:: Menù
 



RootsHighway è membro ufficiale della Euro Americana Chart, la classifica dei dj e giornalisti europei sul mondo Americana/ Roots. Leggi la classifica completa su euroamericanachart.eu

 
 

IN USCITA: scorri l'elenco delle prossime uscite discografiche in campo Americana/ Roots/ Indie:

23 febbraio
Corb Lund - El Viejo (New West Records)
Amigo the Devil – Yours Until the War is Over (Liars Club/Regime Music Group)
Hurray for the Riff Raff – The Past Is Still Alive (Nonesuch Records)
Vanessa Peters – Flying On Instruments (Idol Records)
Jamon Scott & Chadwell Station – One Hillbilly Place EP (self-release)
Stoll Vaughan – Dream in Color (self-released)
Amelia White – Love I Swore (self-released)

16 febbraio
Eric Brace and Thomm Jutz - Simple Motion (Red Beet Records)
The High Hawks - Mother Natures Show (LoHi Records)
Blackberry Smoke – Be Right Here (3 Legged Records)
Albert Cummings – Strong (Ivy Music Company)
Béla Fleck – Rhapsody in Blue (Béla Fleck Productions)
Phil Hurley – Stay Gold (self-released)

9 febbraio
Seth James - Lessons (Qualified Records)
The Steel Wheels - Sideways (Big Ring Records)
American Patchwork Quartet – American Patchwork Quartet (Carolina Jasmine Records)
The Dead South – Chains & Stakes (Six Shooter Records)
Madi Diaz – Weird Faith (-Anti Records)
Missy Raines & Alleghany – Highlander (Compass Records)
Tyler Ramsey – New Lost Ages (Soundly Music)
Bruce Robison – In The Woods (The Next Waltz)
Sour Bridges – Down & Out (self-released)
Jeff Talmadge – Sparrow (Berkalin Records)

2 febbraio
Matt the Electrician- The Ocean Knocked Me Down (independent)
Taylor McCall – Mellow War (Black Powder Soul Records)
Elexa Dawson & Stanley Hotel – Wanderlust (Turns Out Records)
Brit Taylor – Kentucky Bluegrassed (Cut A Shine Records)
Lori Yates – Matador (Laly Music)

26 gennaio
Willi Carlisle - Critterland (Signature Sounds Recordings)
Jim Kweskin - Never Too Late (Storysound Records)
John Leventhal - Rumble Strip (RumbleStrip Records)
Spencer Burton – North Wind (Dine Alone Records)
Chatham County Line – Hiyo (Yep Roc Records)
Ismay – Desert Pavement (independent)
Sarah Jarosz – Polaroid Lovers (Rounder Records)
Malcolm MacWatt – Dark Harvest (Singular Recordings)
Cary Morin – Innocent Allies (independent)
Danielle Nicole – The Love You Bleed (Forty Below Records)
Sister Sadie – No Fear (Mountain Home Music Company)
William Elliott Whitmore – Silently, The Mind Breaks (Whitmore Records)

19 gennaio
Colby T. Helms - Tales of Misfortune (Photo Finish Records)
Big State – Viva Ne’er-Do-Wells (Big Beard Records)
Diane Coll – Old Ghosts (independent)
Alice DiMicele – Interpretations Vol 1 (independent)
Doug Paisley – Sad World (independent)
ThorNton Creek – Swim a While (independent)
Town Mountain – Dance Me Down Easy: The Woodstock Sessions EP (New West Records)

12 gennaio
John Craigie - Pagan Church (Zabriskie Point Records)
Gurf Morlix - Melt Into You (Rootball Records)
Brothers Brown – Nowhere Left To Go (Woodland Avenue Records)
Kevin Burt & Big Medicine – Thank You Brother Bill: A Tribute to Bill Withers (Gulf Coast Records)
James Talley – Bandits, Ballads and Blues (Cimarron Records)
Watchhouse – Austin City Limits Live at the Moody Theater (Yep Roc Records)
Dusty Wright – Dusted Off (independent)

8 dicembre
Rainbow Girls – Welcome To Whatever (self-released)
Uncle Lucius – Like It’s The Last One Left (Boo Clap Records)
Neil Young – Before and After (Reprise Records)

1 dicembre
Zach Russell - Where the Flowers Meet the Dew (Carlboro Records)
Balsam Range – Kinetic Tone (Mountain Home Records)
Bill Booth – River Town (Wheeling Records)
Gregory Dwane – Nostalgia for Nothing (Peacedale Records)
Fred Eaglesmith & Tif Ginn – A Christmas Card (A Major Label)
Uncle Shuffelo and His Haint Hollow Hootenanny – Uncle Shuffelo and His Haint Hollow Hootenanny (Spring Fed Records)

24 novembre
Amos Lee - Honeysuckle Switches: The Songs of Lucinda Williams (Hoagiemouth Records)
Gram Parsons and the Fallen Angels - The Last Roundup: Live from the Bijou Café in Philadelphia March 16th 1973 (Amoeba Records)

17 novembre
Luther Dickinson - Magic Music For Family Folk (Antone’s/New West Records)
Dori Freeman - Do You Recall (Blue Hens Music)
Trevor Bahnson – Anything Beautiful (independent)
Stephen Clair – The Presentation of Self In Everyday Life (independent)
Wyatt Flores – Life Lessons (OEG Records)
Jared Dustin Griffin – Battle Cry Mercy (Singular Recordings)
Iron and Wine – Who Can See Forever Soundtrack (Sub Pop Records)
Pete Mancini and Rich Lanahan – Silent Troubadour: The Songs of Gene Clark (Paradiddle Records)
Vinnie Paolizzi – The Vinnie Paolizzi LP (Gold Rush Records)
Wood Belly – Cicada (Americana Vibes)

10 novembre
Vincent Neil Emerson- The Golden Crystal Kingdom (La Honda Records)
Chris Stapleton - Higher (Mercury Nashville Records)
Jimmy Buffett – Equal Strain On All Parts (Sun Records)
Daniel Donato – Reflector (Retrace Music)
Jon Dee Graham – Only Dead For A Little While (Strolling Bones Records)
Kristen Grainger & True North – Fear of Falling Stars (independent)
Terry Klein – Leave The Light On (independent)
Kerri Powers – Love Is Why (Wildflower Children)
The Resonant Rogues – The Resonant Rogues (independent)
Todd Snider – Crank It, We’re Doomed (Aimless Records)
Afton Wolfe – The Harvest (Grandiflora Records)

3 novembre
Suzy Bogguss - Prayin’ for Sunshine (Loyal Duchess Records)
Jaime Wyatt - Feel Good (New West Records)
Al Backstrom – Wild Colonial Boy (Wild Colonial Boy Records)
Colin Cutler – Tarwater (self-released)
Elliot Brood – Town (self-released)
Ben Gage – Two Singing Songs (self-released)
Heather Anne Lomax & Michael Doman – The Doman Tracks (Blackbird Record Label)
Jeffrey Martin – Thank God We Left The Garden (Fluff and Gravy Records)
Our Man in the Field – Gold on the Horizon (In the Field Recordings)
Sylvia Tyson – At The End Of The Day (Stony Plain Music)

27 ottobre
Jesse Colter - Edge of Forever (Appalachia Record Co.)
The Third Mind - The Third Mind 2 (Yep Roc Records)
Black Pumas – Chronicles Of A Diamond (ATO Records)
Robert Finley – Black Bayou (Easy Eye Sound)
Flatland Cavalry – Wandering Star (Interscope Records)
Dylan Gossett – No Better Time (independent)
Anton O’Donnell – Tomber Sur PRW (Need To Know Music)
Old Californio – Metaterranea (independent)
Leon Rosselson – Chronicling the Times (Free Dirt Records)
Nora Jane Struthers – Back to Cast Iron (Blue Pig Music)
Willy Tea Taylor & The Fellership – The Great Western Hangover (independent)
Tejon Street Corner Thieves – Juxtaposition (Liars Club Records)
Various Artists – A Tribute To The Judds (Broken Bow Records)
Skarlett Woods – Letters To The West (independent)

20 ottobre
Eli Paperboy Reed - Hits And Misses: The Singles (Yep Roc Records)
Chris Shiflett - Lost at Sea (Blue Élan Records)
Barbaro – About The Winter (StorySound Records)
Jon Byrd – All Your Mistakes (Longleaf Pine Records)
The Fugitives – No Help Coming (Fallen Tree Records)
Alice Gerrard – Sun to Sun (Sleepy Cat Records)
Harvest Thieves – As The Sparks Fly Upward (independent)
Gracie Lane – Doing My Time (independent)
Dylan LeBlanc – Coyote (ATO Records)
Ajay Mathur – Blow My Cover (Yakketeeyak Music)
Israel Nash – Ozarker (Soundly Sounds)
Karyn Oliver – Cherchez La Femme (Buxom County Records)
Carla Olson – Have Harmony, Will Travel 3 (Have Harmony Will Travel Records)
Pert Near Sandstone – Waiting Days (independent)
Sado-Domestics – Beach Day In Black And White (independent)
Jonah Tolchin – Dockside (Clover Music Group)
Robert Rex Waller Jr. – See The Big Man Cry (BFD Records)

13 ottobre
Kelly Hunt - Ozark Symphony (Compass Records)
The Bones of J.R. Jones – Slow Lightning (Tone Tree Music)
Izzy Ded – What Hurts Most (Death and Texas Records)
Kathy Kallick Band – The Lonesome Chronicles (Live Oak Records)
Lonesome Ace Stringband – Try To Make It Fly (self-release)
Jim Patton & Sherry Brokus – Big Red Gibson (Berkalin Records)
Carrie Newcomer – A Great Wild Mercy (Available Light Records)
The Carolyn Sills Combo – On The Draw (Moon Lasso Music)
Tom Sykes – A Long Hard Road (MoMojo Records)

6 ottobre
Ray Bonneville - On The Blind Side (self-released)
John R. Miller - Heat Comes Down (Rounder Records)
Victoria Bailey – A Cowgirl Rides On (Rock Ridge Music)
Lisa Brokop – Who’s Gonna Fill Their Heels? (Audium Music)
Billy Don Burns – I’ve Seen A Lot Of Highway (Black Country Rock)
Tré Burt – Traffic Fiction (Oh Boy Records)
Jason Hawk Harris – Thin Places (Bloodshot Records)
Ida Mae – Thunder Above You (Vow Road Records)
Charlie Mars – Times Have Changed (Foxgate Records)
Mike and the Moonpies – Live from the Devil’s Backbone (Prairie Rose Records)
Joni Mitchell – Archives, Volume 3: The Asylum Years (1972-1975) (Elektra Catalog Group)
The Steel Woods – On Your Time (Woods Music)



 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
Home page

 News   notizie, video, segnalazioni, classifiche


Video della settimana
: Walter Trout feat. Beth Hart - Broken

Il nuovo album "Broken" dal prossimo 1 marzo 2024 per Mascot/ Provogue



-------------------------------------------------------------------------------------------------


::
The Wateroys - Box-set di 6 CD della band di Mike Scott, con demo, brani e live inediti registrati nel periodo del loro capolavoro ‘This is The Sea'

1985 - How The Waterboys Made This is the Sea and Saw The Whole of the Moon.

1985 è un nuovo box-set di 6 CD che racconta il making of di This is the Sea dei The Waterboys. Curato dal leader della band Mike Scott, il cofanetto accompagna l’ascoltatore attraverso 95 brani, di cui 64 inediti, che includono home recording, demo, versioni alternative, b-side, live e session radio/tv. La raccolta copre il periodo di produzione e registrazione del capolavoro di Mike Scott, il disco finale è una versione rimasterizzata di ‘This is the Sea’. Oltre alla mastodontica versione con libro di 220 pagine, sarà disponibile una versione con i 6 cd e formato più piccolo clamshell cd. La Chrysalis ha ristampato su vinile anche ‘This is the Sea’, il classico che ha reso gli Waterboys e Mike Scott artisti immortali.

The Waterboys sono una delle band più importanti della scena folk-rock internazionale. Il loro sound influenzato da sonorità tipicamente inglesi e irlandesi e il timbro vocale di Mike Scott ne hanno fatto una band di culto per tutti gli appassionati di folk e rock degli anni '80. I primi fondamentali 4 album degli Waterboys sono usciti tra il 1983 e il 1988 e ad oggi la loro fama resta legata particolarmente a ‘This is the Sea’ del 1985 e al seguente ‘Fisherman’s Blues’ del 1988. Oltre ai 6 cd nel box-set è presente un enorme libro di 220 pagine con copertina rigida, contenente un resoconto della creazione di 'This is the Sea', con dettagli approfonditi sulla registrazione, background, contesto culturale, fotografie inedite, pagine di composizione delle canzoni, testi e contenuti mai visti prima. Il testo del libro è stato interamente curato e scritto dal cantante e leader Mike Scot, con sezioni aggiuntive dei compagni del tempo Anthony Thistlethwaite (basso) e Max Edie (cori). Il confanetto di ‘1985’ è un enorme oggetto da collezione, formato vinile (288 mm x 255 mm) e in un'edizione limitata di sole 3.000 unità. Disponibile anche un vinile trasparente (180g) con la versione rimasterizzata di ‘This Is The Sea’. Da Aprile sarà disponibile anche una versione formato clamshell cd, senza libro ma con i 6 cd del box-set. Il cofanetto da 6 CD ‘1985’ e la ristampa in vinile di ‘This is The Sea’ sono usciti il 23 Febbraio, la versione clamshell cd del cofanetto '1985' uscirà il 5 Aprile sempre per Chrysalis Records.

fonte: Goodfellas

--------------------------------------------------------------------------------------------------


:: Claudia Cravens - 'Le spietate', in libreria dal 15 marzo per NN Editore

“Giuro davanti a Dio che non c’è niente di più delicato dell’orgoglio di un uomo. Un tocco sbagliato e si accartoccia come un fiore appassito.”

Arkansas, 1877. Bridget Shaughnessy ha sedici anni e deve badare a suo padre, buono ma incapace, troppo spesso ubriaco. Quando l’uomo muore per un morso di serpente, Bridget capisce di dover contare solo su se stessa: dopo una marcia estenuante, arriva a Dodge City a dorso di mulo e senza un soldo, ma i suoi capelli rossi e l’aria dolce e spavalda da ragazza di campagna attirano l’attenzione di Lila, maîtresse del Buffalo Queen, l’unico saloon in città gestito da due donne. Bridget sente di avere finalmente una casa: stringe amicizia con le sue compagne, soprattutto con Constance, e accetta la corte del vicesceriffo di Dodge City, Jim Bonnie. L’arrivo di Spartan Lee, leggendaria pistolera, getta però lo scompiglio nel cuore di Bridget, che si allontana da Jim proprio nel momento in cui il saloon e le ragazze hanno bisogno della massima protezione da una banda di pericolosi avventurieri. In questo esordio travolgente, Claudia Cravens racconta il western attraverso lo sguardo di una ragazza che diventa donna ribaltando ogni convenzione, e scopre se stessa seguendo con candore e ironia i moti del cuore. Le spietate infonde nuova vita al mito della frontiera e, strizzando l’occhio al grande cinema, racconta una storia di riscatto, di libertà e di amore.

Claudia Cravens è una scrittrice americana laureata in Letteratura al Bard College, e vive a New York. Le spietate è il suo romanzo d’esordio.

fonte: NN Editore

--------------------------------------------------------------------------------------------------


:: David Joy - 'Quelli che pensavamo di conoscere', in libreria da venerdì 16 febbraio per Jimenez edizioni

Torna nelle librerie italiane la voce potente e impietosa di David Joy, tra le migliori giovani penne statunitensi e scrittore di punta del cosiddetto Appalachian Noir. Un thriller appassionante e scomodo che indaga nel profondo le laceranti spaccature della società americana.

Toya Gardner, una giovane artista nera di Atlanta, torna nella casa di famiglia tra le montagne della Carolina del Nord per ripercorrere la storia dei suoi antenati e completare la sua tesi di laurea. Quando si imbatte in un monumento confederato ancora presente nel cuore della cittadina, in lei scatta qualcosa. Nel frattempo, la polizia locale trova un uomo che dorme nel retro di una station wagon e una perquisizione del veicolo rivela che si tratta di un membro del Ku Klux Klan, e la scoperta di un taccuino pieno di nomi di autorità del posto minaccia di mettere a ferro e fuoco le montagne. Dopo che due crimini orribili hanno spaccato a metà la contea, lo sceriffo Coggins e l’intera comunità si ritrovano a lottare con segreti profondi e inconfessabili che si tramandano da generazioni. Quelli che pensavamo di conoscere è un improcrastinabile svelamento del ventre oscuro di una nazione. Riccamente orchestrato e coraggiosamente onesto, il romanzo si chiede cosa succede quando quelli che pensavi di conoscere si rivelano dei mostri. Cosa fai quando tutto ciò in cui hai sempre creduto si sgretola?

DAVID JOY - Autore di romanzi e racconti, collaboratore di riviste quali Time e New York Times Magazine, con il suo romanzo precedente, Queste montagne bruciano (Jimenez, 2022), ha vinto il prestigioso Dashiell Hammett Prize, che annualmente premia il migliore romanzo crime di Stati Uniti e Canada. È autore anche di Where All Light Tends to Go (Dove tende la luce, Jimenez 2023), The Line That Held Us (vincitore del Southern Book Prize) e The Weight of This World. Vive a Tuckasegee, Carolina del Nord.

fonte: Jimenez edizioni

--------------------------------------------------------------------------------------------------


:: The Decemberists - il ritorno con il singolo ‘Burial Ground’ feat. James Mercer degli Shins

The Decemberists tornano con il singolo ‘Burial Ground’ feat. James Mercer degli Shins. Il brano segna il ritorno dell’ensemble indie-folk-rock americano dopo sei anni di assenza. Ascolta ‘Burial Ground

Il nuovo singolo segna l’inizio della collaborazione con Thirty Tigers, oltre al ritorno ad un brano inedito dopo l’album ‘’I’ll be Your Girl’ del 2018. La band di Portland, Oregon, oggi composta da Colin Melloy, Chris Funk, Jenny Conlee, Nate Query e John Moen è tra le maggiori rappresentanti degli ultimi 20 anni del connubio tra la tradizione dell'Americana, folk e indie-rock, capaci di combattere a livello e popolarità con band affermate come Arcade Fire e Fleet Foxes. Nel 2011 il loro sesto album ‘The King Is Dead’ ha esordito al primo posto della classifica degli album più venduti in America, la band ha inciso album per la indie di culto Kill Rock Stars e in seguito per la major Capitol. Al momento The Decemberists sono attesi dal vivo in Inghilterra, unica data europea, il 25 Agosto all’All Points East di Londra.

Il nuovo singolo è stato prodotto da Tucker Martine, già presente sul loro ultimo album ‘I’ll Be Your Girl’ del 2018, con il guest d’eccezione dell’amico James Mercer, voce dei The Shins. Durante il silenzio degli ultimi 6 anni il leader dei The Decemberists Colin Meloy ha portato avanti la sua carriera di scrittore, scrivendo romanzi per giovani e adulti. Il suo bestseller ‘Wildwood Chronicles’ è stato adattato per il grande schermo e ne uscirà presto una versione animata con la partecipazione di Mahershela Ali, Carey Mulligan, Tom Waits e Angela Bassett.

The Decemberists si sono formati nel 2000 a Portland, hanno pubblicati 8 album e sono stati nominati ad un Grammy per Best Rock Song nel 2011 e sono unanimemente considerati una delle più influenti formazioni indie-rock degli ultimi 20 anni.

fonte: Goodfellas

--------------------------------------------------------------------------------------------------


:: The Lemon Twigs - il nuovo album 'A Dream Is All We Know’ dal prossimo 3 maggio

The Lemon Twigs pubblicheranno il nuovo album ‘A Dream Is All We Know’ il 3 Maggio, ascolta il singolo ‘They Don't Know How To Fall In Place’.

Il nuovo singolo evoca un luogo immaginario che i due fratelli D'Addario chiamano “Mersey Beach”, ibrido tra la Liverpool beat degli anni ’60 e il Laurel Canyon di LA degli anni ’70. I newyorkesi Lemon Twigs sono attivi dal 2014 e in passato hanno inciso tre album per la leggendaria label inglese 4AD, prima di accasarsi con Captured Tracks, etichetta di culto di New York City, nota per aver scoperto Mac DeMarco, DIIV e Wild Nothing. Il nuovo album dei Lemon Twigs è stato autoprodotto dai fratelli Brian e Michael D’Addario e registrato con apparecchiature analogiche degli anni ’60 e ’70, periodo che da sempre influenza il sound della band. I Lemon Twigs hanno inciso il loro esordio ‘Do Hollywood’ nel 2016, divenendo velocemente una delle realtà più ammirata della scena indipendente americana e attirando il supporto di artisti affermati come Elton John, Questlove e Jack Antonoff.

fonte: Goodfellas

--------------------------------------------------------------------------------------------------


:: Goat Girl - annunciatp il nuovo album "Below The Waste" il prossimo 7 giugno

Le Goat Girl - Lottie Pendlebury (she/her), Rosy Jones (they/them) e Holly Mullineaux (she/her) - sono felici di annunciare il loro terzo album “Below The Waste”, in uscita per Rough Trade Records il 7 giugno 2024. L'album è stato co-prodotto dalla band e da John Spud Murphy (Lankum & black midi) e sarà disponibile in LP, LP in edizione limitata e CD.

L’album è stato composto come un collage in un periodo di tempo esteso, mentre la parte strumentale è stata registrata nel corso di dieci giorni in Irlanda agli Hellfire Studios, all'ombra del famigerato Hellfire Club, ma anche nello Studio 13 di Damon Albarn. Gli archi (Reuben Kyriakides e Nic Pendlebury), gli strumenti a fiato (Alex McKenzie) e le voci (tra cui un coro composto da familiari e amici), sono stati aggiunti in diverse location, da un granaio nell’Essex allo studio delle Goat Girl a South London.

La cantante Lottie parlando del singolo afferma: “Al tempo stavo ascoltando molta musica di Phillip Glass e Deerhoof che gioca con la relazione tra tensione e risoluzione e che ha sicuramente influenzato questo pezzo. Desideravo onestà e autenticità nelle relazioni che avevo con le persone, probabilmente in parte perché all’epoca, come tutti, eravamo isolati l’uno dall’altro. Ma sentivo anche qualcosa di più profondo, come se quelle conversazioni che sognavo strappassero via le etichette a cui ci aggrappavamo disperatamente per andare sotto alla superficie, dove le parti più interessanti di noi stessi tendono ad essere soppresse.”

Il video del nuovo singolo “ride around” è stato diretto dal duo di filmmaker Luke Kulukundis e Mateo Villanueva Brandt della Foreign Body Productions, una casa di produzione di South London, vincitrice di diversi premi. Il regista: "Il video esplora temi di estraniamento attraverso desiderio e paura di connessione, la stranezza dello stare insieme nel contesto di una città grigia, incastrata nella claustrofobia capitalista e nell’assurda mondanità.” La band farà un tour intimo a marzo, che include uno show all’ICA di Londra, degli instore intorno all’uscita dell’album e presto annuncerà presto un tour da headliner nel Regno Unito e in Europa.

fonte: Spin-Go

--------------------------------------------------------------------------------------------------

:: Iron & Wine - il nuovo album 'Light Verse' dal 26 aprile 2024 per Sub Pop Records

Il 26 aprile 2024, Iron & Wine pubblicherà il suo settimo album, Light Verse, in tutto il mondo su Sub Pop Records e distribuito in Italia da Audioglobe. La raccolta di dieci tracce è stata prodotta dal cantautore della band, Sam Beam, e mixata e ingegnerizzata da Dave Way presso i Waystation e i Silent Zoo Studios di Los Angeles. Light Verse è il primo full-length di Iron & Wine in oltre sette anni e segue le due uscite nominate ai Grammy, Beast Epic del 2017 e Weed Garden EP del 2018. Ascolta il primo singolo “You Never Know”.

Con Light Verse, i testi di Beam attingono ancora una volta a una serie di intuizioni fittizie e personali, piene di personaggi disperati e di ottimisti, offrendo promesse e una dose di sofferenza, lacrime e risate, vita e amore. È anche il disco più giocoso di Iron & Wine, il cui titolo riflette come le canzoni siano nate con gioia dopo la pesantezza e l'ansia della pandemia. Laddove Beast Epic e Weed Garden davano voce all'inquietudine della fragilità e della rottura di mezza età, le canzoni di Light Verse scambiano questo aspetto con l'attenzione che può portare l'accettazione. Momento per momento, si dilettano nell'essere acuti o sciocchi (o entrambi). Dal punto di vista musicale, Light Verse è stato plasmato da un cast di musicisti di spessore che hanno dato la loro impronta di autenticità alla visione di Beam. Si sono uniti Tyler Chester (tastiere), Sebastian Steinberg (basso), David Garza (chitarra), Griffin Goldsmith, Beth Goodfellow, Kyle Crane (batteria/percussioni) e Paul Cartwright (archi). Un'orchestra di 24 elementi fa la sua comparsa in quattro brani e Fiona Apple ha prestato la sua voce per un duetto intitolato "All In Good Time". Iron & Wine annuncia anche un tour nordamericano da headliner a supporto di Light Verse, che partirà il 14 giugno a Milwaukee, WI al Pabst Theatre, e terminerà il 24 agosto a Nashville.

fonte: KeezMe

--------------------------------------------------------------------------------------------------


:: Rosali - il nuovo album ‘Bite Down’ dal prossimo 22 Marzo per Merge records

Rosali Middleman, cantautrice e chitarrista del North Carolina è al quarto album, il primo per Merge che ne certifica il ruolo di ambiziosa artista della scena indie-rock americana. Il songwriting di Rosali è condito da una perizia chitarristica di rilievo, che avvicina le influenze folk del suo repertorio al mondo del jazz, senza tralasciare l'influenza della tradizione country e la passione per l'Americana contemporonea. Il nuovo lavoro, quarto solista della sua carriera, è stato registrato a Omaha, Nebraska, con una band compsta da David Nance (bass, guitar), James Schroeder (guitar, synth), Kevin Donahue (drums, percussion) e Ted Bois dei Destroyer alle tastiere. Nel corso degli ultimi mesi Rosali ha aperto le date americane ed europee per i Destroyer, J Mascis dei Dinosaur Jr., i Rose City Band e Mary Timony.

Bite Down’ arriva a tre anni di distanza da ‘No Medium’ e ad uno dal side project ‘Variable Happiness’, acclamato album di improvvisazione indie-jazz dai toni folk pubblicato a nome Edsel Axle. ‘Bite Down’ è un album di incredibili fattura che dal bluegrass si muove verso l’improvvisazione jazz, passando per power punk e andando oltre. Rosali è un artista che non ama le classficazioni di genere, ma il suo nuovo lavoro è un poderoso mix di gemme country dal tocco alternative rock piene di invenzioni chitarristiche e scelte creative e originali.

fonte: Goodfellas

--------------------------------------------------------------------------------------------------


::
The Wandering Hearts - 'Mother’, nuovo album del trio folk in uscita il prossimo 22 Marzo per Chrysalis anticipato dal singolo ‘River To Cry’

La band formata da Tara Wilcox, A.J. Dean e Francesca ‘Chess’ Whiffin è nata a Londra nel 2015 e arriva al terzo album dopo due dischi pubblicati per Decca (‘Wild Silence’ del 2018) e Cooking Vinyl (l’omonimo ‘The Wandering Hearts’ nel 2022). Il nuovo album prodotto da Steve Milbourne è un potente mix di folk e americana moderna dal tocco country, condito da una produzione alternative rock e da grandi arrangiamenti pieni di richiami melodici. 'Mother' ha la potenza e i ganci melodici dei migliori Fleetwood Mac e dei dischi degli anni ’70 prodotti a Laurel Canyon, conditi dalle insostuibili voci all'unisono di Tara, A.J. e Francesca. Prima dell’annuncio del nuovo album il trio folk londinese aveva condiviso l’ascolto dei brani ‘About America, ‘Still Waters’ e ‘Not Misunderstood'. Guarda il video di ‘River To Cry'

Il trio parla del nuovo album ‘Mother’ come di un momento di crescita generale dei suoi membri, testimoniato dalle maternità di Tara e Francesca che hanno dato una nuova dimensione alla vita del band e al suo futuro. “Ero incinta quando abbiamo inziato a comporre e registrare il nuovo album e Tara lo era quando lo abbiamo ultimato - racconta Francesca Whiffin. Durante il processo creativo e di realizzazione abbiamo trovato noi stessi come gruppo. La maternità ci ha aiutati a crescere e trovare un significato, portando ad un nuovo livello la scrittura della musica e delle performance dal vivo." La band ha lavorato nello studio casalingo di Francesca ‘Whiffin’ Chess’s a Darlington, Inghilterra, circondati da tantissime chitarre, un piano vintage e un classico equipaggiamento da studio per una band folk rock come la loro. A.J. racconta che il nuovo album era nato come un EP folk e si è poi trasformato in qualcosa di completamente differente, con elementi di rock, blues, pop e in più le bellisime voci del trio. The Wandering Hearts hanno realizzato un album molto personale, il migliore della loro carriera ad oggi. Dopo due dischi dalla produzione troppo pop, il trio è tornato indietro sui propri passi con un approccio più minimale ed essenziale, basato principalmente sul suono delle tre voci e sugli arrangiamenti della chitarra di A.J. e del mandolino di Francesca.

fonte: Goodfellas

--------------------------------------------------------------------------------------------------


:: Khruangbin - ‘nuovo album in uscita il prossimo 5 Aprile per Dead Oceans

A La Sala’ è il primo album in quattro anni della band formata da Laura Lee, Mark Speer e DJ Johnson, seguito dell’incredibile successo di vendite e critica del loro ultimo lavoro in studio ‘Mordechai’. I Khruangbin sono titolari di uno stile unico, capaci di rendere radiofonici brani strumentali influenzati da funk, soul, dub e rock dal tocco psichedelico. A La Sala’ (‘To the Room’ in inglese) è il quarto album in studio dei Khruangbin, seguito ideale di ‘Mordechai’ del 2020, ‘Con Todo Il Mundo’ del 2018 e dell’esordio ‘The Universe Smiles Upon You’ del 2015.

I Khruangbin sono una band inarrestibile, tra le più note dell'odierna scena indipendente e protagonisti dei maggiori festival internazionali. Nel corso degli ultimi anni grandi musicisti come Paul McCartney, Questlove, Flea, Tina Weymouth e David Byrne hanno collaborato con loro e i loro brani sono stati inseriti nelle colonne sonore di importanti produzioni cinematografiche e televisive. Fin dall’inizio il viaggio dei Khruangbin è stato unico: una rappresentazione sonora e visiva con pochi precedenti, che ignora le aspettative pop, fa affidamento solo su ispirazioni interne e su una moltitudine di visioni. Gli elementi costitutivi delle 12 canzoni di ‘A La Sala’ sono parte della memoria collettiva della band non ancora sfruttate. Sette diverse copertine accompagneranno l’uscita dell’edizione in vinile del nuovo disco dei Khruangbin, prova tangibile dello stile unico che la band texana dimostra anche dal punto di vista estetico. Negli ultimi due anni i Khruangbin hanno suonato ovunque al mondo registrando il tutto esaurito in sale da concerto mitiche come il Radio City Music Hall di New York, il Greek Theatre di Los Angeles, la Sydney Opera House e l’Alexandra Palace di Londra. Nel corso dell'ultimo anno hanno pubblicato cinque LP dal vivo che mettono in mostra la loro abilità sul palco - con ospiti incredibili come Toro y Moi, Men I Trust e Nubya Garcia - hanno collaborato con il chitarrista maliano Vieux Farka Touré, in onore del defunto padre Ali Farka Touré, con l'album ‘Ali’. Sempre nel 2022 i Khruangbin hanno pubblicato il secondo EP in collaborazione con Leon Bridges, ‘Texas Moon’, andando oltre i confini dell'R&B psichedelico.

fonte: Goodfellas

--------------------------------------------------------------------------------------------------


::
Jane Weaver - ‘Love In Constant Spectacle’ il prossimo 5 Aprile per Fire Records, anticipato dal brano ‘Perfect Storm’

Il nuovo album di Jane Weaver evoca immagini spettacolari e distilla la visione dell’artista nella sua forma più pura, elevando a nuovi livelli il suo inimitabile suono e visione artistica. Si tratta del primo album di Jane Weaver in tre anni, seguito di ‘Flock’ del 2021, e la vede alle prese con un nuovo grande lavoro che non deluderà le alte aspettative dei suoi fan. Farà parte del nuovo album anche l'omonima 'Love in a Constant Smile' , condivisa con il pubblico prima dell'annuncio del nuovo album

Jane Weaver è un’artista unica, capace di mescolare insieme influenze e stili diversi e di arrangiare come nessun altro musica acustica, folk, rock ed elettronica. “Molti dei temi dell’album derivano da interpretazione e traduzione, osservazioni e spunti emotivi – racconta Jane Weaver. Adoro le sfumature nella traduzione dei sottotitoli dei film stranieri, a volte sono esagerati o più belle, affermazioni indipendenti che non hanno senso, ma se accompagnate da un'immagine visiva possiamo vedere la scena svolgersi." Le fondamenta del suono di Jane Weaver sono evidenti - batterie motoriche, bassi pulsanti, sintetizzatori personalizzati ed esotici effetti fuzz esotici - ma il flusso è inondato di poesia e un mood vicino al mondo del free jazz e dell’avanguardia. ‘Love In Constant Spectacle’ è stato prodotto da sua maestà John Parish (PJ Harvey, Aldous Harding e molti altri) presso i Rockfield Studios e l'Invada Studio di Geoff Barrow. Si tratta di un album ultraterreno, allo stesso tempo intimo e distante, un'interpretazione surrealista dei fondamenti che ci rendono umani, il manifesto di un'artista che continua ad evolversi senza limiti ad ogni nuovo capitolo della sua carriera.

fonte: Goodfellas

--------------------------------------------------------------------------------------------------


::
Faye Webster - annuncia il nuovo album ‘Undressed at the Symphony’, anticipato dal singolo ‘Lego Ring’ feat. Lil Yachty

Faye Webster ha annunciato l’uscita del nuovo album ‘Undressed at the Symphony’, anticipato dal singolo ‘Lego Ring’ con il featuring del rapper Lil Yachty.

Undressed ad the Symphony’ di Faye Webster uscirà il 1° Marzo per Secretly Canadian. Sul disco saranno presenti anche i brani ‘But Not Kiss’ e ‘Lifetime’, pubblicati prima dell’annuncio del disco. Faye Webster nel corso degli ultimi anni ha visto salire alle stelle le quotazioni delle sue composizioni, sempre presente nelle playlist degli ascolti dei personaggi più influenti dei nostri tempi e nelle chart virali, con brani della sua discografia che hanno superato i cento milioni di ascolti. In un’intervista del 2017 Faye Webster raccontava della sua amicizia con il rapper Lil Yachty, conosciuto quando entrambi erano dei teenager e vivevano ad Atlanta. Faye è anche un’affermata fotografa e aveva realizzato un photoshoting proprio per Lil Yachty nel 2016. Il nuovo album arriva a tre anni di distanza da ‘I Know I’m Funny Haha’ ed è il quinto disco della giovane artista di Atlanta.

fonte: Goodfellas

--------------------------------------------------------------------------------------------------


:: Bevin Frond - il nuovo album ‘Focus On Nature’ il prossimo 1 marzo per Fire records

I Bevis Frond sono la creatura alt-indie-rock di Nick Saloman, chitarrista, cantante e songwriter dal talento unico che nel corso degli ultimi 40 anni ha pubblicato quasi 30 album e svariati singoli ed EP, diventando una band di culto in tutto il mondo. Il nuovo ‘Focus On Nature’ uscirà il 1° Marzo, seguito del doppio ‘Little Eden’ del 2021 e terza prova della rinascita discografica dei bevis Frond avvenuta dopo il deal per Fire Records. Guarda il trailer del nuovo album 'Focus On Nature'

The Bevis Frond e Nick Saloman sono stati la risposta inglese ai Dinosaur Jr. e J Mascis, ma con un tocco più melodico e vicino alla psichedelia dei 60s. Nick ha sempre perseguito un percorso musicale tutto suo ed originale, ispirandosi tanto alla scena alternative, indie e college quanto ad un sound che a sue parole doveva essere figlio di un'ipotetica triade formata da Hendrix, Wipers e Byrds.

‘Focus On Nature’ come da standard dei Bevis Frond si compone di ben settantacinque minuti e quasi venti tracce di melodie gloriose che abbracciano la psichedelia degli anni '60, il folk inglese, l'art-punk di Seattle dei The Wipers, il pop dei Dinosaur Jr e le esplorazioni chitarristiche di Hendrix, conditi qua e la da tocchi di The Lemonheads, Teenage Fanclub, Elliot Smith e Pavement. L’album parla del futuro del nostro pianeta, di natura, inquinamento, guerre e crisi climatica, un pugno allo stomaco nel classico stile a cui ci hanno abituato nel corso degli anni i magniloquenti album dei Bevis Frond. Nick Saloman e la sua creatura saranno anche i protagonisti del documentario ‘Little Eden', in uscita nel 2024 per Fire Films. Il film racconterà la storia della band con una colonna sonora di musica esplosiva, trascendentale e squisita tratta dal loro immenso catalogo.

fonte: Goodfellas

--------------------------------------------------------------------------------------------------


:: John Smith - ‘The World Turns’ , il nuovo singolo dell’artista folk inglese

Guarda il video di ‘The World Turns

John Smith è un dei più dotati cantautori e chitarristi folk britannici del momento, con ben sei album alle spalle, l’ultimo The Fray è uscito nel 2021. Il nuovo singolo è stato prodotto da Joe Henry (già al lavoro con Lisa Hannigan, Rhiannon Giddens, Guy Pearce, Bonnie Raitt e Joan Baez) e testimonia la continua evoluzione delle capacità compositive di John Smith. Fondamentalmente una canzone d’amore, ‘The World Turns’ inizia con una stridente chitarra elettrica e il tipico mood atmosferico che solo la voce di John Smith è capace di dare. Il brano continua con un giro di basso degno dei The Meters per diventare un classico all’interno della discografia di John Smith.

“Ho scritto questo brano insieme a Iain Archer, dopo avergli suonato un riff sulla mia telecaster d'acciaio e dopo aver parlato per un paio d'ore di come ci sentivamo entrambi dopo un paio d'anni difficili. Questa è una canzone sul tenersi stretti mentre il mondo va avanti, senza battere ciglio. Certi giorni sembra che la vita continui con i suoi immensi affari e nessuno di noi possa fare nulla. Credo che se riesci a trovare qualcosa o qualcuno di buono a cui appoggiarti, diventa più semplice trovare un equilibrio.”

John è nato ascoltando musica folk britannica e americana, prendendo spunto da Richard Thompson, John Martyn e Ry Cooder ha sviluppato una miscela unica di tecniche chitarristiche. A volte con lo slide, a volte con la chitarra in grembo, altre scordandola a metà canzone o con inserendo degli effetti dalla sua pedaliera, l'ossessione di Smith per lo strumento lo ha reso un maestro. Il suo modo unico di scrivere grandi folk song e il suo innovativo stile chitarristico lo hanno reso un personaggio unico, capace di collezionare oltre 110 milioni di stream Spotify. La sua carriera è iniziata ispirandosi a grandi del folk come John Martyn, Davy Graham e John Renbourn, che ha definito John Smith "il futuro della musica folk". Da allora ha aperto gli show di artisti contemporanei e classici come Iron and Wine, Patty Griffin e Ben Howard e ha collaborato con Jackson Browne, Martin Carthy, Roseanne Cash, i Gomez, Richard Hawley, Jarvis Cocker, Jerry Douglas, Glen Hansard e Rodney Crowell. Nel suo ruolo occasionale di turnista ha suonato la chitarra per David Gray, Lisa Hannigan, Lianne La Havas, Joe Henry e Joan Baez.

fonte: Goodfellas




info@rootshighway.it