:: Menù
 



RootsHighway è membro ufficiale della Euro Americana Chart, la classifica dei dj e giornalisti europei

Euro Americana Chart
[agosto 2017]

1 Slaid Cleaves - Ghost On The Car Radio
2 Sam Baker - Land of Doubt
3 Boris McCutcheon - I'm Here. Let Me In
4 Jason Isbell - The Nashville Sound
5 Steve Earle - So You Wanna Be an Outlaw
6 Justin Townes Earle - Kids In The Street
7 Offa Rex - The Queen Of Hearts
8 Rachel Baiman - Shame
9 Jeffrey Hallford - Lo-Fi Dreams
10 Susan Cattaneo - The Hammer & The Heart

La classifica completa:
euroamericanachart.eu

 
 

IN USCITA: scorri l'elenco delle prossime uscite discografiche in campo Americana/ Roots/ Indie:

11 agosto
David Rawlings - Poor David’s Almanack (Acony Records)
Jason Wilber - Reaction Time (WilberTone Records)
Steve Azar & the King’s Men – Down at the Liquor Store (Ride Records)
A.J. Croce – Just Like Medicine (Compass Records)
Will Hoge – Anchors (Edlo Records)
Lara Hope and the Ark Tones – Love You To Life (self released)
Lee Roy Parnell – Midnight Believer (BFD Records)
Jeremy Pinnell – Ties Of Blood And Affection (Sofaburn Records)
Emily Saliers – Murmuration Nation (Emily Saliers Music)
Luke Sital-Singh –Time is a Riddle (House Arrest Records)
Alex Williams – Better Than Myself (Big Machine Records)

4 agosto
Tyler Childers - Purgatory (Hickman Holler Records)
Hard Working Americans - We’re All In This Together (Melvin Records)
Cory Chisel & Adriel Denae – Tell Me True (Refuge Foundation for the Arts)
Moses Guest – Light (Aufheben Records)
Randy Newman – Dark Matter ( Nonesuch Records)
Elijah Ocean – Elijah Ocean (New Wheel Music)
Old Salt Union – Old Salt Union (Compass Records)
India Ramey – Snake Handler (Little River Records)
George Thorogood – Party Of One (Rounder Records)

28 luglio
Jillette Johnson - All I Ever See In You Is Me (New Rounder Records)
Ben Hunter, Phil Wiggins, Joe Seamons – A Black & Tan Ball (independent)
Margo Price – Weakness (Third Man Records)
Juanita Stein – America (Handwritten Records)

21 luglio
Amber Cross - Savage on the Downhill (independent)
Moot Davis - Hierarchy of Crows (independent)
Nicole Atkins – Goodnight Rhonda Lee (Single Lock Records)
Sherman Holmes – The Sherman Holmes Project: The Richmond Sessions (M.C. Records)
Chris Robinson Brotherhood – Barefoot in the Head (Silver Arrow Records)
Whiskey Shivers – Some Part Of Something (Clean Bill Music)
Mike Younger – Little Folks Like You and Me (independent)

14 luglio
Korby Lenker - Thousand Springs (Soundly Music)
Applewood Road – Applewood Road (Gearbox Records)
Railroad Earth – Captain Nowhere (Black Bear Records)
Twisted Pine – Twisted Pine (Signature Sounds Recordings)
Various Artists – Strange Freedom: Songs of Love and Protest (Cafe Rooster Records)

30 giugno
Catherine MacLellan - If It’s Alright With You: The Songs of Gene MacLellan (True North Records)
James Elkington – Wintres Woma (Paradise of Bachelors Records)
Sonny Landreth – Recorded Live in Lafayette (Provogue Records)

23 giugno
Sam Baker - Land Of Doubt (self released)
Jeff Tweedy - Together At Last (Anti/Epitaph Records)
Banditos – Visionland (Bloodshot Records)
Slaid Cleaves – Ghost on the Car Radio (Candy House Media)
The Deslondes – Hurry Home (New West Records)
Lonesome River Band – Mayhayley’s House (Mountain Home Music Company)
Willie Nile – Positively Bob: Willie Nile Sings Bob Dylan (River House Records)
Steelism – ism (Intoxicating Sounds)
Yonder Mountain String Band – Love. Ain’t Love (Frog Pad Records)

16 giugno
Steve Earle & The Dukes - So You Wannabe an Outlaw (Warner Bros. Records)
Jason Isbell and the 400 Unit - The Nashville Sound (Southeastern Records)
Sammy Brue – I Am Nice (New West Records)
Roxi Copland – Bad Decision (independent)
The Dustbowl Revival – The Dustbowl Revival (Signature Sounds Recordings)
Sam Gleaves & Tyler Hughes – Sam Gleaves & Tyler Hughes (Community Music)
Andy Hall and Roosevelt Collier – Let The Steel Play (Dustypicks Music)
Ron Melancon – Southern Gothic (Blue Élan Records)
Dan Mills – Something Good (independent)
Palehound – A Place I’ll Always Go (Polyvinyl Records)
Various Artists – Red Hot a Memphis Celebration of Sun Records (Americana Music Society Records)
Whetherman – This Land (independent)

9 giugno
Glen Campbell - Adiós (Universal Music Entertainment)
Amanda Anne Platt & The Honeycutters - Amanda Anne Platt & The Honeycutters (Organic Records)
Various Artists - Music from The American Epic Sessions (Columbia Records)
Chuck Berry – Chuck (Dualtone Music Group)
Big State – Sure Thing (Big Beard Records)
Big Thief – Capacity (Saddle Creek Records)
The Deadmen – The Deadmen (8 Gang Switch Records)
Ani DiFranco – Binary (Righteous Babe Records)
Gov’t Mule – Revolution Come…Revolution Go (Fantasy Records)
Shannon McNally – Black Irish (Compass Records)
Alastair Moock – Alastair Moock (Moockshake Music)
Zephaniah OHora and The 18 Wheelers – This Highway (self released)
The Secret Sisters – You Don’t Own Me Anymore (New West Records)

2 giugno
Amy Black - Memphis (Reuben Records)
North Mississippi Allstars - Prayer for Peace (SMG Records)
Rachel Baiman – Shame (Free Dirt Records)
Cordovas – Cordovas (1stMan Music)
Cowbell – Haunted Heart (Damaged Goods Records)
Pierce Edens – Stripped Down Gussied Up (independent)
Phoebe Hunt & the Gatherers – Shanti’s Shadow (Phoebe Hunt Music)
Hugh Masterson – Lost + Found (Rock Ridge Music)
Grant Maloy Smith – Dust Bowl (Suburban Cowboy Records)
Molly Tuttle – Rise (Molly Tuttle Music)
Jared Tyler – Dirt on Your Hands (Blue Alleluia Music)
Mavis Staples – I’ll Take You There: An All-Star Concert Celebration (Blackbird Production Partners)
Various Artists – Treasure of the Broken Land: The Songs of Mark Heard (Storm Weathered Records)



 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
Home page

 News   notizie, video, segnalazioni, classifiche


Video della settimana:
Iron & Wine - Thomas County Law (il nuovo album Beast Epic per Sub Pop/ Audioglobe in uscita il 25 agosto 2017)



-----------------------------------------------------------------------------------------

:: Anche RootsHighway tra i finalisti della Targa MEI Musicletter 2017

Svelati i finalisti della Targa Mei Musicletter 2017, premio nazionale dedicato al giornalismo musicale sul web.

L’ampia giuria di giornalisti e critici iscritti al Forum del giornalismo musicale di Faenza ha scelto i finalisti della quinta edizione della Targa Mei Musicletter. Le nomination sono dieci per ciascuna delle tre categorie in concorso: “Miglior sito web collettivo”, “Miglior blog personale” e “Miglior ufficio stampa” (premio speciale 2017). La Targa Mei Musicletter è un premio nazionale dedicato al giornalismo musicale sul web, ideato e coordinato dal 2013 da Luca D’Ambrosio di Musicletter.it con il supporto di Giordano Sangiorgi del Mei (Meeting degli indipendenti), ragion per cui si è ritenuto opportuno - scusandoci con i votanti - di escludere dalla lista dei finalisti il blog personale dell’ideatore della targa nonché il sito che ha dato il nome al suddetto riconoscimento. I finalisti saranno sottoposti a una seconda e ultima fase di votazione da parte della stessa giuria. I vincitori, che saranno resi noti entro la prima metà di settembre, verranno premiati a Faenza durante il Forum del giornalismo musicale, che sarà coordinato da Enrico Deregibus nell’ambito della nuova edizione del Mei (Meeting degli indipendenti), in programma dal 29 settembre al 1° ottobre 2017. Come da prassi ormai consolidata, sono stati esclusi gli attuali detentori della Targa Mei Musicletter. Per consultare la lista di tutti i vincitori delle passate edizioni, basta cliccare qui.

MIGLIOR SITO WEB DEL 2017
• Deer Waves (deerwaves.com)
• IndieForBunnies (indieforbunnies.com)
• Kalporz (kalporz.com)
• OndaRock (ondarock.it)
• Rockit.it (rockit.it)
• Rockol (rockol.it)
• Roots Highway (rootshighway.it)
• SentireAscoltare (sentireascoltare.com)
• Soundwall (soundwall.it)
• Spazio Rock (spaziorock.it)

----------------------------------------------------------------------------------------


:: "La Mia Vita Hard-Core" di Harley Flanagan per Goodfellas Edizioni dal 15 settembre

Se vi importa qualcosa della storia e dello stile punkhardcore, o se siete in cerca di una storia ben raccontata, questo libro è il pugno in faccia di cui avete bisogno. La vita di Harley Flanagan e le storie che racconta in questo libro ben sintetizzano gli anni settanta e ottanta della scena underground newyorkese. Figlio di una giovane Hippie, Flanagan cresce fin da ragazzino a contatto con gli scrittori, gli artisti e i poeti che animano la scena americana a cavallo tra la fine dei movimenti di protesta degli anni 70 e la nascita del punk, tanto che un suo libro di racconti e storie scritto da bambino, porta la firma nell’introduzione di Allen Ginsberg. Appena dodicenne frequenta le notti della grande mela e viene a contatto con personaggi del calibro di Andy Warhol e Joe Strummer. Nel 1986 alla guida dei Cro-Mags, band fondamentale del movimento hardcore newyorkese, Harley Flanagan da alle stampe l'album ‘The Age Of Quarrel’ con cui la sua fama valica i confini degli Stati Uniti e che da molti critici è considerato un fondamentale tassello della scena punk americana. Il maturo e attuale Harley Flanagan, tra le altre cose cintura nera e istruttore di Jiu-Jitsu, è un personaggio controverso che non accenna a diminuire la sua carica dirompente e radicale. Steven Blush, autore del libro ‘American Punk Hardcore’ e dell'introduzione di questa biografia: “Harley Flanagan non è come me o voi. La maggior parte di noi è cresciuta in un ambiente relativamente sicuro e protetto. Harley è venuto su come un animale selvatico, costretto a cavarsela da solo nella giungla di delinquenza, droghe, soprusi e povertà del Lower East Side degli anni Settanta. A soli dieci anni divenne la piccola star del downtown come batterista degli Stimulators suonando in locali come il Max’s Kansas City e il CBGB e socializzando con personaggi del calibro di Debbie Harry dei Blondie o i Dead Boys. Tutti pensano sia stato qualcosa di molto carino… ma non lo era per niente.” Lo chef stellato e autore di culto Anthony Bourdain, ha detto: “Lo straordinario racconto di Harley Flanagan non è solo il raconto della nascita della scena NYHC (New York HardCore), di cui lui è il padre fondatore, ma è la storia di New York stessa. È tutto scritto qui, una serie incredibile di coincidenze inverosimili, di successi, catastrofi e amicizie. Se è accaduto a New York, ed è stato importante e interessante, ci sono buone probabilità che Harley fosse nei paraggi”.

fonte: Goodfellas

----------------------------------------------------------------------------------------


:: Shilpa Ray: il nuovo singolo ‘EMT Police and the Fire Department’ anticipa l'album Doom Girl a settembte 2017

È disponibile un nuovo singolo di SHILPA RAY, ‘EMT Police and the Fire Department’. Il brano anticipa l’uscita di “Door Girl”, il nuovo album dell’eccezionale artista newyorchese in uscita il prossimo 22 settembre sempre su Northern Spy. Il brano racconta di una notte particolarmente turbolenta passata in un bar. Così Shilpa spiega l’episodio: «Il brano fu scritto dopo un incidente in un bar dove stavo passando la serata, quando il livello di casino divenne così alto e insopportabile che furono chiamati ambulanze, polizia e pompieri». La scena colpì molto la cantante che ne trasse ispirazione per il brano: «La vista di tutto questo fu tragica e apocalittica. Mi fece riflettere: perché, con tutti i problemi veri che ci sono in questo mondo, le risorse della città vengono spese per frenare il comportamento dei clienti più marci e scorretti?» Il video del brano, diretto dal fotografo Ebru Yildiz, è ispirato da Breakaway, film sperimentale di Bruce Connor. «Questa è una versione più scioccante, cruda e talvolta sgradevole di questa pellicola» ha detto la Ray. «Un dialogo interno trasposto nella realtà da una qualsiasi ragazza della porta accanto». Il nuovo album segue l’eccellente debutto di Shilpa Ray, “Last Year’s Savage”, uscito nel 2015 su Northern Spy.

fonte: Audioglobe

----------------------------------------------------------------------------------------


:: Lost Horizons: duo composto da Simon Raymonde (Cocteau Twins) & Richie Thomas (Dif Juz), annunciano l’album di debutto Ojalá

Durante le celebrazioni per i 20 anni alla guida della sua etichetta, la Bella Union, Simon Raymonde ha iniziato una nuova collaborazione con il batterista Richie Thomas. Con il nome Lost Horizons i due artisti pubblicheranno lo splendido album Ojalá il 3 novembre via Bella Union [PIAS], distribuzione Self. Ojalá è l’unione di due musicisti estremamente dotati, che sono stati fin troppo assenti dalla scena musicale negli ultimi vent’anni. Il disco è la prova di una relazione telepatica tra i due artisti espressa tramite la musica e sviluppata in un rapporto di collaborazione e amicizia nato negli anni Ottanta. Partecipano alla realizzazione di Ojalá diversi ospiti vocali: alcuni sono artisti della Bella Union come Marissa Nadler, Tim Smith (ex frontman dei Midake), Cameron Neal (Horse Thief), altri sono artisti particolarmente apprezzati da Raymonde, come Leila Moss (The Duke Spirit e Ghostpost) e altri sono dei nuovi talenti (come Beth Cannon, Ed RIman, Genna Dunleavy e Phil McDonnel). Fra gli ospiti compare anche l’artista preferito di Raymonde Karen Peris (The Innocence Mission) nella sua prima collaborazione al di fuori dei The Innocence Mission e della carriera solista. Insieme i Lost Horizion hanno creato un’ora di incantevole magia: le sfumature soul (‘Bones’ feat. Cannon e ‘ Reckless’ feat. Ghostpoet), le melodie sognanti di ‘She Led Me Away’ (feat. Smith) e la malinconia di ‘Life Inside A Paradoxì (feat Neal, e Sharon Van Etten ai cori) rendono Ojalá un lavoro unico nel suo genere.

fonte: Spin-go

----------------------------------------------------------------------------------------

:: ''Hiss Spun', nuovo album di Chelsea Wolfe, dal 22 settembre per Sargent House.

'Hiss Spun' è il quintoalbum di Chelsea Wolfe, ormai figura di culto della scena rock americana. Il nuovo album è stato registrato a Salem, Massachusetts, da Kurt Ballou dei Converge, con la partecipazione di Troy Van Leeuwen dei Queens Of The Stone Age e dei Failure e Aaron Turner di ISIS e SUMAC.

Chelsea Wolfe ha annunciato la pubblicazione di 'Hiss Spun', quinto lavoro della sua carriera e seguito dell'acclamato 'Abyss' del 2015. 'Hiss Spun' è un album dinamico, heavy e crudo, registrato a Salem, Massachusetts, da Kurt Ballou dei Converge con la partecipazione di Troy Van Leeuwen dei Queens Of The Stone Age e dei Failure e Aaron Turner degli Old Man Glom e dei SUMAC. Il nuovo album 'Hiss Spun' è una rinascita noise e una nuova pagina all'interno della discografia di Chelsea Wolfe. Chelsea nel corso degli anni è passata dal folk oscuro di 'The Grime and the Glow' e 'Unknown Rooms' fino alle pulsazioni elettroniche e minimal di 'Pain Is Beauty' e 'Abyss'. Il nuovo album si apre con il botto di 'Spun', heavy metal ridotto all'osso dai riff taglienti di Troy Van Leeuwen, continua con la psichedelia oscura di '16 Psyche' (primo estratto dal nuovo album) e con 'Vex' si inabissa nel delay sonoro tipico dei lavori di Aaron Turner. 'Particle Flux' ci riporta alle atmosfere e ai synth oscuri del fortunato album 'Abyss', mentre 'Offering' e la conclusiva 'Scrape' sono i migliori esempi della ricerca sonora e rinnovata forza evocativa del nuovo album di Chelsea Wolfe.

fonte: Goodfellas

----------------------------------------------------------------------------------------


:: 'The Residents - Ralph records Artwork 1972-2016' di Matteo Torcinovich: dal 2 giugno in libreria, collana Spittle, Goodfellas Edizioni

Dal 2 giugno in tutte le librerie e shop online arriva 'The Residents - Ralph Records Artworks 1972-2016', di Matteo Torcinovich. La prima raccolta di copertine e grafiche della Ralph Records, l’officina creativa che ha rivoluzionato l'estetica punk. Ralph Records è un laboratorio che va ben oltre la mera e semplice pubblicazione di vinili. Infatti, pubblicare un disco è un espediente per poter creare azioni mediatiche, teatrali, artistiche, legate e ispirate ad un prodotto discografico. In 'The Residents - Ralph Records Artworks 1972-2016' sono raccolte le immagini che hanno rappresentato il suono della Ralph dal 1972 fino ai nostri giorni. Un percorso storico che rappresenta una delle più innovative etichette discografiche degli ultimi cinquant’anni. Una collezione di immagini tratte da copertine di dischi, cataloghi per fans, posters e vario materiale promozionale che si adegua, nell'arco di mezzo secolo, ai cambiamenti tecnologici e stilistici nelle tecniche di rappresentazione: disegni, incisioni, serigrafie, collages, fotomontaggi, pitture, sculture, video art, computer grafica.

La vita di Ralph Records e dei The Residents è ammantata di “oscuri” misteri creati dall’anonima “Cryptic Corporation”, e intorno a loro hanno orbitato numerose celebrità, tra cui: il polistrumentista inglese Philip Charles Lithman aka Snakefinger, l'illustratore e pittore texano Gary Panter, il musicista e artista visivo del Michigan Jad Fair conosciuto per essere uno dei fondatori della band Half Japanese, lo svizzero musicista e artista concettuale Dieter Meier co-fondatore del gruppo Yello, il collettivo artistico-musicale dei Tuxedomoon, il collettivo underground di rock sperimentale The Los Angeles Free Music Society (LAFMS), il polistrumentista inglese Fred Frith, il mago, attore, musicista, inventore del Massachusetts Penn Jillette, il fumettista e giornalista musicale Edwin Pouncey aka Savage Pencil, l'Art group canadese GENERAL IDEA della rivista FILE, il regista Graeme Whifler, il musicista Don Preston (mother of invention), il batterista inglese Chris Cutler, la cantante inglese Lene Lovich, Andy Partridge (XTC), i fumettisti Mark Beyer e Matt Groening, gli illustratori Steven Cerio, Adam Weller, Casey Howard, Ernst Gamper, Leigh Barbier, Patrick Roques, Reuben Raffael, Matt Howarth, Jimi Ludtke, RexRay e tanti altri. Sono pittori, grafici, fumettisti, musicisti, filmakers e scrittori legati da una potente sinergia creativa responsabile fautrice di un prodotto nuovo, non scontato e assolutamente poliedrico.

L’autore Matteo Torcinovich da sempre appassionato e onnivoro collezionista di musica in particolare di vinili e documenti relativi il movimento new wave punk. Collabora con il Venice Punk Museum, grafico per la fanzine L'age D'or ed il mensile Jamais Bourgeois. Autore di Pics off! L'estetica della nuova onda punk (Nomos edizioni, 2016).

fonte: Goodfellas

----------------------------------------------------------------------------------------


:: Vololibero: SOUL CITY. Porretta Terme il festival e la musica

Dal 1988, sull'Appennino tosco-emiliano, si svolge una rassegna dedicata interamente al soul, quella musica scaturita dall'incontro di jazz, blues, gospel, rock e country che diede voce e visibilità alle battaglie dell'America nera per i diritti civili e per una cittadinanza degna di questo nome. La rassegna ha un nome ben preciso: Porretta Soul Festival. Il tutto ha messo radici dal sogno di un ragazzo innamorato della musica di Otis Redding e di Rufus Thomas che, da adulto, si troverà ad abitare in via Otis Redding e a far sfilare le stelle della black music in un anfiteatro all'aperto - il Rufus Thomas Park - trasformando così la sua cittadina nella Città del Soul. La formula funziona: i più prestigiosi cantanti e musicisti del passato e del presente fanno la fila per salire su quel prestigioso palco e il passaparola fa accorrere gli appassionati da mezzo mondo. Soul City spiega come è potuto succedere tutto questo.

Edoardo Fassio, l'autore: Torinese, scrive di blues, folk e jazz per “La Stampa” e per “TorinoSette”; collabora con “Musica Jazz”, “Il Blues” e con numerose pubblicazioni europee. Dal 1984, con il classico pseudonimo di Catfish è autore, conduttore e animatore di trasmissioni radio: la più duratura programmazione di blues in Europa. Ha seguito il Porretta Soul Festival per “La Stampa”, “Il Blues”, “Blues & Rhythm”, Rai Stereo Notte e Radio Flash. Ha pubblicato nel 2006 “Blues” per Laterza

fonte: Vololibero Edizioni




info@rootshighway.it