:: Menù
 



RootsHighway è membro ufficiale della Euro Americana Chart, la classifica dei dj e giornalisti europei sul mondo Americana/ Roots. Leggi la classifica completa su euroamericanachart.eu

 
 

IN USCITA: scorri l'elenco delle prossime uscite discografiche in campo Americana/ Roots/ Indie:

24 novembre
Amos Lee - Honeysuckle Switches: The Songs of Lucinda Williams (Hoagiemouth Records)
Gram Parsons and the Fallen Angels - The Last Roundup: Live from the Bijou Café in Philadelphia March 16th 1973 (Amoeba Records)

17 novembre
Luther Dickinson - Magic Music For Family Folk (Antone’s/New West Records)
Dori Freeman - Do You Recall (Blue Hens Music)
Trevor Bahnson – Anything Beautiful (independent)
Stephen Clair – The Presentation of Self In Everyday Life (independent)
Wyatt Flores – Life Lessons (OEG Records)
Jared Dustin Griffin – Battle Cry Mercy (Singular Recordings)
Iron and Wine – Who Can See Forever Soundtrack (Sub Pop Records)
Pete Mancini and Rich Lanahan – Silent Troubadour: The Songs of Gene Clark (Paradiddle Records)
Vinnie Paolizzi – The Vinnie Paolizzi LP (Gold Rush Records)
Wood Belly – Cicada (Americana Vibes)

10 novembre
Vincent Neil Emerson- The Golden Crystal Kingdom (La Honda Records)
Chris Stapleton - Higher (Mercury Nashville Records)
Jimmy Buffett – Equal Strain On All Parts (Sun Records)
Daniel Donato – Reflector (Retrace Music)
Jon Dee Graham – Only Dead For A Little While (Strolling Bones Records)
Kristen Grainger & True North – Fear of Falling Stars (independent)
Terry Klein – Leave The Light On (independent)
Kerri Powers – Love Is Why (Wildflower Children)
The Resonant Rogues – The Resonant Rogues (independent)
Todd Snider – Crank It, We’re Doomed (Aimless Records)
Afton Wolfe – The Harvest (Grandiflora Records)

3 novembre
Suzy Bogguss - Prayin’ for Sunshine (Loyal Duchess Records)
Jaime Wyatt - Feel Good (New West Records)
Al Backstrom – Wild Colonial Boy (Wild Colonial Boy Records)
Colin Cutler – Tarwater (self-released)
Elliot Brood – Town (self-released)
Ben Gage – Two Singing Songs (self-released)
Heather Anne Lomax & Michael Doman – The Doman Tracks (Blackbird Record Label)
Jeffrey Martin – Thank God We Left The Garden (Fluff and Gravy Records)
Our Man in the Field – Gold on the Horizon (In the Field Recordings)
Sylvia Tyson – At The End Of The Day (Stony Plain Music)

27 ottobre
Jesse Colter - Edge of Forever (Appalachia Record Co.)
The Third Mind - The Third Mind 2 (Yep Roc Records)
Black Pumas – Chronicles Of A Diamond (ATO Records)
Robert Finley – Black Bayou (Easy Eye Sound)
Flatland Cavalry – Wandering Star (Interscope Records)
Dylan Gossett – No Better Time (independent)
Anton O’Donnell – Tomber Sur PRW (Need To Know Music)
Old Californio – Metaterranea (independent)
Leon Rosselson – Chronicling the Times (Free Dirt Records)
Nora Jane Struthers – Back to Cast Iron (Blue Pig Music)
Willy Tea Taylor & The Fellership – The Great Western Hangover (independent)
Tejon Street Corner Thieves – Juxtaposition (Liars Club Records)
Various Artists – A Tribute To The Judds (Broken Bow Records)
Skarlett Woods – Letters To The West (independent)

20 ottobre
Eli Paperboy Reed - Hits And Misses: The Singles (Yep Roc Records)
Chris Shiflett - Lost at Sea (Blue Élan Records)
Barbaro – About The Winter (StorySound Records)
Jon Byrd – All Your Mistakes (Longleaf Pine Records)
The Fugitives – No Help Coming (Fallen Tree Records)
Alice Gerrard – Sun to Sun (Sleepy Cat Records)
Harvest Thieves – As The Sparks Fly Upward (independent)
Gracie Lane – Doing My Time (independent)
Dylan LeBlanc – Coyote (ATO Records)
Ajay Mathur – Blow My Cover (Yakketeeyak Music)
Israel Nash – Ozarker (Soundly Sounds)
Karyn Oliver – Cherchez La Femme (Buxom County Records)
Carla Olson – Have Harmony, Will Travel 3 (Have Harmony Will Travel Records)
Pert Near Sandstone – Waiting Days (independent)
Sado-Domestics – Beach Day In Black And White (independent)
Jonah Tolchin – Dockside (Clover Music Group)
Robert Rex Waller Jr. – See The Big Man Cry (BFD Records)

13 ottobre
Kelly Hunt - Ozark Symphony (Compass Records)
The Bones of J.R. Jones – Slow Lightning (Tone Tree Music)
Izzy Ded – What Hurts Most (Death and Texas Records)
Kathy Kallick Band – The Lonesome Chronicles (Live Oak Records)
Lonesome Ace Stringband – Try To Make It Fly (self-release)
Jim Patton & Sherry Brokus – Big Red Gibson (Berkalin Records)
Carrie Newcomer – A Great Wild Mercy (Available Light Records)
The Carolyn Sills Combo – On The Draw (Moon Lasso Music)
Tom Sykes – A Long Hard Road (MoMojo Records)

6 ottobre
Ray Bonneville - On The Blind Side (self-released)
John R. Miller - Heat Comes Down (Rounder Records)
Victoria Bailey – A Cowgirl Rides On (Rock Ridge Music)
Lisa Brokop – Who’s Gonna Fill Their Heels? (Audium Music)
Billy Don Burns – I’ve Seen A Lot Of Highway (Black Country Rock)
Tré Burt – Traffic Fiction (Oh Boy Records)
Jason Hawk Harris – Thin Places (Bloodshot Records)
Ida Mae – Thunder Above You (Vow Road Records)
Charlie Mars – Times Have Changed (Foxgate Records)
Mike and the Moonpies – Live from the Devil’s Backbone (Prairie Rose Records)
Joni Mitchell – Archives, Volume 3: The Asylum Years (1972-1975) (Elektra Catalog Group)
The Steel Woods – On Your Time (Woods Music)

29 settembre
Lindsay Lou - Queen of Time (Kill Rock Stars Nashville)
Jeff Plankenhorn - Alone At Sea (Blue Corn Music)
Owen Temple - Rings on a Tree (El Paisano Records)
Sandra Bouza – A Sound in the Dark (self-released)
Ross Cooper – Lightning Heart (self-released)
Charley Crockett – Live From The Ryman (Son of Davy Records)
Jerry Joseph – Baby, You’re the Man Who Would Be King (Cosmo Sex School Records)
The Howdies – Howdies All Around (Normaltown Records)
Meredith Lane – Greyhound (self-released)
No-No Boy – Empire Electric (Smithsonian Folkways Recordings)
Natalie Price – Natalie Price (self-released)
Jason Ricci & The Bad Kind – Behind The Veil (Gulf Coast Records)
Martin Simpson And Thomm Jutz – Nothing But Green Willow: The Songs Of Mary Sands and Jane Gentry (Topic Records)
Wreckless Strangers – Orange Sky Dream EP (self-released)

22 settembre
Brent Cobb - Southern Star (Ol’ Buddy Records)
Buddy & Julie Miller - In The Throes (New West Records)
Charles Wesley Godwin – Family Ties (Big Loud Records)
Adam Hood – Adam Hood’s Different Groove (Southern Songs)
Lydia Lovelace – Nothing’s Gonna Stand in My Way Again (self-release)
Keegan McInroe – Agnes (self-released)
Shannon McNally – Live at Dee’s (self-released)
Jenny Owen Youngs – Avalanche (Yep Roc Records)

15 settembre
Margo Cilker - Valley Of Heart’s Delight (Fluff & Gravy Records)
Willie Nelson - Bluegrass (CBS)
Viv & Riley - Imaginary People (Free Dirt Records)
Briscoe – West of it All (ATO Records)
Buxton – A Family Light (Strolling Bones Records)
Cruz Contreras – Cosmico (Cosmico Records)
Wyatt Edmondson – Made for the Road (self-released)
Mick Flannery – Goodtime Charlie (Oh Boy Records)
Jim Lauderdale and The Po’ Ramblin’ Boys – The Long And Lonesome Letting Go (Sky Crunch Records)
Buffalo Nichols – The Fatalist (Fat Possum Records)
John Surge and The Haymakers – Almost Time (Blackbird Record Label)
Dave Sutherland – Dear John (self-released)

8 settembre
Tyler Childers - Rustin’ In The Rain (Hickman Holler Records/RCA Records)
Nick Shoulders - All Bad (Gar Hole Records)
Steep Canyon Rangers - Morning Shift (Yep Roc Records)
Sandy Bailey – Daughter Of Abraham (Red Parlor Records)
Bill and the Belles – To Willie from Billy (self-released)
The Blind Boys of Alabama – Echoes Of The South (Single Lock Records)
Blue Water Highway – Year of the Dragon (self-released)
Goldpine – Two (self-released)
Logan Ledger – Golden State (Rounder Records)
Lillie Mae – Festival Eyes (s||c records)
Maeve & Quinn – Another Door (self-released)
Ashley McBryde –The Devil I Know (Warner Music Nashville)
Joan Osborne – Nobody Owns You (Womanly Hips Records)
Joyann Parker – Roots (self-released)
Jobi Riccio – Whiplash (Yep Roc Records)
Allison Russell – The Returner (Fantasy Records)
The SteelDrivers – Tougher Than Nails (Gaither Music Group)
String Cheese Incident – Lend Me A Hand (SCI Fidelity Records)
Various Artists – A Song for Leon: A Tribute to Leon Russell (Primary Wave Records)

25 agosto
Old Crow Medicine Show - Jubilee (ATO Records)
Turnpike Troubadours - A Cat in the Rain (Bossier City Records)
The Clements Brothers – Dandelion Breeze (Plow Man Records)
Cup O’Joe – Why Live Without (self-released)
Nina De Vitry – What You Feel Is Real (self-released)
The Kennedys – Headwinds (self-released)
Buck Meek – Haunted Mountain (4AD Records)
Randy Steele – High Cold Wind (self-released)
The Two Tracks – It’s a Complicated Life (self-released)
The Waymores – Greener Pastures (Chicken Ranch Records)



 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
Home page


 News   notizie, video, segnalazioni, classifiche


Video della settimana
: Lovesick - Until I'm Done

‘Until I’m Done’ è il nuovo singolo dei Lovesick, recentemente candidati per il premio Ameripolitan Music Awards 2024 nella categoria Western Swing Band in Austin, Texas. Le riprese del videoclip sono state realizzate da Claudio Maria Cioffi a Los Angeles, California, durante le sessions di registrazione al Santa Monica Pier, l’iconico molo che ospita anche il luna park Pacific Park. (fonte: AZ Press)



-------------------------------------------------------------------------------------------------


:: Bevin Frond - il nuovo album ‘Focus On Nature’ il prossimo 1 marzo per Fire records

I Bevis Frond sono la creatura alt-indie-rock di Nick Saloman, chitarrista, cantante e songwriter dal talento unico che nel corso degli ultimi 40 anni ha pubblicato quasi 30 album e svariati singoli ed EP, diventando una band di culto in tutto il mondo. Il nuovo ‘Focus On Nature’ uscirà il 1° Marzo, seguito del doppio ‘Little Eden’ del 2021 e terza prova della rinascita discografica dei bevis Frond avvenuta dopo il deal per Fire Records. Guarda il trailer del nuovo album 'Focus On Nature'

The Bevis Frond e Nick Saloman sono stati la risposta inglese ai Dinosaur Jr. e J Mascis, ma con un tocco più melodico e vicino alla psichedelia dei 60s. Nick ha sempre perseguito un percorso musicale tutto suo ed originale, ispirandosi tanto alla scena alternative, indie e college quanto ad un sound che a sue parole doveva essere figlio di un'ipotetica triade formata da Hendrix, Wipers e Byrds.

‘Focus On Nature’ come da standard dei Bevis Frond si compone di ben settantacinque minuti e quasi venti tracce di melodie gloriose che abbracciano la psichedelia degli anni '60, il folk inglese, l'art-punk di Seattle dei The Wipers, il pop dei Dinosaur Jr e le esplorazioni chitarristiche di Hendrix, conditi qua e la da tocchi di The Lemonheads, Teenage Fanclub, Elliot Smith e Pavement. L’album parla del futuro del nostro pianeta, di natura, inquinamento, guerre e crisi climatica, un pugno allo stomaco nel classico stile a cui ci hanno abituato nel corso degli anni i magniloquenti album dei Bevis Frond. Nick Saloman e la sua creatura saranno anche i protagonisti del documentario ‘Little Eden', in uscita nel 2024 per Fire Films. Il film racconterà la storia della band con una colonna sonora di musica esplosiva, trascendentale e squisita tratta dal loro immenso catalogo.

fonte: Goodfellas

--------------------------------------------------------------------------------------------------


:: J Mascis - torna a febbraio 2024 con il nuovo album "What Do We Do Now"

A febbraio 2024 J Mascis pubblicherà il suo quinto album in studio da solista, What Do We Do Now, in tutto il mondo su Sub Pop Records e distribuito in Italia da Audioglobe.

Registrato nel suo Bisquiteen studio nel Massachusetts occidentale, What Do We Do Now è il primo album da solista di J Mascis con batteria e una parte elettrica, anche se le parti ritmiche sono ancora tutte acustiche. What Do We Do Now vede la partecipazione di musicisti ospiti, tra cui Ken Mauri, originario del Massachusetts occidentale e membro dei B-52s, alle tastiere, e Matthew "Doc" Dunn dell'Ontario alla chitarra elettrica. J Mascis condivide anche il video ufficiale del singolo principale di What Do We Do Now, Can't Bellieve We're Here, che vede la partecipazione di J Mascis e di alcuni suoi amici. Il video è stato montato da Adam Bale della Ballad Pictures.

Mascis è attualmente in tour con i Dinosaur Jr. per celebrare il 30° anniversario del loro sesto album in studio, Where You Been, le cui date saranno annunciate prossimamente. What Do We Do Now è il quinto LP in studio da solista registrato da J Mascis dal 1996. Se tra le uscite di J Mascis si considerano anche gli album dal vivo, le ospitate e i dischi fatti con le sue altre band (Dinosaur Jr., The Fog, Heavy Blanket, Witch, Sweet Apple e così via), beh, parafrasando Lou Reed, "la settimana di J batte il tuo anno".

fonte: KezzMe!

--------------------------------------------------------------------------------------------------


:: Susan Straight - "Mecca" in libreria dal 24 novembre per NN Editore

Dalla penna di Susan Straight, finalista al National Book Award,  un’indimenticabile saga americana che intreccia le vite di uomini e donne in california, il mito del west con gli occhi di oggi e che parla di terra, razzismo, famiglia, destino.

In California basta il colore della pelle per essere considerati “stranieri”, anche quando si vive negli Stati Uniti da sempre. Lo sa bene l’agente della polizia stradale Johnny Frías, che vent’anni prima, nel deserto di Bee Canyon, ha ucciso un uomo bianco che violentava brutalmente una ragazza. Per un capriccio del destino, le conseguenze di quell’antico delitto si intrecciano con la vita di Ximena, giovane clandestina che un giorno trova una bambina abbandonata in una stanza della clinica dove lavora in nero. Ai racconti di Johnny e Ximena si uniscono quelli di Matelasse e Merry, di Dante e Ivy, dell’eccentrica signora Bunny che finge di essere molto più vecchia della sua età: sono storie di quotidiana violenza e discriminazione, ma anche di amori tenaci e amicizie indissolubili. Mecca è un affresco di voci che parlano di una California diversa, lontana dai riflettori: arida e rocciosa, divorata dagli incendi, fatta di confini pericolosi e di strade leggendarie. Al mito del West e dell’eroe solitario, Susan Straight contrappone la forza della comunità, dei legami affettivi e delle famiglie d’elezione, e ci offre un canto d’amore per una terra capace di accogliere e di trasformarsi in un luogo di passaggio verso un futuro migliore.

Susan Straight vive e insegna a Riverside, California. Autrice di numerosi romanzi e racconti, è stata finalista al National Book Award e ha ricevuto vari premi, tra cui il Los Angeles Times Book Prize, l’Edgar Award for Best Short Story, l’O. Henry Prize, e una Guggenheim Fellowship. Scrive per The New Yorker, The New York Times, The Guardian, Granta e Harper’s. Mecca è stato finalista al Kirkus Prize 2022 e al Dayton Literary Peace Prize 2023, e nominato tra i dieci migliori libri del 2022 dal Washington Post e dal New York Times.

fonte: NN Editore

--------------------------------------------------------------------------------------------------


::
Marika Hackman - il ritorno discografico in usicta a gennaio 2024 per Chrysalis Records

Ascolta ‘Slime’ di Marika Hackman, nuovo singolo estratto dal suo ritorno discografico in uscita a gennaio per Chrysalis Records. Slime parla dell'eccitazione dell'innamoramento e delle conseguenze che ne derivano. Big Sigh è il quarto album dell’artista inglese, il più difficile e duro da scrivere stando alle parole della cantautrice di Londra e arriva a tre anni di distanza dal suo ultimo album ‘Any Human Friend’.

“Big Sigh – come racconta Marika Hackman - è l’album più difficile che abbia mai realizzato, con canzoni che parlando di samore e perdita, salute mentale e il tentativo di trovare un equilibrio." Si tratta di di una nuova pagina nella vita di Marika Hackman, un importante tassello della carriera di una musicista che lascia alle spalle i giornid dei suoi vent’anni. Marika non solo ha suonato ogni strumento, tranne gli ottoni e gli archi, in ‘Big Sigh’, ma lo ha anche prodotto, insieme a Sam Petts-Davies (Thom Yorke, Warpaint) e al collaboratore di lunga data Charlie Andrew. Marika Hackman è ancora una delle principali autrici della sua generazione, testimoniato dal recente e fulmineo sold out (a pochi minuti dal suo annuncio) del suo primo show presso l'ICA di Londra.

fonte: Goodfellas

--------------------------------------------------------------------------------------------------


:: Jesmyn Ward - "Giù nel cieco mondo" in libreria dal 7 novembre, NN editore

Annis è una giovane schiava di casa in una piantagione della Carolina. Nipote di una guerriera africana e figlia di uno stupro, di giorno si dedica a estenuanti faccende domestiche e origlia le lezioni sull’Inferno dantesco impartite alle figlie del padrone, le sue sorellastre; di notte scappa nel bosco con sua madre da cui impara l’arte del combattimento, così da difendersi in un mondo costruito per distruggerla. Ma la madre viene venduta e Annis si trova da sola e senza protezione, mentre con Safi scopre la sensuale dolcezza del primo amore. Quando il padrone decide di sbarazzarsi di lei, Annis viene venduta e con altri schiavi condotta in viaggio verso New Orleans. In questa terribile marcia, incontra lo spirito di una sua antenata, Aza, un angelo custode imperioso ed enigmatico che sembra volerla aiutare a fuggire. Jesmyn Ward torna con un nuovo capolavoro, che richiama nel titolo il quarto canto dell’Inferno di Dante. Come il grande poeta, anche Annis dovrà scendere sempre più in fondo, nel cuore di tenebra della schiavitù in America, lottando per la propria vita, per la speranza. Giù nel cieco mondo è un romanzo feroce e fiabesco, dove l’allegoria si riflette nell’amore di una madre e una figlia, nei legami da sciogliere e mantenere, nella ricerca incessante della libertà che sfida uomini e spiriti, natura e destino.

Jesmyn Ward vive in Mississippi, dove insegna scrittura creativa alla Tulane University, ed è oggi considerata una delle maggiori scrittrici americane contemporanee. Con Salvare le ossa (NNE 2018) e Canta, spirito, canta (NNE 2019) ha vinto due volte il National Book Award, prima donna dopo scrittori come William Faulkner, John Cheever, Philip Roth. NNE ha pubblicato anche La linea del sangue, che completa la Trilogia di Bois Sauvage, il memoir Sotto la falce e Naviga le tue stelle, poeticamente illustrato da Gina Triplett.

fonte: NN editore

--------------------------------------------------------------------------------------------------


::
John Smith - ‘The World Turns’ , il nuovo singolo dell’artista folk inglese

Guarda il video di ‘The World Turns

John Smith è un dei più dotati cantautori e chitarristi folk britannici del momento, con ben sei album alle spalle, l’ultimo The Fray è uscito nel 2021. Il nuovo singolo è stato prodotto da Joe Henry (già al lavoro con Lisa Hannigan, Rhiannon Giddens, Guy Pearce, Bonnie Raitt e Joan Baez) e testimonia la continua evoluzione delle capacità compositive di John Smith. Fondamentalmente una canzone d’amore, ‘The World Turns’ inizia con una stridente chitarra elettrica e il tipico mood atmosferico che solo la voce di John Smith è capace di dare. Il brano continua con un giro di basso degno dei The Meters per diventare un classico all’interno della discografia di John Smith.

“Ho scritto questo brano insieme a Iain Archer, dopo avergli suonato un riff sulla mia telecaster d'acciaio e dopo aver parlato per un paio d'ore di come ci sentivamo entrambi dopo un paio d'anni difficili. Questa è una canzone sul tenersi stretti mentre il mondo va avanti, senza battere ciglio. Certi giorni sembra che la vita continui con i suoi immensi affari e nessuno di noi possa fare nulla. Credo che se riesci a trovare qualcosa o qualcuno di buono a cui appoggiarti, diventa più semplice trovare un equilibrio.”

John è nato ascoltando musica folk britannica e americana, prendendo spunto da Richard Thompson, John Martyn e Ry Cooder ha sviluppato una miscela unica di tecniche chitarristiche. A volte con lo slide, a volte con la chitarra in grembo, altre scordandola a metà canzone o con inserendo degli effetti dalla sua pedaliera, l'ossessione di Smith per lo strumento lo ha reso un maestro. Il suo modo unico di scrivere grandi folk song e il suo innovativo stile chitarristico lo hanno reso un personaggio unico, capace di collezionare oltre 110 milioni di stream Spotify. La sua carriera è iniziata ispirandosi a grandi del folk come John Martyn, Davy Graham e John Renbourn, che ha definito John Smith "il futuro della musica folk". Da allora ha aperto gli show di artisti contemporanei e classici come Iron and Wine, Patty Griffin e Ben Howard e ha collaborato con Jackson Browne, Martin Carthy, Roseanne Cash, i Gomez, Richard Hawley, Jarvis Cocker, Jerry Douglas, Glen Hansard e Rodney Crowell. Nel suo ruolo occasionale di turnista ha suonato la chitarra per David Gray, Lisa Hannigan, Lianne La Havas, Joe Henry e Joan Baez.

fonte: Goodfellas

--------------------------------------------------------------------------------------------------


:: James Lee Burke - "New Iberia Blues" dal 20 ottobre in libreria, Jimenez edizioni

Per la prima volta in traduzione italiana il ventiduesimo capitolo della saga di Dave Robicheaux, uno dei personaggi letterari più complessi e più amati degli ultimi quarant’anni.

Nel mondo del detective Dave Robicheaux non si può dire che abbondino le storie felici, ma quella di Desmond Cormier, che ha fatto fortuna con il cinema, lo è certamente. Robicheaux ha incontrato per la prima volta Cormier per le strade di New Orleans, quando il minuto ragazzo sanguemisto sognava di diventare un regista di Hollywood. Venticinque anni dopo, Robicheaux bussa alla porta di Cormier, ma non per congratularsi con lui per le nomination ai Golden Globe e agli Oscar. Robicheaux sta per ripescare in mare il corpo di una donna crocifissa, primo di una serie di casi di omicidio che Robicheaux, insieme al giovane agente Sean McClain e alla detective Bailey Ribbons, dovrà risolvere. Né Cormier né il suo enigmatico amico Antoine Butterworth dicono molto, ma Robicheaux non abbocca. Come sempre, Clete Purcel e la figlia di Dave, Alafair, gli coprono le spalle. Clete assiste all’evasione di un detenuto texano, Hugo Tillinger, che potrebbe avere la chiave della sequenza di omicidi che sembra ispirata dalle carte dei tarocchi. Mentre si addentrano nelle indagini, finiscono nel mirino della mafia, dello squilibrato Chester Wimple, già apparso nel precedente Robicheaux, e degli oscuri fantasmi da cui Robicheaux è fuggito per anni. Alla fine, toccherà a Robicheaux fermarli tutti, ma dovrà evocare una luce che non ha mai visto o sentito per salvare se stesso e coloro che ama.

JAMES LEE BURKE - Nato a Houston nel 1936, è considerato tra i più importanti scrittori americani viventi. Autore di oltre 40 romanzi, circa la metà dei quali con protagonista il detective Dave Robicheaux, Burke è uno dei pochissimi autori ad avere vinto due volte l’Edgar Award, il premio al miglior mystery dell’anno. Vive a Missoula, Montana.

fonte: Jimenez edizioni

--------------------------------------------------------------------------------------------------


:: The Vaccines - il nuovo album ‘Pick-Up Full of Pink Carnations’, dal 12 Gennaio 2024 per Thirty Tigers

The Vaccines sono una colonna della scena indie-rock, tra le band inglesi di maggiore successo degli ultimi 15 anni. Pick-Up Full of Pink Carnations è il seguito del fortunato ‘Back In Love City’ del 2021 e un ritorno al sound del magico esordio ‘What Did You Expect from the Vaccines?’ del 2011. Il nuovo album è stato prodotto da Andrew Wells (già al lavoro sugli ultimi best seller di Halsey e Phoebe Bridgers) e missato da Dave Fridmann (vi dicono niente Tame Impala e The Flaming Lips) e si tratta del sesto album in studio della band londinese, oltre all’ennesimo tassello del magico sound indie-rock con ispirazione 60s e filtro new wave che li ha resi una delle band britanniche più seguite degli ultimi anni. Il nuovo singolo Heartbreak Kid è un anthem in pieno stile Vaccines, uno di quelli da cantare a squarciagola sotto palco durante i loro infuocati show. I The Vaccines sono Justin Young (voce, chitarra), Árni Hjörvar (basso), Freddie Cowan (chitarra), Tim Lanham (tastiere) e Yoann Intonti (batteria) e presenteranno il nuovo album dal vivo anche in Italia, attesi il 28 Gennaio 2024 ai Magazzini Generali di Milano.

Con 10 nuove canzoni piene di ritornelli, melodie e intelligenza pop, ‘Pick-Up Full of Pink Carnations’ è un disco che trabocca divertimento ed esplora i modi in cui la vita è solita deluderci. "Si tratta di perdita - dice Young – e di venire a patti con quella perdita cercando di comprenderla”. Il titolo dell’album deriva dal testo immortale di ‘American Pie’ di Don McLean, una canzone che per Young evoca la morte dell’innocenza e il sogno americano. Dopo essersi trasferito a Los Angeles, Young è stato costretto a confrontarsi con la disillusione che arriva quando aspettative, sogni e realtà non si incontrano del tutto. Sebbene ‘Pick-Up Full of Pink Carnations’ sia un album sulla riconciliazione con quella perdita, è anche pieno di gratitudine per le persone e i luoghi che un tempo amavamo.

The Vaccines si sono formati a West London nel 2010. Hanno pubblicato cinque album e messo a segno altrettanti dischi nella Top 5 dei più venduti nel Regno Unito, incluso il loro debutto di platino ‘What Did You Expect from the Vaccines?’ (tra gli esordi più venduti di sempre in Inghilterra, certamente nel 2011). La band si è così costruita una solida reputazione live esibendosi sui main stage di Glastonbury, Lollapalooza e Coachella, oltre ad aver suonato in compagnia di The Rolling Stones, Arctic Monkeys, Red Hot Chili Peppers e Muse e registrato sold out in tutto in mondo con i propri tour. Sin dagli esordi i Vaccines sono stati salutati dalla stampa musicale come una rivelazione e una delle cose migliori accaduti al rock inglese negli anni 2000.

fonte: Goodfellas

--------------------------------------------------------------------------------------------------


::
Quadrophenia - il libro di Antonio Bacciocchi, disponibile dal 27 Ottobre per Interno4 Edizioni

50 anni di 'Quadrophenia', uno dei dischi più importanti degli Who e della storia della musica, ancora oggi insuperata Opera Rock e fenomeno generazionale. L'autore Antonio Bacciocchi, prime mover del movimento Mod italiano e tra i maggiori esperti del fenomeno sul nostro territorio, si misura con 'Quadrophenia', disco e film di culto che hanno ispirato generazioni di fan degli Who. Uscito il 26 ottobre del 1973 'Quadrophenia', sesto album in studio degli Who, è un’opera rock che amplia le tematiche più volte espresse da Pete Townshend sul disagio adolescenziale e il traumatico passaggio alla vita adulta, espressa in questo lavoro attraverso le vicende del giovane Mod Jimmy. 'Quadrophenia' è un album magniloquente, musicalmente ricco e pomposo, in perfetto equilibrio tra il possente rock degli Who e arrangiamenti dal sapore neo-classico. Il libro di Antonio Bacciocchi ripercorre la storia del disco, le fonti di ispirazione, la tormentata gestazione dell’opera, le difficolta produttive e di registrazione, la complessa riproduzione della musica dal vivo, l'iconica copertina e i testi, analizzati qui uno ad uno dall'autore. Grande spazio anche al film di Frank Roddam uscito nel 1979 e ispirato al celebre disco degli Who, alla sua colonna sonora, al musical ispirato, ai tour celebrativi e alle curiosità (la similitudine non casuale con il film 'Saturday Night Fever'). L'autore ha dedicato un intero capitolo all’impatto del disco e del film sul movimento Mod italiano.

L’AUTORE: Antonio Bacciocchi è uno scrittore, giornalista, musicista e blogger italiano. Ha militato come batterista in una ventina di gruppi (tra cui Not Moving, Link Quartet, Lilith), incidendo una cinquantina di dischi e suonando in Italia, Europa e Stati Uniti, e aprendo i concerti di Clash, Iggy and the Stooges, Johnny Thunders, Manu Chao, Siouxsie e molti altri. Ha scritto una ventina di libri tra cui per le nostre edizioni: 'Uscito vivo dagli anni 80' (2007) e 'Mod Generations' (2009 e 2020). Attualmente collabora con il mensile musicale Classic Rock e i quotidiani Il Manifesto e Libertà..

fonte: Goodfellas

--------------------------------------------------------------------------------------------------


:: Blackberry Smoke - annunciano l’uscita del nuovo album ‘Be Right Here’ con il singolo ‘Dig a Hole’

Dopo il grande successo di pubblico e critica di ‘You Hear Georgia’ (2021) la band capitanata da Charlie Starr anticipa uno degli album rock più attesi del 2024 con un incredibile singolo, Dig a Hole. Il nuovo album della rock band di Atlanta uscirà il 16 Febbraio 2024 per 3 Legged Records e Thirty Tigers.

Be Right Here’ è un promemoria di vita autentico, un anthem di libertà. Le dieci tracce del disco sono una raccolta dei caratteristici inni rock and roll, ballate di ispirazione americana e jam country rock a cui i Blackerry Smoke ci hanno abituato. La band celebra le semplici gioie della vita, i momenti fugaci e i piccoli frammenti di fortuna trovati lungo il percorso. Il nuovo album della band di Charlie Starr è stato prodotto da Dave Cobb e registrato presso gli iconici RCA Studio di Nashville con una formazione stellare composta da Charlie stesso alla voce e chitarra, Richard Turner (basso, voce), Brit Turner (batteria), Paul Jackson (chitarra, voce) e Brandon Still (tastiere), con l'aggiunta di Preston Holcomb (batteria) e Benji Shanks (chitarra), oltre ai cori delle The Black Bettys. I Blackberry Smoke sono conosciuti per i loro spettacoli dal vivo elettrici, la band continuerà a fare tournée negli Stati Uniti fino alla fine di quest'anno.

fonte: Goodfellas




info@rootshighway.it