:: Menù
 



RootsHighway è membro ufficiale della Euro Americana Chart, la classifica dei dj e giornalisti europei sul mondo Americana/ Roots. Leggi la classifica completa su euroamericanachart.eu

 
 

IN USCITA: scorri l'elenco delle prossime uscite discografiche in campo Americana/ Roots/ Indie:

3 settembre
David Ferguson - Nashville No More (Fat Possum Records)
Terri Hendrix - Pilgrim’s Progress Project 5.5 (Wilory Farm Records)
The County Affair – Off The Grid (independent)
Sean Devine – Here For It All (independent)
Megan & Shane – Daughter of Country (independent)

27 agosto
Jason Eady - To the Passage Of Time (Old Guitar Records)
Tim Easton - You Don’t Really Know Me (Black Mesa Records)
Shinyribs - Late Night TV Gold (Mustard Lid Records)
Tré Burt – You, Yeah, You (Oh Boy Records)
Summer Dean – Bad Romantic (independent)
Della Mae – Family Reunion (independent)
Alejandro Escovedo – La Cruzada (Yep Roc Records)
Robben Ford – Pure (EarMusic)
The Grascals – Up All Night (Mountain Home Music Company)
Grayson Jenkins – Turning Tides (independent)
Suzanne Santo – Yard Sale (independent)
Trae Sheehan – Hello From The End Of The World (Half Moon Records)
Ben Stalets – Everybody’s Laughing (WhistlePig Records)
Teddy Thompson and Jenni Muldaur – Teddy & Jenni do George & Tammy: A Tribute to the Duets of George Jones and Tammy Wynette (Fallout Shelter Records)
Mike Younger – Burning The Bigtop Down (independent)

20 agosto
Sierra Ferrell - Long Time Coming (Rounder Records)
Malcolm Holcombe - Tricks of the Trade (Gypsy Eyes Records)
James McMurtry - The Horses and the Hounds (New West Records)
Adrian + Meredith – Bad For Business (independent)
The Furious Seasons – Home All Day, Home All Night (independent)
Ward Hayden & the Outliers – Free Country (independent)
Wanda Jackson – Encore (Blackheart Records)
AJ Lee and Blue Summit – I’ll Come Back (independent)
Billy Law – Alone Somewhere (State Fair Records)
Shane Nicholson – Living In Colour (independent)
Maggie Rose – Have A Seat (independent)
Sturgill Simpson – The Ballad of Dood and Juanita (High Top Mountain Records)
Connie Smith – The Cry of the Heart (Fat Possum Records)
Joe Troop – Borrowed Time (Free Dirt Records)

13 agosto
Mike and the Moonpies - One to Grow On (Prairie Rose Records)
Watchhouse - Watchhouse (Tiptoe Tiger Music)
Jade Bird – Different Kinds of Light (Glassnote Records)
The Cold Stares – Heavy Shoes (Mascot Records)
Sheryl Crow – Live From The Ryman And More (Valory Records)
The Dirty Guv’nahs – Revival (independent)
Willie Nile – The Day the Earth Stood Still (River House Records)
Elijah Ocean – Born Blue (independent)
Jeremy Stephens – How I Hear It (Rebel Records)
Dan Whitaker – One More Story Told (Empty Highway Records)

6 agosto
Leah Blevins - First Time Feeling (Crabtree Records)
Paul Thorn - Never Too Late to Call (Perpetual Obscurity Records)
Briana Adams – One More Highway EP (independent)
Darin and Brooke Aldridge – This Life We’re Livin’ (New Day Entertainment)
Mark Germino – Midnight Carnival (Red Parlor Records)
Colin Hay – I Just Don’t Know What to do With Myself (Compass Records)
Them Coulee Boys – Namesake (independent)
Sean McConnell – A Horrible Beautiful Dream (Soundly Music)
Sun Valley Station – Dano (independent)
Kate Taylor – Why Wait! (Red House Records)

30 luglio
Jesse Daniel - Beyond These Walls (Die True Records)
Los Lobos - Native Sons (New West Records)
Son Volt - Electro Melodier (Transmit Sound)
Blues Traveler – Traveler’s Blues (Round Hill Music)
Ryan Curtis – Rust Belt Broken Heart (American Standard Time Records)
Garrett Heath – Kingdom Come (self-released)
Jim Lauderdale – Hope (Yep Roc Records)
Laney Lou and the Bird Dog – Through the Smoke (self-released)
Nobody’s Girl – Nobody’s Girl (Lucky Hound Music)
Charlie Parr – Last of the Better Days Ahead (Smithsonian Folkways)
Ric Robertson – Carolina Child (Free Dirt Records)
Yola – Stand For Myself (Easy Eye Sound)

23 luglio
Jackson Browne - Downhill From Everywhere (Inside Recordings)
Rodney Crowell - Triage (RC1 Records)
Dallas Burrow – Dallas Burrow (Subliminal Hymnal Records)
David Crosby – For Free (Three Blind Mice Records)
Ava Earl – The Roses (self-released)
Christone “Kingfish” Ingram – 662 (Alligator Records)
Pony Hunt – VAR! (self-released)
Cristina Vane – Nowhere Sounds Lovely (Red Parlor Records)

16 luglio
Jon Byrd - Me and Paul (Longleaf Pine Records)
John R. Miller - Depreciated (Rounder Records)
Boy Golden – Church of Better Daze (Six Shooter Records)
Kevin Daniel – Been Here Before (self-released)
Anya Hinkle – Eden & Her Boyfriends (Organic Records)
Ida Mae – Click Click Domino (Vow Road Records)
Tedeschi Trucks Band – Layla Revisited (Live at Lock’N) (Fantasy Records)
The Winnie Blues – Half Wide Awake, but Dreaming (Two Hands Records)

9 luglio
The Flatlanders - Treasure of Love (Rack ‘Em Records)
Aaron Burdett – Dream Rich, Dirt Poor (Organic Records)
Murray McLauchlan – Hourglass (True North Records)
Ben Reddell Band – LA Baby! (self-released)
Tylor & the Train Robbers – Non-Typical Find (self-released)
The Wallflowers – Exit Wounds (New West Records)
Wild Earp & the Free For Alls – Dyin’ For Easy Livin’ (Western Myth Records)

25 giugno
JP Harris’ - Dreadful Wind and Rain Don’t You Marry No Railroad Man (Free Dirt Records)
Tim O’Brien - He Walked On (Howdy Skies Music)
Lisa Bastoni – Backyard Birds (self-released)
Cedric Burnside – I Be Trying (Single Lock Records)
Vincent Neil Emerson – Vincent Neil Emerson (La Honda Records)
Esquela – A Sign From God (self-released)
Jack Grace Band – What A Way To Spend A Night (Radia Records)
Lara Hope And The Ark-Tones – Here to Tell the Tale (Sower Records)
Hiss Golden Messenger – Quietly Blowing It (Merge Records)
Grant Maloy Smith – Appalachian Mountain Stories (Suburban Cowboy Records)
Wild Earp & the Free For Alls – Dyin’ For Easy Livin’ (Western Myth Records)

18 giugno
Amy Helm - What the Flood Leaves Behind (BMG Music Group)
K.C. Jones - Queen of the In Between (self-released)
Country Westerns –EP (Fat Possum Records)
Doctor Lo – Claiborne Avenue (Raw Honey Records)
Michelle and Jason Hannan – Cheater’s Waltz (Waiting for Lester Records)
Amythyst Kiah – Wary + Strange (Rounder Records)
Dylan LeBlanc – Pastimes (ATO Records)
Merle Monroe – Songs of a Simple Life (Pinecastle Records)
Tenth Mountain Division – Butte La Rose (TMD Music)
Wilson Banjo Co. – Six Degrees of Separation (Pinecastle Records)

11 giugno
Lukas Nelson & Promise of the Real - A Few Stars Apart (Fantasy Records)
Rachel Baiman – Cycles (Signature Sounds)
Jeb Cardwell – My Friend Defiance (Blind Date Records)
Cory Grinder and the Playboy Scouts – Honky Tonkin’ Beauty Supreme (Blue Arrow Records)
Jenny Don’t And The Spurs – Fire on the Ridge (Fluff and Gravy Records)
The Hello Darlins – Go By Feel (self-released)
The High Hawks – The High Hawks (LoHi Records)
Diana Jones – Song To A Refugee (Goldmine USA)
Eric Selby – Where You Born At? (Soul Stew Records)

4 giugno
Mark Collie - Book of My Blues (BFD Records)
Chris Thile - Laysongs (Nonesuch Records)
Angela Autumn – Frontiers Woman (996195 Records)
Turner Cody and the Soldiers of Love – Friends in High Places (Capitane Records)
Guy Davis – Be Ready When I Call You (M.C. Records)
Steven Graves – All Alone (One Essense Music)
Gary Louris – Jump for Joy (Sham Records)
Merle Monroe – Songs of A Simple Life (Pinecastle Records)
Joy Oladokun – in defense of my own happiness (Republic Records)
Mark Rubin – The Triumph of Assimilation (Rubinchik Recordings)

28 maggio
Shannon McNally - The Waylon Sessions (Compass Records)
Britton Patrick Morgan - I Wanna Start A Band (Hill Country Artists)
Steve Almaas – Everywhere You’ve Been (Lonesome Whipperville Records)
Blackberry Smoke – You Hear Georgia (3 Legged Records)
The Contraptionists – Working Man’s Dread (self-released)
The Infamous Stringdusters – A Tribute to Bill Monroe (Americana Vibes)
Jamestown Revival – Fireside With Louis L’Amour – A Collection Of Songs Inspired By Tales From The American West (Jamestown Revival Recordings)
Beth Whitney – Into the Ground (Tone Tree Music)

21 maggio
John Hiatt with the Jerry Douglas Band - Leftover Feelings (New West Records)
Rod Picott - Wood, Steel, Dust & Dreams (Welding Burns Records)
Allison Russell - Outside Child (Fantasy Records)
Jon Allen – ...meanwhile (OK!Good Records)
Bill and the Belles – Happy Again (Ditty Boom Records)
Chad Elliott – Singing River (self-released)
Robert Finley – Sharecropper’s Son (Easy Eye Sound)
Ashleigh Flynn and the Riveters – Live From the Blue Moon (Home Perm Records)
Korby Lenker – Man in the Maroon (GrindEthos Records)
Travis Linville – I’m Still Here (Black Mesa Records)
Lula Wiles – Shame and Sedition (Smithsonian Folkways Recordings)
New Earth Farmers – Into The Great Unknown (Onelipluca Records)
Larry Sparks – Ministry In Song (Rebel Records)
Ken Tizzard – All Together Now (Audio Playground)
Teddy Thompson and Jenni Muldaur – Teddy & Jenni do Porter & Dolly: A Tribute to the Duets of Porter Wagoner and Dolly Parton (Fallout Shelter Records)
Oliver Wood – Always Smilin’ (Honey Jar Records)

14 maggio
The Deep Dark Woods - Changing Faces (Six Shooter Records)
The Black Keys – Delta Kream (Easy Eye Sound)
Craig Cardiff – All This Time Running (True North Records)
Desert Hollow – Thirsty (Mule Kick Records)
Riley Downing – Start it Over (New West Records)
Full Cord Bluegrass – Hindsight (self-released)
Shay Martin Lovette – Scatter & Gather (self-released)
Sam Robbins – Finally Feeling Young (self-released)
The Steel Woods – All of Your Stones (Woods Music)
Jess Terry – When We Wander (Wander Recordings)

7 maggio
Jack Ingram, Miranda Lambert, Jon Randall - The Marfa Tapes (Vanner Records/RCA)
Ted Russell Kamp - Solitaire (PoMo Records)
Leftover Salmon - Brand New Good Old Days (Compass Records)
The Accidentals – Time Out Session 1 (Savage Kittens)
American Aquarium – Slappers, Bangers & Certified Twangers, Vol. 1 (Losing Side Records)
Mandy Barnett – Every Star Above (BMG Music)
James Cook –The Other Side of Hell (self-released)
Tommy Emmanuel – Accomplice Series, Vol. 1 (with Rob Ickes and Trey Hensley) (CGP Sounds)
Fox and Bones – American Alchemy (Dutch Records)
Sarah Jarosz – Blue Heron Suite (Rounder Records)
Charlie Marie – Ramble On (Soundly Music)
Van Morrison – Latest Record Project, Vol. 1 (BMG Music Group)
Grace Pettis – Working Woman (MPress Records)
Graham Sharp – Graham Sharp (Yep Roc Records)
Tony Joe White – Smoke From The Chimney (Easy Eye Sound)

30 aprile
The Shootouts - Bullseye (Soundly Music)
Amy Speace - There Used to Be Horses Here (Windbone Records)
Jefferson Berry & the UAC – Soon! (Urban Acoustic Music)
Carsie Blanton – Love and Rage (So Ferocious Records)
Bob Bradshaw – The Ghost Light (self-released)
Little Hat – Wine, Whiskey & Wimmen (Rhythm Bomb Records)
Ashley Monroe – Rosegold (Mountainrose Sparrow)
Roseanne Reid – Horticulture EP (Last Man Music)
Dave Simonett – Orion (Dancing Eagle Records)
Bill Toms And Hard Rain – Keep Movin’ On (Terraplane Records)

23 aprile
Todd Snider - First Agnostic Church of Hope and Wonder (Aimless Records)
Eli West - Tapered Point of Stone (Tender & Mild Records)
Danny Burns – Hurricane (Bonfire Recording Company)
Steve Cropper – Fire It Up (Provogue Records)
Abigail Dowd – Beautiful Day (self-released)
Brock Gonyea – Where My Heart Is (Big Machine Record)
Neilson Hubbard – Digging Up the Scars (Paper Star Records)
The Rose Pedals – American Grenadine (Envoy Records)
Vanessa Peters – Modern Age (Idol Records)
Shoebox Letters – The Forgotten Ones(self-released)

16 aprile
The Brother Brothers - Calla Lily (Compass Records)
Various Artists April in Your Eyes – A Tribute to the Songs of John Lilly (Diamond Ranch Records)
David Wax Museum – Euphoric Ouroboric (Mark of the Leopard Records)
Stephen Flatt – Cumberland Bones (Flatt Music)
Norah Jones – …‘Til We Meet Again (Live) (Blue Note Records)
Cole Quest and The City Pickers – Self [En]Titled (Omnivore Recordings)
Zach Schmidt – Raise A Banner (Boss Dawg Records)
West Of Texas – Heartache, Hangovers & Honky Tonks (Pleasant Valley Ranch Records)



 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
Home page


 News   notizie, video, segnalazioni, classifiche


Video della settimana
: Nathaniel Rateliff & The Night Sweats - Survivor

Registrato fuori Denver al Broken Creek Studio di Nathaniel Rateliff, il nuovo album The Future (dal prossimo 5 novembre 2021) è stato prodotto da Bradley Cook (Bon Iver, Kevin Morby, The War on Drugs) e R.M.B. - il trio di produttori composto da Rateliff, Patrick Meese (The Night Sweats) e James Barone (Beach House) - che era la squadra vincente dietro l'album solista del 2020 And It’s Still Alright.



-----------------------------------------------------------------------------------------


:: Le Ren - il debutto 'Leftovers' per Secretly Canadian il 15 Ottobre

Le Ren, folk singer dal tocco vintage, pubblicherà il debutto Leftovers per Secretly Canadian il 15 Ottobre. Ascolta il primo estratto ‘Dyan’.

L’esordio per Secretly Canadian della canadese Le Ren era atteso con entusiasmo dai media americani e inglesi dopo l’ottimo EP ‘Morning & Melancholia’ uscito all’inizio della pandemia e il singolo ‘It’s Time I Played a Love Song’ pubblicato per Sub Pop. Le Ren viene da Montreal, Canada, ed è una delle voci più potenti del nuovo cantautorato nord-americano, capace con il suo stile singolare di risvegliare paragoni con miti del passato come Joni Mitchell, Vashti Bunyan e Karen Dalton, oltre che con John Prine e Neil Young per la forza dei suoi testi. ‘Leftovers’ è stato prodotto da Chris Cohen, fenomenale nel tirare fuori il meglio della musicista e disegnarle una band dal sound perfetto per i brani del nuovo album (in cui troviamo tra gli altri Buck Meek dei Big Thief e Jess ‘Tenci’ Shoman). Le Ren con ‘Leftovers’ ha dato libero sfogo al suo immaginario fatto di musicalità country e Americana classica, ma dal tocco moderno vicino alla contemporaneità e alla sensibilità di Adrianne Lenker, Jessica Pratt e Laura Marling. Il risultato è un album senza tempo, pieno di amore, dolore e celebrazioni, dove si parla diritti al cuore di tragedie e lezioni impartite dalla vita.

fonte: Goodfellas

----------------------------------------------------------------------------------------


::
Pond - il nuovo album delle psych rock band australiana dal 1° ottobre per Spinning Top Records e Secretly Distribution

Ascolta ‘Human Touch’, estratto dal nuovo album dei Pond. ‘9’ uscirà il 1° ottobre per Spinning Top Records e Secretly Distribution. Il nuovo album della nota psych-rock band australiana è stato anticipato dai singoli ‘Pink Lunettes’, ‘America’s Cup’ e ‘Toast’.

I Pond sono tra i nomi principali della scena indie australiana e tra i massimi esponenti di quella psych rock con gli amici Tame Impala e King Gizzard and The Lizard Wizard. Proprio con i Tame Impala la band ha un rapporto che dura ormai da anni, visto che Nick Allbrook e Jay Watson dei Pond in passato hanno fanno parte della formazione di Kevin Parker. ‘9’, nono full lenght della band guidata da Nick Albrock, Jay Watson e Shiny Joe Ryan, arriva a due anni di distanza dall’ottimo ‘Tasmania’ e dopo il consenso di critica e pubblico ricevuto dai precedenti ‘The Weather’ (2017) e ‘Man It Feels Like Space Again’ (2015).

fonte: Goodfellas

----------------------------------------------------------------------------------------


::
Danny George Wilson - l'esordio solista ‘Another Place’, in uscita il 15 Ottobre per Loose Music

Danny George Wilson è una figura carismatica della scena folk rock inglese, originario di Londra è noto tra gli amanti dell’Americana per le sue band Grand Drive e Danny & The Champions Of The World. Ascolta i primi due estratti ‘Heaven For Hiding’ e ‘Can You Feel Me?

Il nuovo album del crooner del country rock inglese dalle tonalità soul è stato registrato nel Sussex da Hamish Benjamin, giovane stella delle produzioni rock inglesi. Il nuovo lavoro di Danny parte da un songwriting classico e pulito per evolversi in sonorità meno tradizionali e dagli arrangiamenti sperimentlai e noise. Con il suo esordio solista Danny George Wilson ci regala uno dei dischi più frizzanti della nuova scena folk rock inglese, differente da quanto fatto con i Champions of the World, ma altrettanto potente e imperdibile per gli amanti di questo genio dell’Americana meno tradizionale.

fonte: Goodfellas

----------------------------------------------------------------------------------------

:: Sweet Crisis - 'Tricks On My Mind’, esordio della band di Cambridge, uscirà il 1° Ottobre per Headline Records e Cargo UK

Gli Sweet Crisis sono l’anello di congiunzione tra i Free e i Black Keys, puro rock and soul dalle venature hard blues. La band si è formata nel 2015 a Cambridge, dopo anni di amicizia e una manciata di Ep hanno finalmente messo insieme 10 killer track per il loro primo album ‘Tricks On My Mind’. Per l’esordio gli Sweet Crisis hanno bilanciato gusti musicali e influenze creando un album dall’appeal radiofonico indiscutibile, sul tavolo ci sono i Free, i Black Keys e il gusto pop rock del primo Lenny Kravitz. Le influenze principali degli Sweet Crisis includono il classic rock e il soul degli anni ’70, band come Rolling Stones, i Fleetwood Mac di Peter Green, Donny Hathaway e Humble Pie costituiscono l’impalcatura del sound degli Sweet Crisis, levigate poi dagli ascolti di Verve, Massive Attack, The Black Keys, White Stripes e Jack White. Leo (vice) e Piers (chitarra) hanno fondato la band e compongono i brani degli Sweet Crisis, il resto del gruppo è composto da Matt Dudurym al basso, Dom Briggs-Fish alle tastiere, e Joe Taylor alla batteria.

fonte: Goodfellas

----------------------------------------------------------------------------------------


:: Le Donne del Folk - dal 23 Settembre per Interno4 Edizioni

Da Almeda Riddle e Joan Baez a Michelle Shocked, da Miriam Makeba e Juliette Greco a Teresa De Sio e Ginevra Di Marco, ‘Le Donne del Folk’ racconta le storie di quarantasei cantautrici e interpreti, lungo un viaggio per quattordici nazioni tra USA e Canada, Sudamerica, Africa, Medio Oriente e Europa. Le illustrazioni che accompagnano il testo, fanno di questo lavoro la più completa guida all’universo femminile del folk. In diverse parti del mondo, a partire dalla meta` del Novecento diverse artiste, cantanti, musiciste, ricercatrici e studiose si sono rese protagoniste del recupero della tradizione culturale e musicale del loro territorio che, come una staffetta tra generazioni di donne, e` arrivata fino ai giorni nostri.

Donne che si sono recate nelle campagne, nelle periferie urbanizzate, sulle montagne, alla ricerca di chi aveva memoria, gli anziani, e che hanno registrato, preso nota, archiviato. Testi, musiche, storie, canti che altrimenti sarebbero andati persi. Queste donne, grazie al loro lavoro, ci hanno restituito un mondo che sarebbe sparito per sempre. Quello dei contadini, degli operai, delle mondine, dei minatori, degli emigrati e dei pescatori. In Italia tra le altre, intraprendono questo viaggio musicale: Caterina Bueno, Rosa Balistreri, Gabriella Ferri, Giovanna Daffini, Maria Monti, Giovanna Marini. Fino ad arrivare a Teresa De Sio, Ginevra Di Marco ed Elsa Martin. Per le strade dell’America Latina troviamo Violeta Parra e Mercedes Sosa. Dall’Inghilterra arriva Shirley Collins, mentre negli Stati Uniti incontriamo Judy Collins e Joan Beaz. Amalia Rodrigues ci conduce in Portogallo sulle note del fado mentre Miriam Makeba fa conoscere al mondo i canti tradizionali del Sudafrica. Con loro la tradizione si rinnova: Oum Kalthoum in Egitto canta le parole dei poeti moderni. In Grecia la canzone diventa strumento per parlare al popolo, con la voce di Maria Farantouri. In Francia Juliette Greco incarna la nascente canzone d’autore.

L’autrice: Chiara Ferrari, di Piacenza, ha partecipato alla realizzazione del documentario ‘Cantacronache 1958-1962: politica e protesta in musica’ (2011). E` autrice di ‘Politica e protesta in musica’. Da Cantacronache a Ivano Fossati (Unicopli, 2014). Ha collaborato alla stesura di Lambrusco e pop rock. Le canzoni raccontano l’Emilia Romagna (Officine Gutenberg, 2018). Dal 2016 cura la rubrica Pentagramma, dedicata alla canzone d’autore, politica, folk, per Patria Indipendente, rivista storica dell’ANPI. )

fonte: Goodfellas

----------------------------------------------------------------------------------------


:: Little Steven - l'autobiografia ‘Memoir - La Mia Odissea Fra Rock E Passioni Non Corrisposte' dal 26 ottobre

Il Castello, Collana Chinaski Edizioni, annuncia la pubblicazione dell’autobiografia del discepolo del Rock ’n’ Roll Stevie Van Zandt: "Memoir - La mia Odissea fra Rock e Passioni non Corrisposte" il prossimo 26 ottobre 2021.

Van Zandt ripercorre la sua carriera musicale, la lunga collaborazione con Bruce Springsteen nella E Street Band, la fortunata carriera solista, il successo ottenuto sullo schermo nel ruolo di Silvio Dante, nell’apprezzata serie televisiva "I Soprano" (1999-2007), l’attivismo e l’impegno politico che hanno caratterizzato il suo percorso, in particolare in tema di apartheid in Sudafrica. "Memoir - La mia Odissea fra Rock e Passioni non Corrisposte" è molto più di un’autobiografia rock o del racconto di un’epoca: è una parabola sul potere straordinario dell’Arte. Quella stessa Arte che tocca il giovane Steven attraverso la musica di artisti come i Beatles, in momenti che lui definisce autentiche “Epifanie”. È l’Arte ad avvicinarlo a The Boss: si conoscono da ragazzi e il loro rapporto sarà per entrambi fondamentale, sia dal punto di vista professionale che sul piano umano. Forme diverse di Arte si susseguono nella vita sorprendente di Steven, un ragazzo venuto dal New Jersey destinato a girare il mondo. E a cambiarlo in meglio. Come nel caso di “Sun City”, il suo inno anti-apartheid, che ha accelerato la fine del razzismo istituzionalizzato nel Sudafrica e ha contribuito a far uscire di prigione Nelson Mandela. O dei progetti di Steven nel campo della divulgazione e della formazione musicale. Un libro sincero, appassionato e unico nel suo genere, come unico è il percorso di vita e d’Arte di Steven Van Zandt.

La traduzione è stata curata dalla scrittrice Sara Boero, scrittrice e traduttrice di diverse auto-biografie (‘My Appetite For Destruction’ di Steven Adler, ‘How To Be a Man” di Duff Mckagan – rispettivamente batterista e bassista fondatori dei Guns N’Roses - “The Beast” dell’ex frontman degli Iron Maiden Paul Dianno e molti altri). Il libro uscirà per il Castello nella collana Chinaski Edizioni diretta da Federico Traversa, storico marchio specializzato in storie e biografie rock.

fonte: Kinda Agency

----------------------------------------------------------------------------------------


::
Luca Milani - Chloe Dancer, un’outtake di "Warriors Grow Up And Die"

Siamo a Seattle, nel 1989, prima che succeda tutto, e i Mother Love Bone pubblicano il loro EP d’esordio Shine. Per Luca Milani siamo agli albori di quella che considera “la sua musica”, ancora prima delle “lezioni mai imparate”, che l’hanno spinto dallo skateboard alla chitarra e a inventarsi un mondo di riff e di canzoni. Tra le cinque tracce di Shine, è proprio Chloe Dancer ad accendere la scintilla e a restare, nel corso del tempo, un importante punto di riferimento per Luca Milani: “Questa canzone è come i titoli iniziali di un film che ti è piaciuto moltissimo, così tanto da diventarne parte e che ogni volta che lo riguardi ti fa rivivere l’illusione nella quale tutto può accadere, tutto è possibile”. Anche se “sogni come questo devono morire”, c’è sempre un motivo per cui brillano all’infinito. La versione di Luca Milani, con Fidel Fogaroli al pianoforte, è un’outtake dell’album Warriors Grow Up And Die, che è attualmente nelle esperte mani di Simone Giorni e William Novati per completare gli ultimi mix. L’album prodotto da Daniele Denti è in uscita con la Fragile Dischi per il prossimo autunno. La canzone si può ascoltare su lucamilani.bandcamp.com e il suggestivo videoclip, disponile sui canali della Fragile Dischi, è ancora opera di Carlo Lancini per OutBreak Arts, che si era già occupato del primo singolo tratto da Warriors Grow Up And Die, Dirty Hearts, e che in Chloe Dancer ritrae Luca Milani più riflessivo e maturo, come è nella logica del suo nuovo album. Gli eroi crescono e muoiono, le canzoni restano per sempre. A Seattle, e ovunque nel mondo.

----------------------------------------------------------------------------------------


:: Heartless Bastards - il nuovo album ‘‘A Beautiful Life’ dal 10 Settembre per Sweet Unknown/Thirty Tigers

Gli Heartless Bastards, guidati dalla talentuosa cantante e chitarrista Erika Wennerstrom, sono una delle più note realtà americane capaci di coniugare indie e alternative country-rock. La band si è formata a Cincinnati, Ohio, nel 2003 e il nuovo album è il sesto della loro carriera, primo per Thirty Tigers, dopo avere pubblicato importanti dischi per etichette discografiche di culto come Fat Possum e Partisan Records.

Al centro di A Beautiful Life c'è sempre la figura emblematica di Erika Wennerstrom, unica compositrice a produttrice, aiutata in sala di registrazione dal co-produttore Kevin Ratterman (Strand Of Oaks, Jim James, White Reaper). L’album arriva a sei anni di distanza da ‘Restless Ones’ ed è stato registrato da una formazione di primo piano, con musicisti e turnisti del livello di della chitarrista Lauren Gurgiolo (Okkervil River), il batterista Greggory Clifford (White Denim), il multi-strumentista Jesse Chandler (Mercury Rev, Midlake), il tastierista Bo Koster (My Morning Jacket), il chitarrista ritmico David Pulkingham (Patty Griffin) e il bassista di lunga corso Jesse Ebaugh.

fonte: Goodfellas

----------------------------------------------------------------------------------------


::
Not for You - la biografia sui Pearl Jam da Il Castello editore

Not for You – I Pearl Jam tra passato e presente è la prima biografia completa sul gruppo da Ten (1991) a Gigaton (2020). Imbattibile nell’analizzare i momentichiave di una carriera unica nel suo genere fin dagli esordi, l’autore Ronen Givony sviscera ogni turning point, ogni evento che ha condotto i Pearl Jam dove sono ora. Con approfondimenti, materiale e interviste esclusivi, il volume fa luce sugli aspetti meno sondati di un’epopea che, apparentemente risaputa, cela invece dei retroscena che sono la grande novità del libro. Not for You è un omaggio ai fan del complesso. In parte storia sociale, in parte biografia, è il primo trattato completo sull’odissea dei Pearl Jam e sull’impatto culturale che hanno avuto. Ecco, quindi, i dettagli dietro il primo incontro di Eddie con i compagni; i dietro le quinte del cult generazionale Singles; il rapporto con Kurt Cobain e le strette amicizie con la scena artistica contemporanea; l’incontro con Bill Clinton; l’incomprensibile licenziamento del batterista Dave Abbruzzese; le fiere posizioni politiche e l’attivismo sociale; il supporto a una serie di campagne umanitarie che hanno accompagnato alcuni degli anni più magmatici del mondo intero, non ultime quelle contro la guerra…

Questi e molti altri sono i topic su cui Givony punta con efficacia la lente d’ingrandimento. Senza dimenticare la vera protagonista: la musica. Passando in rassegna centinaia d’esibizioni documentate dai bootleg di casa Pearl Jam e da YouTube, Ronen conduce il lettore in un viaggio che sbanda con innocenza fra idealismo e concretezza, illuminazione e scoramento, slancio e ripiegamento su se stessi. Not for You riesce a cogliere tutte le mutazioni e le rigenerazioni del complesso, mettendone in discussione anche gli aspetti più osannati e contestualizzando l’aurea salvifica della proposta dei Pearl Jam al di là del fenomeno grunge. I loro album continuano a essere ben più di una colonna sonora di vita, quanto piuttosto uno specchio onesto e consolante delle istanze più intime e fondanti dell’animo umano. Quest’idealismo, questo romanticismo esasperato rappresentano l’essenza stessa dei Pearl Jam. Basta immergersi nella lettura di Not for You per sentirne l’abbraccio.

L’americano Ronen Givony ha scritto anche 24 Hour Revenge Therapy (2018), su uno dei gruppi più amati da Kurt Cobain: gli Jawbreaker. Musicista classico, Givony è il fondatore della Wordless Music Orchestra, definita dall’autorevole New Yorker: “L’orchestra più innovativa di New York!”. Nato a Miami nel 1977, oggi lavora come producer per spazi da concerto e festival, negli Stati Uniti e all’estero. La prefazione è di Giuseppe Ciotta, critico musicale e autore dell’acclamata biografia In Catene – I Giorni di Layne Staley e gli Alice In Chains (2019)

fonte: Collana Chinaski Edizioni - Il Castello Editore

----------------------------------------------------------------------------------------

:: Ronnie Wood Band - il tributo a Jimmy Reed in uscita il 3 settembre 2021 per BMG

Ronnie Wood torna al blues con la Ronnie Wood Band e il secondo capitolo della sua trilogia di album dal vivo "Mr Luck - A Tribute to Jimmy Reed: Live at the Royal Albert Hall". In uscita per BMG il 3 settembre 2021, l'album composto da 18 tracce presenta la Ronnie Wood Band insieme a Mick Taylor e altri incredibili ospiti speciali come Bobby Womack, Mick Hucknall e Paul Weller, e rende omaggio a uno degli eroi musicali che più ha influenzato Ronnie, il pioniere del blues elettrico del Mississippi, Jimmy Reed.

L'album è stato registrato dal vivo in una serata memorabile alla Royal Albert Hall il 1° novembre 2013. Contiene brani straordinari tra cui Good Lover e Ghost of A Man. Con un artwork unico appositamente creato da Ronnie, Mr Luck sarà disponibile in digitale, su CD, in vinile e in una bellissima edizione limitata con vinile colorato in doppia tonalità blu fumo.

Quando il chitarrista autodidatta Eddie Taylor insegnò tutto ciò che sapeva del suonare la chitarra al suo amico Jimmy Reed, sicuramente non poteva immaginare l'effetto che ciò avrebbe avuto per la scena blues di Chicago. Per questo, anche se nella sua carriera ha accompagnato musicisti come John Lee Hooker, Taylor è ricordato soprattutto per il suo lavoro con il suo ex studente. La coincidenza ha voluto che nel 1974 un altro Taylor, Mick, facesse posto a Ronnie Wood nei Rolling Stones, aprendo la strada a una amicizia e una collaborazione proficua per questi due celebri chitarristi. Il culmine di tutto ciò è stata la presenza di Taylor nella Ronnie Wood Band alla Royal Albert Hall per il Bluesfest del 2013, dove è stato suonato l'ormai leggendario set che avrebbe generato questa registrazione.

A proposito di Mr Luck, Ronnie commenta: "Jimmy Reed è stato una delle prime influenze per i Rolling Stones e per tutte le band che amano il blues americano fino ai giorni nostri. È un onore per me avere l'opportunità di celebrare la sua vita e la sua eredità con questo tributo". Questo album segna il secondo capitolo di una trilogia di album speciali e personali di Wood con la sua band, che celebrano gli eroi musicali di Ronnie. Il primo album, Mad Lad, ha esplorato il lavoro di Chuck Berry e ha rappresentato una commemorazione struggente dopo la scomparsa di Berry poco più di due anni fa. Ronnie è stato in tour con Berry ed è stato suo fan per tutta la vita.

fonte: A Buzz Supreme

----------------------------------------------------------------------------------------


:: Buena Vista Social Club - festeggia il suo 25° anniversario con una deluxe edition

World Circuit e BMG annunciano oggi i formati dell'edizione del 25° anniversario del Buena Vista Social Club, che uscirà il 17 settembre e comprenderà le seguenti versioni: 2LP + 2CD Deluxe Book Pack, 2CD Casebook, 2LP Vinile Gatefold e Digitale. Queste edizioni speciali sono state create per celebrare il 25° anniversario della registrazione dell'album e conterranno anche l'album originale rimasterizzato dal vincitore del GRAMMY Bernie Grundman, oltre a tracce inedite dai nastri originali delle session del 1996, tra cui "Vicenta" che esce oggi. Inoltre tutti i formati includono nuove note di copertina, fotografie e testi inediti, biografie estese, art print e la storia del leggendario club originale dell'Avana, disponibile esclusivamente nel formato Deluxe Book Pack.

La storia, l'autenticità e il mito di Buena Vista Social Club risplendono ancora oggi per i fan vecchi e nuovi. Il 26 marzo 1996, il trio composto dal bandleader cubano Juan de Marcos González, dal produttore e chitarrista americano Ry Cooder e dal produttore e proprietario dell'etichetta britannica World Circuit Nick Gold, riunì un gruppo improvvisato di musicisti cubani negli storici studi EGREM/Areito dell'Havana. La maggior parte dei musicisti erano celebrati veterani dell'epoca d'oro della scena musicale cubana degli anni '40 e '50. Nessuno di loro aveva idea che le registrazioni che stavano per produrre avrebbero cambiato la vita di molte persone, compresi loro stessi, aumentando per sempre la visibilità della musica cubana nel mondo. Buena Vista Social Club fu il nome scelto per questo straordinario gruppo di musicisti che per il titolo dell'album, registrato in soli sette giorni. Lo studio, di proprietà dell'etichetta musicale nazionale cubana EGREM, fu costruito negli anni '40 ed è celebrato come un grande gioiello della storia della registrazione. La vasta stanza rivestita in legno ha permesso di registrare con dell'intero ensemble dal vivo, che permette all'ascoltatore di sentirsi in mezzo ai musicisti. Non c'è dubbio che questo luogo abbia giocato un ruolo importante nel suono magico delle registrazioni finali.

Questa nuova edizione include brani che sono stati registrati durante quella famosa settimana del 1996, ma mai pubblicati; alcuni brani erano semplici suggerimenti di repertorio, altri improvvisazioni ed altre vere e proprie gemme paragonabili alle canzoni dell'album che abbiamo conosciuto fino a oggi.

fonte: A Buzz Supreme

----------------------------------------------------------------------------------------


:: Luca Milani - il nuovo singolo Dirty Hearts e il nuovo album Warriors Grow Up and Die

Dirty Hearts è il primo singolo estratto dall’album Warriors Grow Up And Die. Per Luca Milani è la chiusura di un cerchio e insieme il capitolo di una maturazione cominciata con le atmosfere acustiche di Scars And Tattoos da cui è ripartito con una prospettiva sonora più ampia. Aiutato da Fidel Fogaroli alle tastiere, che ha conferito a Dirty Hearts un’atmosfera unica, colta alla perfezione dalle immagini del videoclip selezionate e montate da Carlo Lancini, Luca Milani (voce e chitarra acustica) ci ricorda che “le anime libere non fanno promesse perché sanno che il tempo cancellerà tutto”, e apre una prima porta verso l’intero universo di emozioni che compone Warriors Grow Up And Die. Prodotto da Daniele Denti, con il missaggio di Simone Giorgi e con la grafica di Giacomo Comincini, il singolo Dirty Hearts è disponibile su tutte le principali piattaforme.

L’innata modestia di Luca Milani fa da contrasto agli estremi percorsi nella sua ventennale carriera discografica, giunta a un punto di svolta. Se nel fatidico 2001 maturava l’esordio con i File, avvenuto un anno dopo con l’EP Credo nei miracoli, a distanza di vent’anni, Luca Milani si ritrova alle spalle una serie di cambi radicali. Primo artista italiano a firmare per un’etichetta internazionale (con i File aveva siglato per la Zomba Records e per la Silvertone), sceglie poi la via dell’autoproduzione indipendente con l’esordio solista di Scars And Tattoos, che, nel 2009, rivela un’intensa anima acustica, ispirata da Hank Williams e Johnny Cash.

La naturale evoluzione in Sin Train lo rivela nel 2011 come uno dei più sorprendenti songwriter italiani, album affascinante per le sonorità e per l’intrinseca qualità delle canzoni. Ma ben presto l’istintiva vocazione elettrica trova una sua collocazione prima con Lost for Rock N Roll, poi con la creazione dei Glorious Homeless, gruppo che lo supporterà dal 2013 fino al 2016 con Fireworks for Lonely Hearts. È proprio in questo passato prossimo che Luca Milani trova il suo equilibrio, tanto nelle canzoni, quanto nelle performance, tra la vocazione del troubadour acustico e quella del frontman di rumorose rock’n’roll band, che ha una sua definizione in Idols del 2019, frutto del progetto Hellm.

La nuova svolta, che si concretizzerà nell’arco del 2021, vede Luca Milani confrontarsi con i suoi eroi, la sua storia e il suo futuro che avrà un cardine nel nuovo album, Warriors Grow Up And Die, anticipato dal singolo Dirty Hearts.

fonte: Fragile dischi

----------------------------------------------------------------------------------------


:: Highway 61 e Un mondo di musica - le trasmissioni radio di Massimo Ferro

Highway 61 è una trasmissione di American folk & roots music - ovvero folk, country, blues, bluegrass, old time music, western-swing, cajun, tex-mex, ma anche cantautori, alternative country, rock & roll, rockabilly, guitar music e così via. Si tratta di una sorta di “Viaggio alle radici della musica Americana”, come recita il sottotitolo, le cui selezioni riguardano quasi esclusivamente novità discografiche (spesso proposte in anteprima assoluta per l’Italia) provenienti perlopiù da Nord America ed Europa; uno sguardo al passato è tuttavia contemplato di frequente attraverso la segnalazione di ristampe ed antologie. “Highway 61” è un programma conosciuto anche oltreoceano poiché diffuso in streaming, grazie da RVS Web (www.radiovocespazio.it) tre volte la settimana, dalle 23 alle 24, ogni lunedì, mercoledì e venerdì.

Un Mondo Di Musica è un programma che si occupa di folk, roots e world music provenienti da ogni angolo del pianeta, in sostanza dunque di tutta la musica contemporanea che attinge alla tradizione popolare (compresa la canzone d’autore). Va in onda da Radio Voce Spazio, ogni martedì sera, dalle 21.30 alle 24.00. La trasmissione si occupa principalmente di novità discografiche e, ovviamente, tiene in particolare considerazione la musica italiana, sia essa folk o d’autore. Quasi sempre la trasmissione offre la possibilità di ascoltare interviste telefoniche (quasi sempre in diretta) con artisti, gruppi ed altri personaggi che si occupano di musica delle radici nel nostro paese (e non solo). Occasionalmente inoltre il programma propone ospiti dal vivo in studio e riporta notizie relative ai concerti ed altri eventi locali, soprattutto di carattere locale.

Massimo Ferro ha iniziato la sua attività radiofonica nel lontano 1976 collaborando con le principali emittenti alessandrine. Accanto al suo operato come disk-jockey, in passato ha collaborato con importanti riviste musicali come "Folk Bulletin", "Hi, Folks!", "Il Blues" ed “Il Buscadero”, è stato a lungo attivo come presentatore e consulente con l'Assessorato alla Cultura del Comune di Alessandria per i concerti di roots music, direttore artistico della rassegna "Etnomosaico", socio della Bluegrass & Country Music Association of Italy e componente del Rainbow Smoke Network. Inoltre contribuisce alla stesura di diverse classifiche internazionali, come la Freeform American Roots Chart, la E.M.S. Indipendent Chart, l'Euroamericana Chart e Roots Music Report. Massimo Ferro è stato diverse volte nella giuria di Folkontest. Dal 2004, con una cinquantina di altri operatori del settore, è diventato membro della giuria del "Premio Città di Loano" che annualmente conferisce il titolo di migliore album italiano nell'ambito della musica delle radici. Nel 2009 è stato chiamato anche a far parte della giuria del “Premio Teresa Viarengo”, e poco dopo è stato ammesso a far parte del prestigioso Club Tenco, per il conferimento delle Targhe Tenco.

Per info: info@highway61.it - www.highway61.it




info@rootshighway.it