Knopfler – Down The Road Wherever (Blue Note Records)
Taylor Martin – Song Dogs (Little King Records)
Old 97’s – Love The Holidays (ATO Records)
Ken Tizzard – A Good Dog Is Lost: A Collection of Ron Hynes Songs (Booth Street Records)
Beth Wood – The Long Road (Joy Echo Records)

9 novembre
The Gibson Brothers - Mockingbird (Easy Eye Sound)
Rhett Miller - The Messenger (ATO Records)
Matt Campbell – The Man With Everything (Flour Sack Cape Records)
The Deep Hollow – Weary Traveler (self-released)
Donna The Buffalo – Dance in the Street (self-released)
Eddie Heinzelman – Wherever You Go (One Louder Records)
Jaywalkers – Time to Save the World (Burnt Chilli Records)
Craig Moreau – A Different Kind Of Train (self-released)
The Revivalists – Take Good Care (Loma Vista Recordings)



 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
Home page


 News   notizie, video, segnalazioni, classifiche


Video della settimana:
Craig Finn - Blankets


Craig Finn annuncia il suo nuovo e atteso album I Need A New War in uscita il 26 aprile su Partisan Records. Si tratta del terzo album di una trilogia (segue Faith In The Future del 2015 e We All Want The Same Things del 2017) e vede Finn raccontare in modo esperto l’epoca moderna in cui viviamo, tra confusione e difficoltà. Creando dei personaggi dalle vite regolari che cercano di affrontare questi tempi straordinari, Finn mostra le difficoltà nello stare al passo di un mondo che si muove più veloce di loro. Il cantautore americano, in I Need A New War, si focalizza su New York City, la sua casa negli ultimi 18 anni.

-----------------------------------------------------------------------------------------


:: Damien Jurado: il nuovo album ‘In the Shape of a Storm’ dal 12 aprile per Loose Music

'In The Shape of a Storm' è un lavoro acustico, basato principalmente sulla magia della voce e della chitarra di Damien e registrato in studio durante una sola session di due ore, con pochi contributi da parte dell’eterno amico Josh Gordon. ‘In the Shape of a Storm’ segna il passaggio di Damien Jurado ad una nuova etichetta, la Loose Music, dopo aver inciso i suoi ultimi lavori per Secretly Canadian.

Definito da alcuni il “padrino dell’esplosione folk di Seattle”, Damien Jurado è uno tra i più costanti songwriter statunitensi dell’ultimo decennio. Originario di Seattle, inizia la sua carriera solista nella metà degli anni Novanta, realizzando una demo che gli permette di attrarre l’attenzione della Sub Pop Records. Nel 2003 l’artista approda ad una delle etichette “di culto” della scena indipendente, la Secretly Canadian, con la quale pubblica ben sette album ritornando al folk. Nel 2010 è la volta di 'Saint Bartlett', mentre a Febbraio 2012 viene realizzato 'Maraqopa', il secondo disco in collaborazione con il compianto Richard Swift. L’album segna un nuovo inizio: un suono pieno, ammiccante al folk-rock anni '70 e arrangiamenti ormai distanti anni luce dall’estetica lo-fi dei suoi esordi. Nel 2013 collabora con Moby per l’album 'Innocents' e nello stesso anno il suo singolo 'Everything Trying' viene incluso nella colonna sonora del film premio Oscar “La grande bellezza” di Paolo Sorrentino.

Il suo percorso artistico ha mostrato continui cambi di umore, momenti oscuri alternati ad intramezzi di pura grazia. La sua paletta sonora spazia dal rock classico all’elettronica. 'Brothers and Sisters of the Eternal Son' pubblicato nel 2014 è il secondo capitolo della sua trilogia, 'Visions of Us On The Land', del 2016, ne è il terzo e conclusivo capitolo. Quest’ultimo è un viaggio ulteriore nel subconscio, un viaggio simbolico che mette in luce le persone e le città che il personaggio principale del racconto e il suo compagno di viaggio, Silver Katherine, incontrano dopo essersi lasciati alle spalle la città in cui vivevano. Damien Jurado ha pubblicato nel 2018 'The Horizon Just Laughed', uscito per Secretly Canadian. Come i precedenti album di Jurado, anche la scrittura del nuovo album è iniziata con un sogno. Ora nel 2019 Damien ha appena iniziato un viaggio con una nuova etichetta, 'In The Shape of a Storm' è atteso per il 12 aprile su Loose Music.

Il primo brano estratto da 'In The Shape of a Storm' di Damien Jurado è ‘South’: youtube.com/channel/UClq_PXUFODC-tMdwSwCpiBw

fonte: Goodfellas

----------------------------------------------------------------------------------------


:: Kevin Morby: il nuovo album ‘Oh My God’,dal 26 aprile per Dead Oceans

Con i suoi acclamati lavori solisti (ad oggi quattro per l'ex Woods: 'Harlem River' del 2013, 'Still Life' del 2014, 'Singing Saw' del 2016 e 'City Music' del 2017) e le varie collaborazioni che lo hanno visto protagonista nel corso gli ultimi anni Kevin Morby (tra cui il bellissimo live registrato presso i gli studi della Third Man records di Jack White e lo splendido split EP realizzato con la rivelazione Katie Crutchfield e i suoi Waxatchee) è ormai considerato uno dei profili più interessanti della scena indipendente americana, un autore e musicista di razza da cui tutti si aspettano il salto di qualità definitivo.

Ogni lavoro di Kevin possedeva una sua anima ben definita e ora è in arrivo il suo quinto solo album, il doppio vinile ‘Oh My God’, disponibile dal 26 aprile per Dead Oceans. ‘Oh My God’ non è proprio un album religioso, non nel sendo più stretto del termine, ma più spirituale, legato ad un determinato linguaggio. E' il primo vero e proprio concept album firmato dal giovane autore texano e dedicato ad un tema immortale, quello dell'anima. Se 'Singing Saw’ è stato il disco losangelino di Kevin Morby e ‘City Music’ quello newyorkese allora il nuovo ‘Oh My God’ è quello astratto.

Guarda il video di ‘No Halo’ diretto da Chris Good: youtube.com/watch?v=ByAN7DdKaGw

fonte: Goodfellas

----------------------------------------------------------------------------------------


:: Aretha Franklin: Amazing Grace ristampato in vinile 180gr dal 22 marzo

Amazing Grace- l’album più venduto di Aretha Franklin e il live album gospel più venduto di tutti i tempi godrà di un revival quasi 50 anni dopo essere stato registrato. Questo grazie al debutto l’anno scorso del tanto atteso documentario sulla realizzazione del leggendario live album, che ha ricevuto recensioni entusiaste.

CBS onorerà la carriera di Aretha Franklin il 10 marzo con Aretha: A Grammy® Tribute To The Queen Of Soul. Presentato da Tyler Perry, lo speciale di due ore contiene performance di Yolanda Adams, Shirley Caesar, Alessia Cara, Kelly Clarkson, Common, Celine Dion, Jennifer Hudson, Alicia Keys, John Legend, Patti LaBelle e BeBe Winans, così come quelle di Brandi Carlile, Chloe X Halle, H.E.R., Janelle Monáe e SZA, di recente nominati ai Grammy. Rhino continuerà a celebrare la regina del Soul con la prima pubblicazione di sempre su vinile di “AMAZING GRACE: THE COMPLETE RECORDINGS”. Disponibile dal 22 marzo, solo tre giorni prima del compleanno della Franklin, il cofanetto include 4 LP 180 grammi che contengono le trascendenti esibizioni alla New Temple Missionary Baptist Church, registrate a Los Angeles il 13 e 14 gennaio 1972. Tra i molti momenti che firmano l’ammirevole carriera di Aretha Franklin, queste performance spiccano come parte del suo lavoro più ricercato. È stato registrato nel corso di due notti mentre la cantante eseguiva i classici canti religiosi come “Precious Memories,” “What A Friend We Have In Jesus” e “How I Got Over”, l’ultimo scritto con la leggenda del gospel Clara Ward, che stava ascoltando nel pubblico. Ad assistere alle esibizioni anche il padre di Aretha, il famoso Reverendo C.L. Franklin; Clara Ward e Mother Ward della Ward Family Singers; Mick Jagger e Charlie Watts dei Rolling Stones, che erano in città per registrare Exile On Main Street.

Pubblicato il primo giugno 1972, Amazing Grace ha venduto due milioni di copie solo negli Stati Uniti. È stato non solo l’album più venduto di tutta la carriera di Aretha, ma è tuttora il live album gospel più venduto di tutti i tempi. In più, l’album ha fatto guadagnare alla Franklin il suo primo Grammy per la miglior esibizione soul gospel. Originariamente, Amazing Grace includeva 13 canzoni, più i commenti del reverendo C.L. Franklin. Nel 1999 l’album è stato rimasterizzato ed esteso per includere tutte le registrazioni di entrambe le notti. Inizialmente era stato pianificato un documentario per accompagnare l’album Amazing Grace, ma problemi tecnici hanno impedito all’album di essere pubblicato per quasi 50 anni. La situazione è cambiata lo scorso novembre, quando Amazing Grace è stato finalmente proiettato in anteprima al 2018 DOC NYC, il più grande festival sui docufilm.

fonte: Red&Blue Music Relations

----------------------------------------------------------------------------------------


:: Joseph Parsons: il nuovo album "Digging For Rays" dal 15 marzo

“Digging For Rays”, il nuovo album di Joseph Parsons in uscita il 15 Marzo, ha tutto ciò che nel 2019 si può volere da un disco cantautorale, e molto di più. Ci sono infatti bellissime melodie e testi profondi, sonorità evocative di enormi spazi aperti e vibrazioni un po’ senza tempo ma contemporanee, e poi c'è la sua maestosa ed elegante voce. Parsons è sicuramente un cantautore ma è anche un musicista che ha viaggiato tanto e inevitabilmente il suo tredicesimo lavoro in studio riflette entrambi questi aspetti. L'artista, cresciuto tra la Pennsylvania e la Lousiana ma attualmente residente in Germania, parte da generi a lui familiari come il folk e il rock per creare qualcosa di nuovo, una musica che sia emozionante e attuale senza però rinnegare le proprie radici né soddisfare la tendenza musicale della nostra epoca. In altre parole è quel tipo di album che l'autore crede che stessimo aspettando. Brani come “Living Things” con il suo ritmo propulsivo, l'acustica e elegiaca “Sad Parade”, la cupa “Wide Awake” e la seducente “Beautiful Lie” suonano tutti freschi e originali, elevati da una voce unica nel suo genere. Parsons è un cantante riflessivo e controllato, che convoglia la sua profondità emotiva con delicatezza, seduzione usando intriganti giochi di sfumature.

Digging For Rays è il modo di Parsons di dire che “cercare nella vita una piccola luce, raggi di speranza e la luce del sole” è dolorosamente necessario, considerando come se la passa il mondo oggi e, in particolare, il suo Paese natale. “Sono ancora un ottimista anche quando le cose sembrano andar male” dice Parsons. La musica lo aiuta a mantenere questo suo equilibrio e ottimismo. Con più di una dozzina di album in studio, tante collaborazioni artistiche e più di 20 anni di live, Joseph Parsons ha dimostrato a tutto il mondo di essere un cantautore di classe, un musicista versatile e un ottimo performer. Ma ancora continua a spingersi oltre, aggiungendo sonorità più moderne alla propria tavolozza per creare un altro brillante disco che rivela livelli diversi ad ogni ascolto successivo. Alcune delle sue canzoni sono più introspettive e offrono spunti più profondi, mentre altre sono scritte dal punto di vista di un attento osservatore che ci racconta questo mondo in continuo cambiamento. E' un mondo che Parsons conosce molto bene, avendo vissuto in tanti luoghi diversi nel corso degli anni, da Los Angeles a Baghdad passando per Berlino. Parsons attinge anche da grandi artisti come James Taylor, Cat Stevens, Bob Dylan, Jackson Browne e da menti fuori dal coro come Miles Davis, Paco de Lucia, Bob Marley e Daniel Lanois. Da questi ingredienti ha creato una musica originale noncurante delle etichette. L'unica cosa che conta per Parsons è fare una buona canzone. E quando una canzone è davvero buona? “Quando raggiunge il cuore e l'anima dell'ascoltatore” afferma Parsons. Senza dubbio i 10 brani che compongono il suo “Digging For Rays” fanno esattamente questo.

fonte: Rouge promozione musicale

----------------------------------------------------------------------------------------


:: Marc DeMarco: il nuovo album "Here Comes the Cowboy" dal 10 maggio

Mac DeMarco pubblicherà il suo quarto album Here Comes The Cowboy il 10 maggio. L’atteso seguito di This Old Dog, che era stato pubblicato nel 2017 e conteneva “le canzoni d’amore più belle che il noto romanticone avesse mai scritto” secondo Entertainment Weekly, Here Comes The Cowboy è l’album di debutto dell’artista su Mac’s Record Label. L’annuncio è accompagnato dal video del primo singolo “Nobody”, che lo stesso Mac ha diretto. Come precedentemente annunciato, Mac e la sua band saranno in tour in Nord America e in Europa in primavera. Mac racconta: “Questo è il mio disco da cowboy. Cowboy è un termine che per me ha valore affettivo, lo uso spesso per descrivere le persone che fanno parte della mia vita. Nel luogo in cui sono cresciuto, ci sono un sacco di persone che indossano davvero i cappelli da cowboy e fanno cose da cowboy, ma non sono loro quelle a cui mi riferisco”. Here Comes The Cowboy è stato scritto, registrato e mixato ai Jizz Jazz Studios di Mac a Los Angeles, durante le prime due (stranamente piovosissime) settimane di gennaio 2019. L’artista ha suonato quasi tutti gli strumenti sul disco, tranne la tastiera che in alcune tracce è stata affidata ad Alec Meen, caro amico e tastierista che accompagna sempre Mac in tour. È stato poi il fonico Joe Santarpia ad aiutare l’artista a dare forma al disco, unendosi a lui nella fase del mixaggio. La vecchia spilla arrugginita sul fronte e sul retro della copertina dell’album è stata acquistata da un uomo in montagna, da qualche parte nella Nantahala National Forest tra Chattanooga in Tennessee e Asheville in Nord Carolina.

fonte: Spin-go

----------------------------------------------------------------------------------------


:: Curtis Mayfield: Keep On Keeping On dal 22 febbraio

Keep On Keeping On - disponibile su etichetta Rhino dal 22 febbraio - contiene le nuove rimasterizzazioni dei primi quattro album in studio del leggendario artista, registrati tra il 1970 e il 1974. Il 2019 segna il 50esimo anniversario dell’ inizio della prolifica carriera di Mayfield

Curtis Mayfield registrò una serie di hits con gli Impressions prima di lasciare l’influente gruppo soul-gospel per impegnarsi in una carriera solista che ebbe inizio 50 anni fa e durante la quale produsse parte del suo miglior lavoro. Conosciuto come “Gentle Genius”, Mayfield è stato ammesso alla Rock and Roll Hall of Fame due volte, prima come membro degli Impressions e in seguito come artista solista. Rhino metterà sotto i riflettori gli inizi della carriera di Mayfield in una raccolta che include le nuove versioni rimasterizzate dei suoi primi quattro album in studio: Curtis (1970), Roots (1971), Back to the World (1973) e Sweet Exorcist (1974).

Mayfield aveva solo 14 anni quando si unì agli Impressions nel 1956. Passò i seguenti 14 anni con il gruppo, scrivendo molte delle loro hits: “Gypsy Woman,” “It’s All Right” e “People Get Ready,” un classico che guadagnò molti riconoscimenti prestigiosi, inclusa l’ammissione alla Grammy Hall of Fame nel 1998. Mayfield ritornò nel 1971 con Roots. Il suo secondo album solista arrivò al numero 6 della classifica album R&B grazie a memorabili tracce come “Get Down,” “Beautiful Brother Of Mine” e “We Got To Have Peace.” Questa nuova raccolta, KEEP ON KEEPING ON, prende il nome da una canzone in quell’album. In seguito all’enorme successo della colonna sonora di Super Fly, Mayfield pubblicò il suo terzo album solista, Back to the World nel 1973. Arrivò in cima alla classifica album R&B e introdusse i fan a grandissime tracce come “Future Shock,” “Can’t Say Nothin’” e “If I Were Only A Child Again”. L’album finale in questo nuovo cofanetto è Sweet Exorcist (1974), che raggiunse la posizione #2 della classifica Top R&B Albums. Ci furono due singoli estratti, la title track e “Kung Fu.” L’anno scorso, in suo onore, la Curtis Mayfield Foundation ha lanciato una serie di programmi scolastici per l’educazione musicale inclusa una collaborazione con la Songwriters Hall of Fame e le scuole superiori d’arte in Chicago, Atlanta e Los Angeles. La Foundation è un’entità nonprofit fondata dalla famiglia di Curtis Mayfield per promuovere l’eredità musicale di 60 anni del cantautore vincitore del Grammy Awards, sia come cantante solista che come frontman, e per supportare l’educazione musicale nelle scuole superiori in tutto il Paese attraverso programmi scolastici, pubblicazioni, guide allo studio della musica e registrazioni.

----------------------------------------------------------------------------------------


:: Keith Richards: "Talk Is Cheap", dal 29 Marzo la ristampa per il 30° anniversario

Nel 1988 è uscito il primo album solista di sempre di Keith Richards, “Talk Is Cheap”, una master class di undici brani su tutto ciò che ci può essere di buono nel rock ‘n roll. Tutto è iniziato nel 1986 quando Keith era irrequieto. Gli Stones non erano attivi e come ha dichiarato lui stesso era uno di quei momenti “forget about it”. Aveva lavorato con il batterista Steve Jordan per il film di Chuck Berry “Hail Hail Rock ‘n Roll” ed era alla ricerca di una nuova sfida. Non aveva mai preso in considerazione l’idea di fare un album come solista e ammette di essere stato inizialmente “trascinato scalciando e urlando” nello studio di registrazione.

Durante la sua leggendaria carriera con i Rolling Stone è sempre stato un one band man. “Il mio focus principale è sempre stato questo.” dice Keith. “Sentivo che negli Stones avevo il mezzo perfetto per quello che volevo fare. Non potevo immaginare che mettere insieme qualcos’altro sarebbe stato altrettanto appagante.” Fortunatamente ha dato vita agli incomparabili X-Pensive Winos. Sono stati come una band fin dall’inizio, con il chitarrista Waddy Wachtel, un’ovvia aggiunta a Steve Jordan. “Waddy ed io siamo come Ronnie e me” dice Keith. “Nel giro di cinque minuti è come se ti conoscessi da tutta la vita.”

C'è una gioiosa spavalderia in "Talk Is Cheap" che permea ogni singola canzone. Suona bene oggi come faceva trent'anni fa – per dirlo con le parole di Keith "fresco come il giorno in cui è stato fatto". Questa ristampa include 6 bonus track, quattro delle quali vedono la collaborazione del pianista Johnnie Johnson, compresa “Big Town Playboy” di Eddie Taylor, “Blues Jam”, “Slim” e la cover di Jimmy Redd “My Babe”. Il Super Deluxe e il Deluxe box set includono speciali, una custodia e stampe esclusive, le note complete di Anthony De Curtis che raccontano la storia della produzione dell’album, l’impatto culturale con la sua uscita, foto inedite e memorabilia rari.

“Talk Is Cheap” uscirà in formato CD, vinile, Deluxe e Super Deluxe box set.

fonte: A Buzz Supreme

----------------------------------------------------------------------------------------


:: Nick Waterhouse: il nuovo album dall'8 marzo per Innovative Leisure

Il musicista di Los Angeles Nick Waterhouse ha annunciato il nuovo album, chiamato semplicemente Nick Waterhouse, in uscita l'8 marzo per Innovative Leisure e anticipato dal singolo 'Song For Winners'.

Nick Waterhouse segue 'Never Twice', uscito nel 2016, e battezzato da Vogue "the second coming of soul". Il nuovo album è stato registrato presso i leggendari Electro-Vox Recorders studio di Los Angeles e co-prodotto da Nick stesso con Paul Butler (Michael Kiwanuka, St. Paul and the Broken Bones), insieme ad alcuni dei più illustri musicisti in circolazione: Bart Davenport, il percussionista Andres Renteria (Flying Lotus, Father John Misty), il flautista Ricky Washington (padre di Kamasi Washington) e i sassofonisti Paula Henderson (Gogol Bordello) e Mando Dorame (JD McPherson). I versi del primo singolo 'Song For Winners' sono ispirati alle iconiche figure del poeta Percy Bysshe Shelley e della stella soul-jazz Nina Simone, il brano combina R&B classico con eleganti tocchi club jazz e soul music degli anni '60. Fa parte degli 11 brani del nuovo album una favolosa cover del classico soul 'I Feel An Urge Coming On', registrata da Jo Armstead nel 1968. Il nuovo album è una riflessione approfondita di Nick Waterhouse sul suo ruolo come musicista, parla delle sue passioni e influenze, dei suoi amori e indignazioni, della musica di Irma Thomas e Chico Hamilton, del cinema di Robert Siodmak e Adam Curtis e dei bei vecchi tempi passati tra San Francisco, Detroit e Los Angeles. Dal suo album di debutto nel 2010, Nick Waterhouse ha suonato ovunque nel mondo e collaborato e prodotto artisti del calibro di Ty Segall, Leon Bridges, Jon Batiste, Ural Thomas e le stelle del latin soul Boogaloo Assassins.

fonte: goodfellas

----------------------------------------------------------------------------------------


:: Cat Stevens: la ristampa di 'Back to Earth'

Nel 1978, dopo aver venduto milioni di dischi ed essere diventato uno dei più grandi artisti internazionali degli anni ’70, Cat Stevens ha deciso di uscire dai riflettori da rock star ed andare oltre. Lo stesso anno è uscito il suo ultimo album sotto quel nome. Giustamente intitolato Back To Earth, è stato il suo regalo di addio: un album che ha visto il cantante londinese salutare i suoi fan e allo stesso tempo spiegare la sua decisione di lasciare con canzoni come “Last Love Song” e “Just Another Night”. “Quello che succede dietro la facciata della celebrità o del palco può essere un vero e proprio mondo a sé stante”, dice ora, “e questo è quello che è stato la maggior parte delle volte. Ho mantenuto il mio buonsenso e ho tenuto gli occhi aperti.”

Giugno 2019 vedrà la ripubblicazione di Back To Earth su Cat-O-Log Records / BMG in vari formati, incluso un cofanetto deluxe che contiene l’album originale (rimasterizzato ad Abbey Road), insieme a demo, brani inediti e materiale del concerto per l’unicef del 1979 Year Of The Child, l’ultima esibizione dal vivo del cantante con il nome Cat Stevens. L’uscita segna l’inizio di una serie di ripubblicazioni ed edizioni speciali che copriranno l’intera carriera di Yusuf / Cat Stevens, che dura da cinque straordinarie decadi.

Dal punto di vista musicale, l’album era un mix tra lo stile delle ballate acustiche e la ricerca spirituale che ha reso il cantante una star a livello mondiale, assieme ad alcuni richiami un po’ più distanti degli anni in cui stava crescendo come Steven Demetre Georgiou nel West End londinese. Brani come ‘New York Times’ e ‘Randy’ richiamano su di lui l’influenza dei teatri di Londra e – dal momento che parte del disco è stata incisa a New York – Broadway. “C’era quest’altro mio lato che era una sorta di compositore di musical,” ricorda “amavo i musical ed ero circondato da loro dove vivevo. Quindi, avevo Bernstein nelle mie vene.” Atteso a lungo per una rivalutazione, Back To Earth è un album brillante ed affascinante che cattura Yusuf/Cat Stevens in un momento chiave della sua vita.

fonte: A Buzz Supreme

----------------------------------------------------------------------------------------


:: "One Guitar". La musica dei Mardi Gras a sostegno della ricerca sul Parkinson

La Light of Day Foundation da anni sostiene la lotta al morbo di Parkinson grazie al potere "benefico" della musica. Anche i romani Mardi Gras hanno deciso di partecipare a questa insolita raccolta fondi con una cover di un brano di Wille Nile, cult rocker americano da sempre legato alla Light of Day Foundation.

E proprio Wilie ha dato l'approvazione a questa rendition. "One Guitar" è da oggi disponibile su tutti gli stores digitali e il ricavato dalle vendite andrà tutto in beneficienza. Un video diretto da Marco Gallo con le video grafiche di Marco Castellani fa da corredo al brano: www.youtube.com/watch?v=13D2shiXjv8

Per comprare il singolo: mardigrasoneguitar.hearnow.com

Da più di dieci anni attivi sulla scena romana e internazionale i Mardi Gras in passato hanno già legato la loro musica ad Amnesty International, la "Drop the Debt Campaign", e altre associazioni realizzando tre dischi con un ampia visione internazionale che li ha anche portati sui palchi irlandesi e negli studi di Abbey Road per terminare il loro terzo album. Neil Young ha scelto due dei loro brani per la sua speciale classifica "Songs of the times" dove il rocker canadese sceglieva le canzoni di protesta e di pace. I singoli "Shoes" e "Tried" li hanno visti protagonisti nel 2018 facendo da apripista a questo terzo singolo.

 




info@rootshighway.it