:: Menù
 



RootsHighway è membro ufficiale della Euro Americana Chart, la classifica dei dj e giornalisti europei sul mondo Americana/ Roots. Leggi la classifica completa su euroamericanachart.eu

Maggio 2020 (top 5)
1. Lucinda Williams, Good Souls Better Angels
2. Pokey LaFarge, Rock Bottom Rhapsody
3. American Aquarium, Lamentations
4. Eliza Gilkyson, 2020
5. Ben Reel, The Nashville Calling

 
 

IN USCITA: scorri l'elenco delle prossime uscite discografiche in campo Americana/ Roots/ Indie:

8 maggio
David Myles - Leave Tonight (Little Tiny Records)
David Haerle – Death Valley (Edendale Records)
Joe Nolan – Drifters (Fallen Tree Records)
Sylvia Rose Novak – Bad Luck (Due South Records)
Randy Rogers & Wade Bowen – Hold My Beer Vol. 2 (Lil’ Buddy Tunes)
John Stewart – Old Forgotten Altars: The 1960s Demos (Omnivore Recordings)
Will Stewart – Way Gone (Cornelius Chapel Records)
Chelsea Williams – Beautiful and Strange (Blue Elan Records)

1 maggio
American Aquarium - Lamentations (New West Records)
James Hyland Western (self-released)
Devil Doll – Lover & A Fighter (Lucky Bluebird Records)
Steve Forbert – Early Morning Rain (Blue Rose Music)
Damien Jurado – What’s New, Tomboy? (Mama Bird Recording Co.)
Elijah Ocean – Blue Jeans & Barstools (self-released)
The Rad Trads – 99 in October (Wombat Squad Records)

24 aprile
Chatham County Line - Strange Fascination (Yep Roc Records)
Lucinda Williams - Good Souls Better Angels (Highway 20 Records)
Jeff Crosby – North Star (self-released)
Roger Street Friedman – Rise (Playroom Records/Rock Ridge Music)
Kyle Lalone – Somewhere in Between (self-released)
The Lowest Pair – The Perfect Plan (Delicata Records)
New Riders of the Purple Sage – Field Trip (Omnivore Recordings)
Aoife O’Donovan – Bull Frogs Croon (and Other Songs) (Yep Roc Records)
Whitney Rose – We Still Go to Rodeos (MCG Recordings)
Darrell Scott – Darrell Scott Sings the Blues of Hank Williams (Full Light Records)
Steve Thomas & The Time Machine – All Of These Years (Pinecastle Records)
Pam Tillis – Looking for a Feeling (Stellar Cat Records)
Casey Van Beek & The Tulsa Groove – Heaven Bound (Little Village Foundation)
Water Tower – Fly Around (Dutch Records)

17 aprile
Paul Burch - Light Sensitive (Plowboy Records)
The White Buffalo - On The Widow’s Walk (Snakefarm Records)
Bobby Bare – Great American Saturday Night (RCA/Legacy)
Ben Bostick – Among the Faceless Crowd (self-released)
David Bromberg Band – Big Road (Red House Records)
Joe Ely – Love in the Midst of Mayhem (Rack ‘Em records)
Jack Grelle – If Not Forever (self-released)
Harrow Fair – Sins We Made (Roaring Girl Records)
Shelby Lynne – Shelby Lynne (Everso Records)
Alec Lytle & Them Rounders – The Remains of Sunday (Four Acre Records)
Scarlet Rivera – All Of Me (Bright Sun Records)
Crystal Shawanda – Church House Blues (True North Records)
Eric Selby – Do, Baby (Soul Stew Records)
Whitacre – Seasons (self-released)

10 aprile
John Anderson - Years (BMG Music)
Eliza Gilkyson - 2020 (Red House Records)
Pokey LaFarge - Rock Bottom Rhapsody (New West Records)
Wu Fei & Abigail Washburn – Wu Fei & Abigail Washburn (Smithsonian Folkways Recordings)
Phoebe Hunt – Neither Of Us Is Wrong (self released)
Jess Jocoy – Such A Long Way (self released)
Nathan Kalish – Songs for Nobody (Winter Wildfires Music)
Watkins Family Hour – Brother Sister (Family Hour Records)
Webb Wilder – Night Without Love (Landslide Records)

3 aprile
Logan Ledger - Logan Ledger (Rounder Records)
Western Centuries - Call The Captain (Free Dirt Records)
Ezra Bell – This Way to Oblivion (Dutch Records)
Andy Brasher – Myna Bird (self-released)
Caleb Caudle – Better Hurry Up (Baldwin County Public Records)
Marshall Chapman – Songs I Can’t Live Without (Tallgirl Records)
Ruthie Collins – Cold Comfort (Sidewalk Records)
James Elkington – Ever-Roving Eye (Paradise of Bachelors Records)
Steve Goodman – Live ’69 (Omnivore Recordings)
Parsonsfield – Happy Hour On The Floor (Signature Sounds Recordings)
The Roseline – Good/Grief (Alt-Country Club)
Slow Leaves – Shelf Life (Birthday Cake Media)

27 marzo
Mark Erelli - Blindsided (Soundly Music)
100 Mile House – Love and Leave You (Fallen Tree Records)
Jesse Daniel – Rollin’ On (Die True Records)
Brian Fallon – Local Honey (Lesser Known Records)
Lilly Hiatt – Walking Proof (New West Records)
Brett James – I Am Now (Label Logic)
Thomm Jutz – To Live in Two Worlds, Vol. 1 (Crossroads Label Group)
Eric Long – Looking Up (self-released)
Mustangs of the West – Time (Blue Élan Records)
Lukas Nelson and Promise of the Real – Naked Garden (Fantasy Records)
Sarah Peacock – Burn the Witch (Road Dog Enterprises)
Jared Rabin – No Direction (Golden Twine Music)
Ben Reel – The Nashville Calling (B.Reel Records)
Kim Richey – A Long Way Back: The Songs of Glimmer (Yep Roc Records)
Saints Eleven – This Town (self-released)
Clem Snide – Forever Just Beyond (Ramseur Records)
The Tender Things – How You Make a Fool (Spaceflight Records)

20 marzo
Fireside Collective Elements (Mountain Home Music Company)
Mapache From Liberty Street (Yep Roc Records)
Mike Mattison – Afterglow ( Landslide Records) Chris Moyse – Bitter Ballads & Cynical Prayers (self-released) Carla Olson – Have Harmony Will Travel 2 (Sunset Blvd. Records)

13 marzo
Sam Doores - Sam Doores (New West Records)
Dave Simonett - Red Tail (Dancing Eagle Records)
Ayla Brook & The Sound Men – Desolation Sounds (Fallen Tree Records)
Maya de Vitry – How to Break a Fall (Mad Maker Studio)
Early James – Singing for My Supper (Easy Eye Sound/Nonesuch)
Gabe Lee – Honky Tonk Hell (Torrez Music Group)
Roomful of Blues – In A Roomful of Blues (Alligator Records)

6 marzo
The Mastersons - No Time For Love Songs (Red House Records)
Swamp Dogg - Sorry You Couldn’t Make It (Joyful Noise Recordings)
Danny Barnes – Man on Fire (ATO Records)
KaiL Baxley – Beneath The Bones (Antif/Fagile Music)
Brandy Clark – Your Life is a Record (Warner Records)
Chad Harvey – Run from the Sound (Indie 500 Records)
James Hunter Six – Nick of Time (Daptone Records)
Sam Lewis – Solo (Loversity Records) Kate Mills – Each Bittersweet Drop (self-released)
The Panhandlers – The Panhandlers (Motel Time Music/The Next Waltz)
Caroline Rose – Superstar (New West Records)
Will Sexton – Don’t Walk the Darkness (Big Legal Mess Records)
Sadler Vaden – Anybody Out There? (Dirty Mag Records)
Jonathan Wilson – Dixie Blur (BMG Music Group)

28 febbraio
The Secret Sisters - Saturn Return (New West Records)
The Waco Brothers - Resist (Bloodshot Records)
Taylor Ashton – The Romantic (Signature Sounds Recordings)
Jann Browne – Arrow (Plan B Records)
Robert Cray Band – That’s What I Heard (Nozzle Records)
Brew Davis – Another Scarecrow Learning How to Fly (Hellbender Records)
Kristen Englenz – Ingenue (Saturn 5 Records)
Dom Flemons – Prospect Hill: The American Songster Omnibus (Omnivore Recordings)
Sierra Hull – 25 Trips (Rounder Records)
Avi Kaplan – I’ll Get By (Sequoia Summit/Fantasy Records)
Callie McCullough – After Midnight (self-released)
Sunny Ozell – Overnight Lows (Chitin Records)
White Owl Red – Afterglow (Hush Mouse Records)

21 febbraio
Sonny Landreth - Blacktop Run (Provogue Records)
Dale Ann Bradley & Tina Adair – Oh Darlin’ (Pinecastle Records)
Cindy Cashdollar – Waltz for Abilene (Silver Shot Records)
Rose Cousins – Bravado (Outside Music)
Nathan Evans Fox – Kindness (independent)
Sarah Harmer – Are You Gone (Arts & Crafts Productions)
Ismay – Songs of Sonoma Mountain (Fast Atmosphere/Ismay Music)
Katie Pruitt – Expectations (Rounder Records)
David Starr – Beauty & Ruin (independent)
Nora Jane Struthers – Bright Lights, Long Drives, First Words (independent)
Sweet Lizzy Project –Technicolor (Mono Mundo Recordings)
Letitia VanSant – Circadian (independent)

14 febbraio
Michael Doucet - Lâcher Prise (Compass Records)
Tami Neilson - Chickaboom! (Outside Music)
The Third Mind - The Third Mind (Yep Roc Records)
The Ballroom Thieves – Unlovely (Nettwerk Records)
Albert Cummings – Believe (Provogue Records)
Pi Jacobs – Two Truths And A Lie (Travianna Records)
Kerry Hart – I Know A Gun (Antifragile Music)
Phil Madeira – Open Heart (Mercyland Records)
Grant Peeples – Bad Wife (independent)
Puss N Boots – Sister (Blue Note Records)
Nathaniel Rateliff – And It’s Still Alright (Stax/Concord Records)
Caitlin Sherman – Death to the Damsel (Small Batch Records)
Robert Vincent – In This Town You’re Owned (Robert Vincent Music)



 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
Home page


 News   notizie, video, segnalazioni, classifiche


Video della settimana:
Jackson Browne, Downhill from Everywhere

In occasione della Giornata Mondiale della Terra, mercoledì 22 aprile 2020, è uscito “Downhill from Everywhere”, nuovo singolo di Jackson Browne che, insieme al precedente “A Little Soon to Say”, farà parte di un EP in uscita il 29 Maggio. Entrambi i brani saranno poi anche inseriti nell’album che uscirà nell’autunno 2020. La canzone sarà inserita nel documentario “The Story of Plastic” in uscita sempre il 22 Aprile su Discovery Channel e di cui Browne è anche uno dei produttori esecutivi. Il film offre un ampio sguardo verso la crisi dell’inquinamento della plastica causata dall’uomo e l’effetto mondiale che questo ha sulla salute del nostro Pianeta e di chi lo abita. Lo stesso cantautore - noto da sempre per il suo impegno nei confronti dell’ambiente - è un membro del comitato consultivo esecutivo del Plastic Pollution Coalition, una coalizione che si batte per un futuro senza plastica.


-----------------------------------------------------------------------------------------


:: Jason Molina - nuovo album postumo per Secretly Canadian dal 7 agosto

Eight Gates’ è il nuovo album postumo di Jason Molina, leggendario autore dalla scena indie rock americana scomparso nel 2013. L'album uscirà il 7 agosto per Secretly Canadian, label che ha pubblicato tutti i progetti di Jason Molina, tra cui i dischi a nome Songs:Ohia e dei Magnolia Electric Co.

Eight Gates’ è l’ultima collezione di brani in solo che Jason Molina ha registrato prima di morire nel 2013 per complicazioni legate all’alcolismo. Tra il 2006 e il 2007 Jasono si era trasferito a Londra per un breve periodo, separato da amici e compagni di band aveva deciso di esplorare un nuovo mondo e una nuova città. Quando Molina venne a sapere della storia dei sette cancelli di Londra (i sette ingressi della vecchia Londra) creò una porta solo per lui. L’ottavo cancello era l’ingresso di Jason a Londra, una porta virtuale e personale. Nel 2008 Molina si imbarcò in un solitario tour europeo e durante le date italiane disse di essere stato morso da un raro ragno velenoso. Nessun medico confermò il morso, ma Jason ne era sicuro e si rinchiuse in casa a Londra curandosi da solo con pillole antivirali che lo debilitarono per un lungo periodo. Durante il suo isolamento londinese Jason Molina scrisse i brano di ‘Eight Gate’. Nel disco sono presenti i versi di alcuni pappagalli verdi che andavano a trovarlo nei giardino di casa, simili a quelli che si racconta Jimi Hendrix abbia liberato a Londra negli anni ’60. ‘Eight Gate’ è stato registrato nel periodo del presunto morso di ragno e dei parrocchetti volanti di Jimi Hendrix, un album dal mood oscuro e lisergico e dal sound minimale, ma che rappresenta un periodo molto creativo della carriera di Jason Molina e ci da la possibilità di riascoltare la voce e il tocco unico di un grande protagonista della scena indipendente americana.

Ascolta Shadow Answers the Wall, estratto da ‘Eight Gates’: www.youtube.com/watch?v=xZLrnk0h8nE

Fonte: Goodfellas

----------------------------------------------------------------------------------------


:: Tyler Keevil - Poncho e Lefty, in libreria da maggio 2020 per Jimenez edizioni

Un’avventura sconfinata come il cielo delle praterie, narrata nello spirito di Mark Twain; un romanzo che sembra scritto da Cormac McCarthy e Hunter S. Thompson messi insieme: epico, toccante e divertente.

Tim Harding si è sempre guadagnato da vivere con lavori onesti, ma quando suo fratello minore, Jake, lo trascina via dal porto di Vancouver, Tim capisce subito che il vento sta girando, portando aria di problemi. Jake è un vagabondo, un sognatore, un ex detenuto, e ora ha bisogno del suo aiuto per ripagare il debito contratto con una pericolosa gang. È così che Tim e Jake – Poncho e Lefty, come si chiamano tra loro evocando il quasi omonimo brano di Townes Van Zandt – si trovano coinvolti in un furto imprevedibile, che li porta oltre il confine del Canada verso gli Stati Uniti, in un viaggio via terra e via mare che li rende criminali ricercati in entrambi gli stati e involontari eroi della Rete. Nella loro rocambolesca odissea tutto quello che poteva andare male va anche peggio, ma lo sguardo divertito della voce narrante, la voce di Tim/Poncho, ci impedisce di credere che il peggio possa sconfinare nel disastro. Mentre i due si barcamenano per sfuggire alla Legge, però, non c’è via di fuga dai fantasmi del tragico passato della loro famiglia, né da cosa – e da chi – li aspetta alla fine del viaggio. Poncho e Lefty è un inno alla famiglia e alla fedeltà tra fratelli; una storia di avventure, amore e perdita, che ricorda tanto i romanzi di Elmore Leonard – per quel modo scanzonato di raccontare le vicende di malviventi poco fortunati – quanto i personaggi di Mark Twain o John Steinbeck; una meditazione sulle cose che possiamo cambiare e quelle che possiamo solo imparare ad amare e accettare incondizionatamente.

L'autore
Originario di Vancouver, Canada, ha scritto romanzi, racconti, saggi e sceneggiature, e nel frattempo ha svolto anche i mestieri più disparati: piantatore di alberi nella Columbia Britannica, mozzo su una chiatta rompighiaccio, impieghi in cantieri navali, fabbriche, ristoranti, panifici e videonoleggi. Tutte esperienze che lo hanno ispirato nelle sue storie. Oggi vive con la moglie e i figli nel Galles del Sud, dove insegna alla Cardiff University. È l’autore più volte premiato dei romanzi Fireball (2010) e The Drive (2013), e della raccolta di racconti Burrard Inlet (2014).

fonte: Jimenez

----------------------------------------------------------------------------------------


:: David Crosby - BMG ristampa i due album in studio del progetto CPR e due album live

Dopo aver fatto parte di due dei gruppi più fondamentali del rock & roll (rispettivamente Byrds e Crosby, Stills & Nash) e dopo quattro anni trascorsi fuori dalle scene a causa di un trapianto di fegato che gli salvò la vita, David Crosby ha incanalato la frustrazione creativa che provava in quel periodo, nell'album omonimo di debutto del progetto CPR del 1998. Insieme al noto chitarrista Jeff Pevar e al figlio James Raymond che Crosby aveva da poco ritrovato, il trio ha creato un rock intelligente, inebriante, contaminato dal jazz, che ha mostrato le loro straordinarie capacità armoniche. Tre anni dopo è uscito Just Like Gravity (2001), l'album in cui il suono del trio trovò la sua maturazione. Il 15 Maggio la BMG ristamperà CPR, Just Like Gravity e i due album live del gruppo, Live at Cuesta College e Live at the Wiltern. Tutti e quattro gli album saranno disponibili in digitale e CPR e Just Like Gravity saranno disponibili anche su CD il 31 luglio, con note di copertina scritte da Steve Silberman, il premiato scrittore che con Crosby ha realizzato quest'anno l'illuminante podcast Freak Flag Flying.

Sempre in tour con CSN, ma come dice Crosby semplicemente "accendendo le macchine del fumo e suonando le hit", il due volte rock & roll hall of fame voleva un progetto per sbloccare la sua creatività ancora in fermento. Dopo aver incontrato Raymond per la prima volta poco dopo il suo trapianto di fegato, la coppia scoprì una chimica creativa inaspettata. Hanno, quindi, iniziato a scrivere canzoni e, dopo aver reclutato Pevar, hanno formato i CPR. Dopo una serie di tour di successo, sono tornati in studio per registrare Just Like Gravity. L'attitudine e la consapevolezza di Crosby nel collaborare con artisti più giovani per alimentare i suoi fuochi creativi, evidenziata da Croz del 2014, Lighthouse del 2016, Sky Trails del 2017 e Here If You Listen del 2018, può essere davvero ricondotta al progetto con Raymond e Pevar in CPR.

I CPR hanno anticipato l'acclamato album di Crosby. Sky Trails e lo spirito dell'incredibile live band ancora con Pevar e Raymond che ne è nata. Spin ha definito Sky Trails come "l'album solista più vario e sonoramente lussureggiante dal punto di vista stilistico di Crosby", mentre la Associated Press l'ha definito "un'ottima raccolta di brani". Per molti versi, CPR e Just Like Gravity sono stati album in controtendenza rispetto a quello che era popolare nel rock di quei tempi: CPR si scontrò con l'ondata nu-metal della fine degli anni '90 e Just Like Gravity uscii in pieno "revival rock" di inizio secolo ad opera di band come Strokes e White Stripes. Crosby, Pevar e Raymond non stavano inseguendo la moda del momento o cercando di ricreare la vecchia gloria, seguivano semplicemente la loro musa, al diavolo le tendenze.

Come dice Silberman nelle note di copertina per la ristampa di Just Like Gravity "CPR e Just Like Gravity sono stati due dei dischi più potenti e personali che Crosby ha inciso nella sua celebre carriera, ma sono volati fuori dai radar della maggior parte dei critici e sono andati rapidamente fuori stampa. Le lezioni che Crosby ha imparato in questo processo creativo, tuttavia, hanno reso possibili successive scoperte collaborative come Croz, Sky Trails, Lighthouse e Here If You Listen. Lontano dall'essere finito a quel punto, il suo lavoro migliore era ancora una volta davanti a lui".

fonte: A Buzz Supremei.

----------------------------------------------------------------------------------------


:: Marc Bolan - AngelHeaded Hipster: The Songs Of Marc Bolan and T.Rex dal 4 settembre

BMG annuncia l'uscita di uno straordinario album tributo a uno dei più grandi artisti britannici di tutti i tempi, Marc Bolan. Marc è stato da sempre citato come una delle maggiori influenze da alcuni dei più grandi nomi della musica da David Bowie a Johnny Marr. L'epoca d'oro di Bolan risale tra la fine degli anni Sessanta ed i Settanta, quando era l'artista più venduto dopo i Beatles, oltre ad essere star del cinema e la scintilla dietro la scena Glam Rock. Morì nel 1977 a soli 29 anni, dopo un incidente d'auto a Barnes, Londra, ma la sua reputazione negli anni è solo cresciuta.

Nell'anno in cui Marc sarà inserito nella Rock n Roll Hall Of Fame e a 50 anni dal primo singolo e album dei T.Rex, illustri fan si sono riuniti per rendergli omaggio e per sostenere il suo posto tra i grandi della musica. Per "AngelHeaded Hipster", grandi star tra cui Elton John, U2, Joan Jett, Nick Cave, Peaches e Marc Almond hanno reinterpretato e rivisitato alcuni dei suoi più grandi brani tra cui Jeepster, Bang A Gong (Get It On) e Ride A White Swan. L'album è stato realizzato sotto la direzione di Hal Willner, un veterano con la fama di saper creare l'alchimia con i diversi artisti con cui ha collaborato, che purtroppo ci ha lasciato il 7 aprile colpito da Covid-19, una scomparsa che ha generato dietro di sé una serie infinita di affettuosi omaggi da parte di tutti coloro che hanno lavorato con lui e lo hanno conosciuto. È stato il produttore degli sketch musicali del Saturday Night Live per diversi decenni e ha prodotto album per artisti come Marianne Faithfull, Lou Reed, Bill Frisell, Lucinda Williams, Allen Ginsberg, William S. Burroughs, tra gli altri.

Willner ha lavorato su AngelHeaded Hipster per diversi anni, con session attraverso i continenti, da New York, Los Angeles e New Orleans a Londra, Parigi e Berlino. L'album presenta ospiti speciali come Donald Fagen, Mike Garson, Bill Frisell, Wayne Kramer, Van Dyke Parks e Marc Ribot, con arrangiamenti di Thomas Bartlett, Steven Bernstein, Eli Brueggemann, J.G. Thirlwell e Steve Weisberg. Ogni brano rivela un Marc diverso e offre un omaggio unico al musicista, scrittore, poeta e compositore poliedrico.

Esce in anteprima Cosmic Dancer di Nick Cave, che esplora il cuore di una canzone che racconta la nascita creativa di Bolan, mentre si interroga sul suo essere mortale, un artista che parla a un altro attraverso le generazioni.

fonte: A Buzz Supreme

----------------------------------------------------------------------------------------


:: Rolling Blackouts Coastal Fever - “Sideways To New Italy” il prossimo 5 Giugno su Sub Pop Records/Audioglobe.

Quando si rimane lontani da casa per molto tempo anche le cose più familiari iniziano a sembraci estranee. Cosi, per i Rolling Blackouts Coastal Fever, dopo mesi passati guardando il mondo dagli oblo degli aerei e dai finestrini dei tour bus, ritornare a Melbourne è stato come uno shock. Il loro secondo album, Sideways to New Italy (Sub Pop), vede la band interrogarsi sul suo passato e sui luoghi che li hanno visti crescere. Riposizionando le tessere di un puzzle andato in frantumi sono riusciti a creare una nuova casa, che è ovunque essi siano.

I tre chitarristi e cantautori Tom Russo, Joe White e Fran Keaney, coadiuvati dal bassista Joe Russo e dal batterista Marcel Tussie, dopo aver terminato un periodo di intensi concerti per promuovere il loro primo album Hope Downs, hanno sentito di essersi finalmente sintonizzati su qualcosa di interessante. Per Keaney, questo ha significato scrivere “romantic fiction" evitando però di scrivere canzoni cariche di angustia che raccontano amori infranti, mentre per Russo ha significato provare a ritrovare un sentimento di “casa” quando la sua era ormai scomparsa. Tussie viene da New Italy, un piccolo villaggio di poco più duecento anime nel New South Wales’s Northern Rivers, fondato da un gruppo di Veneziani nel tardo 1800. Col tempo è diventato un monumento al contributo italiano in Australia, pieno di repliche di statue Romane che contornano il paesaggio rurale. Il parallelo tra queste reminiscenze di casa ed i tentativi della band di mantenere una connessione con qualcosa di familiare non è passato inosservato agli occhi di Russo: "queste statue rappresentano il tentativo di sentirsi a “casa” in un luogo totalmente alieno; un tentativo di creare Utopia in un mondo altrimenti turbolento ed imperfetto." Altri luoghi trovano il loro spazio nelle canzoni del disco, per esempio Darwin (Cameo), Melbourne (Beautiful Steven, Cool Change), la piccola cittadina di Rushworth (Not Tonight) oltre al sedile anteriore di una macchina in un drive-in (Cars in Space).

I Rolling Blackouts hanno uno stile naturalmente cinematografico, all’interno del quale il paesaggio e le memorie che suscita creano personaggi e storie che le riflettono. Il primo singolo Cars in Space è un emblema dell’approccio alla scrittura della band. Da questo link è possibile vedere il video del brano Il disco lascia trasparire questo senso di perdita della realtà, vuoi per la pressione del tour, o per il dissolversi di relazioni, o per la frustrazione di essere distanti dalla loro quotidianità, o da un insieme di tutte e tre le cose, derivanti dall’avere suonato senza sosta sui pachi dei festival di tutto il mondo (Coachella, Governors Ball, Primavera Sound, Pitchfork Music Festival).

"Durante i tour mi sono sentito completamente tramortito”
dice Keaney. "E’ molto divertente ma dopo p un po’ ti inizi a domandare: “ma chi diavolo sono”? Ti senti dappertutto ed in nessun luogo, perà invece di perdermi nello sconforto ho voluto scrivere qualcosa che fosse ottimistico; molte delle canzoni sono espansive ed inclusive". Per Russo, casa è un concetto che si sviluppa in diverse direzioni: c’è Melbourne, dov’è cresciuto con suo fratello, e poi ce il sud Italia terra d’origine dei suoi genitori "Abbiamo provato a mandare un segno d’intesa ai nostri amici più cari ed ai nostri familiari, dichiarando che saremmo rimasti fedeli alle nostre origini." Russo lo spiega in questi termini: "Penso che abbiamo fatto un tentativo di recuperare quell’innocenza stravagante delle nostre prime registrazioni”.

fonte: KeezMe

----------------------------------------------------------------------------------------


:: Daniele Benvenuti - 'Cheeseburger in Paradise - Jimmy Buffett e il suo 5 O'Clock Sound' per Arcana editrice

Chi non ha mai sognato di andare a vivere nel­la sua Margaritaville personale? Un luogo da fiaba, ritmata e scanzonata, dove sono “sempre” le cinque del pome­riggio: l’ora del cocktail e della festa a piedi nudi sul limitare della battigia, avvolti dalla brezza dell’Ocea­no, circondati dalle prime ombre della sera già in calare e con il sapore del sale e della tequila costantemente sulle labbra. L’autentico e unico Paradiso del Cheeseburger, dove l’idea di eterna giovinezza diventa tutt’altro che una chimera e dove anche il più subdolo dei problemi viene sepolto sotto una marea di collane di fiori, gonnelline di paglia e improbabili bluse hawaiane.

E chi diavolo non vorrebbe essere Jimmy Buffett? Il signore incontrastato di questa terra fatata e chiassosa, il profeta del drunken Caribbean rock’n’roll e il papà del Gulf and Western. Nonché idolo e nume tutelare dei suoi fidati e appassionati parrotheads: le folli teste di pappagallo, microcosmo di affezionatissimi e variopinti fan, dedite anche a regolari iniziative di solidarietà (più di 210 club in quattro continenti e oltre 53 milioni di dollari devoluti in beneficenza solo negli ultimi tre lustri), sui quali è stato persino costruito un film. Le Big 8, i brani cardine dei suoi show spensierati, vengono accolte da singolari coreografie e divertenti tormentoni da parte di un coloratissimo seguito, a sua volta interprete assoluto di interminabili tailgate party pre e post concerto. Ormai over 70, mezzo secolo di onoratissima e prolifica carriera in sala d’incisione da celebrare nel 2020, dominatore dei palchi allestiti nelle cornici più suggestive, Buffett è anche il più popolare, estroso, gioviale, geniale, “esageratamente”facoltoso, influente, amato, poliedrico, creativo e irrequieto cantastorie alla salsedine e al rum che il pubblico italiano... non ha mai sentito nominare.

Autore, musicista e band leader con una cinquantina di album all’attivo, scopritore di talenti, discografico, intrattenitore, laureato e letterato, giornalista da scoop, pluripremiato romanziere da bestseller (uno degli unici otto nomi, insieme a quelli di Ernest Hemingway e John Steinbeck, ad aver raggiunto l’apice delle classifiche nei settori Saggistica e Fiction del «New York Times») e paterno scrittore di libri per bambini, attore e producer cinematografico. Ma anche qualificato pilota di velivoli e capitano di coperta, provetto pescatore d’altura, atleta e uomo di mare, diri­gente e mecenate sportivo, amante degli animali e difensore della natura, filantropo e benefattore, acuto imprenditore e scafato immobiliarista, stilista “on the beach” e arredatore da piscina, produttore di birra e ristoratore, recente beniamino di Broadway, protagonista e creatore di videogiochi, regista e anima di un network radiotelevisivo via satellite…

Una sorta di manifesto vivente dell’Island Escapism Lifestyle in flip flop con il suo Key West Sound, saporita miscela abilmente shakerata di cantautorato West Coast, folk, blues, country, soul e calypso. Costantemente affiancato dalla fidata Coral Reefer Band, J.B. è impegnato in continui tour dai nomi arguti con oltre 1.500 serate a referto in più di 230 città diverse di tutti gli emisferi. In Europa, come dettagliatamente riportato in un capitolo specifico (mai in Italia, benché l’Autore abbia scoperto un controverso ed esilarante private concert sardo datato 2001…), si è esibito solo ventisette volte con due datate presenze londinesi nel 1997 e nel 2009, ma soprattutto le ben ventidue parigine a partire dal 2007.

Questo volume, il primo in Europa espressamente dedicato a James William Buffett III, racconta in maniera dettagliata e romanzata l’incredibile storia personale dell’artista e dei suoi antenati, snodandosi sull’asse Pascagoula - New Orleans - Nashville - Key West.

----------------------------------------------------------------------------------------


:: Nicola Cipriani & Brad Myrick - Reflections disponibile dal 15 Maggio

Il 24 aprile esce Borders il singolo di Nicola Cipriani & Brad Myrick che anticipa il nuovo album ‘Reflections’, disponibile su tutte le piattaforme a partire dal 15 maggio.

Reflections segna la maturazione artistica nata in decine di concerti e chilometri insieme, dalla Florida al New Hampshire, passando naturalmente per l’Italia. Registrato alla fine di un lungo tour è una virata evocativa e cinematografica per la loro musica: le suggestioni plasmano i brani, da eterei ed evocativi fino ad emozionanti incursioni nel pop e nella tradizione folk americana. Il sodalizio artistico tra Nicola Cipriani e Brad Myrick è un diamante raro di musica, promozione culturale, virtuosismo strumentale e di forte impatto comunicativo. Da due anni portano la loro musica composta, arrangiata e registrata per due chitarre acustiche tra l’Europa e gli Stati Uniti riempiendo club, teatri e università, suonando e raccontando le composizioni.

Dopo l’EP “Live in Bulb” (2018) e “Wanderlust” (2019) sono pronti ad inaugurare questo 2020 con l’album più profondo e importante della loro carriera: “Reflections”. Wanderlust è stato l’album del viaggio: composizioni nate dalle esperienze in tour di Cipriani e Myrick, nominato tra i dieci migliori dischi jazz dell’anno ai New England Music Award 2019, il tour che ne è seguito è stato definito “best concert in the State 2019” dalla rivista The Hippo nello stato del New Hampshire..

fonte: AZ Blues

----------------------------------------------------------------------------------------


:: Phoebe Bridgers - il nuovo album ‘Punisher’, in uscita il 19 giugno per Dead Oceans

Phoebe Bridgers annuncia il nuovo album ‘Punisher’, in uscita il 19 giugno per Dead Oceans e anticipato dal nuovo singolo ‘Kyoto’. Ancora prima del suo annuncio ‘Punisher’ era uno degli album più attesi dell’anno e Phoebe Bridgers ormai la voce di una nuova generazione di ascoltatori di indie rock. Il nuovo singolo ‘Kyoto’ è stato scritto dopo il primo viaggio di Phoebe in Giappone e arriva a sole due settimane dal dopatissimo video di ‘Garden Song’.

L’esordio del 2017 per Dead Oceans, il bellissimo Ep delle Boygenius (la cult band composta da Phoebe, Julien Baker e Lucy Dacus), le collaborazioni con Matt Berninger dei The National e Conor Oberst dei Bright Eyes per il bellissimo esordio a due voci dei Better Oblivion Community Center, la hanno resa una delle artiste più attese e seguite degli ultimi anni. Bridgers è un talento unico, riconoscibile tra mille grazie ad uno stile compositivo e una voce inconfondibili. ‘Punisher’ è stato scritto tra l’estate del 2018 e l’inverno del 2019 e prodotto dalla stessa artista con il team del precedente album, ovvero con Tony Berg e Ethan Gruska alla produzione. Oltre alla sua band composta da Marshall Vore (batteria), Harrison Whitford (chitarre), Emily Restas (basso) e Nick White (piano), il nuovo album vanta la partecipazione di Conor Oberst (“Halloween”, “I Know The End”), Lucy Dacus (“Graceland Too”, “I Know The End”), Julien Baker (“Graceland Too”, “I Know The End”), Blake Mills (“Halloween”, “Savior Complex” and “I Know The End”), Jenny Lee Lindberg (“Kyoto”, “ICU”), Christian Lee Hutson (“Garden Song”, “Halloween”, “Savior Complex”, “I Know The End”), Nick Zinner (“I Know The End”), Jim Keltner (“Halloween” and “Savior Complex”) e Nathaniel Walcott (“Kyoto” and “I Know The End”).

fonte: Goodfellas

----------------------------------------------------------------------------------------


:: Settore Out - fANTASMI, in arrivo nelle prossime settimane l'album inedito

Il tempo è un’opinione, e può aspettare. Anche venticinque anni, quanti ne sono serviti perché il terzo, fatidico album dei Settore Out prendesse forma. Protagonisti di un’intensa stagione della musica italiana, prima con Un’altra volta (1990) e poi con Il rumore delle idee (1993), ma soprattutto con un’intensa attività dal vivo, all’alba del 1995 Settore Out avevano inciso il disco destinato a confermare la maturità di un gruppo cresciuto sulla strada, senza compromessi, puntando sull’originalità di un suono elettrico, potente ed espressivo, e sulla personalità delle canzoni, tutte scritte e arrangiate dal gruppo.

fANTASMI aveva il compito di condensare l’energia elettrica del gruppo e insieme di collocare le coerenti visioni di una scrittura sempre più attenta e scrupolosa, ma, per una serie di imprevisti, di congetture e di variazioni sul tema restò lì, destinato a diventare un grande e classico “lost album”. Settore Out, nel frattempo, non si erano nemmeno sciolti. Si erano presi una pausa, destinata a durare un quarto di secolo, fino a questa strana e lunatica primavera: fANTASMI ha ripreso forma, è stato rielaborato con un sound spettacolare e nelle prossime settimane sarà disponibile in un’elegante confezione, anticipato dal primo singolo digitale, Cosa resta, che sarà disponibile (gratuitamente) dal prossimo venerdì 20 marzo.

A partire dall’etichetta discografica (nuova, libera, indipendente) ci saranno molte novità, ma i Settore Out sono rimasti gli stessi, pronti a far conoscere fANTASMI e a tornare al loro posto sul palco, lasciando al tempo il compito di consumarsi e ripartendo da “questa notte che ci spaventa, la strada e niente e noi”.

 




info@rootshighway.it