:: Menù
 



RootsHighway è membro ufficiale della Euro Americana Chart, la classifica dei dj e giornalisti europei sul mondo Americana/ Roots. Leggi la classifica completa su euroamericanachart.eu

 
 

IN USCITA: scorri l'elenco delle prossime uscite discografiche in campo Americana/ Roots/ Indie:

30 ottobre
Sam Morrow - Gettin’ By on Gettin’ Down (Forty Below Records)
Strung Like a Horse - Whoa! (Transoceanic Records)
Chamomile and Whiskey – Red Clay Heart (County Wide Records)
Elvis Costello – Hey Clockface (Concord Records)
Front Country – Impossible World (AntiFragile Records)
Erin Harpe – Meet Me in the Middle (VizzTone/juicy Juju Records)
Jeremiah Johnson – Unemployed Highly Annoyed (Ruf Records)
Suzzy Roche & Lucy Wainwright Roche – I Can Still Hear You (StorySound Records)
Skyway Man – The World Only Ends When You Die (Mama Bird Recording Co.)
Jim White – Misfit’s Jubilee (Fluff and Gravy Records)
Wynonna – Recollections (Anti/Epitaph Records)

23 ottobre
Shemekia Copeland - Uncivil War (Alligator Records)
Will Kimbrough - Spring Break (Daphne Records)
Rick Shea - Love & Desperation (Tres Pescadores Records)
The Boxmasters – Light Rays (Keentone Records)
Rachel Brooke – The Loneliness in Me (Mal Records)
Justin Farren – Pretty Free (Bad Service Badger)
Felix Hatfield – False God (Fangbite Records)
Stephanie Lambring – Autonomy (Tone Tree Music)
Ruby Mack – Devil Told Me (self-released)
Darrell Scott – Jaroso (Full Light Records)
Jack M. Senff – These Northwood Blues (Skeletal Lightning)
Bruce Springsteen – Letter to You (Columbia Records)
Jeff Tweedy – Love is the King ( dBpm Records)
Becky Warren – The Sick Season (self-released)
Raye Zaragoza – Woman In Color (Rebel River Records)

16 ottobre
The Mastersons - Red, White & I Love You Too (Red House Records)
Sturgill Simpson - Cuttin’ Grass Vol. 1 The Butcher Shoppe Sessions (High Top Mountain Records)
The Steep Canyon Rangers - Arm In Arm (Yep Roc Records)
Cordovas – Destiny Hotel (ATO Records)
James Ellis and the Jealous Guys – Country Lion (self-released) 4
00 Bears – 400 Bears (self-released)
Jeremy Ivey – Waiting Out The Storm (Anti-/Epitath Records)
Mipso – Mipso (Rounder Records)
Malin Pettersen – Wildhorse (Die With Your Boots On Records)
Tom Petty – Wildflowers & All The Rest (Warner Records)
Tanya Tucker – Live From The Troubadour (Fantasy Records)
William Elliot Whitmore – I’m With You (Bloodshot Records)

9 ottobre
Loudon Wainwright III - I’d Rather Lead a Band (Search Party Records)
Darlingside – Fish Pond Fish (More Doug Records)
Great Peacock – Forever Worse Better (Soundly Sounds)
Izzy Heltai – Father (self released)
Kronos Quartet – Long Time Passing: Kronos Quartet and Friends Celebrate Pete Seeger (Smithsonian Folkways Records)
The Onlies – The Onlies (self-released)
Kim Wilson – Take Me Back (M.C.Records)
Adam Wright – I Win (De Casa Records)

2 ottobre
Brent Cobb - Keep ‘Em on They Toes (Ol’ Buddy Records)
Chris Smither - More From The Levee (Signature Sounds)
BeauSoleil – Evangeline Waltz (Sunset Blvd Records)
Joachim Cooder – Over That Road I’m Bound (Nonesuch Records)
Dawes – Good Luck with Whatever (Rounder Records)
Drive-By Truckers – The New OK (ATO Records)
Jackson Emmer – Alpine Coda (Diamond Ranch Records)
Ned Hill – By the Light of the Radio (WhistlePig Records)
Jensen Sisters – Yellow Frames (self-released)
NRBQ – In Frequencies (Omnivore Recordings)
The Nude Party – Midnight Manor (New West Records)
Robert Plant – Digging Deep: Subterranea (Warner Music)
Bonnie Whitmore – Last Will & Testament (Aviatrix Records)

25 settembre
The Band of Heathens - Stranger (BOH Records)
Diana Demuth – Misadventure (Creaky Gate Records)
Lyman Ellerman – Closer To Home (Woodshed Resistance Records)
Freddy & Francine – I Am Afraid to Die! (self-released)
Andrew Grimm – A Little Heat (WhistlePig Records)
Thomm Jutz – To Live in Two Worlds, Vol. 2 (Mountain Home Records)
Phil Leadbetter and The All Stars of Bluegrass – Swing for the Fences (Pinecastle Records)
Lydia Loveless – Daughter (Honey, You’re Gonna Be Late Records)
Susan Pepper – The Prettiest Bird (Ballad Records)
Jordan Tice – Motivational Speakeasy (Padiddle Records)

18 settembre
Fred Eaglesmith & Tif Ginn - Alive (Sawdust Records)
Otis Gibbs - Hoosier National (Wannamaker Records)
Victoria Bailey – Jesus, Red Wine & Patsy Cline (Rock Ridge Music)
Tyler Childers – Long Violent History (Hickman Holler Records/RCA Records)
Stephen Clair – The Small Hours (Rock City Records)
John Pops Dennie – I’ve Got Something To Say (Freestone Records)
Elliott Brood – Keeper (Six Shooter Records)
Stephie James – These Days (Label Logic)
Brennen Leigh – Prairie Love Letter (self-released)
Liz Longley – Funeral for My Past (Tone Tree Music)
Joan Osborne – Trouble And Strife (Womanly Hips Music)

11 settembre
Elizabeth Cook - Aftermath (Agent Love Music)
The Dillards - Old Road New Again (Pinecastle Records)
Blitzen Trapper – Holy Smokes Future Jokes (Yep Roc Records)
Gasoline Lollipops – All The Misery Money Can Buy (self-released)
Donal Hinely – Diary of a Snowflake (Scuffletown Records)
Waylon Payne – Blue Eyes, The Harlot, The Queer, The Pusher & Me (Carnival Recording Company)
Shoebox Letters – Treasure Map (self-released)
Two Bird Stone – Hands and Knees (Wondermore Records)
Doc & Merle Watson – Songs Doc Didn’t Sing (Fli Records)

4 settembre
Hayes Carll - Alone Together Sessions (Dualtone Music)
Dirk Powell - When I Wait For You (Compass Records)
Hannah Aldridge – Live in Black and White (Icons Creating Evil Art)
Emily Barker – A Dark Murmuration of Words (Everyone Sang Records)
Carolina Story – Dandelion (Black River Americana)
Kris Delmhorst – Long Day In The Milky Way (Big Bean Music/CEN)
New Moon Jelly Roll Freedom Rockers – New Moon Jelly Roll Freedom Rockers, Vol. 1 (Stony Plain Records)
Grant-Lee Phillips – Lightning, Show Us Your Stuff (Yep Roc Records)
India Ramey – Shallow Graves (self-released)
Tennessee Jet – The Country (Tennessee Jet Music, LLC)

28 agosto
Molly Tuttle …but i’d rather be with you (Compass Records)
Colter Wall - Western Swing & Waltzes and other Punchy Songs (Black Hole Music)
The Allman Betts Band – Bless Your Heart (BMG Rights Management)
Avett Brothers – The Third Gleam (Loma Vista Records)
Karen Jonas – The Southwest Sky and Other Dreams (Yellow Brick Road Records)
Ruston Kelly – Shape & Destroy (Rounder Records)
Kelly’s Lot – Another Sky (PK Entertainment)
Bettye LaVette – Blackbirds (Verve Records)
Zephaniah Ohora – Listening To The Music (Last Roundup Records)
J.S. Ondara – Folk n’ Roll Vol. 1: Tales Of Isolation (Verve Forecast)
Dan Penn – Living On Mercy (The Last Music Company)
Josh Ritter – See Here, I Have Built You A Mansion (Pytheas Recordings)
Bobby Rush – Rawer Than Raw (Deep Rush Records)
Walter Trout – Ordinary Madness (Provogue/Mascot Label Group)
Various Artists – Willie Nile Uncovered (Paradiddle Records)
Wood & Wire – No Matter Where It Goes From Here (Blue Corn Music)

21 agosto
The Mavericks - En Español (Mono Mundo Recordings)
Old 97’s - Twelve (ATO Records)
Mandy Barnett – A Nashville Songbook (BMG)
Cidny Bullens – Walkin’ Through This World (Blue Lobster Records)
Robert Gordon – Rockabilly For Life (Cleopatra Records)
Jerry Joseph – The Beautiful Madness (Cosmo Sex School/Soundly Music)
H.C. McEntire – Eno Axis (Merge Records)
Chuck Prophet – The Land That Time Forgot (Yep Roc Records)
Emma Swift – Blonde On The Tracks (Tiny Ghost Records)

14 agosto
The Two Tracks - Cheers to Solitude (self-released)
Twisted Pine - Right Now (Signature Sounds Recordings)
Kathleen Edwards – Total Freedom (Dualtone Music Group)
Arlo McKinley – Die Midwestern (Oh Boy Records)
Ashley Ray – Pauline (Soundly Music)
Rodney Rice – Same Shirt, Different Day (self-released)
Matt Rollings – Mosaic (Dualtone Music Group)
Sylvie Simmons – Blue on Blue (Compass Records)
Sugarcane Jane – Ruffled Feathers; Songs in the Key of Me (Admiral Bean Records)

7 agosto
Mary Chapin Carpenter - The Dirt and the Stars (Lambent Light Records)
Kenny Roby - The Reservoir (Royal Potato Family Records)
Carolina Blue – Take Me Back (Billy Blue Records)
Daniel Donato – A Young Man’s Country (Cosmic Country Music)
Golden Shoals – Golden Shoals (Golden Shoals Music)
Market Junction – Burning Bridges (self released)
Cary Morin – Dockside Saints (self released)
The Furious Seasons – La Honda (Stonegarden Records)
Deborah Silver – Glitter & Grits (NTL Records)
The Wildmans – The Wildmans (Mountain Fever Records)

31 luglio
Charley Crockett - Welcome to The Hard Times (Son of Davy Records)
Peter Himmelman - Press On (Himmasongs)
Shirley Collins – Heart’s Ease (Domino Recording Co.)
The Jason Daniels Band – Downloads from the Universe (Jax-Zen Studios)
Mac McAnally – Once in A Lifetime (Mailboat Records)
Maple Run Band – Maple Run Band (Back Pasture Records)
Stephen Mougin – Ordinary Soul (Dark Shadow Recording)
Evan Ogden – Undone (self-released)
John Fusco & The X-Road Riders – John The Revelator (Checkerboard Lounge Recordings)

24 luglio
Courtney Marie Andrews - Old Flowers (Fat Possum Records)
Ted Russell Kamp - Down In The Den (PoMo Records)
Bill Kirchen - The Proper Years (Last Music Company)
Cinder Well – No Summer (Free Dirt Records)
Bernie Barlow – Redeemed (West Valley Records)
Eliot Bronson – Empty Spaces (New Pain Records)
Jesse Dayton – Gulf Coast Sessions EP (Blue Elan Records)
Lori McKenna – The Balladeer (CN Records)



 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
Home page


 News   notizie, video, segnalazioni, classifiche


Video della settimana:
Kacy & Clayton and Marlon Williams - I Wonder Why
Plastic Bouquet dall'11 dicembre per New West records


-----------------------------------------------------------------------------------------


:: Ozzy - La Storia - la biografia di Ken Paisli per Chinaski Edizioni da 3 dicembre

La biografia definitiva in uscita il 3 dicembre 2020, nel giorno del suo 72° compleanno.

L’intensa parabola di Ozzy Osbourne raccontata nella sua interezza, dall’infanzia a Birmingham (UK) passando per i Black Sabbath fino a Ordinary Man, ultimo album di una carriera solista che ha attraversato quarant’anni di hard rock. Voce unica e inimitabile, Ozzy è stato anche uno scopritore di talenti cresciuti con lui: dai compianti Randy Rhoads e Randy Castillo ai talentuosi Zakk Wylde e Mike Inez. Un libro palpitante, una giostra d’emozioni altalenante come gli alti e i bassi di una delle poche leggende viventi del rock. Successi e tragedie, follie e risvolti affettivi di un uomo umile e legato alla famiglia ma, spesso, pericolosamente sul baratro. Ozzy – La Storia è anche un documento corale, 350 pagine dense di aneddoti per bocca dei suoi colleghi: i Black Sabbath, i partner nella carriera solista, i Motley Crue, i Guns N’ Roses, i Motorhead e tanti altri. Ci sono pure la moglie-manager Sharon e i loro figli, che vanno oltre la serie TV The Osbournes per raccontarci un marito e un padre amorevole. Un volume che asseconda gli umori di un artista senza filtri, che ha saputo connettersi con intere generazioni, accompagnando il lettore come un vecchio amico che ti confessa i suoi segreti. Con 20 schede sulla sua discografia, dai Sabs a quella solista, e un pregevole inserto a colori ricco di foto. Prefazione di Stefano Cerati, direttore di Rock Hard.

L’autore: Ken Paisli - neozelandese che preferisce far parlare le sue opere - ha sbancato le classifiche con Michael Jackson Dossier (2006) ma è entrato nei cuori dei rocker grazie al best seller Guns N’ Roses The Truth (2005). Con la dettagliata biografia Axl (2009) ha conquistato anche i più scettici. Romanziere dalla prosa esplosiva, si è inventato il rock noìr di Bad Obsession (2016), racconto osannato dai media. Dopo un lungo silenzio, torna con il suo volume forse più completo: Ozzy – La Storia (2020).

----------------------------------------------------------------------------------------


:: Il cuore più buio - il nuovo mistery di Nelson George per Jimenez edizioni

Dopo Funk e morte a L.A., il nuovo capitolo della saga all black di D Hunter. Un mystery sullo sfondo del razzismo strisciante che scuote l’America oggi come ieri. Il cuore più buio riflette su cosa significhi essere un uomo d’affari nero in un’epoca in cui le regole dell’imprenditoria vengono costantemente assoggettate a un clima politico sempre più polarizzato.

D Hunter si è lasciato alle spalle Brooklyn e il lavoro da bodyguard: adesso vive a Los Angeles e fa il talent manager. È un uomo d’affari, e gli affari vanno bene: Lil Daye, astro nascente della scena trap di Atlanta, è il pezzo forte della sua agenzia di management, e D gli ha appena procurato un remunerativo contratto di endorsement con una marca di liquori. Ma quando viene a conoscenza delle perversioni sessuali e delle idee suprematiste del capo della prestigiosa azienda, D inizia a temere di aver venduto la sua anima. Come del resto a Los Angeles fanno tutti, in un modo o nell’altro. Intanto, il passato non cessa di tormentare D: a Brooklyn è stato rinvenuto un cadavere e ora un agente dell’Fbi vuole parlare con D, il quale rischia di essere trascinato in vecchie, torbide storie che fanno ricomparire nella sua vita il famigerato sicario Ice, uno di quelli che non conviene far innervosire. Nel frattempo Serene Powers, nota ai lettori per il ruolo decisivo avuto in Funk e morte a L.A., è a Londra per una delle sue missioni tese a interrompere un traffico di esseri umani. Quando lei rientra negli Stati Uniti, D chiede il suo aiuto per sbrogliare ancora un’altra questione, che coinvolge il trapper Lil Daye, la di lui moglie Mama, la di lui amante Dorita e il di lui scagnozzo Ant. Nella vena della migliore tradizione noir, a cui aggiunge una ricca dose di provocazione, il romanzo è un intreccio di storie e di casi, di persone e di segreti, di azioni ripugnanti e di slanci di onestà. Dietro agli affari e agli uomini d’affari striscia subdola una visione politica razzista e sprezzante (viene spesso evocato il #45 Presidente degli Stati Uniti, e non con parole d’encomio) che cela il cuore più buio di una nazione che non ha ancora fatto i conti con le zone oscure della propria parabola democratica.

L'autore, Nelson George
Scrittore, giornalista, filmmaker e produttore televisivo, è tra i massimi esponenti della cultura afroamericana e della black music. Editorialista per The Village Voice e Billboard, ha scritto anche per Rolling Stone, The New York Times, Playboy, Esquire e Essence. Regista di numerosi documentari, è anche tra gli autori della serie tv Netflix, The Get Down. La serie di mystery con D Hunter conta al momento cinque titoli, tra cui Funk e morte a L.A., pubblicato da Jimenez nel 2019.

fonte: Jimenez edizioni

----------------------------------------------------------------------------------------


:: Austin Meade - il nuovo album "Black Sheep" in uscita il 19 febbraio

Snakefarm Records è lieta di annunciare la firma del cantante, cantautore e chitarrista Austin Meade. Meade, che nella sua musica riesce a unire abilmente country e rock’n’roll, arriva direttamente dalla scena Red Dirt. Black Sheep, il suo primo album su Snakefarm Records, arriva il 19 febbraio 2021. Per accompagnare l’annuncio del nuovo lavoro, l’artista condivide oggi il video del singolo “Happier Alone” che, avendo già superato i 2 milioni di stream solo negli Stati Uniti, è pronto a diventare una hit.

“Il giorno in cui ho scritto questo pezzo l’avrò suonato almeno 30 volte”, spiega Meade, mentre rivela qualche dettaglio anche sul video “non mi stanca mai, e ho avuto in testa per mesi l’idea del video. È un tributo agli anni delle scuole superiori, trascorsi nella mia città natale: Brenham, Texas. Ho sempre pensato di tornarci e girare un video con dei vecchi amici nei posti che frequentavamo quando eravamo più giovani. Quindi abbiamo creato una crew pazzesca ed è successo davvero”. Continua: “‘Happier Alone’ ha quel sound da primi anni 2000 che ho sempre amato, e anche il video ha quell’aura nostalgica. ‘You could be happier alone’ è un’affermazione piuttosto pesante quando si trova da sola al centro di una pagina bianca. Ma il brano e il video rispecchiano le nostre vere intenzioni: incentivare il pubblico a divertirsi e a godere delle piccole cose, come una vecchia pista di pattinaggio”. Sulla firma con Snakefarm Records, Meade rivela: “Sono molto felice di avere l’opportunità di lavorare con un team che crede in quello che facciamo. Avremmo potuto trovare delle scuse per sprecare quest’anno. E invece, abbiamo continuato a lavorare e messo su una crew incredibile. La Black Sheep crew sta arrivando”.

fonte: Spin-Go

----------------------------------------------------------------------------------------


:: Aaron Frazer - l'esordio prodotto da Dan Auerbach, l’8 gennaio per Dead Oceans

‘Introducing …’, l'esordio di Aaron Frazer prodotto da Dan Auerbach, uscirà l’8 gennaio per Dead Oceans L’esordio solista di Aaron Frazer è un album di dolcissimo soul prodotto dal grande Dan Auerbach dei Black Keys, anticipato le settimane scorse dai singoli ‘Bad News’ e ‘Over You’, oltre che dal nuovo ‘I Got It’

L’esordio di Aaron, prodotto da Dan Auerbach, è un testamento di gratitudine verso i grandi artisti soul che hanno definito il suo gusto e influenzato lo stile. ‘Introducing …’ combina la passione di Aaron per il grande soul degli anni ’70 con la particolare sensibilità produttiva di Dan Auerbach, con influenze disco, gospel e doo-wop. Il disco è stato prodotto in una settimana presso lo studio di Dan Auerbach a Nashville con una band di turnisti incredibili. Alle registrazioni hanno partecipato il percussionista Sam Bacco, membri del mondo Daptone e Bg Crown e turnisti che avevano partecipato alla registrazione di classici come ‘Son of A Preacher Man’ di Dusty Srpingfield e ‘You Make Me Feel Like A Natural Woman’ di Aretha Franklin..

fonte: Goodfellas

----------------------------------------------------------------------------------------


:: Shake Edizioni - novità in libreria: Leadbelly; Einstürzende Neubauten

Due interessanti novità in arrivo da Shake: la biografia degli Einstürzende Neubauten a cura di Klaus Maeck e quella di Leadbelly scritta a quattro mani da Richard G. Addeo e Richard M. Garvin. Ascolta con dolore (titolo quanto mai appropriato) ripercorre tutta la storia degli Einstürzende Neubauten da Berlino ai deserti americani con le testimonianze dei diretti interessati, non ultimi Nick Cave e Blixa Bargeld. La vita di Leadbelly è invece affrontata proprio come “il grande romanzo di un re del blues” offerto dal sottotitolo e ne approfondisce ogni singolo dettaglio, grazie al minuzioso lavoro di Richard G. Addeo e Richard M. Garvin, che merita di essere scoperto per intero, prossimamente su questi schermi.

Per ulteriori informazioni: www.shake.it

----------------------------------------------------------------------------------------


::
Michele Anelli - la lavorazione di "Sotto il cielo di Memphis"

In cima a una lunga e ormai trentennale carriera, ben suddivisa tra la passione per il rock’n’roll e l’attenzione al cantautorato e alle tradizioni nostrane, Michele Anelli sta lavorando a Sotto il cielo di Memphis, il nuovo progetto cominciato al FAME Recording Studios di Muscle Shoals, in Alabama e proseguito in Italia con i Goosebumps Brothers. Si articolerà con un quarantacinque giri a tiratura limitata e con l’album in versione vinile e compact disc.

Michele Anelli, che nel frattempo si è dedicato anche alla scrittura, lo descrive con i tutti i dettagli del caso qui: www.produzionidalbasso.com

 


----------------------------------------------------------------------------------------


:: Mick Fleetwood & Friends - un tributo a Peter Green & Fleetwood Mac, aprile 2021

Un cast di All Star per un concerto unico che celebrai primi anni dei Fleetwood Mac e del loro fondatore Peter Green registrato al Palladium di Londra il 25 febbraio 2020. Il film al cinema nel marzo 2021, l'album in uscita per Bmg il 30 aprile 2021

Il 25 febbraio 2020, pochi giorni prima della scoperta del primo caso di COVID-19 nel Regno Unito, sfociato poi nella pandemia in corso che ha reso necessaria la sospensione della società moderna, si è tenuto un concerto molto speciale al leggendario Palladium di Londra per celebrare le canzoni di Peter Green e la formazione originale dei Fleetwood Mac. Il pubblico dello show, sold out, è stato testimone di qualcosa di unico, in quello che sarebbe stato uno degli ultimi concerti dal vivo prima della loro sospensione.

Questo spettacolo assume oggi un significato particolarmente toccante, dopo la scomparsa di Peter Green nel luglio 2020. I musicisti riuniti per questo evento hanno formato un cast di tutto rispetto, mostrando un profondo e incredibile legame cosmico con le canzoni. Quella musica aveva cambiato le loro vite, li aveva spinti a suonare e, per uno di loro, ha ispirato la nasciata della sua ormai famosissima band. Questa musica ha continuato a suscitare emozioni e quella notte, sull'orlo di un momento storicamente oscuro nella storia dell'umanità, le è stato dato una glorioso omaggio.

I musicisti sul palco erano Neil Finn, Noel Gallagher, Billy Gibbons, David Gilmour, Kirk Hammett, John Mayall, Christine McVie, Jeremy Spencer, Zak Starkey, Pete Townshend, Steven Tyler e Bill Wyman. Il produttore leggendario Glyn Johns si è unito come produttore esecutivo del suono e la house band era composta dallo stesso Mick Fleetwood con Dave Bronze, Jonny Lang, Andy Fairweather Low, Ricky Peterson e Rick Vito.

Mick Fleetwood, che ha invitato gli artisti che si sono esibiti, ha detto: “Il concerto è stato una celebrazione di quei primi giorni di blues in cui tutti noi abbiamo iniziato ed è importante riconoscere il profondo impatto che Peter e i primi Fleetwood Mac hanno avuto sul mondo della musica. Peter è stato il mio più grande mentore e rendere omaggio al suo incredibile talento mi ha dato tanta gioia. Sono stato onorato di condividere il palco con alcuni dei tanti artisti che Peter ha ispirato negli anni e che condividono il mio grande rispetto per questo straordinario musicista. 'Then Play On'...” Questo incredibile film sarà proiettato a marzo 2021 nelle sale cinematografiche, distribuito da Cinema Live. I dettagli saranno annunciati nel nuovo anno.

fonte: A Buzz Supreme

----------------------------------------------------------------------------------------


:: Bologna 1980 - il libro dal 5 novembre per Goodfellas Edizioni

C'era tantissima gente il 1° giugno 1980 in piazza Maggiore a Bologna per lo storico concerto dei Clash a Bologna. Qualcuno dice che quel giorno arrivò il punk in Italia, altri che cambiò l’Italia, quello che è sicuro è che si è trattato di una data epica, da ricordare. ‘Bologna 1980 – Il concerto dei Clash in Piazza Maggiore nell’anno che cambiò l’Italia’ racconta la storica giornata del primo live dei Clash in Italia e le indimenticabili due ore del concerto della band di Joe Strummer e compagni. Oltre al resoconto del concerto gli autori ricordano gli inizi del movimento punk bolognese e come si arrivò allo storico concerto. Il libro è stato curato da Oderso Rubini e Ferruccio Quercetti, animatori profondi conoscitori della prima stagione punk italiana. Il concerto dei Clash a Bologna non fu semplicemente un importante evento musicale, uno dei più importantidi tutti i tempi per l’Italia. Tutto quello che accadde su e giù dal palco di Piazza Maggiore, prima, durante edopo il concerto, determinò una serie di azioni e reazioni che influenzano ancora oggi la vita culturale e contro-culturale del Paese. Lo dimostrano i ricordi e le testimonianze degli organizzatori, dei fan e della stessa band, che anche dei punk contestatori e dei giovani arrabbiati che portavano addosso ancora le ferite del 1977, oltre alla parole di giornalisti e intellettuali che, forse, non compresero davvero e fino in fondo la portata sociale di quelle due ore scarse di musica. Tutto ciò nel 1980, l’anno in cui perdemmo definitivamente l’innocenza e che chiuse un Secolo con vent’anni d’anticipo.

Gli autori:
Ferruccio Quercetti ha collaborato in maniera continuativa con le riviste musicali Music Club e Zero in Condotta. Ha scritto occasionalmente anche per Sottoterra e Blow-Up. Insieme a Giacomo Bottà, docente di Urban Studies presso l’Università di Helsinki, ha contribuito al volume 'Working for the clampdown'. Oderso Rubini è un produttore discografico, promoter, label manager, autore ed editore, è tra i principali animatori della scena musicale italiana, dal finire degli anni Settanta ai giorni nostri.

fonte: Goodfellas

----------------------------------------------------------------------------------------


:: Clap Your Hands Say Yeah - il nuovo album ‘New Fragility’ in uscita il 29 gennaio

‘New Fragility’ è una rinascita artistica per la band di Alec Ounsworth, il primo album dopo il deal di distribuzione internazionale con Secretly Canadian e il secondo per la sua personalissima CYHSY Records. Ascolta 'Hesitating Nation'

I Clap Your Hands Say Yeah, la perfetta creatura indie-rock creata e guidata dal talentuoso Alec Ounsworth, ai tempi del loro omonimo esordio del 2005 hanno rappresentato lo standard da seguire in termini di sound, etica DIY e lavoro per centinaia di band indipendenti. Il loro primo album fu un caso discografico autoprodotto che fece innamorare di un nuovo sound centinaia di migliaia di fan in tutto il mondo. Ora a 15 anni di distanza dal loro esordio Alec e i CYHSY tornano con un nuovo album, il migliore dai tempi dell'immortale esordio. Il titolo del nuovo album, New Fragility, è stato ispirato dalla lettura del racconto ‘Per sempre lassù’ di David Foster Wallace (parte dell’antologia ‘Brevi interviste con uomini schifosi’) ed è stato prodotto da Alec stesso con l’aiuto di Will Johnson (noto per i suoi lavori con Jason Molina e Conor Oberst dei Bright Eyes) e Britton Beisenherz a Austin, Texas. “Queste canzoni sono politicamente motivate, che non è insolito per me. In passato avevo scritto ‘Upon This Tidal Wave of Young Blood’ a proposito del fallimento della democrazia americana. Il nuovo brano ‘Hesitating Nation’ trasmette il mio disappunto con la mentalità di andare sempre avanti a tutti i costi, senza pensare a chi rimane indietro. Invece ‘Thousand Oaks’ parla della sparatoria di Thousand Oaks, California, del 2018, in cui morirono 13 persone, e dell’impotenza del governo americano di fronte a certe tragedie”.

‘New Fragility’ arriva a 3 anni di distanza da ‘The Tourist’ e ben 15 dal disco d'esordio, album che fece diventare i Clap Your Hands And Say Yeah una delle band di punta della scena indie-rock dei primi anni 2000.

fonte: Goodfellas

----------------------------------------------------------------------------------------

:: The Kinks - il cinquantesimo anniversario di "Lola", il box in uscita l'11 docembre

Lola Versus Powerman and the Moneygoround, Part One, comunemente abbreviato in Lola Versus Powerman o semplicemente Lola, è stato l'ottavo album in studio dei Kinks, registrato e pubblicato nel 1970. Concept album in anticipo sui tempi, Lola è uno sguardo satirico e pungente sul mondo dell'industria musicale inclusi editori, manager, produttori, mass media, stampa musicale e case discografiche. Uno dei classici di tutti i tempi dei Kinks. Che i festeggiamenti per il 50° anniversario abbiano inizio, mentre i Kinks svelano speciali piani di uscita multi-format per l'album, come i deliziosi formati Deluxe Box Set, 1LP, Deluxe 2CD, 1CD e digitale, che usciranno l'11 dicembre su BMG.

Sebbene sia uscito durante un periodo di transizione per i Kinks, Lola Versus Powerman è stato un successo sia dal punto di vista della critica che commerciale, classificandosi nella Top 40 negli USA e contribuendo a rilanciarli al pubblico, in una sorta di grande ritorno. L'album conteneva due singoli di successo: "Lola", che raggiunse il 9° posto negli Stati Uniti, il 2° nel Regno Unito e in Germania, diventando il più grande successo dei Kinks dopo "Sunny Afternoon" del 1966, e "Apeman", che raggiunse il 5° posto nel Regno Unito e in Germania. Ray Davies dice: "L'album è una celebrazione della libertà artistica (compresa la mia) e del diritto di chiunque di essere libero da ogni genere, se lo si desidera. Il segreto è essere una persona buona e fidata e un amico". In anticipo sui tempi, 'Lola' fu scritta da Ray Davies all'inizio del 1970 e registrata ai Morgan Studios di Londra. Il brano narra la storia romantica tra un giovane uomo e una persona transgender incontrata in un club di Soho e il testo fu ispirato da una storia di un presunto incontro del manager della band. Uscito come singolo insieme al brano "Berkeley Mews" outtake dell'album Village Green Preservation Society in Inghilterra e con il brano di Dave Davis "Mindless Child of Motherhood" negli Stati Uniti, l'iconico successo è stato cantato in tutto il mondo per decenni. L'uscita di Lola Versus Powerman and the Moneygoround, Part One, segue il recente successo del #LolaDay, che ha celebrato i 50 anni di questo singolo seminale. I fan hanno potuto ”Lolafy” le loro foto con 10 nuovi adesivi personalizzati disponibili sul sito web dei Kinks. Nel corso di quella giornata alcuni dei migliori artisti in circolazione come The Amazons, hanno pubblicato le loro cover del brano attraverso i canali di The Kinks e vari materiali audio, video e stampa dell'archivio Kinks sono stati condivisi con i fan.

Per lanciare I festeggiamenti per l'uscita del box set del 50° Anniversario, I Kinks presentano un nuovissimo remix/medley di Ray Davies del brano 'Any Time'. Originariamente scritto da Ray come possibile B-side per 'Apeman', 'Any Time' include estratti da diversi brani dei Kinks dall'album, oltre ad aggiungere effetti sonori e parti vocali. Si tratta di un concept piece sul quale Ray afferma: "L'isolamento causato dal Coronavirus può dare alle persone il tempo di rivalutare il mondo e di rivalutare le proprie vite. La musica può confortare i solitari, trascendere il tempo e non è il futuro o il passato, ieri, oggi o domani. È in qualsiasi momento". E aggiunge: "Ho visto un modo per far sì che questo brano inedito degli anni Settanta si connetta a un pubblico nel 2020. Ho anche visto un modo per dimostrare che la musica può viaggiare nel tempo, che la memoria è istantanea e quindi può unirsi a noi nel presente. Ho messo insieme tutto questo come qualcosa di surreale e poi mi sono reso conto che stava realmente accadendo. La canzone ha trovato il suo posto, dopo il suo cinquantesimo compleanno".

fonte: A Buzz Supreme

----------------------------------------------------------------------------------------


:: Bad Religion - Do What You Want - La Storia dei BAD RELIGION'. Disponibile dal 27 novembre per Sabir Editore

Disponibile anche in Italia dal 27 novembre per Sabir Editore la biografia ufficiale dei Bad Religion, la band che ha cambiato le regole del punk californiano e creato un mito ancora oggi vivo e vegeto. La band formata a Los Angeles, California, nel 1980 da Greg Graffin, Brett Gurewitz e Jay Bentley ha deciso di festeggiare i 40 anni di ininterrotta attività con un'attesissima biografia scritta da tutti i membri presenti e passati della band e guidata dalla sapiente mano del giornalista musicale e autore Jim Ruland. Il libro è stato pubblicato con successo negli states e l'Italia sarà uno dei primi paesi ad avere una versione tradotta del racconto dei Bad Religion.

'Do What You Want - La Storia dei Bad Religion' racconta la straordinaria carriera quarantennale della famosa band in prima persona. Dagli esordi, adolescenti che sperimentano in un garage della San Fernando Valley soprannominato"The Hell Hole", ai principali festival musicali di tutto il mondo. Con la loro miscela unica e inconfondibile di hardcore melodico e testi profondi ed evocativi, i Bad Religion hanno spianato la strada all'esplosione del punk rock degli anni '90, aprendo le porte a band come NOFX, The Offspring, Rancid, Green Day e Blink-182. Hanno mostrato al mondo ciò che potrebbe essere il punk all’ennesima potenza, che unisce musicisti eccezionali con la ricerca intellettuale nella composizione dei testi, e continuano a diffondere il loro messaggio una canzone, uno spettacolo, un tour alla volta. Senza alcun segno di interruzione.

'Do What You Want' racconta l'intera storia in stile irriverente, rintracciando quasi tutti i membri del passato e del presente della band. Quattro le voci che si alternano e si sovrappongono al narratore Jim Ruland, le quattro voci che maggiormente definiscono oggi i Bad Religion: Greg Graffin, un ragazzo del Wisconsin che cantava nel coro e divenne un'icona punk rock di Los Angeles mentre era ancora un adolescente. Brett Gurewitz, che si ritira dalle scuole superiori e fonda l'etichetta indipendente punk Epitaph Records, fino a diventare uno dei rappresentanti più influenti dell’industria discografica. Jay Bentley, skater, surfista, famoso tanto per essere il bassista eccezionale che è diventato negli anni quanto per le sue buffonate sul palco e Brian Baker, membro fondatore dei Minor Threat che si è unito alla band nel 1994 e porta nel libro una prospettiva differente, come il più intimo degli outsider.

fonte: Goodfellas




info@rootshighway.it