:: Menù
 



RootsHighway è membro ufficiale della Euro Americana Chart, la classifica dei dj e giornalisti europei

Euro Americana Chart
[ottobre 2017]

1. Chris Hillman - Bidin' My Time
2. JW Roy & The Royal Family - A Room Full Of Strangers
3. Jolie Holland & Samantha Parton - Wildflower Blues
4. Eilen Jewell - Down Hearted Blues
5. Chris Blevins - Better than Alone
6. David Rawlings - Poor David's Almanack
7. The Roseline - Blood King
8. Hiss Golden Messenger - Hallelujah Anyhow
9. Susto - & I Am Fine Today
10. Amber Cross - Savage on the Downhill

La classifica completa:
euroamericanachart.eu

 
 

IN USCITA: scorri l'elenco delle prossime uscite discografiche in campo Americana/ Roots/ Indie:

13 ottobre
Derek Hoke - Bring the Flood (Little Hollywood Records)
The Barr Brothers – Queens of the Breakers (Secret City Records)
Joshua Davis – The Way Back Home (Soundly Music)
Kevin Fisher – Beer Me (37 Records)
Jackie Greene – The Modern Lives Vol. 1 (Blue Rose Music)
Ryan Koenig – Two Different Worlds (Big Muddy Records)
Lydia Loveless – Boy Crazy and Single(s) (Bloodshot Records)
Jeffrey Martin – One Go Around (Fluff & Gravy Records)
Masontown – In This Time (self released)
Travis Meadows – First Cigarette (Blaster Records)
Matt Patershuk – Same As I Ever Have Been (Black Hen Music)

6 ottobre
Gill Landry - Love Rides A Dark Horse (ATO Records)
Whitney Rose - Rule 62 (Six Shooter Records)
Bill Carter – Bill Carter (Forty Below Records)
Laura Cortese & The Dance Cards – California Calling (Compass Records)
Ren Geisick – Ren, Love Song (independent)
Thomm Jutz – Crazy If You Let It (Mountain Fever Records)
JD McPherson – Undivided Heart & Soul (New West Records)
Silver Torches – Let It Be a Dream (independent)
The White Buffalo – Darkest Darks, Lightest Lights (Unison Music Group)
The Roseline – Blood (King Forward Records)

29 settembre
Lucinda Williams - This Sweet Old World (Highway 20 Records)
Flatt Lonesome – Silence In These Walls (Mountain Home Music Company)
Lazer Lloyd – Freedom’s Child (Lots of Love Records)
Sarah Lou Richards – Someone Who Gets Me (independent)
Ana Tivel – Small Believer (Fluff and Gravy Records)
Fred Wickham – Mariosa Delta (Thirty Days Records)

22 settembre
Chris Hillman - Bidin’ My Time (New Rounder Records)
Eilen Jewell - Down Hearted Blues (Signature Sounds Recordings)
Jon Langford - Four Lost Souls (Bloodshot Records)
Kris Delmhorst – The Wild (Blue Blade Records)
Max Gomez – Me & Joe (Brigadoon Records)
Hiss Golden Messenger – Hallelujah Anyhow (Merge Records)
Christian Lopez – Red Arrow (Blaster Records)
Steve Martin with The Steep Canyon Rangers – “The Long-Awaited Album” (Rounder Records)
Van Morrison – Roll With The Punches (Caroline International)
Josh Ritter – Gathering (Pytheas Recordings)
Leon Russell – On a Distant Shore (Palmetto Records)
Stephen Stills & Judy Collins – Everybody Knows (Wildflower Records)
Billy Strings – Turmoil & Tinfoil (Apostol Recording Company)
Various Artists – Swampland Jewels (Yep Roc Records)
Various Artists – Woody Guthrie: The Tribute Concerts (Bear Family Records)

15 settembre
Larry Campbell & Teresa Williams - Contraband Love (Red House Records)
Radney Foster - For You to See the Stars (Devil’s River Records)
The Paula Boggs Band – Elixir – The Soulgrass Sessions (Boggs Media LLC)
Bruce Cockburn – Bone On Bone (True North Records)
Deer Tick – Deer Tick, Vol. 1, Deer Tick, Vol. 2 (Partisan Records)
Flatland Tourists – Carry Me Home (Little King Records)
Dennis Johnson & The Mississippi Ramblers – Rhythmland (Root Tone Records)
The Lil’ Smokies – Changing Shades (independent)
The Texas Gentlemen – TX Jelly (New West Records)
Willie Watson – Folksinger Vol. 2 (Acony Records)
Sunday Wilde & Reno Jack – Two (Hwy 11 Records)
Hank Williams III – Greatest Hits (Curb Records)
Lizz Wright – Grace (Concord Records)
Rusty Young – Waitin’ for the Sun (Blue Élan Records)

8 settembre
Mark Olson - Spokeswoman of the Bright Sun (Glitterhouse Records)
Neil Young - Hitchhiker (Reprise Records)
Gregg Allman – Southern Blood (Rounder Records)
Tom Irwin – All That Love (Clyded Records)
Ali Handal – That’s What She Said (Red Parlor Records)
Jolie Holland & Samantha Parton – Wildflower Blues (Cinquefoil Records)
The McCrary Sisters – Live (Soundly Music)
Charlie Parr – Dog (Red House Records)
David Ramirez – We’re Not Going Anywhere (Sweetworld Records)
Tom Russell – Folk Hotel (Frontera Records)
Cale Tyson – Careless Love (At Last Records)
Van William – The Revolution EP (Fantasy Records)

1 settembre
Jack Tempchin Peaceful Easy Feeling : The Songs of Jack Tempchin (Blue Elan Records)
Jonny Lang – Signs (Concord Records)
Joan Osborne – Songs of Bob Dylan (Womanly Hips Records)
Blake Berglund – Realms (Oceanman Records)
Jordyn Pepper – Mountain Rain (Howlin’ Dog Records)
Hayley Thompson-King – Psychotic Melancholia (Hard To Kill Records)
Walter Trout – We’re All In This Together (Provogue Records)



 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
Home page

 News   notizie, video, segnalazioni, classifiche


Video della settimana:
Courtney Marie Andrews - Woman of Many Colors



-----------------------------------------------------------------------------------------


:: Black rebel Motorcyle Club: il nuovo album “Wrong Creatures” in uscita il 12 gennaio 2018

I Black Rebel Motorcycle Club stanno ultimando il loro ottavo album “Wrong Creatures”, che segue “Specter At The Feast” del 2013, in uscita il 12 gennaio 2018 su [PIAS], distribuzione Self. Ascolta il primo singolo “Little Things Gone Wild” QUI. I BRMC – Peter Hayes (voce, chitarra e armonica), Robert Levon Been (voce, basso, chitarra) e Leah Shapiro (batteria) – hanno iniziato a pensare a questo album nell’estate 2015. Shapiro aveva subito un’operazione al cervello sei mesi prima per la Malformazione di Chiari, un raro disturbo che restringe il flusso del liquido spinale tra cervello e spina dorsale.

Il trio ha dovuto interrompere il tour e iniziare a concentrarsi sulle nuove canzoni nella loro sala prove privata, chiamata “The Bunker”, a North Hollywood. “È una macchina impazzita, può risucchiarti completamente, siamo stati in tour finché le gomme non sono esplose e il cervello di Leah non ha cominciato ad uscirle dalla testa” spiega Been “Io ho combattuto con la depressione e anche la testa di Pete ha avuto di problemi”. Nick Launay, famoso per il suo lavoro con Yeah Yeah Yeahs, Arcade Fire e Nick Cave & The Bad Seeds, è arrivato per produrre l’album, diventando una parte fondamentale per la macchina dei BRMC. “Ho cominciato a scrivere molto sulla morte,” dice Heyes “a discutere con la morte. Anche se suona molto scuro, per me è dark humor”. Been aggiunge “Siamo davvero un’isola, qualunque cosa accada, quindi di solito è meglio essere vestiti conformemente. Non so che abiti bisogna indossare quando si annega nelle fiamme, ma la pelle di solito va bene per tutto”.

La band ha anche pubblicato il primo singolo “Little Thing Gone Wild”. “Little Thing Gone Wild” è sporca, sexy, un viaggio spensierato con grandi riff e bassi pesanti – è il primo assaggio dell’album. È anche d’ispirazione per il titolo del disco, che si ispira a questo passaggio del testo ““Lord you hear me loud into my soul speaker, why won’t you let me out, you’ve got the wrong creature”. I BRMC hanno annunciato anche il tour europeo che partirà il 23 ottobre da Dublino e li porterà ad esibirsi in Italia al Fabrique di Milano il 30 novembre 2017 (info: Indipendente Concerti)

fonte: Spin-go

----------------------------------------------------------------------------------------


:: Curtis Harding: il nuovo album "Face Your Fear" il 27 ottobre su Anti- Records

Curtis Harding pubblica il caleidoscopico singolo “Wednesday Morning Atonement” (vedi video qui sopra), prodotto da Danger Mouse, e annuncia il suo nuovo album Face Your Fear, in uscita il 27 ottobre su Anti-, distribuzione Self. Il New York Magazine ha già definito l’album in uscita come uno dei dischi più attesi dell’anno, lodando la voce rovente di Harding, mentre Clash UK ha elogiato la recente “On and On” come “uno scottante brano dancefloor soul che ricorda il primo Curtis Mayfield e l’ultima Motown anni 60”. Face Your Fear segue l’acclamato album del 2014 Soul Power, che ha particolarmente colpito Rolling Stone US per cui Harding è un “artista da seguire”. Harding combina il suo suono psichedelico con un’essenza soul. Le 12 tracce del nuovo album convergono in una eclettica miscela di generi assimilati durante le sue varie esperienze; Harding è passato dai tour del coro gospel in cui cantava sua madre, al rap di Altanta, alla garage band fondata con Cole Alexander dei Black Lips, fino all’esperienza da corista per Cee Lo Green. Face Your Fear vede alla produzione lo stesso Harding, Sam Cohen e Danger Mouse ed è stato registrato a New York nello studio 30th Century di Danger Mouse. A settembre Curtis Harding partirà per un nuovo tour che lo porterà a suonare in Italia il 26 Novembre al Circolo Magnolia di Milano

fonte: Spin-go

----------------------------------------------------------------------------------------


:: Il decimo ed ultimo volume della collana SOUL BOOKS, Vololibero edizioni

Pur essendo nato e cresciuto a Philadelphia, Solomon Burke diede un contributo insostituibile alla preparazione di quella miscela di gospel, country, pop e blues conosciuta come soul sudista. Quando il musicista firmò per la Atlantic Records, nel 1960, riempì il vuoto causato dal passaggio di Ray Charles alla concorrenza. Modestamente, l'uomo che volle farsi re del rock and soul, si riteneva il miglior cantante del mondo. Ma guai a puntare tutto su una carta sola! Oltre a seguire l'intera filiera dei suoi spettacoli, gestiva una catena di fast food, una società di assistenza agli orfani e una casa editrice musicale. Laureato in scienze funerarie, era pure titolare di un'impresa di onoranze funebri e, naturalmente, vescovo nella chiesa fondata da sua nonna, la House of God for All People.

Ogni libro della collana Soul Books é introdotto da una prefazione curata da Massimo Oldani, grande esperto italiano di soul, r&b e black music che cura la trasmissione VIBE su Radio Capital. Graziano Uliani (organizzatore e direttore artistico del Porretta Soul Festival) inserisce in ogni pubblicazione curiosità, notizie e aneddoti della sua decennale attività a fianco dei più grandi nomi del soul.

fonte: Vololibero Edizioni

----------------------------------------------------------------------------------------


:: "La Mia Vita Hard-Core" di Harley Flanagan per Goodfellas Edizioni dal 15 settembre

Se vi importa qualcosa della storia e dello stile punkhardcore, o se siete in cerca di una storia ben raccontata, questo libro è il pugno in faccia di cui avete bisogno. La vita di Harley Flanagan e le storie che racconta in questo libro ben sintetizzano gli anni settanta e ottanta della scena underground newyorkese. Figlio di una giovane Hippie, Flanagan cresce fin da ragazzino a contatto con gli scrittori, gli artisti e i poeti che animano la scena americana a cavallo tra la fine dei movimenti di protesta degli anni 70 e la nascita del punk, tanto che un suo libro di racconti e storie scritto da bambino, porta la firma nell’introduzione di Allen Ginsberg. Appena dodicenne frequenta le notti della grande mela e viene a contatto con personaggi del calibro di Andy Warhol e Joe Strummer. Nel 1986 alla guida dei Cro-Mags, band fondamentale del movimento hardcore newyorkese, Harley Flanagan da alle stampe l'album ‘The Age Of Quarrel’ con cui la sua fama valica i confini degli Stati Uniti e che da molti critici è considerato un fondamentale tassello della scena punk americana. Il maturo e attuale Harley Flanagan, tra le altre cose cintura nera e istruttore di Jiu-Jitsu, è un personaggio controverso che non accenna a diminuire la sua carica dirompente e radicale. Steven Blush, autore del libro ‘American Punk Hardcore’ e dell'introduzione di questa biografia: “Harley Flanagan non è come me o voi. La maggior parte di noi è cresciuta in un ambiente relativamente sicuro e protetto. Harley è venuto su come un animale selvatico, costretto a cavarsela da solo nella giungla di delinquenza, droghe, soprusi e povertà del Lower East Side degli anni Settanta. A soli dieci anni divenne la piccola star del downtown come batterista degli Stimulators suonando in locali come il Max’s Kansas City e il CBGB e socializzando con personaggi del calibro di Debbie Harry dei Blondie o i Dead Boys. Tutti pensano sia stato qualcosa di molto carino… ma non lo era per niente.” Lo chef stellato e autore di culto Anthony Bourdain, ha detto: “Lo straordinario racconto di Harley Flanagan non è solo il raconto della nascita della scena NYHC (New York HardCore), di cui lui è il padre fondatore, ma è la storia di New York stessa. È tutto scritto qui, una serie incredibile di coincidenze inverosimili, di successi, catastrofi e amicizie. Se è accaduto a New York, ed è stato importante e interessante, ci sono buone probabilità che Harley fosse nei paraggi”.

fonte: Goodfellas

----------------------------------------------------------------------------------------


:: Shilpa Ray: il nuovo singolo ‘EMT Police and the Fire Department’ anticipa l'album Doom Girl a settembte 2017

È disponibile un nuovo singolo di SHILPA RAY, ‘EMT Police and the Fire Department’. Il brano anticipa l’uscita di “Door Girl”, il nuovo album dell’eccezionale artista newyorchese in uscita il prossimo 22 settembre sempre su Northern Spy. Il brano racconta di una notte particolarmente turbolenta passata in un bar. Così Shilpa spiega l’episodio: «Il brano fu scritto dopo un incidente in un bar dove stavo passando la serata, quando il livello di casino divenne così alto e insopportabile che furono chiamati ambulanze, polizia e pompieri». La scena colpì molto la cantante che ne trasse ispirazione per il brano: «La vista di tutto questo fu tragica e apocalittica. Mi fece riflettere: perché, con tutti i problemi veri che ci sono in questo mondo, le risorse della città vengono spese per frenare il comportamento dei clienti più marci e scorretti?» Il video del brano, diretto dal fotografo Ebru Yildiz, è ispirato da Breakaway, film sperimentale di Bruce Connor. «Questa è una versione più scioccante, cruda e talvolta sgradevole di questa pellicola» ha detto la Ray. «Un dialogo interno trasposto nella realtà da una qualsiasi ragazza della porta accanto». Il nuovo album segue l’eccellente debutto di Shilpa Ray, “Last Year’s Savage”, uscito nel 2015 su Northern Spy.

fonte: Audioglobe

----------------------------------------------------------------------------------------


:: Lost Horizons: duo composto da Simon Raymonde (Cocteau Twins) & Richie Thomas (Dif Juz), annunciano l’album di debutto Ojalá

Durante le celebrazioni per i 20 anni alla guida della sua etichetta, la Bella Union, Simon Raymonde ha iniziato una nuova collaborazione con il batterista Richie Thomas. Con il nome Lost Horizons i due artisti pubblicheranno lo splendido album Ojalá il 3 novembre via Bella Union [PIAS], distribuzione Self. Ojalá è l’unione di due musicisti estremamente dotati, che sono stati fin troppo assenti dalla scena musicale negli ultimi vent’anni. Il disco è la prova di una relazione telepatica tra i due artisti espressa tramite la musica e sviluppata in un rapporto di collaborazione e amicizia nato negli anni Ottanta. Partecipano alla realizzazione di Ojalá diversi ospiti vocali: alcuni sono artisti della Bella Union come Marissa Nadler, Tim Smith (ex frontman dei Midake), Cameron Neal (Horse Thief), altri sono artisti particolarmente apprezzati da Raymonde, come Leila Moss (The Duke Spirit e Ghostpost) e altri sono dei nuovi talenti (come Beth Cannon, Ed RIman, Genna Dunleavy e Phil McDonnel). Fra gli ospiti compare anche l’artista preferito di Raymonde Karen Peris (The Innocence Mission) nella sua prima collaborazione al di fuori dei The Innocence Mission e della carriera solista. Insieme i Lost Horizion hanno creato un’ora di incantevole magia: le sfumature soul (‘Bones’ feat. Cannon e ‘ Reckless’ feat. Ghostpoet), le melodie sognanti di ‘She Led Me Away’ (feat. Smith) e la malinconia di ‘Life Inside A Paradoxì (feat Neal, e Sharon Van Etten ai cori) rendono Ojalá un lavoro unico nel suo genere.

fonte: Spin-go

----------------------------------------------------------------------------------------

:: 'The Residents - Ralph records Artwork 1972-2016' di Matteo Torcinovich: dal 2 giugno in libreria, collana Spittle, Goodfellas Edizioni

Dal 2 giugno in tutte le librerie e shop online arriva 'The Residents - Ralph Records Artworks 1972-2016', di Matteo Torcinovich. La prima raccolta di copertine e grafiche della Ralph Records, l’officina creativa che ha rivoluzionato l'estetica punk. Ralph Records è un laboratorio che va ben oltre la mera e semplice pubblicazione di vinili. Infatti, pubblicare un disco è un espediente per poter creare azioni mediatiche, teatrali, artistiche, legate e ispirate ad un prodotto discografico. In 'The Residents - Ralph Records Artworks 1972-2016' sono raccolte le immagini che hanno rappresentato il suono della Ralph dal 1972 fino ai nostri giorni. Un percorso storico che rappresenta una delle più innovative etichette discografiche degli ultimi cinquant’anni. Una collezione di immagini tratte da copertine di dischi, cataloghi per fans, posters e vario materiale promozionale che si adegua, nell'arco di mezzo secolo, ai cambiamenti tecnologici e stilistici nelle tecniche di rappresentazione: disegni, incisioni, serigrafie, collages, fotomontaggi, pitture, sculture, video art, computer grafica.

La vita di Ralph Records e dei The Residents è ammantata di “oscuri” misteri creati dall’anonima “Cryptic Corporation”, e intorno a loro hanno orbitato numerose celebrità, tra cui: il polistrumentista inglese Philip Charles Lithman aka Snakefinger, l'illustratore e pittore texano Gary Panter, il musicista e artista visivo del Michigan Jad Fair conosciuto per essere uno dei fondatori della band Half Japanese, lo svizzero musicista e artista concettuale Dieter Meier co-fondatore del gruppo Yello, il collettivo artistico-musicale dei Tuxedomoon, il collettivo underground di rock sperimentale The Los Angeles Free Music Society (LAFMS), il polistrumentista inglese Fred Frith, il mago, attore, musicista, inventore del Massachusetts Penn Jillette, il fumettista e giornalista musicale Edwin Pouncey aka Savage Pencil, l'Art group canadese GENERAL IDEA della rivista FILE, il regista Graeme Whifler, il musicista Don Preston (mother of invention), il batterista inglese Chris Cutler, la cantante inglese Lene Lovich, Andy Partridge (XTC), i fumettisti Mark Beyer e Matt Groening, gli illustratori Steven Cerio, Adam Weller, Casey Howard, Ernst Gamper, Leigh Barbier, Patrick Roques, Reuben Raffael, Matt Howarth, Jimi Ludtke, RexRay e tanti altri. Sono pittori, grafici, fumettisti, musicisti, filmakers e scrittori legati da una potente sinergia creativa responsabile fautrice di un prodotto nuovo, non scontato e assolutamente poliedrico.

L’autore Matteo Torcinovich da sempre appassionato e onnivoro collezionista di musica in particolare di vinili e documenti relativi il movimento new wave punk. Collabora con il Venice Punk Museum, grafico per la fanzine L'age D'or ed il mensile Jamais Bourgeois. Autore di Pics off! L'estetica della nuova onda punk (Nomos edizioni, 2016).

fonte: Goodfellas






info@rootshighway.it