:: Menù
 



RootsHighway è membro ufficiale della Euro Americana Chart, la classifica dei dj e giornalisti europei sul mondo Americana/ Roots. Leggi la classifica completa su euroamericanachart.eu

 
 

IN USCITA: scorri l'elenco delle prossime uscite discografiche in campo Americana/ Roots/ Indie:

6 settembre
The Highwomen - The Highwomen (Low Country Sound/Elektra Records)
Terri Hendrix - Talk To A Human (Wilory Records)
Jason Tyler Burton – Kentuckian (self-released)
Paul Cauthen – Room 41 (Lightning Rod Records)
Cut Throat Francis – This Garden’s Never Gonna Grow (self-released)
Ana Egge – Is It the Kiss (StorySound Records)
Will Payne Harrison – Living With Ghosts (self-released)
James LeBlanc and The Winchesters –The Devil Between My Ears (Winchester Records)
NRBQ – Turn On, Tune In (Omnivore Recordings)
Amy Speace – Me and the Ghosts of Charlemagne (Proper Records)
These Wild Plains – Thrilled To Be Here (self-released)
Trailerpark Idlers – Ghost Town Nights (Something Wicked)

30 agosto
Sheryl Crow - Threads (The Valory Music Co.)
Joan Shelley - Like The River Loves The Sea (No Quarter Records)
Garrett T Capps – All Right, All Night (Shotgun House)
Luba Dvorak – American Sin (self-released)
Jedd Hughes – West (Royal Noise Productions)
Jesse Malin – Sunset Kids (Wicked Cool Records)
Martin Simpson – Rooted (Topic Records)
Dan Whitaker & the Shinebenders – Far, Far Away (self-released)

23 agosto
Michael Cleveland - Tall Fiddler (Compass Records)
Tanya Tucker - While I’m Livin’ (Fantasy Records)
40 Acre Mule – Goodnight & Good Luck (State Fair Records)
Dalton Domino – Songs from the Exile (Lightning Rod Records)
Jason Hawk Harris – Love & the Dark (Bloodshot Records)
Elaina Kay – Issues (Rockin’ C Records)
Robert Randolph and the Family Band – Brighter Days (Provogue Records)
Esther Rose – You Made It This Far (Father/Daughter Records)
Leslie Stevens – Sinner (LyricLand/Thirty Tigers)
Them Coulee Boys – Die Happy (LoHi Records)
Sunny War – Shell of the Girl (Hen House Studios)

16 agosto
Rodney Crowell - Texas (RC1 Records)
Eilen Jewel - Gypsy (Signature Sounds Recordings)
The Commonheart – Pressure (Jullian Records)
Ben Davis Jr. – Suthernahia (self-released)
Drew Holcomb & The Neighbors – Dragons (Magnolia Music)
Amy LaVere – Painting Blue (Nine Mile Records)
Lillie Mae – Other Girls (Third Man Records)
Old Salt Union – Where The Dogs Don’t Bite (Compass Records)
The Rails – Cancel The Sun (Psychonaut Sounds)
Bobby Rush – Sitting On Top of the Blues (Deep Rush Records)

9 agosto
Jesse Dayton - Mixtape Volume 1 (Blue Elan Records)
Nels Andrews – Pigeon and the Crow (self-released)
Chris And Adam Carroll – Good Farmer (Down Hole Records)
Che Apalache – Rearrange My Heart (Free Dirt Records)
Beth Bombara – Evergreen (Lemp Electric)
Marc Cohn and The Blind Boys of Alabama – Work To Do (self released/BMG Rights)
Flagship Romance – Concentric (self-released)
The HawtThorns – Morning Sun (Forty Below Records)
Dick LeMasters – Plaza Rooms and Fallen Kings (Longneck Road Music)
Trae Sheehan – Arizona (self-released)
Smooth Hound Smith – Dog In A Manger (Tone Tree Music)
Spirit Family Reunion – Ride Free (self-released)

2 agosto
Tyler Childers - Country Squire (Hickman Holler Records/RCA Records)
Bill Bloomer – Bounty (self-released)
Davina and The Vagabonds – Sugar Drops (Red House Records)
Mike and the Moonpies – Cheap Silver and Solid Country Gold (Prairie Rose Records)
Penny and Sparrow – Finch (I Love You Records)
Angela Perley – 4:30 (self-released)

26 luglio
Delbert McClinton & Self-Made Men + Dana - Tall, Dark, and Handsome (Hot Shot Records)
Black Tar Roses – Rebels Rogues & Outlaws (Droxford Records)
Louisa Branscomb – Gonna Love Anyway (Compass Records)
Caamp – By and By (By and By Records)
Chuck Hawthorne – Fire Out Of Stone (3 Notches Music)
Lasers Lasers Birmingham – Warning (independent)
Shaun Murphy – Reason to Try (Vision Wall Records)
Shane Smith & the Saints – Hail Mary (Geronimo West)

19 luglio
Rod Picott - Tell the Truth & Shame the Devil (Welding Burns Records)
Joe Pug - The Flood in Color (Nation of Heat Records)
Rob “Splatt” Appelblatt – Weathervane (self-released)
Annie Bacon & Her Oshen – Nothing Stays the Same (self-released)
I See Hawks in L.A. & The Good Intentions – Hawks with Good Intentions (Western Seeds Records)
Austin Plaine – Stratford (Blaster Records)
Ben Winship – Acorns (Snake River Records)
Ben Winship – Toolshed (Snake River Records)

12 luglio
Matt Harlan - Best Beasts (Eight 30 Records)
The Steel Wheels - Over the Trees (Big Ring Records)
Liz Cooper and the Stampede – Live in Chicago (Sleepyhead Records)
Joseph Huber – Moondog (self-released)
The Rose Valley Thorns – The Rose Valley Thorns (self-released)

28 giugno
Jade Jackson - Wilderness (Anti/Epitaph Records)
The Small Glories - Assiniboine & The Red (Red House Records)
Allman Betts Band – Down to the River (self-released)
Mark Cline Bates – King of the Crows (self-released)
Griffin House – Rising Star (Evening Records)
Chip and Tony Kinman – Sounds Like Music (Omnivore Recordings)
Erik Koskinen – Burning the Deal (Real Phonic Records/Tone Tree Music)
Austin Plaine – Stratford (Blaster Records)
Shadowfields – Festival For One (Hm-Music) Shane Smith & the Saints – Hail Mary (Geronimo West Records)
Chris Stamey & The ModRec Orchestra – New Songs For The 20th Century (Omnivore Recordings)
Mike Teardrop Trio – Till The Dawn (Enviken Records)
Matt Woods – Natural Disasters (Lonely Ones Records)

21 giugno
Buddy & Julie Miller - Breakdown On 20th Ave. South (New West Records)
Bruce Robison and Kelly Willis - Beautiful Lie (Next Waltz Records)
Pony Bradshaw – Sudden Opera (New Rounder Records)
Drivin N Cryin – Live the Love Beautiful (Drivin N Cryin Records)
Hackensaw Boys – A Fireproof House of Sunshine (Free Dirt Records)
Jim Lauderdale – From Another World (Yep Roc Records)
Rich Mahan – Hot Chicken Wisdom (Snortin’ Horse Records)
Chuck Mead – Close To Home (Plowboy Records)
Willie Nelson – Ride Me Back Home (Sony Legacy)
Joel Rafael – Rose Avenue (Inside Recordings)
The W Lovers – This Little Town (Lovewood Music)

14 giugno
Lukas Nelson and Promise of the Real - Turn Off the News (Build A Garden) (Fantasy Records)
Bruce Springsteen - Western Skies (Columbia)
Jim Cuddy – Countrywide Soul (Warners Canada)
Greg Felden – Made of Strings (self released)
Michael Fracasso – Big Top (Lucky Hound Music)
Ariana Gillis – The Maze (self released)
Jamestown Revival – San Isabel (Jamestown Revival Recordings)
John Mcdonough – Can You See Me Now (McDonough Records)
Keb’ Mo’ – Oklahoma (Concord Records)
Old Man Luedecke – Easy Money (True North Records)
Chris Shiflett – Hard Lessions (East Beach Records And Tapes)
Shinyribs – Fog & Bling (Mustard Lid Records)

7 giugno
Gary Nicholson - The Great Divide (Blue Corn Music)
The Boxmasters – Speck (Keentone Records)
Hollis Brown – Bad Mistakes (Cool Green Recordings)
Mat Callahan & Yvonne Moore – Working Class Heroes: A History of Struggle in Song (Free Dirt Records)
Folk Family Revival – Electric Darlin’ (Folk Family Revival)
Jake Xerxes Fussell – Out of Sight (Paradise of Bachelors)
The Hollering Pines – Moments in Between (self-released)
Ida Mae – Chasing Lights (Vow Road Records)
Whitey Johnson – More Days Like This (Blue Corn Music)
Rickie Lee Jones – Kicks (The Other Side of Desire)
Dylan LeBlanc – Renegade (ATO Record)
The Lil Smokies – Live At The Bluebird (United Interests)
Eleni Mandell – Wake Up Again (Yep Roc Records)
Charlie Roth – I’m A Smile (self-released)
The Seldom Scene – Changes (Rounder Records)
Neil Young & Stray Gators – Tuscaloosa (Reprise Records)

31 maggio
Ian Noe - Between The Country (National Treasury Recordings)
Carl Anderson – You Can Call Me Carl (Tone Tree Music)
Peter Bruntnell – King Of Madrid (Domestico Records)
Esoebo – VI (Knot Reel Records)
Duff McKagan – Tenderness (Universal Music)
Rich Layton and Tough Town – Salvation Road (Never Lucky Record Company)
Ellis Paul – The Storyteller’s Suitcase (Rosella Records)
Doug Seegers – A Story I Got to Tell (BMG Rights Mgmt Scandinavia)
Kenny Wayne Shepherd Band – The Traveler (Concord Records)
Keller Williams – Add (Freeky Disc Records)



 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
Home page


 News   notizie, video, segnalazioni, classifiche


Video della settimana:
Sturgill Simpson - Sing Along



-----------------------------------------------------------------------------------------


::
David Crosby - Ultimo eroe dell'Era dell'Acquario, dal 22 ottobre in libreria

Dotato di voce, ego, talento e un amore per la libertà smisurati, David Crosby (classe 1941) ha condotto una vita intensissima, estrema, spesso spericolata. Nel corso degli anni, è stato testimone e protagonista di molti eventi chiave della storia del rock, nonché fondatore di gruppi come i Byrds e CSNY. Per evidenti motivi anagrafici (peraltro a fronte di un’anamnesi medico-clinica che ha dell’incredibile) David Crosby è uno degli ultimi eroi dell’Era dell’Acquario ancora in circolazione. Nelle quattrocento pagine di questo libro si racconta David Crosby in maniera globale, includendo non solo la musica ma anche la sua essenza più visionaria e la sua poesia. L’approfondimento della sua visione e idea di musica, vita e politica, si ricava grazie alle diverse interviste rilasciate durante una lunga carriera e riportate in questo volume; alcune inedite e raccolte dall’autore stesso. L’appendice conclusiva contiene una dettagliata discografia e filmografia, oltre a un’ampia bibliografia.

L'autore, Marco Grompi - Musicista e scrittore, a partire dagli anni Novanta ha curato e tradotto varie pubblicazioni di ambito rock tra cui monografie e antologie di testi dedicate a Neil Young, Joni Mitchell, Eagles, CSNY, Sonic Youth, U2 e Bob Dylan. È autore di Bob Marley. Canzoni di libertà (Giunti), Le canzoni di Bob Marley e Neil Young 1963-2003: 40 anni di rock imbizzarrito (Editori Riuniti). Del rocker canadese ha tradotto (con Davide Sapienza) l’opera omnia ufficiale in Neil Young. Tutti i testi (Giunti) e le autobiografie Il sogno di un hippie e Special Deluxe (Feltrinelli). Ha collaborato con riviste specializzate (“Buscadero”, “Jam”, “Late For The Sky”, “Tribe”, “Playmusic”), con Radio Popolare e alla stesura del Dizionario del Pop-Rock (Baldini&Castoldi) e della Grande Enciclopedia Rock (Giunti). Nelle stagioni teatrali 2015/2017 ha portato in scena Waterface, recital musicale di cui è co-autore, regista e protagonista (medaglia 3D Smiting Festival 2015).

fonte: Vololibero edizioni

----------------------------------------------------------------------------------------


:: Blues Made in Italy - il 12 lottobre a Cerea (VR) la 10a edizione

Sabato 12 ottobre 2019, a partire dalle ore 10:30 presso l’Area Exp di Cerea (VR) si taglierà quindi l’importante traguardo della 10° edizione del raduno nazionale Blues Made In Italy – la più grande Fiera del Blues in Italia. Il raduno nazionale “Blues Made In Italy” confermato ad oggi tra le più prestigiose e ambite “vetrine” del panorama musicale italiano capace di attirare e coinvolgere migliaia di appassionati dall’Italia dall’estero. “Citta di Cerea: Capitale italiana del Blues”, così la stampa nazionale ha nominato la città ospitante la manifestazione, già premiata come “Miglior Festival Blues” in occasione della notte degli “Oscar del Blues” e con una targa di riconoscenza “per aver valorizzato il Blues come collante culturale in Italia” ricevuta da Italian Blues Union. La manifestazione, ideata e collaudata dal ceretano Lorenz Zadro, fondatore e presidente dell’associazione culturale Blues Made In Italy in forza d’un affiatato direttivo impegnato sia nella diffusione nella preservazione della cultura blues, si scopre sempre più sotto i riflettori.

Quest’edizione ospiterà performance di illustri interpreti del panorama blues italiano e ben noti anche sui palchi internazionali: Fabio Treves & Alex “Kid” Gariazzo, Tolo Marton, Veronica Sbergia & Max De Bernardi, Mandolin’ Brothers, Frank Get, Piero De Luca & Big Fat Mama, Sonohra Project Trio, Arianna Antinori e Betta Blues Society. Non si potrà concludere la decima edizione senza una grande sorpresa, così, per la prima volta, si esibirà una incedibile formazione composta da autentiche stelle del blues italiano, nominata per l’occasione Blues Made In Italy All Stars Band, composta da: Fabrizio Poggi, Max Lazzarin & Stephanie Ocèan Ghizzoni, Mike Sponza, Linda Valori, i Limido Brothers, Nick Becattini, Giancarlo Crea, Dario Lombardo e Andrea Scagliarini accompagnati da una sezione ritmica composta da Daniele Scala, Ruben Minuto e Alessio Gavioli.

La conduzione dell’evento sarà affidata, come ormai consuetudine, al carismatico Maurizio “Dr. Feelgood” Faulisi di Virgin Radio, figura di spicco nell’ambiente musicale italiano, conduttore radiofonico (dal 1978), divulgatore e stimato critico musicale. Oltre 70 espositori da tutta Italia hanno già dato la loro adesione per il “villaggio fieristico” che vanterà una grande varietà di articoli come quelli della mostra-mercato del disco da collezione e di prodotti artigianali “made in Italy” rivolti soprattutto alla costruzione di strumenti tipici del Blues, oltre all’immancabile esposizione di quadri ed incisioni.

Le aree ristoro, interamente gestite dal partner storico Roses American Bar, porranno una particolare attenzione alla degustazione di prodotti enogastronomici tipici della tradizione veneta. Una decima edizione di Blues Made In Italy che promette di regalare un grande evento di musica, spettacolo, aggregazione e divertimento, con la garanzia di far breccia nel cuore di tutti gli appassionati che attendono questo appuntamento per iniziare al meglio la stagione musicale invernale.

fonte: AZ Blues

----------------------------------------------------------------------------------------


:: Doctors of Madness - il nuovo album il 13 settembre per Molecular Scream/Cargo UK

‘Dark Times’ è l’atteso ritorno dei Doctors of Madness di Richard Strange, traghettatori della scena punk e favoriti dell'intellighenzia artistica inglese degli ultimi 40 anni. La band si è formata nel 1974 a Brighton per mano di Richard Strange e con la sua estetica ispirata agli incubi sci-fi del mondo William Burroughs e una nuova carica a metà strada tra glam rock e punk ha fatto velocemente breccia negli ambienti artistici all’avanguardia. Chi li ascoltati al tempo ha scoperto una band dallo stile unico, capace di smuovere le coscienze e traghettare il punk verso il successo. Tra i molti fan della band ci sono Dave Vanian dei Damned (anche cantante dei Doctors of Madness per un breve periodo), Vic Reeves, Joe Elliott dei Def Leppard, gli Spiritualized, Julian Cope, gli Adverts, gli Skids e i Simple Minds, mentre Sex Pistols, Jam e Joy Division hanno aperto i loro show tra il 1976 e il 1978. I DOM sono stati i primi a combinare l’approccio avanguardistico dei Velvet Underground con l’estetica del nascente movimento punk. I DOM sono stati pionieri, schegge punk attive fino 1978, anno dello scioglimento. Ora a 40 anni dallo scioglimento Richard Strange torna con i suoi Doctors of Madness e l'attesissimo nuovo album ‘Dark Times’. Il nuovo lavoro è stato prodotto da John Leckie (Radiohead, Stone Roses, Pink Floyd) e vanta feat. e collaborazioni con Joe Elliott (Def Leppard), Sarah Jane Morris (Communards), Terry Edwards (PJ Harvey, Nick Cave) e Steve ‘Boltz’ Bolton (The Who, Scott Walker). La nuova band è completata da Susumu Ukei e Mackii Ukei della band glam metal giapponese Sister Paul. Julian Cope recensendo ‘Dark Times’ ha scritto: “These Dark Times are enormously informing: the RULES OF THE FUTURE are indeed being forged right now”.

fonte: Goodfellas

----------------------------------------------------------------------------------------



:: Robbie Roberston - il nuovo album Sinematic dal 20 settembre

Robbie Robertson pubblicherà il suo nuovo album solista, Sinematic, il prossimo 20 settembre. Il titolo è evocativo: un lavoro che trae ispirazione dai suoi trascorsi di compositore di musica da film e contiene una serie di brani che esplorano gli angoli più oscuri della natura umana. Le 13 canzoni, autoprodotte, costituiscono il primo album in studio di Robertson dopo l’introspettivo How To Become Clairvoyant del 2011. Per Sinematic, Robertson si è ispirato al suo recente lavoro per le colonne sonore dell’atteso nuovo film di Martin Scorsese, “The Irishman”, e del documentario in uscita, “Once Were Brothers: Robbie Robertson and The Band”, basato sul suo libro bestseller del 2016 Testimony. Il documentario verrà proiettato in anteprima mondiale giovedì 5 settembre in occasione della serata inaugurale del 44° Toronto International Film Festival.

Robbie Robertson con la sua voce particolare dall’incedere narrativo e con il suo unico, vibrante, stile chitarristico dipinge le atmosfere moody e mid-tempo dell’album, accompagnato nella maggior parte dei brani dal bassista Pino Palladino (John Mayer Trio, The Who), dal batterista Chris Dave (D'Angelo, Adele) e dal tastierista Martin Pradler, che ha anche mixato il disco. La band è completata da Afie Jurvanen (Bahamas) alla chitarra e alla seconda voce e dalla cantante Felicity Williams. Diversi gli importanti ospiti del disco: Van Morrison, Glen Hansard, Citizen Cope, J.S. Ondara, Laura Satterfield, Jim Keltner, Derek Trucks, Frédéric Yonnet, Doyle Bramhall II e Howie B. Glen Hansard, l’irlandese lead-singer di Frames e Swell Season e star del film Once, appare in Let Love Reign, brano che si ispira all’impegno pacifista di John Lennon. La chitarra di Robertson è protagonista in due brani strumentali, Wandering Souls e Remembrance, quest’ultimo scritto per il compianto amico, co-fondatore di Microsoft ed autentico music lover Paul Allen: una malinconica elegia dove Robertson è accompagnato dai due maestri della chitarra Derek Trucks e Doyle Bramhall II. Tra le canzoni di Sinematic preme soffermarsi su Once Were Brothers dove Robertson attinge dalla sua straordinaria storia personale, con una riflessione dolceamara sul suo gruppo storico The Band. Il brano è stato scritto infatti per il documentario omonimo, Robbie è affiancato da J.S. Ondara e dal cantautore americano Citizen Cope e l’arrangiamento della canzone fa largo uso di organo e armonica con Robertson che saluta The Band intonando “Once were brothers/Brothers no more”.

fonte: UMG, Universal

----------------------------------------------------------------------------------------


:: The Kinks - Arthur Or The Decline And Fall Of The British Empire” Edizione speciale per il cinquantesimo anniversario dal 25 ottobre

Per celebrare il 50° anniversario di "Arthur Or The Decline And Fall Of The British Empire", The Kinks annunciano la sua ristampa speciale, in uscita il 25 ottobre su BMG, con il brano inedito "The Future" - ascolta qui. Senza nessun dubbio, il settimo lavoro in studio dei Kinks è uno dei più grandi album rock mai realizzati, un esempio quasi perfetto dell'incredibile capacità creativa di Ray Davies, in quella che fu una sicura innovazione nel lontano 1969: il concept album. È anche toccante che un disco basato sulla storia dell'emigrazione dal Regno Unito, raggiunga il suo cinquantesimo anniversario proprio ora. Con la Brexit all'orizzonte, le tematiche di "Arthur" suonano in modo tremendamente familiari.

"Arthur" ha avuto successo unanime dalla sua uscita. Ognuna delle 12 tracce originali è una gemma assoluta ed esempio perfetto della capacità intrinseca di Ray Davies di intrecciare una storia intorno a una canzone. In quello che fu un periodo d'oro per i Kinks, "Arthur" seguì un altro classico, "The Kinks Are the Village Green Preservation Society", quando fu pubblicato il 10 ottobre 1969. Durante le sessioni di "Arthur", il lavoro in studio è stato dedicato anche alla registrazione dei brani che dovevano costituire l'album solista di Dave Davies. Un progetto che si era sviluppato ad intervalli irregolari dopo il successo del singolo "Death Of A Clown", ma che alla fine non è mai stato finalizzato. La Reprise alla fine decise di non fare uscire il disco nel settembre 1969 e nel corso degli anni i fan di Kinks hanno continuato a tormentarsi su quello che l'album di Dave - che alcuni chiamavano "A Hole In The Sock Of", un titolo calzante che Ray aveva scherzosamente gettato a un giornalista musicale – potesse contenere.

Questa nuova edizione contiene 4 CD composti da 81 brani in totale, 5 dei quali completamente inediti e 28 in versioni mai sentite, tra cui le versioni rimasterizzate di recente dell'album originale da fonti HD (nell'originale track listing), versioni di singoli mono e stereo, B-side, versioni mix mono e stereo, tracce promo, mix della BBC e l'album solista di Dave Davies mai uscito, con tracce bonus. La ristampa include anche una raccolta di tracce demo inedite di Ray Davies, due sue nuove registrazioni con The Doo Wop Choir, 'Arthur & The Emigrants' con una traccia inedita, 'The Come Dancing Workshop Ensemble' con tre tracce inedite e nuovi remix di Ray di "Australia" e "Shangri-La".

A completare il tutto anche quattro singoli in versione 7", “Drivin ", " Victoria ", " Shangri-La " e " Hold My Hand" (tratto dall'album solista di Dave Davies), tutti riprodotti con l'artwork internazionale. Infine, è incluso un logo The Kinks personalizzato, esclusivo in metallo e smalto, che i fan possono indossare.

fonte: A Buzz Supreme

----------------------------------------------------------------------------------------

:: Angel Olsen - dal 4 ottobre arriva ‘All Mirrors’ per Jagjaguwar

All Mirrors arriva a tre anni di distanza da ‘My Woman’, uno dei dischi migliori del 2016 per la critica internazionale. ‘All Mirrors’ parla di vulnerabilità, è un album introspettivo dedicato al recente percorso personale intrapreso da Angel Olsen. Nel processo creativo del nuovo album l'artista ha distillato un nuovo sound e provato a cantare in modo differente, ma senza snaturare il vibrato vocale che ha sempre contraddistinto il suo lavoro in studio e dal vivo. All'inizio Angel Olsen aveva deciso di registrare e pubblicare due versioni differenti di ‘All Mirrors’, una in solo con versioni minimali dei brani e la seconda realizzata con un’orchestra di 14 elementi. La versione in solo è stata realizzata con Michael Harris ad Anacortes, Washington, e quella con full band insieme al fidatissimo John Congleton (con cui Angel Olsen collabora dai tempi di ‘Burn Your Fire for No Witness’ del 2014), all’arrangiatore Jherek Bischoff e al multi strumentista Ben Babbitt. Alla fine Angel Olsen ha pubblicato il disco nella sua versione più potente, ovvero la definitva registrata con la full band.

L’album è anticipato dal video della titletrack ‘All Mirrors’, diretto da Ashley Connor e ideato da Angel Olsen stessa - www.youtube.com/watch?v=Jjt698Zv5jQ

fonte: Goodfellas

----------------------------------------------------------------------------------------


:: The Ramones - It's Alive 40th Anniversary Edition dal 20 settembre

La versione 4CD/2 LP dell’emblematico live album della band nuovamente rimasterizzato, in più comprende tre concerti completamente inediti del tour del Regno Unito del 1977.

Quest’anno il primo live album dei Ramones festeggia il suo 40esimo anniversario in una nuova versione con il suono rimasterizzato ed esteso e con tre concerti inediti dello stesso tour. Originalmente registrato a Londra nel capodanno 1977 e finalmente pubblicato come doppio album nel 1979, IT’S ALIVE: 40th ANNIVERSARY DELUXE EDITION sarà disponibile su etichetta Rhino dal 20 settembre. Prodotto in edizione limitata e numerata di 8000 copie, il cofanetto 4CD/2LP 180 grammi si presenta in un libro con copertina rigida 12x12. È accompagnata da note di copertina scritte dal leggendario produttore e musicista Steve Albini e da Ed Stasium, il quale ha prodotto e assistito It’s Alive e rimasterizzato tutta la musica inclusa nella raccolta.

IT’S ALIVE: 40th ANNIVERSARY DELUXE EDITION
contiene tutti e quattro i concerti che sono stati professionalmente registrati durante il tour UK nel dicembre 1977, tre facendo il proprio debutto: Top Rank, Birmingham (December 28, 1977); Victoria Hall, Stoke-On-Trent (December 29, 1977); Friars, Aylesbury (December 30, 1977); e The Rainbow Theatre, London (December 31, 1977). Una versione inedita di “Blitzkrieg Bop” dallo show Top Rank è disponibile ora in digitale. Prendendo il nome da un film horror del 1974, It’s Alive è l’ultimo album in cui compaiono tutti e quattro i membri della band: Dee Dee Ramone, Joey Ramone, Johnny Ramone e Tommy Ramone. I quattro concerti inclusi nel cofanetto immortalano la band al top della sua forma mentre prende d’assalto dozzine di canzoni dal catalogo del gruppo.

fonte: Red&Blue Music Relations

----------------------------------------------------------------------------------------

:: The Replacements - dal 27 settembre il cofanetto "Dead Man's Pop"

Com’è noto nel 1987 i Replacements, sopravvissuti del rock and roll di Minneapolis, presero i loro nastri Twin/Tone e li gettarono nel fiume Mississippi. Un anno dopo, mentre concludevano il loro album per Warner Bros Don't Tell A Soul, il gruppo nascondeva una raccolta di bobine dei Paisley Park Studios. Per fortuna a questi nastri è stata risparmiata la fine dei precedenti e sono stati messi da parte per decenni dalla band. Ora vengono recuperati per dare vita al primo cofanetto di sempre dal titolo DEAD MAN’S POP. Nonostante “Don’t Tell A Soul” sia stato l’album più venduto del gruppo, The Replacements erano insoddisfatti del suo sound, la band ha quindi radicalmente reinventato “Don’t Tell A Soul” per creare il cofanetto che contiene l’album mixato come era stato pensato in origine (Don’t Tell A Soul Redux), insieme a una raccolta di tracce inedite (We Know The Night: Rare & Unreleased) e a un classico concerto del 1989 (The Complete Inconcerated Live).

DEAD MAN’S POP sarà disponibile su etichetta Rhino dal 27 settembre. Il box contiene un missaggio dell’album “Don’t Tell A Soul” completamente nuovo del produttore Matt Wallace (basato sul suo missaggio a Paisley Park nel 1988), un disco di registrazioni inedite (inclusa una sessione con Tom Waits) più lo show intero del 2 giugno 1989 all’università di Wisconsin-Milwaukee. In totale, il cofanetto include 60 tracce, 58 delle quali non sono mai state ascoltate prima. I primi 500 fan che compreranno DEAD MAN’S POP su Rhino.com riceveranno una cassetta di 14 tracce selezionate dal cofanetto, con due tracce inedite aggiuntive: l’outtake “Asking Me Lies” e la versione strumentale di “I Won’t” (Bearsville Version). La cassetta contiene inoltre la cover art originale e mai utilizzata di “I Won’t” (Bearsville Version). Presentato in un libro con copertina rigida 12x12, riempito di dozzine di foto rare, il cofanetto contiene la storia dettagliata dell’era di “Don’t Tell A Soul” scritta da Bob Mehr, che ha prodotto il cofanetto con Jason Jones di Rhino, ed inoltre autore del bestseller del New York Times Trouble Boys: The True Story of the Replacements. Mehr scrive: “nonostante sia impossibile non riconoscere un album che è stato in circolazione per più di tre decadi, questa versione di Don’t Tell A Soul Redux è il disco così come la band lo ha registrato e lo voleva pubblicare”.

In aggiunta al missaggio di Matt Wallace, Redux restaura inoltre molti elementi delle sessioni, incluse le tracce originali della batteria, le tracce vocali e i tempi che poi sono stati alterati nella post-produzione e la sequenza originale dell’album. I due CD finali di DEAD MAN’S POP immortalano la band mentre si esibisce live a Milwaukee durante il “Don’t Tell A Soul Tour”. Alcune canzoni del concerto sono apparse originalmente in EP destinati solo alla promozione di Inconcerated Live (1989), ma buona parte delle 29 tracce incluse non sono mai state pubblicate. L’intero show è stato remixato da Brian Kehew (Ramones, The Faces). DEAD MAN’S POP includerà in aggiunta il mix di Don’t Tell A Soul Redux su vinile 180 grammi.

fonte: Red&Blue Music Relations

----------------------------------------------------------------------------------------


:: Soft Curse - in uscita il 13 settembre ‘Heaven Surrounds You', terzo album della band

Surf Curse è il progetto indie-rock di base a Los Angeles dei due songwriter Nick Rattigan e Jacob Rubeck. Vedere i Surf Curse dal vivo è un rito di passaggio per gli adolescenti amanti della scena indie-rock del sud-ovest americano. Rattigan e Rubeck sono cresciuti come musicisti tra Las Vegas e Reno nel Nevada e Los Angeles in California. Heaven Surrounds You è un tributo al cinema e ai cult movie che hanno segnato e ispirato la vita e la carriera dei due musicisti. I film a cui si riferiscono sono citati nei titoli dei dodici brani presenti nella tracklist del loro nuovo album, terzo pubblicato come Surf Curse. Dall’opener ‘Maps To The Stars’ legata all’ultimo David Cronenberg, a classici dei tardi ’80 come ‘Labyrinth’, dei sixties come ‘Midnight Cowboy’ e al tributo dedicato al maestro dell'horror italiano Dario Agento con 'Opera'. Il modo di scrivere musica e testi del duo è maturato con il nuovo album, con un sound meno grezzo e arrangiamenti più adatti al nuovo assalto indie rock cinematico. Rattigan e Rubeck hanno lavorato al nuovo album con il noto produttore Jarvis Taveniere durante l’inverno del 2018. ‘Heaven Surrounds You’ soddisfa l’energia e la passione che i fan della band si aspettavano dai Surf Curse, in più amplifica ed espande il suono della band verso lidi cinematici che non mancheranno di accrescere il pubblico del duo.

fonte: Goodfellas

----------------------------------------------------------------------------------------

:: ALLAH LAS - il nuovo album ‘LAHS’ dall’11 ottobre per Mexican Summer

Il nuovo album della celebre indie rock band californiana è anticipato dal primo singolo e video del brano In The Airwww.youtube.com/watch?v=Meuo7BpUOL0

Gli Allah Las sono losangelini al 100% e rappresentano la California, dal deserto al mare, come pochi altri artisti attuali. Il quarto album di Matt Correia, Spencer Dunham, Miles Michaud e Pedrum Siadatian rappresenta la vetta più alta raggiunta dai quattro californiani, ormai provetti autori, songwriter e producer. Il nuovo album si chiama semplicemente 'LAHS', il modo semplice e amichevole in cui il pubblico si è sempre riferito agli Allah Las. ‘Lahs’ è Allah Las al 100%, frutto di una band che oramai può vantare un sound inconfondibile. Nel nuovo album hanno trovato spazio canzoni in lingua inglese, portoghese e spagnola.

fonte: Goodfellas

----------------------------------------------------------------------------------------


:: Iguana Death Cult - il nuovo album ‘Nude Casino’, dal 25 ottobre per Innovative Leisure

Gli Iguana Death Cult sono un quintetto di base a Rotterdam, Olanda, dedito ad un sonico garage punk dalle tinte psichedeliche influenzato da post-punk, krautrock, new wave, soul e disco. "Se siete fan di B-Boys, Dirty Fences, Bass Drum of Death o Tijuana Panthers questi ragazzi fanno per voi" - lodownmagazine.com

Nude Casino’ è stato registrato a Rotterdam e masterizzato da Dave Cooley (già al lavoro con Tame Impala, Blood Orange e Ariel Pink). La Innovative Leisure ha messo sotto contratto la band dopo aver visto un loro incendiario live al SXSW festival di Austin, Texas. ‘Nude Casino’, esordio per Innovative Leisure', arriva a due anni di distanza dall’esordio autoprodotto ‘The First Stirrings Of Hideous Insect Life’

‘Bright Lights’ è il primo singolo dal nuovo album e il cantante Jeroen Reek introduce il brano: “Bright Lights è dedicata alle vecchie abitudini e alle nuove prospettive, del sentirsi intrappolati nelle cattive routine della vita e del modo in cui rovinano la nostra esistenza. Le cose che un tempo ci sembravano eccitanti e romantiche oggi le troviamo noiose e cerchiamo un modo per cambiare”.

fonte: Goodfellas

----------------------------------------------------------------------------------------

:: DIIV annunciano ‘Deceiver’ - il nuovo album il 4 ottobre per Captured Tracks

Deceiver’ è il terzo album dei DIIV, tra le più celebrate e note realtà della nuova scena indipendente americana e una delle più talentuose giovani band nord-americane in circolazione.

La rinascita inizia quando tutto cade e si è cotretti a ricominciare. ‘Deceiver’ è la colonna sonora della resurrezione metallica e rumorosa della band composta da Zachary Cole Smith (leader e voce e chitarra), Andrew Bailey (chitarra), Colin Caulfield (basso) e Ben Newman (batteria). Il nuovo album dei DIIV e il singolo apripista ‘Skin Game’ sono la risposta di Zachary alle sue recenti disavventure personali e al periodo passato in riabilitazione. ‘Deceiver’ è la resurrezione dei DIIV e dei suoi componenti, un cambiamento totale che si nota subito. Arrangiamenti orchestrati alla perfezione e la dura lezione dello shoegaze imparata alla lettera. L’album è stato registratto a marzo a Los Angeles con il celebre Sonny Diperri (noto per il suo lavoro con My Bloody Valentine, Nine Inch Nails e Protomartyr) che ha aiutato i DIIV ha sviluppare e tirare fuori un sound potente e sonico come le note distorte che hanno reso celebre la scena shoegaze e post punk dei tardi anni ’80.

fonte: Goodfellas

----------------------------------------------------------------------------------------

:: "Distorsioni sonore del Terzo Millenio" (FaLvision editore), un libro a cura di Pasquale Boffoli

Distorsioni Sonore del Terzo Millennio, un libro focalizzato sulla formula-intervista come viatico essenziale e primario in campo musicale (rock nella fattispecie) per la conoscenza del microcosmo di un artista o di una band. Si tratta di 25 interviste realizzate per la ‘rete’ e ricontestualizzate per questo libro in un’ideale dinamica di scambio reciproco di contenuti tra web e cartaceo. Le interviste spaziano con modalità non ortodosse tra generi ed appeal musicali diversissimi: si va dal garage di stampo psichedelico al punk blues, dal songwriting sofisticato al jazz/free jazz, dall’elettronica al sixties beat, dallo psychobilly allo sperimentale. Il fil rouge degli artisti intervistati è l’appartenenza alla scena alternativa e indipendente del terzo millennio e a esso antecedente, ad eccezione di tre attempate icone della scena internazionale. Non solo interviste in questo libro: a corredo di esse sono stati selezionati, nei casi più significativi, recensioni e approfondimenti, ‘pillole’ più o meno lunghe di altrettanti piccoli-grandi momenti della scena musicale indipendente europea e americana, tra il tramonto del secondo millennio e i primi due decenni del terzo.

Pasquale Boffoli, attualmente anche tra i collaboratori di RootsHighway, è un critico rock e musicale free lance (articoli per come Rumore, Metallic K.O., Punkster, Freakout, Jam, Mucchio, e per webmagazine come Onda Rock, Sentire Ascoltare, Misty Lane, Punkadeka, Freakout online, Music Boom). E' stato direttore artistico-editoriale del webmagazine rock Distorsioni, vincitore della Targa Mei/Musicletter nel 2014 come miglior sito italiano di informazione e critica musicale. Scrittore e saggista: autore del libro “Bari Rock Days” (coautore Antonio Rotondo) per Adda Editore. Musicologo e docente di storia di Rock e Blues (corsi all'Università della Terza Età di Bari e C.S.M. di Bari). Musicista (cantante/armonicista) tra gli anni ’70 e terzo millennio in alcune band baresi elettriche ed unplugged-acustiche.

----------------------------------------------------------------------------------------


:: ‘Roma Brucia' - Quarant’anni di musica capitale’ di Federico Guglielmi

Roma Brucia è il primo libro di sempre dedicato al panorama rock (e dintorni) romano del passato e del presente: oltre duecento artisti trattati, centinaia di recensioni di dischi e concerti, interviste, fotografie. Dalla seconda metà degli anni ’70 il punk ha cambiato il volto del rock, creando una linea di demarcazione tra “prima” e “dopo”: nuovi stili, nuovi atteggiamenti e nuovi modi di proporsi al pubblico e sul mercato si sono affermati ovunque nel mondo con effetti ancora evidenti. In questo quadro anche Roma si è ritagliata un suo spazio, dando vita a centinaia di realtà significative che a volte hanno conquistato le luci dei riflettori e in altri casi sono rimaste più di culto: dal punk dei Bloody Riot al folk-rock de Il Muro del Canto, passando per il combat-rock della Banda Bassotti, il rap degli Assalti Frontali, la nuova canzone d’autore di Max Gazzè, Niccolò Fabi, Daniele Silvestri, Tiromancino e Riccardo Sinigallia, l’indie de I Cani, fino a band affermatesi pure all’estero come Zu e Giuda, la Capitale non ha mai mancato di offrire musica personale e di grande interesse.

Nei suoi oltre quattro decenni di attività giornalistica, Federico Guglielmi è stato testimone oculare e puntuale cronista di quanto accadeva nell'ambito della nuova musica nazionale, con migliaia di recensioni e centinaia tra approfondimenti e interviste. Un'ampia selezione di quanto da lui scritto a proposito delle tante scene che si sono avvicendate e sovrapposte a Roma è stato ora raccolto in questo libro prezioso per la quantità e la varietà del materiale, ma soprattutto perché costituito da testimonianze in massima parte contemporanee agli eventi e non ricostruite con il senno di poi.

L’autore: Federico Guglielmi, nato a Roma nel 1960, ha alle spalle quarant’anni di professione nel campo del giornalismo rock. Ha fondato e diretto il mensile Velvet e il trimestrale Mucchio Extra, è stato caporedattore e redattore de Il Mucchio Selvaggio, ha scritto per Rockerilla, Rumore, Rockstar e altre riviste. Da un paio di decenni è responsabile delle pagine musicali di AudioReview; inoltre, collabora stabilmente con Blow Up, Classic Rock, Vinile e Rai Isoradio. Ha pubblicato oltre venti libri, è stato conduttore/autore di varie trasmissioni radio della RAI tra le quali Stereonotte e Stereodrome, ha firmato la produzione artistica di ventidue dischi e tanto altro ancora. Il suo L’ultima Thule ha vinto l’Indie Blog Award per il miglior blog musicale nel 2014 e nel 2017.

fonte: Goodfellas




info@rootshighway.it