:: Menù
 



RootsHighway è membro ufficiale della Euro Americana Chart, la classifica dei dj e giornalisti europei sul mondo Americana/ Roots. Leggi la classifica completa su euroamericanachart.eu

 
 

IN USCITA: scorri l'elenco delle prossime uscite discografiche in campo Americana/ Roots/ Indie:

14 giugno
Hermanos Gutiérrez - Sonido Cósmico (Easy Eye Sound)
Oliver Wood - Fat Cat Silhouette (Honey Jar Records)
Annie Bacon & her Oshen – Storm (independent)
Jenny Don’t and the Spurs – Broken Hearted Blue (Fluff and Gravy Records)
Ryan David Green – Off and Running (independent)
Madeline Hawthorne – Tales From Late Nights & Long Drives (independent)
Michael Lawson – Tennessee River Shakedown (independent)
Jake Neuman & The Jaybirds – Little Bitty Town (Peacedale Records)
Grace Pettis – Down to the Letter (MPress Records)
David Serby – Low Hanging Stars (Blackbird Record Label)
Sugaray Rayford – Human Decency (Forty Below Records)
Surrender Hill – River of Tears (Blue Betty Records)

7 giugno
Keegan McInroe - Dusty Passports and Empty Beds (independent)
Tony Trischka- Earl Jam: A Tribute To Earl Scruggs (Down The Road Records)
Bonny Light Horseman – Keep Me on Your Mind/See You Free (Jagjaguwar Records)
Jesse Daniel – Countin’ The Miles (Die True Records)
Fantastic Cat – Now That’s What I Call Fantastic Cat (Missing Piece Records)
Robert Earl Keen – Western Chill (Scriptorium Rex Records)
Katie Knipp – Me (independent)
Nolen Sellwood – Cadence to the Flame (New Folk Records)
Parker Smith – Short Street (independent)
Quinn Sullivan – Salvation (Provogue Records)
Joanne Shaw Taylor – Heavy Soul (Journeyman Records)
Nichole Wagner – Plastic Flowers (Star Catcher Music)

31 maggio
Laurie Lewis - Trees (Spruce and Maple Music)
Swamp Dogg - Blackgrass: From West Virginia to 125th St (Oh Boy Records)
Various Artists Long - Distance Love – A Sweet Relief Tribute to Lowell George (Flatiron Recordings)
Jessie Baylin – Strawberry Wind (New West Records)
Jesse Dayton – The Hard Way Blues (Blue Elan Records)
The Infamous Stringdusters – Songs from the River (Americana Vibes)
The Gringo Pistoleros – The Rise And Subsequent Fall Of The Texas Alien (independent)
Jim Keller – Daylight (Orange Mountain Music)
Kirby Lyle – Down in Nashville – Songs from the Rounds (independent)
Curtis McMurtry – The Pollen & The Rot (independent)
David Myles – Devil Talking (Turtlemusik)
Willie Nelson – The Border (Legacy Recordings)
Noelle and the Deserters – High Desert Daydream (independent)
Richard Thompson – Ship to Shore (Yep Roc Records)
Anna Tivel – Living Thing (Fluff and Gravy Records)

24 maggio
Kim Richey - Every New Beginning (Yep Roc Records)
Stephanie Chapman – Under an August Sky (self-released)
Bronwyn Keith-Hynes – I Built a World (self-released)
Old Man Luedecke – She Told Me Where To Go (Outside Music)
Sweet Megg – Bluer Than Blue (Turtle Bay Records)

17 maggio
Kaia Kater - Strange Medicine (Free Dirt Records)
Little Feat - Sam’s Place (Hot Tomato Productions)
The Avett Brothers – The Avett Brothers (Ramseur Records/American Recordings)
Becky Buller – Jubilee (Dark Shadow Recording)
Dana Cooper – The Ghost of Tucumcari (self-released)
Ani DiFranco – Unprecedented Sh!t (Righteous Babe Records)
Tim Easton – Find Your Way (Black Mesa Records)
Ana Egge – Sharing In The Spirit (StorySound Records)
The Mavericks – Moon & Stars (Mono Mundo)
Don McLean – American Boys (BFD Records)
Ruth Moody – Wanderer (Blue Muse Records)
Pete Muller – More Love (independent)
John Oates – Reunion (Jasper Productions)
Rising Appalachia – Folk & Anchor (self-released)
Martha Spencer – Out in La La Land (Music Maker Records)
The Twins of Franklin – This Life (independent)
Christopher Weir – Ten Feet Tall (Edgewater Music Group)

10 maggio
Pokey LaFarge - Rhumba Country (New West Records)
Kelsey Waldon - There’s Always a Song (Oh Boy Records)
Wade Bowen – Flyin’ (Bowen Sounds)
Jared Deck – Head Above Water (independent)
Rick Estrin & The Nightcats – The Hits Keep Coming (Alligator Records)
Greensky Bluegrass – The Iceland Sessions (Big Blue Zoo Records)
Anya Hinkle – Oceana (Red Parlor Records)
Grant Langston – aLAbama (independent)
Abigail Lapell – Anniversary (Outside Music)
MorningBird – Echoes In The Meadow (MorningBird Records)
Orville Peck – Stampede Vol. 1 (Warner Bros Records)
RubyJoyful – The Pie Chart Of Love (independent)
Shannon & The Clams – The Moon Is In The Wrong Place (Easy Eye Sound)
John Shipe – Water This Dark (Involushun Records)

3 maggio
Adeem the Artist - Anniversary (Four Quarters Records)
Chris Smither - All About the Bones (Signature Sounds)
Calder Allen – Dreamers Drifters and Hiders (independent)
The Reverend Shawn Amos – Soul Brother No. 1 (Family Records)
Guy Clark – Truly Handmade Volume 1 (Truly Handmade Records)
Mac Cornish – Never Made Much of a Lover (independent)
Deep Dark Woods – Broadside Ballads Vol 3 (Victory Pool Records)
Jay Gavin – Road Ready (Good Time Charlie’s Records)
Will Kimbrough – For the Life of Me (Daphne Records)
Sarah Gayle Meech – Easin’ On (Good Timin’ Woman Records)
Ordinary Elephant – Ordinary Elephant (independent)
Emily Nenni – Drive & Cry (New West Records)
Tylor & the Train Robbers – Hum of the Road (independent)

26 aprile
Charley Crockett - $10 Cowboy (Son of Davy Records)
Chris BadNews Barnes – BadNews Travels Fast (Gulf Coast Records)
Iron & Wine – Light Verse (Sub Pop Records)
Cris Jacobs – One Of These Days (Soundly Music)
Pi Jacobs – Soldier On (Blackbird Record Label)
Lost Dog Street Band – Survived (independent)
Mark & Maggie O’Connor – Life After Life (Omac Records)
Anders Osborne – Picasso’s Villa (5th Ward Records)
Phoebe Rees – Bring In the Light (Strictly Country Records)
Lawrence Rothman – The Plow That Broke the Plains (KRO Records)
Gileah Taylor – Slow Parade (Velvet Blue Music)

19 aprile
The Brother Brothers - The January Album (Stumbling Rose Records)
T Bone Burnett - The Other Side (Verve Label Group)
Andrea & Mud – Institutionalized (independent)
Darin & Brooke Aldridge – Talk of the Town (Billy Blue Records)
The Bacon Brothers – Ballad Of The Brothers (Forty Below Records)
Barnstar! – Furious Kindness (independent)
Thomas Csorba – Windchimes (Standard Issue Records)
Wyatt Flores – Half Life (OEG Records)
Stephanie Lambring – Hypocrite (Almost Autonomous Records)
Heather Little – By Now (Need To Know Records)
Ann Savoy – Another Heart (Smithsonian Folkways)
The Stetson Family – The Stars, If You Look Closely (independent)
Various Artists – Live On Mountain Stage: Outlaws and Outliers (Oh Boy Records)

12 aprile
Will Hoge - Tenderhearted Boys (EDLO Records)
Various Artists - My Black Country: The Songs of Alice Randall (Oh Boy Records)
Diane Birch – Flying on Abraham (Topanga Creek Records)
Alex Harris – Back To Us (Shanachie Entertainment)
Mark Knopfler – One Deep River (British Grove)
Leyla McCalla – Sun Without the Heat (independent)
Misner And Smith – All Is Song (independent)
Moonsville Collective – A Hundred Highways (Rock Ridge Music)
Nicolette & The Nobodies – The Long Way (ArtHaus Music)
Connie Smith – Love, Prison, Wisdom and Heartaches (Fat Possum Records)
Louisa Stancioff – When We Were Looking (independent)
JM Stevens – Nowhere to Land (independent)
Aaron Lee Tasjan – Stellar Evolution (Blue Elan Records)
Emma Zeck – Eclipse (ZeckTone Records)

5 aprile
Larry Campbell and Teresa Williams - All This Time (The Royal Potato Family)
John Moreland - Visitor (Old Omens Records)
Cedric Burnside – Hill Country Love (Provogue Records)
Canned Heat – Finyl Vinyl (Ruf Records)
The Hawtthorns – Zero Gravity (Red Parlor Records)
Dustin Kensrue – Desert Dreaming (Vagrant Records)
Marcus King – Mood Swings (American Records)
Old 97’s – American Primitive (ATO Records)
Pernice Brothers – Who Will You Believe (New West Records)
Katie Pruitt – Mantras (Rounder Records)
The Real Sarahs & Alex De Grassi – Everything’s Changed (Tropo Records)
Zach Top – Cold Beer & Country Music (independent)

29 marzo
Alejandro Escovedo - Echo Dancing (Yep Roc Records)
The Secret Sisters - Mind Man Medicine (New West Records)
Scott Ballew – Rio Bravo (La Honda Records)
Scott H Biram – The One & Only Scott H. Biram (Bloodshot Records)
Kimmi Bitter – Old School (independent)
Domenic Cicala – Bitter Blues (Tortured Artist Records)
The Coal Men – Everett (Vaskaleedez Records)
Sue Foley – One Guitar Woman (Stony Plain Records)
Sarah King – When it All Goes Down (Ringleader Records)
Josh Langston – Tastes Like Sin (Dusty Road Records)
Sentimental Family Band – Sweethearts Only (Tomika Records)
Emily Triggs – The Great Escape (independent)
Sarah Shook and the Disarmers – Revelations (Abeyance Records)

22 marzo
Sierra Ferrell - Trail Of Flowers (Rounder Records)
Ted Russell Kamp - California Son (Blue Elan Records)
T Bear – The Way Of The World (Quarto Valley Records)
Cody Jinks – Change The Game (Late August Records)
Driftwood – December Last Call (independent)
Cary Hudson – Ole Blue (Old Trace Records)
Alex Jordan – Queen Kerosene (independent)
Adrianne Lenker – Bright Future (4AD Ltd)
Magic Tuber Stringband – Needlefall (Thrill Jockey Records)
Sam Morrow – On The Ride Here (Blu Elan Records)
Anna Moss – Amnesty (independent)
Aoife O’Donovan – All My Friends (Yep Roc Records)
Christian Parker – Change is Now: A Tribute to The Byrds (Edgewater Music Group)
Charlie Parr – Little Sun (Smithsonian Folkways Recordings)
The Wandering Hearts – Mother (Chrysalis Records)

15 marzo
Brew Davis - Brewgrass (Albino Crow Records)
Kelly Wills, Brennen Leigh, Melissa Carper - Wonder Women of Country (Bismeaux Records)
Armchair Boogie – Hard Times & Deadlines (independent)
Breezers – Hideaway (Blackbird Record Label)
Jesse Lynn Madera – Speed of Sound (Big Fat Dress Records)
Kacey Musgraves – Deeper Well (UMG Recordings)
Paper Wings – Listen to the World Spin (independent)
John Smith – The Living Kind (Commoner Records)
Adrian Sutherland – Precious Diamonds (independent)
Tucker Woods – Sunshine Blues (Pleasantville Records)
Waxahatchee – Tigers Blood (-Anti Records)

8 marzo
Joe Pug - Sketch of a Promised Departure (Nation of Heat Records)
Josh Fortenbery - No Such Thing as Forever (independent)
Lisa Bastoni – On The Water (independent)
The Dust-Ups – The Dust-Ups (independent)
The Hanging Stars – On a Golden Shore (Loose Music )
Sam Outlaw – Terra Cotta (independent)
Taj Mahal – Swingin’: Live at The Church in Tulsa (Lightning Rod Records)
Chip Taylor – Behind the Sky (Train Wreck Records)

1 marzo
Jonathan Peyton - Nothing Here’s the Same (independent)
Tom Rush - Gardens Old, Flowers New (Appleseed Records)
Claudia Gibson – The Fields Of Chazy (independent)
The Hello Darlins – The Alders and the Ashes (independent)
Kitchen Dwellers – Seven Devils (No Coincidence Records)
Rees Shad – The Galahad Blues (Shadville Music)
Shane Smith & the Saints – Norther (Geronimo West Records)
Bruce Sudano – Talkin’ Ugly Truth, Tellin’ Pretty Lies (Purple Heart Recording Co)

 



 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
Home page

 News   notizie, video, segnalazioni, classifiche


Video della settimana
: The Red Clay Strays - Wanna Be Loved



-------------------------------------------------------------------------------------------------


::
Steve Wynn - nuovo album solista il prossimo 30 agosto per Fire records

Make It Right’, nuovo album solista di Steve Wynn dei Dream Syndicate, uscirà il 30 agosto per Fire. Il nuovo lavoro solista del leader dei Dream Syndicate sarà accompagnato dall’uscita della sua autobografia ‘I Wouldn’t Say It If It Wasn’t True’, disponibile in inglese dal 30 Agosto. Il teaser di Make It Right

64 anni e non sentirli, Steve Wynn è uno dei massimi esponenti del movimento neo-psichedelico e i suoi Dream Syndicate un culto che dalla Los Angeles dei primi anni ’80 ha contagiato il resto del mondo con fantastici album alternative rock che hanno cambiato il corso della scena indipendente americana. Tra i tanti artisti e amici che hanno raggiunto Steve Wynn in studio per registrare Make It Right’ troveremo tra gli altri Mike Mills (R.E.M.), Vicki Peterson (The Bangles) e Chris Schlarb (Psychic Temple). Steve Wynn racconta di aver composto contemporaneamente musica e testi sia del nuovo album che della sua biografia e che analizzare e scrivere del suo passato lo ha aiutato a sviluppare un nuovo stile compositivo e l'ossatura del nuovo disco ‘Make It Right’.

fonte: Goodfellas

--------------------------------------------------------------------------------------------------


:: Oneida - il nuovo album ‘Expensive Air’ il prossimo 19 Luglio per Joyful Noise

Nuovo album per gli Oneida, la band americana pubblicherà ‘Expensive Air’ il 19 Luglio per Joyful Noise. Ascolta il primo singolo ‘Here It Comes’. Guarda il video di ‘Here It Comes

La band newyorchese ritorna in scena con il diciasettesimo album della propria carriera, a due anni di distanza dal precedente ‘Success’. Gli Oneida sono attivi dal 1997 e hanno inciso album per label di culto come Jagjaguwar e Joyful Noise, originari di Broklyn sono tra le realtà della scena indie-rock più rispettate a livello internazionale con album mai banali in cui psichedelia, krautrock, elettronica, noise dal gusto minimalista e un forte spirito punk la fanno da padrone.

Kid Millions, fondatore e leader della band di Brooklyn racconta: “Mi son ritrovato a pensare a questo disco come ad una versione più scura, rabbiosa e dilatata di ‘Success’. Quel disco era come farsi una risata mentre la macchina sta per finire dentro una tempesta di ghiaccio. ‘Expensive Air’ è invece il ghigno che si trasforma in paura mentre l’auto sta per schiantarsi in un fosso o contro un albero. Il viaggio è lo stesso, soltanto più vicino al punto d’impatto.” Due anni fa per il loro 25° anniversario gli Oneida erano tornati con un album adrenalinico, influenzato dalla scena kraut-rock degli anni ’70 e da quel torbido songwriting proto-punk che da MC5 e Velvet Undergound arriva fino ai Sonic Youth. ‘Expensive Air’ è il disco che tutti ci volevamo dagli Oneida, adrenalinico e potente, il miglior regalo per i fan di un band di culto come questa.

fonte: Goodfellas

--------------------------------------------------------------------------------------------------


:: Sly Stone - il memoir "Thank You (Falettinme Be Mice Elf Agin)", l'autobiografia di Sly Tone in libreria per Jimenez edizioni

Un memoir incredibilmente aperto e onesto per raccontare la carriera straordinaria e la vita caotica ed epica di uno dei più grandi geni della storia della musica pop e funk americana. Sly Stone racconta con allegria, senza risparmiare dettagli e senza vergogne, la sua ascesa in paradiso, la sua discesa all’inferno e il suo ritorno a terra.

Come frontman della band pop-rock-funk Sly and the Family Stone, autore di alcuni degli inni più memorabili degli anni Sessanta e Settanta (Everyday People, Family Affair, la stessa Thank You (Falettinme Be Mice Elf Agin)) e performer che ha elettrizzato il pubblico a Woodstock e altrove, l’influenza di Sly Stone sulla musica e sulla cultura moderna è indiscutibile. Ma per quanto la gente conosca la musica, l’uomo rimane un mistero. Dopo una rapida ascesa alla figura di superstar, Sly ha trascorso decenni nella morsa della dipendenza. Ora è pronto a raccontare gli alti e bassi della sua incredibile vita in questa autobiografia, dagli inizi della carriera come dj radiofonico e produttore discografico, passando per le vertiginose vette della scena musicale di San Francisco alla fine degli anni Sessanta, fino alla vita (e alla musica) più oscura e densa della Los Angeles degli anni Settanta e Ottanta. Ambientata su palcoscenici e ville, in compagnia della famiglia e di altre celebrità, è una storia di umanità imperfetta e di arte impeccabile. Scritto con Ben Greenman, che ha lavorato anche alle memorie di George Clinton e Brian Wilson e ad alcuni libri di Questlove, Thank You (Falettinme Be Mice Elf Agin) è un tour vivido, avvincente, a volte terrificante, attraverso la vita e la carriera di Sly. Come Sly, è onesto e giocoso, acuto e schietto, emotivo e analitico, sempre in movimento e mai domo.

SLY STONE - Nato in Texas e cresciuto in California, Sylvester Stewart, meglio conosciuto con il nome d’arte di Sly Stone, è un musicista, cantautore e produttore discografico che alla guida della formazione Sly and the Family Stone ha avuto un ruolo fondamentale nello sviluppo del funk con la sua pionieristica fusione di soul, rock, psichedelia e gospel negli anni Sessanta e Settanta. Oggi ha 81 anni.

fonte: Jimenez edizioni

--------------------------------------------------------------------------------------------------


:: Robert Vincent - il nuovo album in uscita il prossimo 21 Giugno per Thirty Tigers.

Barriers’, nuovo album del musicista inglese influenzato dall’Americana, dal folk e dal rock classico, uscirà il 21 Giugno per Thirty Tigers. Ascolta ‘The Insider’, nuovo singolo del cantautore di Liverpool. L’artista inglese ha condiviso un video con l’attore David Morrissey, il celebre Governor della serie TV The Walking Dead. Oltre al singolo ‘The Insider’ il nuovo album di Robert Vincent è stato anticipato dai brani ‘The Hard Way’, ‘Burden’ e ‘Follow What You Love and Love will Follow’.

The Insider’ è un brano che si appoggia al lato solenne dell'Americana e vede Robert Vincent mettere in discussione l'idea delle forze oscure e opprimenti che incombono nelle nostre vite. Al video dell’artista di Liverpool ha preso parte anche il celebre attore inglese David Morrissey, noto per il suo ruolo da antogonista nella serie tv The Walking Dead. “Quando Robert mi ha chiesto di partecipare al video di The Insider ho colto al volo l'occasione. È un grande talento ed è un privilegio far parte in qualche modo del suo nuovo album - ha aggiunto David "The Goveronr" Morrissey parlando del ruolo da protagonista nel video.” 'Barriers' è il primo album dal 2020 di Robert Vincent, seguito dell'ottimo ‘In this Town You're Owned’ che vinse l'AMA UK Award 2020 come best album.

fonte: Goodfellas

--------------------------------------------------------------------------------------------------

:: Lankum - un album dal vivo in uscita il prossimo 21 giugno per Rough Trade

I Lankum pubblicheranno l'album dal vivo 'Live in Dublin' in uscita il prossimo 21 giugno via Rough Trade records. Ascolta l'inedito ‘The Rocky Road to Dublin

Il loro quarto e ultimo album in studio False Lankum, universalmente acclamato, è stato nominato ai Mercury and Ivor Novello Awards, ha raccolto i riconoscimenti di Album Of The Year da parte di UNCUT, The Guardian, Loud & Quiet, The Quietus ed eccellenti recensioni da parte di MOJO, NPR, DIY, Crack, Songlines, Music OMH, The Line Of Best Fit, Louder Than War, The Skinny e numerosi altri media in tutto il mondo.

Rough Trade Records è lieta di annunciare la pubblicazione di Live in Dublin dei Lankum. Registrato in tre serate da tutto esaurito al Vicar Street di Dublino, l'album presenta i Lankum che eseguono diversi brani del loro catalogo, tra cui “The Rocky Road to Dublin”, che finora non è mai stato pubblicato ufficialmente. Disponibile ora come album in digitale arricchito da tre brani extra. L'edizione in vinile di “Live in Dublin” sarà pubblicata sia su vinile nero che su vinile colorato (oro) in edizione limitata.

fonte: Spin-Go

--------------------------------------------------------------------------------------------------


:: Crack Cloud - il nuovo album ‘Red Mile’ il prossimo 26 Luglio per Jagjaguwar

Il giovane collettivo art-punk canadese Crack Cloud pubblicherà il nuovo album ‘Red Mile’ il 26 Luglio per Jagjaguwar. Ascolta il primo singolo ‘’Blue Kite

Dopo aver raggiunto un discreto successo pubblicando autonomamente i propri dischi i Crack Cloud firmano per Jagjaguwar. La punk gang di Calgary, Canada, ha ricevuto critiche entusiastiche per l’ultimo album autoprodotto, ‘Tough Baby’ del 2022.

La band di Calgary, Canada, ha registrato il nuovo album tra la propria città e la gloriosa Joshua Tree in California, influenzata dalla wave e dal pop sofisticato degli anni ’80, ma anche dalla tradizione e dall'etica punk. Zach Choy dei Crack Cloud, deus ex machina del progetto, per il nuovo album dice di essersi ispirato alle sue radici cinesi, ai racconti di vita dei nonni sotto il regime di Mao e alla grandiosa maestosità del deserto del Mojave in cui i Crack Cloud stavano registrando il nuovo album.

fonte: Goodfellas

--------------------------------------------------------------------------------------------------


:: Cassandra Jenkins - il nuovo album il prossimo 12 Luglio per Dead Oceans

My Light, My Destroyer’, terzo lavoro in studio di Cassandra Jenkins, arriva a due anni e mezzo di distanza dal grande successo ottenuto da ‘An Overview On Phenomenal Nature’, entrato nella classifica dei migliori album dell'anno di Pitchfork e del Guardian. Il nuovo album della cantautrice di Brooklyn è stato prodotto da Andrew Lappin con la collaborazione di musicisti del calibro di El Kempner dei Palehound, Meg Duffy degli Hand Habits, Daniel McDowell, Isaac Eiger, Katie Von Schleicher, Zoë Brecher, Josh Kaufman e Stephanie Marziano. Guarda il video di 'Only One'

Cassandra Jenkins ha pubblicato l'omonimo EP d’esordio nel 2013 e il primo album ‘Play Till You Win’ nel 2017, ricevendo recensioni entusiastiche. Il suo secondo album ‘An Overview on Phenomenal Nature’, prodotto da Josh Kaufmann dei Bonny Light Horseman, nel 2021 ha fatto di lei un’artista da seguire, ammirata dalla critica e con una forte fanbase che cresceva di settimana in settimana. Nel corso del 2022 Cassandra Jenkins ha aperto le date del tour inglese di Mitski.

fonte: Goodfellas

--------------------------------------------------------------------------------------------------


:: Emir & His Band - 'Honky Tonk Fever', il primo singolo dall'album "Electric Honky Tonk"

Da venerdì 19 aprile è disponibile nelle radio e in tutti i digital stores il nuovo singolo con videoclip di ‘Honky Tonk Fever’, il primo estratto dall’album ‘Electric Honky Tonk’.

Emir & His Band è una realtà italiana consolidata nell’ambito dell’american music che si muove tra honky tonk, swing e country, elementi fondanti delle sonorità americane degli anni ’50. La genuinità di Emir Trerè e la sua band si manifesta già al primo ascolto, dove emerge la padronanza del tipico linguaggio della musica statunitense, propria del profondo Sud dove country music e blues hanno avuto la loro fusione per dar vita al rock’n’roll. Un sound maturo che ha preso forma nei tanti viaggi che Emir ha fatto negli USA, tra Tennessee, Texas e California, dove ha potuto carpire i “trucchi del mestiere” dai grandi guitar pickers incontrati e con i quali, spesso, ha avuto l’onore di condividere il palco.

Honky Tonk Fever’ è una composizione originale che rappresenta pienamente l’anima della band bolognese Emir & His Band, che annuncia: «Honky Tonk Fever racconta una tipica serata americana che quando inizia sei già triste, perché sai che finirà» e «l’ispirazione arriva dall’atmosfera che si respira all’American Legion Post 82 di Nashville, tra cordialità, lustrini, balli e fiumi di birra.». Il brano è estratto dal recente album ‘Electric Honky Tonk’, compendio di una serie di passioni iniziate con l’ascolto giovanile della colonna sonora del film “Un pugno di dollari”, composta da Ennio Morricone. Lo swing e la Country music degli anni ’50 e ‘60, il boogie e il rock’n’roll sono l’anima di questo album che suona vintage come fosse stato registrato nei celebri studi della RCA di Nashville, e non in quelli di Roberto Villa a Forlì. ‘Electric Honky Tonk’ si compone di dieci tracce, tre delle quali uscite dalla penna di Emir, mentre le restanti cover si possono definire “out of the box”, ovvero canzoni per nulla celebri e da classifica ma molto rappresentative di un suono che il terzetto ha voluto far suo.

fonte: AZ Blues

--------------------------------------------------------------------------------------------------


::
Aaron Frazer
- il nuovo album ‘Into The Blue’ il prossimo 28 Giugno per Dead Oceans

Aaron Frazer, cantante e batterista dal gusto incredibile torna con il suo secondo album solista, influenzato da soul, psychedelia, spaghetti western, disco, gospel e hip-hop. Il nuovo album del batterista e corista dei Durand Jones & The Indications è stato anticipato dalla nuova ‘Payback’ e dalla titletrack ‘Into The Blue’.

Into The Blue’ arriva a 3 anni dal clamoroso successo del suo album d'esordio ‘Introducing …’, capace di entrare nelle principali chart di vendita e radiofoniche internazionali grazie ai singoli ‘Over You’ e ‘If I Got It (Your Love Brought It)’. Into the Blue è un’audace miscela di soul, psichedelia, spaghetti western, disco, gospel e hip-hop, che rappresenta l’incredibile talento di Aaron Frazer. "È il ritratto più chiaro di chi sono come artista” racconta l’artista dell'album che lo vede mantenere l'inconfondibile voce in falsetto e la scrittura vintage per cui è noto, ma stavolta con una mentalità di stampo hip-hop, intrecciando generi e tecniche di produzione. Il nuovo album di Aaron è nato dopo la fine di una lunga relazione, che ha portato l’artista a trasferirsi da Brooklyn a Los Angeles e ad intraprendere un viaggio interiore che si riflette nei temi del dolore, della solitudine e della ricerca di guarigione della musica.

Il nuovo album è caratterizzato da arrangiamenti imponenti, che ricordano David Axelrod ed Ennio Merricone, ma bilanciato da un’etica DIY con registrazioni iPhone e voci in presa diretta. Per ‘Into The Blue’ Aaron Frazer ha arruolato il vincitore del Grammy Alex Goose come co-produttore dell'album, noto per i suoi campioni e le collaborazioni con artisti hip-hop come Freddie Gibbs, Madlib e Brockhampton. Frazer ha anche sperimentato l’utilizzo dei campioni, attingendo da fonti inaspettate come il gruppo r&b degli anni '90 Hi-Five. Il primo singolo ‘Payback’ è un'esplosiva gemma tutta da ballare, con ritmiche northern soul, chitarre fuzz e una trascinante linea di basso che sfreccia fino all’epica conclusione del brano. “Payback parla di karma - afferma Aaron Frazer. Quando fai un torto a qualcuno, in amore o nella vita, ti si torce contro e non importa quanto cerchi di scappare.”

Nato nel 1991 a Baltimora, Maryland, Frazer ha iniziato a suonare la batteria all'età di nove anni ed è cresciuto ascoltando ‘Big Willie Style’ di Will Smith (1997) e ‘Hard Knock Life’ di Jay-Z (1998). "Ho imparato a suonare la batteria studiando il rock classico, ma il mio stile si è sviluppato con le ritmiche di 'Reasonable Doubt' di Jay-Z, 'Illmatic' di Nas e ‘The Tipping Point’ dei Roots.” Nel 2021, Frazer ha pubblicato ‘Introducing…’, il suo esordio solista, registrato con l’aiuto del chitarrista dei Black Keys Dan Auerbach. Ora, dice Frazer, “sono entusiasta di continuare a infrangere alcune delle aspettative su cosa esattamente dovrei essere, artisticamente e musicalmente”.

fonte: Goodfellas

--------------------------------------------------------------------------------------------------


::
Dirty Three - il nuovo album del trio, 'Love Changes Everything', dal prossimo 28 giugno per Bella Union

Il leggendario trio strumentale Dirty Three (Warren Ellis, Mick Turner and Jim White) oggi annuncia il nuovo album Love Changes Everything, in uscita il 28 giugno su Bella Union e disponibile per il pre-ordine QUI. Riemersi ancora una volta dale onde incessanti che si infrangono sulla nostre fragile nave del tempo (alla deriva nell’oceano eterno e che sta imbarcando acqua), i Dirty Three sono a) tornati, b) impigliati nelle alghe, sporchi e con tre sguardi minacciosi visibili a chilometri di distanza e c) non perdono un altro minuto perché niente è garantito. Per il loro primo album in oltre dieci (sono passati 12 anni da Toward the Low Sun del 2012), hanno preso un volo, si sono riuniti e hanno cominciato a suonare. Fine della storia. Che altro c’è da dire o fare se non questo? La musica è il loro linguaggio, il loro vero amore; non smettono mai di ascoltare. E come dice il titolo, Love Changes Everything.

Il primo singolo intitolato “Love changes everything I”, arriva a riva con un video musicale di Anna White. Un saluto a sei mani al mondo da dove sono emersi i Dirty Three, “Love changes everything I” apre il nuovo album in una tempesta furiosa: il sole splende sui bordi affilati della viola di Warren Ellis e cavalca le evoluzioni della chitarra di Mick Turner e della batteria di Jim White. La potenza del power trio batteria-chitarra-violino-o-viola è rimasta intatta negli anni.

Dirty Three si sono formati a Melbourne nel 1992 e nel giro di un paio di anni sono usciti dall’Australia e diventati globali. Nei dieci anni successive hanno fatto tour in tutto il pianeta, inciso sette album e si sono separati per unirsi in altre collaborazioni con una miriade di stimati artisti (Nick Cave, Cat Power, Bonnie “Prince” Billy, PJ Harvey, Nina Nastasia). Negli ultimi 20 anni, si sono riuniti alcune volte per rinnovare i voti, riaccendere i motori, suonare a qualche concerto o realizzare un album. Come per Love Changes Everything, un album che sgorga con la limpidezza dell’acqua di sorgente e cede il passo a fangosi zampilli di distorsione, chitarre sporche, sbavature di violin e a una batteria pestata a volte oltre la capacità di ricezione dei microfoni.

fonte: Spingo





info@rootshighway.it