:: Menù
 



RootsHighway è membro ufficiale della Euro Americana Chart, la classifica dei dj e giornalisti europei sul mondo Americana/ Roots. Leggi la classifica completa su euroamericanachart.eu

 
 

IN USCITA: scorri l'elenco delle prossime uscite discografiche in campo Americana/ Roots/ Indie:

21 giugno
Buddy & Julie Miller - Breakdown On 20th Ave. South (New West Records)
Bruce Robison and Kelly Willis - Beautiful Lie (Next Waltz Records)
Pony Bradshaw – Sudden Opera (New Rounder Records)
Drivin N Cryin – Live the Love Beautiful (Drivin N Cryin Records)
Hackensaw Boys – A Fireproof House of Sunshine (Free Dirt Records)
Jim Lauderdale – From Another World (Yep Roc Records)
Rich Mahan – Hot Chicken Wisdom (Snortin’ Horse Records)
Chuck Mead – Close To Home (Plowboy Records)
Willie Nelson – Ride Me Back Home (Sony Legacy)
Joel Rafael – Rose Avenue (Inside Recordings)
The W Lovers – This Little Town (Lovewood Music)

14 giugno
Lukas Nelson and Promise of the Real - Turn Off the News (Build A Garden) (Fantasy Records)
Bruce Springsteen - Western Skies (Columbia)
Jim Cuddy – Countrywide Soul (Warners Canada)
Greg Felden – Made of Strings (self released)
Michael Fracasso – Big Top (Lucky Hound Music)
Ariana Gillis – The Maze (self released)
Jamestown Revival – San Isabel (Jamestown Revival Recordings)
John Mcdonough – Can You See Me Now (McDonough Records)
Keb’ Mo’ – Oklahoma (Concord Records)
Old Man Luedecke – Easy Money (True North Records)
Chris Shiflett – Hard Lessions (East Beach Records And Tapes)
Shinyribs – Fog & Bling (Mustard Lid Records)

7 giugno
Gary Nicholson - The Great Divide (Blue Corn Music)
The Boxmasters – Speck (Keentone Records)
Hollis Brown – Bad Mistakes (Cool Green Recordings)
Mat Callahan & Yvonne Moore – Working Class Heroes: A History of Struggle in Song (Free Dirt Records)
Folk Family Revival – Electric Darlin’ (Folk Family Revival)
Jake Xerxes Fussell – Out of Sight (Paradise of Bachelors)
The Hollering Pines – Moments in Between (self-released)
Ida Mae – Chasing Lights (Vow Road Records)
Whitey Johnson – More Days Like This (Blue Corn Music)
Rickie Lee Jones – Kicks (The Other Side of Desire)
Dylan LeBlanc – Renegade (ATO Record)
The Lil Smokies – Live At The Bluebird (United Interests)
Eleni Mandell – Wake Up Again (Yep Roc Records)
Charlie Roth – I’m A Smile (self-released)
The Seldom Scene – Changes (Rounder Records)
Neil Young & Stray Gators – Tuscaloosa (Reprise Records)

31 maggio
Ian Noe - Between The Country (National Treasury Recordings)
Carl Anderson – You Can Call Me Carl (Tone Tree Music)
Peter Bruntnell – King Of Madrid (Domestico Records)
Esoebo – VI (Knot Reel Records)
Duff McKagan – Tenderness (Universal Music)
Rich Layton and Tough Town – Salvation Road (Never Lucky Record Company)
Ellis Paul – The Storyteller’s Suitcase (Rosella Records)
Doug Seegers – A Story I Got to Tell (BMG Rights Mgmt Scandinavia)
Kenny Wayne Shepherd Band – The Traveler (Concord Records)
Keller Williams – Add (Freeky Disc Records)

24 maggio
Justin Townes Earle - The Saint of Lost Causes (New West Records)
Willard Gayheart - At Home in the Blue Ridge (Blue Hens Music)
Mavis Staples - We Get By (Anti/Epitaph Records)
Great American Trainwreck – Great American Trainwreck (self-released)
Elliah Heifetz – New Folk Songs (self-released)
The Lark And The Loon – 2 (self-released)
Frankie Lee – Stillwater (River Valley Music)
The Lonesome River Band – Outside Looking In (Crossroads Records/Mountain Home Music Company)
Amanda Anne Platt & The Honeycutters – Live at the Grey Eagle (Organic Records)
TK & The Holy Know-Nothings – Arguably OK (Mama Bird Recording Co.)

17 maggio
Nick Lowe - Love Starvation/ Trombone (Yep Roc Records)
The South Austin Moonlighters - Travel Light (Station House Records)
Kelly Hunt – Even the Sparrow (Rare Bird Records)
Christone “Kingfish” Ingram – Kingfish (Alligator Records)
Massy Ferguson – Great Divides (North & Left Records)
Small Town Therapy – Dreams and Circumstances (Organic Records)
Chip Taylor – Whiskey Salesman (Train Wreck Records)
Jimmie Vaughan – Baby, Please Come Home (The Last Music Company)

10 maggio
The Shootouts - Quick Draw (MRI Records)
Daddy Long Legs – Lowdown Ways (Yep Roc Records)
Alf Hale – The Rainy Season (Alf Hale Records)
Emma Hill – Magnesium Dreams (Kuskokwim Records)
Dawn Landes – My Tiny Twilight (Yep Roc Records)
Little Sue – Gold (Secret Sound) Bambi Lee Savage – Berlin-Nashville Express (Hoof & Antler Records)
Southern Avenue – Keep On (Concord Records)

3 maggio
The Felice Brothers - Undress (Yep Roc Records)
Rhiannon Giddens - There Is No Other (Nonesuch Records)
Hamish Anderson – Out Of My Head (self-released)
Ardent Sons – No More Than This (Wondertaker Records)
The Cerny Brothers – Looking for the Good Land (Cleveland International Records)
The Last Revel – Fool’s Spring (self-released)
Little Steven and the Disciples of Soul – Summer Of Sorcery (Wicked Cool Records)
Pete Mancini – Flying First Class (Diversion Records)
Carla Olson & Todd Wolfe – The Hidden Hills Sessions (Red Parlor Records)
Rising Appalachia – Leylines (self-released)
Caroline Spence – Mint Condition (Rounder Records)
Striking Matches – Mourning (Tone Tree Music)
Joy Williams – Front Porch (Sensibility Recordings)
The W Lovers – This Little Town (Lovewood Music)
Donovan Woods – The Other Way (Meant Well Records/Fontana North)

26 aprile
J.J. Cale - Stay Around (Because Music)
Josh Ritter - Fever Breaks (Pytheas Recordings)
George Benson – Walking To New Orleans (Provogue Records)
Jack Ingram – Ridin’ High…again (Beat Up Ford Records)
Anders Osborne – Buddha and the Blues (self-released)
Chad Richard – Worthy Cause (self-released)
Randy Rogers Band – Hellbent (Tommy Jackson Records)
Safe As Houses – Lucky Lucky (self-released)
Steel Blossoms – Steel Blossoms (Billy Jam Records)

19 aprile
Will Kimbrough - I Like It Down Here (Daphne Records)
Daniel Norgren - Wooh Dang (Superpuma Records)
The Cole Trains – Lucky Stars (Pony Rock Records)
Josh Gray – Songs of the Highway (self-released)
Jeffrey Halford and The Healers – West Towards South (Floating Records)
Anna Tivel – The Question (Fluff and Gravy Records)
Mitch Woods – A Tip of the Hat to Fats (Blind Pig Records)

12 aprile
Shovels & Rope -By Blood (Dualtone Music)
John Paul White - The Hurting Kind (Single Lock Records)
Adam Carroll – I Walked In Them Shoes (Down Hole Records)
Crooked Weather – Are We Lost (self released)
Cris Jacobs – Color Where You Are (Blue Rose Music)
Kind Country – Hard Times (self released)
Lone Justice – Live At The Palomino (Omnivore Recordings) (RSD vinyl)
Nicholas Mudd – Nicholas Mudd (self released)
Eli “Paperboy” Reed – 99 Cent Dreams (Yep Roc Records)
The Suitcase Junket – Mean Dog, Trampoline (Signature Sounds Recordings)
April Verch – Once A Day (Slabtown Records)

5 aprile
The Infamous Stringdusters - Rise Sun (Tape Time Records)
Molly Tuttle - When You’re Ready (Compass Records)
Ky Burt – The Sky in Between (Woodstove Records)
Driftwood – Tree of Shade (self-released)
Drunken Prayer – Cordelia Elsewhere (Deer Lodge Records)
Kora Feder – In Sevens (self-released)
Jimbo Mathus – Incinerator (Big Legal Mess Records)
Rod Melancon – Pinkville (Blue Elan Records)
Michael Nesmith – Songs (Edsel Records UK)
Tyler Ramsey – For The Morning (Fantasy/Concord Records)
Benjamin Dakota Rogers – Better by Now (self-released)
Silver Lake 66 – Ragged Heart (Saw Tooth Monkey Music)
The Suitcase Junket – Mean Dog, Trampoline (Signature Sounds Recordings)

29 marzo
Steve Earle & The Dukes Guy (New West Records)
Son Volt Union (Transmit Sound)
Tim Bluhm – Sorta Surviving (Blue Rose Music)
Phil Cook – As Far As I Can See (Psychic Hotline Records)
Goodnight Suzie – Boombox (independent)
The Howlin’ Brothers – Still Howlin’ (self-released)
Ben Jarrell – Troubled Times (Country Roots Records)
Mile Twelve – City on a Hill (Delores the Taurus Records)
Joey Stuckey Trio – In The Shadow Of The Sun (Senate Records)
Uncle Walt’s Band – Uncle Walt’s Band (Omnivore Recordings)

22 marzo
Luther Dickinson and Sisters of the Strawberry Moon - Solstice (New West Records)
Kieran Kane and Rayna Gellert - When the Sun Goes Down (Dead Reckoning Records)
Terry Allen & The Panhandle Mystery Band – Pedal Steal + Four Corners (Paradise of Bachelors)
Matt Andersen – Halfway Home By Morning (True North Records)
Michael Braunfeld – Driver (Blind Justice Music)
Casey Cavanagh – Old Souls (Old Souls Music)
Kevin Deal – The Long Road Home (Blind Nello Records)
Allison de Groot & Tatiana Hargreaves – Allison de Groot & Tatiana Hargreaves (Free Dirt Records)
The Neverlys – Blue (Mountain Home Music Company)
Orville Peck – Pony (Sub Pop Records)
Shelley Segal – Holy (True Music)
John Smith – Hummingbird (Commoner Records)

15 marzo
Tim O’Brien - Tim O’Brien Band (Howdy Skies Records)
Todd Snider - Cash Cabin Sessions, Vol. 3 (Aimless Records)
Cassie Boettcher – More Than That (self-released)
Empire Of Light – Let There Be Light (Diagonal Man Music)
Gary Hoey – Neon Highway Blues (Provogue Records)
JD & The Straight Shot – The Great Divide (self-released)
Ted Russell Kamp – Walking Shoes (POMO Records)
Frank Migliorelli And The Dirt Nappers – The Things You Left Behind (Rave On Records)
Karyn Oliver – A List Of Names (Buxom County Records)
Over The Rhine – Love and Revelation (Great Speckled Dog Records)
Tom Russell – October in the Railroad Earth (Frontera Records)
Andy Statman – Monroe Bus (Shefa Records)
Renée Wahl and The Sworn Secrets – Cut to the Bone (Double R Records)

8 marzo
Patty Griffin - Patty Griffin (PGM Records)
Townes Van Zandt - Sky Blue (TVZ/Fat Possum Records)
Chatham County Line – Sharing The Covers (Yep Roc Records)
Ben Dickey – A Glimmer On The Outskirts (Dualtone Music)
Caleb Elliott – Forever to Fade (Single Lock Records)
Just Whiskey – Secondhand Songs (Rabotat Records)
Madison Violet – Everything’s Shifting (Passenger Sounds)
Dan Navarro – Shed My Skin (Red Hen Records)
Shelley Segal – Holy (True Music)
Nick Waterhouse – Nick Waterhouse (Innovative Leisure Records)

1 marzo
The Cactus Blossoms - Easy Way (Walkie Talkie Records)
Steve Poltz - Shine On (Red House Records)
Mary Bragg – Violets As Camouflage (self-released)
Della Mae – The Butcher Shoppe EP (Rounder Records)
Charlie Faye & The Fayettes – The Whole Shebang (Bigger Better More Records)
The Honey Dewdrops – Anyone Can See (self-released)
Adam Klein – Low Flyin’ Planes (Cowboy Angel Music)
Jane Kramer – Valley of the Bones (self-released)
Victor Krummenacher – Blue Pacific (Veritas Records)
Fate McAfee – Diesel Palomino (Slough Water Records)
Austin Meade – Waves (7013 Records)
The Quaker City Night Hawks – QCNH (Lightning Rod Records)
Peter Rogan – Still Tryin’ To Believe (Melt Shop Records)
Taylor Scott Band – All We Have (self-released)
White Owl Red – Existential Frontiers (Hush Mouse Records)
Reese Wynans & Friends – Sweet Release (J&R Adventures)



 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
Home page


 News   notizie, video, segnalazioni, classifiche


Video della settimana:
Kyle Craft & Showboat Honey - Deathwish Blue



-----------------------------------------------------------------------------------------


:: Bobby Rush: il nuovo album del bluesman ad agosto

Sitting on Top of the Blues' è il 26° studio album della lunghissima carriera di Bobby Rush, la 75° pubblicazione a suo nome. Recentemente Bobby Rush ha vinto un Grammy ed è stato inserito tra i grandi artisti della Blues Hall of Fame. ‘Sitting on Top of the Blues' è in uscita per Deep Rush Records/Thirty Tigers il 16 agosto, anticipato dai brani 'Get Out of Here (Dog Named Bo)' e 'Bowlegged Woman'. Bobby Rush è una figura di spicco della scena blues americana e ancora oggi uno dei nomi più noti della scena blues internazionale. ‘Sitting …’ arriva a due anni di distanza da Porcupine Meat, album con cui Bobby ha vinto il Grammy come Best Traditional Blues Album, riportando i riflettori su un’artista unico e imprescindibile per la storia della musica americana e internazionale. I brani del disco sono stati scritti e composti da Bobby Rush stesso e rappresentano ancora nel miglior modo il favoloso blend di Chicago style blues e Southern soul che lo ha reso celebre come musicista e performer. Bobby Rush è nato nel 1933, oggi ha ben 86 anni e nel corso della sua carriera ha ricevuto 46 nomination e vinto 12 premi della Blues Foundation e si è da poco esibito in veste di headliner all'annuale Chicago Blues Festival.

fonte: Goodfellas

----------------------------------------------------------------------------------------


:: Bon Iver: il nuovo album dal 30 agosto per Jagjaguwar

Il 30 agosto i Bon Iver pubblicheranno il loro quarto album per Jagjgauwar. Registrate al Sonic Ranch in Texas e presso l’April Base nel Wisconsin, le tredici nuove canzoni di ‘i,i’ complentano un ciclo: dall’inverno di ‘For Emma, Forever Ago’, alla primavera di ‘Bon Iver, Bon Iver’ e l’estate di ’22, A Million’. Ora arriva l’inverno con il nuovo ‘i,i’.

Video 'Jelmore'
www.youtube.com/watch?v=VnDDghFYEGU
Video 'Faith'
www.youtube.com/watch?v=wU-s_Zxv_MQ

“Lo sento come il più maturo e completo dei miei dischi – dice Justin Vernon dei Bon Iver - E' un nuovo inizio ... " La band che ha registrato le session di ‘i,i’ e che andrà in tour è composta da Sean Carey, Andrew Fitzpatrick, Mike Lewis, Matt McCaughan, Justin Vernon, Rob Moose e Jenn Wasner, oltre al contributo di star del calibro di James Blake, Brad e Phil Cook dei Megafaun, Aaron e Bryce Dessner dei The National, Bruce Hornsby, Channy Leaneagh, Naeem, Velvet Negroni, Marta Salogni, Francis Starlite, Moses Sumney, TU Dance e molti altri. Quando le sessioni per ‘i,i’ si sono spostate dagli April Base ai Sonic Ranch studio, Bon Iver ha prenotato e utilizzato tutte le sale di registrazioni disponibili simultaneamente. “Questo ci ha dato la possibilità di sentirci liberi e lontani da ogni distrazione esterna. In qualche modo la storia del disco è quella delle sei settimane di registrazione”. I Bon Iver presenteranno in anteprima alcuni brani del nuovo disco il 17 luglio al Castello Scaligero di Villafranca di Verona, data sold out da mesil.

fonte: Goodfellas

----------------------------------------------------------------------------------------


:: Native Arrow, 'Happier Now': album in uscita il 2 agosto per Loose Music

Native Harrow, ovvero Devin Tuel, vive, compone e canta come una star della migliore tradizione country, folk e americana. Il suo nuovo album ‘Happier Now’ uscirà il 2 agosto per Loose Music/ Goodfelals anticipato dai brani ‘Something You Have’, ‘Way To Light’ e la titletrack 'Happier Now':

Devin Tuel, nota negli ambienti del country e del folk nordamericano come Native Harrow, si considera un’artista nata nell’epoca sbagliata, devota a stile e sonorità del passato e con un talento che tra gli anni ’60 e ’70 non sarebbe passato inosservato spalancandole le porte dei teatri più prestigiosi degli states. ‘Happier Now’ parla d’amore e relazione sbilanciate, dove c’è sempre qualcuno disposto ad amare incondizionatamente anche senza essere adeguatamente contraccambiati. L’esordio per Loose Music di Native Harrow si nutre della migliore tradizione folk statunitense, strizzando l’occhio al ritorno di fiamma del pubblico internazionale per i canoni contemporanei dell’americana.

fonte: Goodfellas

----------------------------------------------------------------------------------------


:: B Boys tornano con il nuovo album ‘Dudu’, disponibile per Captured Tracks dal 26 luglio

I B Boys tornano con il nuovo album ‘Dudu’, disponibile per Captured Tracks dal 26 luglio. L’album è stato anticipato dai singoli ‘Pressure Inside’ e ‘I Want’

"Dudu draws on influences like The Clash, Wire, and Talking Heads .... a brash and explosive critique on modern-day greed and capitalism" - Consequence of Sound “

[B Boys] make frill-free rock music that feels indebted to the last several decades of goofy punks - from Ian Svenonius to their tourmates Parquet Courts” - Pitchfork

Dudu’ dei B Boys è post-punk all’ennesima potenza, influenzato dalla controcultura degli anni ’80 e dalle band che hanno fatto grande la scena indipendente negli ultimi 40 anni. La band newyorkese composta da Andrew Kerr, Brendon Avalos e Britton Walker trae ispirazione dal caos infernale che li circonda nella loro New York. I B Boys sono un prodotto di New York, rabbioso, veloce e ironico proprio come gli abitanti della loro città. ‘Dudu’ è è il secondo album dei B Boys, seguito del precedente ‘Dada’ e dell’ottimo Ep d’esordio ‘No Worry No Mind’. Il nuopvo album è stato registrato da Gabe Wax (Deerhunter, Ought e Crumb) presso l’Outlier Inn e mixato da Andy Chugg (Pill, Pop. 1280, Bambara). I B Boys hanno suonato ovunque in Europa e USA, aprendo per act del livello di Parquet Courts, Merchandise, Shame, Sunflower Bean e Thee Oh Sees. Fortemente influenzato dal sound di The Clash, Wire e Talking Heads, ‘Dudu’ ci regala una band in forma smagliante. Il brano ‘I Want’ vanta il featuring di Veronica Torres dei Pills.

fonte: Goodfellas

----------------------------------------------------------------------------------------


:: "Distorsioni sonore del Terzo Millenio" (FaLvision editore), un libro a cura di Pasquale Boffoli

Distorsioni Sonore del Terzo Millennio, un libro focalizzato sulla formula-intervista come viatico essenziale e primario in campo musicale (rock nella fattispecie) per la conoscenza del microcosmo di un artista o di una band. Si tratta di 25 interviste realizzate per la ‘rete’ e ricontestualizzate per questo libro in un’ideale dinamica di scambio reciproco di contenuti tra web e cartaceo. Le interviste spaziano con modalità non ortodosse tra generi ed appeal musicali diversissimi: si va dal garage di stampo psichedelico al punk blues, dal songwriting sofisticato al jazz/free jazz, dall’elettronica al sixties beat, dallo psychobilly allo sperimentale. Il fil rouge degli artisti intervistati è l’appartenenza alla scena alternativa e indipendente del terzo millennio e a esso antecedente, ad eccezione di tre attempate icone della scena internazionale. Non solo interviste in questo libro: a corredo di esse sono stati selezionati, nei casi più significativi, recensioni e approfondimenti, ‘pillole’ più o meno lunghe di altrettanti piccoli-grandi momenti della scena musicale indipendente europea e americana, tra il tramonto del secondo millennio e i primi due decenni del terzo.

Pasquale Boffoli, attualmente anche tra i collaboratori di RootsHighway, è un critico rock e musicale free lance (articoli per come Rumore, Metallic K.O., Punkster, Freakout, Jam, Mucchio, e per webmagazine come Onda Rock, Sentire Ascoltare, Misty Lane, Punkadeka, Freakout online, Music Boom). E' stato direttore artistico-editoriale del webmagazine rock Distorsioni, vincitore della Targa Mei/Musicletter nel 2014 come miglior sito italiano di informazione e critica musicale. Scrittore e saggista: autore del libro “Bari Rock Days” (coautore Antonio Rotondo) per Adda Editore. Musicologo e docente di storia di Rock e Blues (corsi all'Università della Terza Età di Bari e C.S.M. di Bari). Musicista (cantante/armonicista) tra gli anni ’70 e terzo millennio in alcune band baresi elettriche ed unplugged-acustiche.

----------------------------------------------------------------------------------------


:: Mandolin' Brothers, un nuovo album per i 40 anni di storia della band

Seguiamo il percorso artistico della roots rock band pavese da molti anni, quindi inoltriamo con piacere questo messaggio, che arriva direttamente dal gruppo, alle prese con la registrazione del nuovo album e una campagna di crowdfunding per sostenerlo. Di seguito tutti i dettagli e il link per partecipare.

Noi siamo i Mandolin’ Brothers e, da 40 anni, cioè dal 1979, portiamo in giro la nostra musica, a cui abbiamo dedicato una buona parte della nostra vita. Siamo quindi arrivati ad un anniversario importante e vogliamo celebrarlo con un nuovo album, per il quale ci stiamo impegnando in progetti vari, componendo canzoni, arrangiandole e discutendone tra noi, prima come amici e poi come musicisti. In tutti questi anni siamo stati costantemente in movimento, producendo 5 albums, collaborando con artisti straordinari, suonando in Italia, Europa e Stati Uniti. Sinceramente mantenere un'attività di questa natura, abbinata ad un “normale” lavoro diurno, è stato a dir poco impegnativo. Malgrado tutto, abbiamo superato le difficoltà e siamo ancora qui, a 40 anni “suonati” a proporre la nostra personale idea di roots rock o americana che sia, come sempre sorretti dalla passione e dalla voglia di suonare. Ora è arrivato il momento di registrare un nuovo album, con la produzione di Jono Manson e la partecipazione di qualche altro amico. Lo stiamo registrando al Downtown Studio di Pavia, ma verrà mixato e masterizzato da Jono Manson nel suo Kitchen Sink Studio di Santa Fè, New Mexico. L’album si intitolerà 6, sarà pubblicato dalla Martinè Records, verrà distribuito dalla IRD e ne prevediamo l’uscita nel prossimo autunno. Fare un nuovo album, se vuoi farlo bene, non è economico! Lo studio, la produzione, il mixaggio ed il mastering sono costosi, senza contare le spese quotidiane per gli spostamenti ecc. Inoltre, dato che tutti abbiamo un lavoro, ci sono le ferie, i cambi turno, lo spostamento delle lezioni ed altro. Ma sono tutti sacrifici che facciamo volentieri, in nome della musica e della nostra band. Quindi chiediamo il vostro aiuto, per riuscire a creare un prodotto valido e degno di tutti i sacrifici e gli sforzi fatti, in questa nostra lunga carriera. Abbiamo fatto del nostro meglio per offrirvi piccole "ricompense" con in mente "qualcosa per tutti". In sostanza pre-vendendo il nostro album ed aggiungendo alcuni gadgets, per ottenere questo risultato. Quindi vi invitiamo tutti a partecipare alla nostra raccolta fondi, perché il vostro aiuto è assolutamente indispensabile. Grazie!

Per partecipare al crowdfunding del disco:
www.becrowdy.com/un-nuovo-album-per-i-mandolin-brothers

----------------------------------------------------------------------------------------


:: James Taylor: The Warner Bros Yers 1970-1976

Tra il 1970 e il 1976, James Taylor ha pubblicato sei album con Warner Bros. Records che divennero le fondamenta della sua carriera impareggiabile, che gli permise di guadagnare cinque Grammy Awards, l’ammissione sia alla Songwriters che alla Rock and Roll Halls of Fame, e più di 100 milioni di album venduti in tutto il mondo. Rhino rende omaggio a Taylor con una nuova collezione che introduce le nuove rimasterizzazioni di tutti gli album Warner Bros. THE COMPLETE WARNER BROS. ALBUMS: 1970-1976.

Saranno disponibili il 19 luglio su etichetta Rhino sia come 6CD che 6LP 180 grammi, come anche in digitale. Questa raccolta riporta molti album in stampa per la prima volta dopo molti anni. La versione nuovamente rimasterizzata di “Fire And Rain” è disponibile ora su tutte le piattaforme download e streaming. Rhino.com offrirà anche un bundle che unisce le versioni CD ed LP del cofanetto con una litografia 12” x 12” di una foto classica di Taylor del 1970. In aggiunta, i primi 350 pre-order della versione LP su Rhino.com avranno una versione autografata della litografia. Ogni album nel cofanetto è stato rimasterizzato, un processo seguito da Peter Asher, che ha portato Taylor nell’ etichetta dei Beatles, Apple Records, nel 1968, e fu il suo manager per 25 anni producendo inoltre molti di questi album. Nelle note di copertina della raccolta Asher scrive: “rivisitare molti di questi album decenni più tardi è stato rivelatore, nostalgico ed eccitante. Li ho ascoltati molte volte a pezzi durante gli anni, ovviamente, ma ascoltare con concentrazione e nel dettaglio ogni nastro originale senza interruzioni è stato un lusso emozionante.”

THE COMPLETE WARNER BROS. ALBUMS: 1970-1976
include: Sweet Baby James (1970), Mud Slide Slim and the Blue Horizon (1971), One Man Dog (1972), Walking Man (1974), Gorilla (1975), e In the Pocket (1976).

fonte: Red&Blue Music Relations

----------------------------------------------------------------------------------------


:: Gunbender è l’album d’esordio del trio torinese I Shot a Man

Gli I Shot a Man nascono nell’estate 2014, e sono Domenico De Fazio, chitarrista che alterna “seicorde” elettriche di legno e di ferro, Blue Bongiorno, batterista che arricchisce i suoi set con cucchiai, assi per lavare i panni, ditali e scatolette per il tabacco e Manuel Peluso, chitarrista acustico con un'impostazione vocale a metà tra il crooner e il musicista di strada.

Gli I Shot a Man suonano con l’ostinazione di riprendere la storia del blues dagli albori, in un percorso che partendo dagli spiritual cantati a voce nuda, arriva a quello di chitarre acustiche suonate con colli di bottiglia, e si spinge fino alle valvole sature degli amplificatori, quando il blues stava partorendo il rock, e presto tutti avrebbero cominciato a ballare quando il suono si fa guasto e grosso. Il suono di I Shot a Man è infatti fatto di voce, chitarre, batteria e niente basso. Li costringe a inventare arrangiamenti nuovi, a ripensare la ritmica in un dialogo costante tra le percussioni e un fingerpicking vecchio di cent’anni. Scrivono: "Volevamo avere un suono essenziale, quasi incompleto, che restituisse il mondo in cui il blues è nato, quando gli strumenti erano pochi e arrugginiti, ma in mezzo a quella ferraglia riuscivano a nascere melodie così pure da diventare universali".

Il 2018 è l'anno in cui la band inizia a guadagnarsi l'attenzione del panorama blues italiano. Gli I Shot a Man vincono il contest Effetto Blues, dividono il palco con i The Animals in occasione del Torrita Blues Festival e sono tra gli ospiti del main stage al raduno Blues Made in Italy. Accanto ai festival, il viaggio della band si riempie di locali e club nel nord e centro Italia. Nel 2018 nasce la collaborazione con la comunità di blues dancers, un amore a prima vista che dà vita a numerose serate e che porta la band come headliner al festival The Big Blues, a Creta. Gunbender è il loro primo album in studio. È un disco crudo, senza orpelli; è stato registrato durante una live session molto intensa. "Gunbender" è una parola inventata; "Volevano che il disco suonasse forte e diretto, senza pensarci su troppo". Gunbender è la loro storia di questi primi anni, delle musiche delle persone e dei luoghi che li hanno maggiormente influenzati . Più che un disco è un album di foto, una dichiarazione di intenti, il prologo di una nuova storia.

fonte: A-Z Blues

----------------------------------------------------------------------------------------


:: David Bowie: il cofanetto "Mercury Demons" con registrazioni inedite dal 28 giugno

Come ulteriore parte dei festeggiamenti per l’anniversario dei 50 anni dalla prima hit di Bowie ‘Space Oddity’ ed in seguito alle recenti raccolte ‘Spying Through A Keyhole’ e ‘Clareville Grove Demos’, Parlophone pubblicherà un’altra serie di registrazioni conosciuta come 'The “Mercury" Demos’.

'The “Mercury" Demos’ sono 10 primissime registrazioni registrate live in un take con il registratore a bobina aperta nell’appartamento di David nell’ estate 1969, con l’accompagnamento di John ‘Hutch’ Hutchinson alla chitarra e voce. La versione di Space Oddity contenuta nei ‘Demos’, originariamente pubblicato con versioni edit nel cofanetto Sound & Vision, è presentata qui nel suo vero contesto per la prima volta. Le altre nove registrazioni nell’album sono tutte inedite. In aggiunta agli originali di Bowie, la sessione include inoltre la composizione ‘Life Is A Circus’ (che è contenuta anche in una versione demo antecedente nel cofanetto ‘Clareville Grove Demos’) e la composizione di Lesley Duncan ‘Love Song’ registrata più tardi da Elton John per il suo album ‘Tumbleweed Connection’. ‘Conversation Piece’ di David è annunciata come una “nuova canzone” e “Janine” contiene una breve sezione di diciannove secondi cantata con la medodia di “Hey Jude” dei Beatles.

La sessione era una registrazione base registrata per il set list del duo ‘Bowie & Hutch’ e fu richiesta dall’A&R della Mercury Records Calvin Mark Lee che voleva le tracce per inviarle al suo capo Bob Reno. Sia Calvin che Bob sono citati nell’ accordo di registrazione con la Mercury Records. Il packaging di “Mercury Demos” è una replica della scatola originale che conteneva i nastri e contiene 1LP, una stampa, due foto e le note di copertina di Mark Adams. Le etichette dell’LP sono uguali a quelle degli acetati EMIDISC come nei cofanetti ‘Spying Through A Keyhole’ e ‘Clareville Grove Demos’ con i titoli delle canzoni stampati nella calligrafia di Bowie.

fonte: Red&Blue Music Relations

----------------------------------------------------------------------------------------


:: ZZ Top: una nuova raccolta "Goin’ 50" spazia nell’intera carriera del trio del Texas

ZZ Top quest’anno festeggiano 50 anni tra barbe, blues, macchine ruggenti e chitarre con una nuova compilation che include le 50 canzoni che aiutarono a trasformare la piccola band del Texas nei membri storici della Rock and Roll Hall of Fame quali sono diventati nel 21esimo secolo. Il 16 agosto, Warner Bros. Records pubblicherà GOIN’ 50 in formato cofanetto triplo CD e 5LP 180 grammi. Una versione CD singolo con 18 tracce come anche le versioni digitali e streaming saranno disponibili il 14 giugno. ZZ Top inizieranno il tour europeo per il loro 50esimo anniversario il 4 giugno seguito dal tour negli USA il 16 agosto.

Composto da sufficienti hit da riempire un jukebox roadhouse, GOIN’ 50 spazia nell’intera carriera musicale della band, dal debutto del 1969 fino ai brani più recenti. La nuova retrospettiva include infatti materiale estrapolato da ognuno dei 15 album in studio che il chitarrista Billy Gibbons, il batterista Frank Beard e il bassista Dusty Hill hanno registrato dal 1970. Due bonus track “Salt Lick” e “Miller’s Farm”- rispettivamente un singolo e un B-side- furono registrate nel 1969 dall’ originale incarnazione dei ZZ Top. Il primo disco di GOIN’ 50 si focalizza sulle irresistibili hit radio FM che catturarono la prima generazione di fan durante gli anni settanta e primi anni ottanta con canzoni come “La Grange,” “Tush,” “Cheap Sunglasses,” “I’m Bad, I’m Nationwide,” e “Pearl Necklace”. Il disco aggiuntivo esplora la crème de la crème dei singoli che la band pubblicò tra il 1983 e il 1991 che li resero superstar internazionali, incluse le sei tracce top 40: “Gimme All Your Lovin’,” “Legs,” “Sleeping Bag,” “Stages,” “Rough Boy,” e “Velcro Fly.”

GOIN’ 50
si conclude con una selezione di canzoni registrate dal 1992 e il 2016 che vedono il ritorno della band alle radici blues che ispirarono tracce come “Pincushion,” “What’s Up With That,” “Rhythmeen,” e “I Gotsta Get Paid.” Gli ultimi due brani del cofanetto- versioni live di “Waitin’ For The Bus” e “Jesus Just Left Chicago”- sono estrapolate dall’ uscita più recente della band, Live Greatest Hits from Around the World (2016). .

fonte: Red&Blue Music Relations

----------------------------------------------------------------------------------------


:: ‘Roma Brucia – Quarant’anni di musica capitale’ di Federico Guglielmi

Roma Brucia è il primo libro di sempre dedicato al panorama rock (e dintorni) romano del passato e del presente: oltre duecento artisti trattati, centinaia di recensioni di dischi e concerti, interviste, fotografie. Dalla seconda metà degli anni ’70 il punk ha cambiato il volto del rock, creando una linea di demarcazione tra “prima” e “dopo”: nuovi stili, nuovi atteggiamenti e nuovi modi di proporsi al pubblico e sul mercato si sono affermati ovunque nel mondo con effetti ancora evidenti. In questo quadro anche Roma si è ritagliata un suo spazio, dando vita a centinaia di realtà significative che a volte hanno conquistato le luci dei riflettori e in altri casi sono rimaste più di culto: dal punk dei Bloody Riot al folk-rock de Il Muro del Canto, passando per il combat-rock della Banda Bassotti, il rap degli Assalti Frontali, la nuova canzone d’autore di Max Gazzè, Niccolò Fabi, Daniele Silvestri, Tiromancino e Riccardo Sinigallia, l’indie de I Cani, fino a band affermatesi pure all’estero come Zu e Giuda, la Capitale non ha mai mancato di offrire musica personale e di grande interesse.

Nei suoi oltre quattro decenni di attività giornalistica, Federico Guglielmi è stato testimone oculare e puntuale cronista di quanto accadeva nell'ambito della nuova musica nazionale, con migliaia di recensioni e centinaia tra approfondimenti e interviste. Un'ampia selezione di quanto da lui scritto a proposito delle tante scene che si sono avvicendate e sovrapposte a Roma è stato ora raccolto in questo libro prezioso per la quantità e la varietà del materiale, ma soprattutto perché costituito da testimonianze in massima parte contemporanee agli eventi e non ricostruite con il senno di poi.

L’autore: Federico Guglielmi, nato a Roma nel 1960, ha alle spalle quarant’anni di professione nel campo del giornalismo rock. Ha fondato e diretto il mensile Velvet e il trimestrale Mucchio Extra, è stato caporedattore e redattore de Il Mucchio Selvaggio, ha scritto per Rockerilla, Rumore, Rockstar e altre riviste. Da un paio di decenni è responsabile delle pagine musicali di AudioReview; inoltre, collabora stabilmente con Blow Up, Classic Rock, Vinile e Rai Isoradio. Ha pubblicato oltre venti libri, è stato conduttore/autore di varie trasmissioni radio della RAI tra le quali Stereonotte e Stereodrome, ha firmato la produzione artistica di ventidue dischi e tanto altro ancora. Il suo L’ultima Thule ha vinto l’Indie Blog Award per il miglior blog musicale nel 2014 e nel 2017.

fonte: Goodfellas

----------------------------------------------------------------------------------------


:: Cat Stevens: la ristampa di 'Back to Earth'

Nel 1978, dopo aver venduto milioni di dischi ed essere diventato uno dei più grandi artisti internazionali degli anni ’70, Cat Stevens ha deciso di uscire dai riflettori da rock star ed andare oltre. Lo stesso anno è uscito il suo ultimo album sotto quel nome. Giustamente intitolato Back To Earth, è stato il suo regalo di addio: un album che ha visto il cantante londinese salutare i suoi fan e allo stesso tempo spiegare la sua decisione di lasciare con canzoni come “Last Love Song” e “Just Another Night”. “Quello che succede dietro la facciata della celebrità o del palco può essere un vero e proprio mondo a sé stante”, dice ora, “e questo è quello che è stato la maggior parte delle volte. Ho mantenuto il mio buonsenso e ho tenuto gli occhi aperti.”

Giugno 2019 vedrà la ripubblicazione di Back To Earth su Cat-O-Log Records / BMG in vari formati, incluso un cofanetto deluxe che contiene l’album originale (rimasterizzato ad Abbey Road), insieme a demo, brani inediti e materiale del concerto per l’unicef del 1979 Year Of The Child, l’ultima esibizione dal vivo del cantante con il nome Cat Stevens. L’uscita segna l’inizio di una serie di ripubblicazioni ed edizioni speciali che copriranno l’intera carriera di Yusuf / Cat Stevens, che dura da cinque straordinarie decadi.

Dal punto di vista musicale, l’album era un mix tra lo stile delle ballate acustiche e la ricerca spirituale che ha reso il cantante una star a livello mondiale, assieme ad alcuni richiami un po’ più distanti degli anni in cui stava crescendo come Steven Demetre Georgiou nel West End londinese. Brani come ‘New York Times’ e ‘Randy’ richiamano su di lui l’influenza dei teatri di Londra e – dal momento che parte del disco è stata incisa a New York – Broadway. “C’era quest’altro mio lato che era una sorta di compositore di musical,” ricorda “amavo i musical ed ero circondato da loro dove vivevo. Quindi, avevo Bernstein nelle mie vene.” Atteso a lungo per una rivalutazione, Back To Earth è un album brillante ed affascinante che cattura Yusuf/Cat Stevens in un momento chiave della sua vita.

fonte: A Buzz Supreme

 




info@rootshighway.it