:: Menù
 



RootsHighway è membro ufficiale della Euro Americana Chart, la classifica dei dj e giornalisti europei sul mondo Americana/ Roots. Leggi la classifica completa su euroamericanachart.eu

 
 

IN USCITA: scorri l'elenco delle prossime uscite discografiche in campo Americana/ Roots/ Indie:

16 luglio
Jon Byrd - Me and Paul (Longleaf Pine Records)
John R. Miller - Depreciated (Rounder Records)
Boy Golden – Church of Better Daze (Six Shooter Records)
Kevin Daniel – Been Here Before (self-released)
Anya Hinkle – Eden & Her Boyfriends (Organic Records)
Ida Mae – Click Click Domino (Vow Road Records)
Tedeschi Trucks Band – Layla Revisited (Live at Lock’N) (Fantasy Records)
The Winnie Blues – Half Wide Awake, but Dreaming (Two Hands Records)

9 luglio
The Flatlanders - Treasure of Love (Rack ‘Em Records)
Aaron Burdett – Dream Rich, Dirt Poor (Organic Records)
Murray McLauchlan – Hourglass (True North Records)
Ben Reddell Band – LA Baby! (self-released)
Tylor & the Train Robbers – Non-Typical Find (self-released)
The Wallflowers – Exit Wounds (New West Records)
Wild Earp & the Free For Alls – Dyin’ For Easy Livin’ (Western Myth Records)

25 giugno
JP Harris’ - Dreadful Wind and Rain Don’t You Marry No Railroad Man (Free Dirt Records)
Tim O’Brien - He Walked On (Howdy Skies Music)
Lisa Bastoni – Backyard Birds (self-released)
Cedric Burnside – I Be Trying (Single Lock Records)
Vincent Neil Emerson – Vincent Neil Emerson (La Honda Records)
Esquela – A Sign From God (self-released)
Jack Grace Band – What A Way To Spend A Night (Radia Records)
Lara Hope And The Ark-Tones – Here to Tell the Tale (Sower Records)
Hiss Golden Messenger – Quietly Blowing It (Merge Records)
Grant Maloy Smith – Appalachian Mountain Stories (Suburban Cowboy Records)
Wild Earp & the Free For Alls – Dyin’ For Easy Livin’ (Western Myth Records)

18 giugno
Amy Helm - What the Flood Leaves Behind (BMG Music Group)
K.C. Jones - Queen of the In Between (self-released)
Country Westerns –EP (Fat Possum Records)
Doctor Lo – Claiborne Avenue (Raw Honey Records)
Michelle and Jason Hannan – Cheater’s Waltz (Waiting for Lester Records)
Amythyst Kiah – Wary + Strange (Rounder Records)
Dylan LeBlanc – Pastimes (ATO Records)
Merle Monroe – Songs of a Simple Life (Pinecastle Records)
Tenth Mountain Division – Butte La Rose (TMD Music)
Wilson Banjo Co. – Six Degrees of Separation (Pinecastle Records)

11 giugno
Lukas Nelson & Promise of the Real - A Few Stars Apart (Fantasy Records)
Rachel Baiman – Cycles (Signature Sounds)
Jeb Cardwell – My Friend Defiance (Blind Date Records)
Cory Grinder and the Playboy Scouts – Honky Tonkin’ Beauty Supreme (Blue Arrow Records)
Jenny Don’t And The Spurs – Fire on the Ridge (Fluff and Gravy Records)
The Hello Darlins – Go By Feel (self-released)
The High Hawks – The High Hawks (LoHi Records)
Diana Jones – Song To A Refugee (Goldmine USA)
Eric Selby – Where You Born At? (Soul Stew Records)

4 giugno
Mark Collie - Book of My Blues (BFD Records)
Chris Thile - Laysongs (Nonesuch Records)
Angela Autumn – Frontiers Woman (996195 Records)
Turner Cody and the Soldiers of Love – Friends in High Places (Capitane Records)
Guy Davis – Be Ready When I Call You (M.C. Records)
Steven Graves – All Alone (One Essense Music)
Gary Louris – Jump for Joy (Sham Records)
Merle Monroe – Songs of A Simple Life (Pinecastle Records)
Joy Oladokun – in defense of my own happiness (Republic Records)
Mark Rubin – The Triumph of Assimilation (Rubinchik Recordings)

28 maggio
Shannon McNally - The Waylon Sessions (Compass Records)
Britton Patrick Morgan - I Wanna Start A Band (Hill Country Artists)
Steve Almaas – Everywhere You’ve Been (Lonesome Whipperville Records)
Blackberry Smoke – You Hear Georgia (3 Legged Records)
The Contraptionists – Working Man’s Dread (self-released)
The Infamous Stringdusters – A Tribute to Bill Monroe (Americana Vibes)
Jamestown Revival – Fireside With Louis L’Amour – A Collection Of Songs Inspired By Tales From The American West (Jamestown Revival Recordings)
Beth Whitney – Into the Ground (Tone Tree Music)

21 maggio
John Hiatt with the Jerry Douglas Band - Leftover Feelings (New West Records)
Rod Picott - Wood, Steel, Dust & Dreams (Welding Burns Records)
Allison Russell - Outside Child (Fantasy Records)
Jon Allen – ...meanwhile (OK!Good Records)
Bill and the Belles – Happy Again (Ditty Boom Records)
Chad Elliott – Singing River (self-released)
Robert Finley – Sharecropper’s Son (Easy Eye Sound)
Ashleigh Flynn and the Riveters – Live From the Blue Moon (Home Perm Records)
Korby Lenker – Man in the Maroon (GrindEthos Records)
Travis Linville – I’m Still Here (Black Mesa Records)
Lula Wiles – Shame and Sedition (Smithsonian Folkways Recordings)
New Earth Farmers – Into The Great Unknown (Onelipluca Records)
Larry Sparks – Ministry In Song (Rebel Records)
Ken Tizzard – All Together Now (Audio Playground)
Teddy Thompson and Jenni Muldaur – Teddy & Jenni do Porter & Dolly: A Tribute to the Duets of Porter Wagoner and Dolly Parton (Fallout Shelter Records)
Oliver Wood – Always Smilin’ (Honey Jar Records)

14 maggio
The Deep Dark Woods - Changing Faces (Six Shooter Records)
The Black Keys – Delta Kream (Easy Eye Sound)
Craig Cardiff – All This Time Running (True North Records)
Desert Hollow – Thirsty (Mule Kick Records)
Riley Downing – Start it Over (New West Records)
Full Cord Bluegrass – Hindsight (self-released)
Shay Martin Lovette – Scatter & Gather (self-released)
Sam Robbins – Finally Feeling Young (self-released)
The Steel Woods – All of Your Stones (Woods Music)
Jess Terry – When We Wander (Wander Recordings)

7 maggio
Jack Ingram, Miranda Lambert, Jon Randall - The Marfa Tapes (Vanner Records/RCA)
Ted Russell Kamp - Solitaire (PoMo Records)
Leftover Salmon - Brand New Good Old Days (Compass Records)
The Accidentals – Time Out Session 1 (Savage Kittens)
American Aquarium – Slappers, Bangers & Certified Twangers, Vol. 1 (Losing Side Records)
Mandy Barnett – Every Star Above (BMG Music)
James Cook –The Other Side of Hell (self-released)
Tommy Emmanuel – Accomplice Series, Vol. 1 (with Rob Ickes and Trey Hensley) (CGP Sounds)
Fox and Bones – American Alchemy (Dutch Records)
Sarah Jarosz – Blue Heron Suite (Rounder Records)
Charlie Marie – Ramble On (Soundly Music)
Van Morrison – Latest Record Project, Vol. 1 (BMG Music Group)
Grace Pettis – Working Woman (MPress Records)
Graham Sharp – Graham Sharp (Yep Roc Records)
Tony Joe White – Smoke From The Chimney (Easy Eye Sound)

30 aprile
The Shootouts - Bullseye (Soundly Music)
Amy Speace - There Used to Be Horses Here (Windbone Records)
Jefferson Berry & the UAC – Soon! (Urban Acoustic Music)
Carsie Blanton – Love and Rage (So Ferocious Records)
Bob Bradshaw – The Ghost Light (self-released)
Little Hat – Wine, Whiskey & Wimmen (Rhythm Bomb Records)
Ashley Monroe – Rosegold (Mountainrose Sparrow)
Roseanne Reid – Horticulture EP (Last Man Music)
Dave Simonett – Orion (Dancing Eagle Records)
Bill Toms And Hard Rain – Keep Movin’ On (Terraplane Records)

23 aprile
Todd Snider - First Agnostic Church of Hope and Wonder (Aimless Records)
Eli West - Tapered Point of Stone (Tender & Mild Records)
Danny Burns – Hurricane (Bonfire Recording Company)
Steve Cropper – Fire It Up (Provogue Records)
Abigail Dowd – Beautiful Day (self-released)
Brock Gonyea – Where My Heart Is (Big Machine Record)
Neilson Hubbard – Digging Up the Scars (Paper Star Records)
The Rose Pedals – American Grenadine (Envoy Records)
Vanessa Peters – Modern Age (Idol Records)
Shoebox Letters – The Forgotten Ones(self-released)

16 aprile
The Brother Brothers - Calla Lily (Compass Records)
Various Artists April in Your Eyes – A Tribute to the Songs of John Lilly (Diamond Ranch Records)
David Wax Museum – Euphoric Ouroboric (Mark of the Leopard Records)
Stephen Flatt – Cumberland Bones (Flatt Music)
Norah Jones – …‘Til We Meet Again (Live) (Blue Note Records)
Cole Quest and The City Pickers – Self [En]Titled (Omnivore Recordings)
Zach Schmidt – Raise A Banner (Boss Dawg Records)
West Of Texas – Heartache, Hangovers & Honky Tonks (Pleasant Valley Ranch Records)

9 aprile
Rhiannon Giddens - They’re Calling Me Home (Nonesuch Records)
The Pink Stones - Introducing…The Pink Stones (Normaltown/New West Records)
Elephant Micah – Vague Tidings (Western Vinyl)
Lyman Ellerman –This Just In (Woodshed Resistance)
Katie Jo – Pawn Shop Queen (Fossil Water Records)
Emily Kinney – The Supporting Character (Jullian Records)
Parker Millsap – Be Here Instead (Okrahoma Records)
Dallas Moore – The Rain (Sol Records)
Rev. Peyton’s Big Damn Band – Dance Songs for Hard Times (Family Owned Records)
Hope Dunbar - Sweetheartland (self released)

26 marzo
Brigitte DeMeyer - Seeker (BDM Music)
Sara Watkins - Under the Pepper Tree (New West Records)
Fretland – Could Have Loved You (Soundly Music)
The Imaginaries – The Imaginaries (The Imaginaries Music)
First Aid Kit – Who by Fire. Live Tribute to Leonard Cohen (Columbia Records)
AJ Fullerton – The Forgiver and the Runaway (VizzTone Records)
Queen Esther – Gild the Black Lily (El Recordings)
June Star – How We See It Now (WhistlePig Records)
Miko Marks & the Resurrectors – Our Country (Redtone Records)
Emily Moment – The Party’s Over (self-released)
New Moon Jelly Roll Freedom Rockers – Vol. 2 (Stony Plain Records)
Esther Rose – How Many Times (Father/Daughter Records)
Justin Rutledge – Islands (Outside Music)
John Smith – The Fray (Commoner Records)
Matt Sucich – Don’t Be so Hard on Yourself (Novelty Organ Records)
Sunny War – Simple Syrup (Hen House Studios)

19 marzo
Melissa Carper - Daddy’s Country Gold (Mae Music)
Loretta Lynn - Still Woman Enough (Sony Legacy Recordings)
Mike Barnett – +1 (Compass Records)
Sarah King – The Hour (independent)
Raul Malo – Quarantunes, Vol. 1 (Mono Mundo Recordings)
Maynard and the Musties – Grown-up Things (independent)
Joe Pug – The Diving Sun (Side A) (Nation of Heat Records)
Mandy Rowden – Parachute (Howlin’ Dog Records)
Janet Simpson – Safe Distance (Cornelius Chapel Records)
Son of the Velvet Rat – Solitary Company (Fluff and Gravy Records)
Swallows – In the Shadow of the Seven Stars (Emperor Penguin Records)
Morgan Wade – Reckless (Ladylike Records)

12 marzo
Peter Case - The Midnight Broadcast (Bandaloop Records)
Vivian Leva and Riley Calcagno - Vivian Leva and Riley Calcagno (Free Dirt Records)
Southern Culture On The Skids - At Home With Southern Culture On The Skids (Kudzu Ranch Records)
Blue Water Highway – Paper Airplanes (Start Swimming Records)
Valerie June – The Moon And Stars: Prescriptions For Dreamers (Fantasy Records)
Lake Street Dive – Obviously (Nonesuch Records)
Israel Nash – Topaz (Desert Folklore/Soundly)
Dulcie Taylor – Rediscovered (Mesa BlueMoon Recordings)

5 marzo
Jimbo Mathus & Andrew Bird - These 13 (Wegawam Music)
Gillian Welch & David Rawlings - All the Good Times (Acony Records)
Adeem the Artist – Cast-Iron Pansexual (Saint Judas Records)
Charles Ellsworth – Honeysuckle Summer (Burro Borracho Records)
Jay Gonzalez – Back to the Hive (Middlebrow Records)
Johnny Ironsights – Murder Mountain (independent)
Kaiti Jones – Tossed (independent)
Kristian Montgomery and the Winterkill Band – Prince of Poverty (independent)
Jason Ringenberg – Rhinestoned (Courageous Chicken Records)
Say Darling – Before & After (independent)
Garrison Starr – Girl I Used to Be (independent)

 



 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
Home page


 News   notizie, video, segnalazioni, classifiche


Video della settimana
: Eric Bibb racconta e canta la tragica vicenda del linciaggio di Emmett Till in Emmett's Ghost. Tratta da "Dear America", il nuovo album dal 10 settembre



-----------------------------------------------------------------------------------------


::
Luca Milani - Chloe Dancer, un’outtake di "Warriors Grow Up And Die"

Siamo a Seattle, nel 1989, prima che succeda tutto, e i Mother Love Bone pubblicano il loro EP d’esordio Shine. Per Luca Milani siamo agli albori di quella che considera “la sua musica”, ancora prima delle “lezioni mai imparate”, che l’hanno spinto dallo skateboard alla chitarra e a inventarsi un mondo di riff e di canzoni. Tra le cinque tracce di Shine, è proprio Chloe Dancer ad accendere la scintilla e a restare, nel corso del tempo, un importante punto di riferimento per Luca Milani: “Questa canzone è come i titoli iniziali di un film che ti è piaciuto moltissimo, così tanto da diventarne parte e che ogni volta che lo riguardi ti fa rivivere l’illusione nella quale tutto può accadere, tutto è possibile”. Anche se “sogni come questo devono morire”, c’è sempre un motivo per cui brillano all’infinito. La versione di Luca Milani, con Fidel Fogaroli al pianoforte, è un’outtake dell’album Warriors Grow Up And Die, che è attualmente nelle esperte mani di Simone Giorni e William Novati per completare gli ultimi mix. L’album prodotto da Daniele Denti è in uscita con la Fragile Dischi per il prossimo autunno. La canzone si può ascoltare su lucamilani.bandcamp.com e il suggestivo videoclip, disponile sui canali della Fragile Dischi, è ancora opera di Carlo Lancini per OutBreak Arts, che si era già occupato del primo singolo tratto da Warriors Grow Up And Die, Dirty Hearts, e che in Chloe Dancer ritrae Luca Milani più riflessivo e maturo, come è nella logica del suo nuovo album. Gli eroi crescono e muoiono, le canzoni restano per sempre. A Seattle, e ovunque nel mondo.

----------------------------------------------------------------------------------------


:: Sturgill Simpson - il nuovo album ‘The Ballad of Dood and Juanita’ dal 20 Agosto per High Top Mountain e Thirty Tigerss

Sturgill Simpson ha annunciato l’uscita del nuovo album The Ballad of Dood and Juanita, disponibile su cd e formato digitale dal 20 agosto, in vinile dal 3 dicembre, per High Top Mountain e Thirty Tigers. Al nuovo album del celebre songwriter americano ha parteciapato come guest la leggenda del country Willie Nelson, presente sul brano ‘Juanita’. ‘The Ballad of Dood and Juanita’ è il primo album di inediti di Sturgill per la sua High Top Mountain Records, in arrivo dopo le fenomenali raccolte di standard bluegrass e country ‘Cuttin’ Grass’ vol. 1 e vol. 2.

“Volevo solo scrivere una storia, non una collezione di canzoni che raccontassero una storia. Una storia attuale, da cima a fondo.” Parole di Sturgill Simpson sul nuovo album. Il cantautore del Kentucky chiama il suo nuovo lavoro “una semplice storia di redenzione e vendetta” e “una corsa su un rollercoaster attraverso tutti gli stili del country e del bluegrass tradizionale, inclusi gospel e canto a cappella.” Sturgill ha scritto il nuovo album in meno di una settimana e lo ha registrato con lo stesso gruppo di amici e musicisiti con cui ha lavorato ai due volumi di ‘Cuttin’ Grass’.

Sturgill Simpson è uno dei più influenti autori contemporanei di country, folk e americana, un artista rock di innato talento apprezzato ovunque. Il suo ultimo album ‘Sound & Fury’ (2019) è stato nominato ai Grammy Awards come Best Rock Album, premio vinto come Best Country Album nel 2017 per ‘A Sailor’s Guide To Earth’ (nominato anche come Album of the Year)..

fonte: Goodfellas

----------------------------------------------------------------------------------------


::
Heartless Bastards - il nuovo album ‘‘A Beautiful Life’ dal 10 Settembre per Sweet Unknown/Thirty Tigers

Gli Heartless Bastards, guidati dalla talentuosa cantante e chitarrista Erika Wennerstrom, sono una delle più note realtà americane capaci di coniugare indie e alternative country-rock. La band si è formata a Cincinnati, Ohio, nel 2003 e il nuovo album è il sesto della loro carriera, primo per Thirty Tigers, dopo avere pubblicato importanti dischi per etichette discografiche di culto come Fat Possum e Partisan Records.

Al centro di A Beautiful Life c'è sempre la figura emblematica di Erika Wennerstrom, unica compositrice a produttrice, aiutata in sala di registrazione dal co-produttore Kevin Ratterman (Strand Of Oaks, Jim James, White Reaper). L’album arriva a sei anni di distanza da ‘Restless Ones’ ed è stato registrato da una formazione di primo piano, con musicisti e turnisti del livello di della chitarrista Lauren Gurgiolo (Okkervil River), il batterista Greggory Clifford (White Denim), il multi-strumentista Jesse Chandler (Mercury Rev, Midlake), il tastierista Bo Koster (My Morning Jacket), il chitarrista ritmico David Pulkingham (Patty Griffin) e il bassista di lunga corso Jesse Ebaugh.

fonte: Goodfellas

----------------------------------------------------------------------------------------


::
Not for You - la biografia sui Pearl Jam da Il Castello editore

Not for You – I Pearl Jam tra passato e presente è la prima biografia completa sul gruppo da Ten (1991) a Gigaton (2020). Imbattibile nell’analizzare i momentichiave di una carriera unica nel suo genere fin dagli esordi, l’autore Ronen Givony sviscera ogni turning point, ogni evento che ha condotto i Pearl Jam dove sono ora. Con approfondimenti, materiale e interviste esclusivi, il volume fa luce sugli aspetti meno sondati di un’epopea che, apparentemente risaputa, cela invece dei retroscena che sono la grande novità del libro. Not for You è un omaggio ai fan del complesso. In parte storia sociale, in parte biografia, è il primo trattato completo sull’odissea dei Pearl Jam e sull’impatto culturale che hanno avuto. Ecco, quindi, i dettagli dietro il primo incontro di Eddie con i compagni; i dietro le quinte del cult generazionale Singles; il rapporto con Kurt Cobain e le strette amicizie con la scena artistica contemporanea; l’incontro con Bill Clinton; l’incomprensibile licenziamento del batterista Dave Abbruzzese; le fiere posizioni politiche e l’attivismo sociale; il supporto a una serie di campagne umanitarie che hanno accompagnato alcuni degli anni più magmatici del mondo intero, non ultime quelle contro la guerra…

Questi e molti altri sono i topic su cui Givony punta con efficacia la lente d’ingrandimento. Senza dimenticare la vera protagonista: la musica. Passando in rassegna centinaia d’esibizioni documentate dai bootleg di casa Pearl Jam e da YouTube, Ronen conduce il lettore in un viaggio che sbanda con innocenza fra idealismo e concretezza, illuminazione e scoramento, slancio e ripiegamento su se stessi. Not for You riesce a cogliere tutte le mutazioni e le rigenerazioni del complesso, mettendone in discussione anche gli aspetti più osannati e contestualizzando l’aurea salvifica della proposta dei Pearl Jam al di là del fenomeno grunge. I loro album continuano a essere ben più di una colonna sonora di vita, quanto piuttosto uno specchio onesto e consolante delle istanze più intime e fondanti dell’animo umano. Quest’idealismo, questo romanticismo esasperato rappresentano l’essenza stessa dei Pearl Jam. Basta immergersi nella lettura di Not for You per sentirne l’abbraccio.

L’americano Ronen Givony ha scritto anche 24 Hour Revenge Therapy (2018), su uno dei gruppi più amati da Kurt Cobain: gli Jawbreaker. Musicista classico, Givony è il fondatore della Wordless Music Orchestra, definita dall’autorevole New Yorker: “L’orchestra più innovativa di New York!”. Nato a Miami nel 1977, oggi lavora come producer per spazi da concerto e festival, negli Stati Uniti e all’estero. La prefazione è di Giuseppe Ciotta, critico musicale e autore dell’acclamata biografia In Catene – I Giorni di Layne Staley e gli Alice In Chains (2019)

fonte: Collana Chinaski Edizioni - Il Castello Editore

----------------------------------------------------------------------------------------

:: Tré Burt - il nuovo album ‘You, Yeah, You’ il 27 Agosto per Oh Boy Records

Tré Burt, futuro del folk americano scoperto dal compianto John Prine, pubblicherà il nuovo album ‘You, Yeah, You’ il prossimo 27 Agosto per Oh Boy Records. Qui si possono ascoltare i primi due singoli estratti dall'album; Sweet Misery’ e ‘By The Jasmine

Trè è un cantautore di innato valore, capace di scrivere favolose ballate pop-folk dai toni caldi, ispirato al migliori artisti folk americani e alla tradizione immortale di autori come Bob Dylan, Tom Petty e lo stesso John Prine. Il secondo album di Trè Burt è stato prodotto da Brad Cook (già al lavoro con Bon Iver, War On Drugs e Waxhatchee) con la partecipazione di artisti della scena folk alternativa e Americana come Phil Cook dei Megafaun e Kelsey Waldon, e Amelia Meath del duo elettronico Sylvan Esso. Tré Burt ha inoltre girato gli States e l’Europa come special guest di Nathaniel Rateliff, Shakey Graves e Katie Pruitt.

fonte: Goodfellas

----------------------------------------------------------------------------------------

:: Jordan Farmer - "Un diluvio di veleno" in libreria dal prossimo 8 luglio per Jimenez

La storia cruda e tenera di un musicista solitario e della catastrofe ambientale che minaccia la cittadina in cui vive cambiando per sempre la sua vita.

Hollis Bragg è il figlio deforme di un predicatore delle colline della West Virginia, negli Stati Uniti. Vive isolato in una zona rurale vicino al guscio carbonizzato della chiesa del suo defunto padre e si guadagna da vivere scrivendo canzoni per una famosa band che ha abbandonato la povertà dei monti Appalachi e non è più tornata. Nessuno conosce il suo segreto, nessuno sospetta che in lui convivono il grottesco e il sublime: una spina dorsale ricurva che lo tormenta, una musica gloriosa che lo ossessiona. Quando una devastante fuga di sostanze tossiche avvelena le acque locali la situazione precipita, con Hollis che viene stanato nel suo rifugio, diventa testimone oculare di un omicidio, patisce un odioso tradimento e deve infine venire a patti con il suo corpo e con il suo passato. È arrivato per lui il momento – come per tutti – di scegliere se rimanere aggrappato alle sicurezze, alle consolazioni offerte dalla solitudine, o aprirsi al mondo e al futuro accettando il fatto che “nulla è mai completo e il massimo che possiamo sperare sono dei momenti di grazia nel grande arco della dissonanza”. Ambientato in uno dei tanti angoli di mondo dove convivono povertà, fanatismo religioso, superstizione, pretese di autosufficienza, Un diluviodi veleno è un romanzo sui corpi deboli della società, sul corpo malformato di un uomo, sulle cicatrici impresse dai sogni mancati.

JORDAN FARMER: nato e cresciuto in una cittadina di duemila abitanti in West Virginia, si è laureato alla Marshall University e ha conseguito un Phd alla University of Nebraska. Ha esordito nel 2015 con la short story The Delinquents, cui hanno fatto seguito i romanzi The Pallbearer (2018) e The Poison Flood (Un diluvio di veleno, 2020).

fonte: Jimenez edizioni

----------------------------------------------------------------------------------------

:: Torres - annuncia il nuovo album ‘Thirstier’, dal 30 Luglio per Merge records

‘Thirstier’ arriva ad un anno e mezzo di distanza da ‘Silve Tingue’, prima uscita di Torres per Merge, ed è un inaspettato cambio di rotta e sound nella discografia della giovane muscista di Orlando, Florida, passando dal country folk degli ultimi lavori ad una più energica lezione rock. Guarda il video di ‘Don’t Go Puttin’ Wishes in my Head

Registrato in piena crisi pandemica nell’inverno del 2020 ai Middle Farm Studio in Inghilterra, 'Thirstier' è un ritorno di Mackenzie Ruth Scott, ovvero Torres, ad una forma di rock più potente di quanto fatto con i suoi ultimi lavori. Il disco è stato co-prodotto dalla giovane musicista insieme a Rob Ellis e Peter Miles inseguendo un sound più chitarristico, influenzato dal lavoro di Buth Vig per Garbage e Nirvana. La nuova direzione è evidente già ascoltando il primo singolo ‘Don’t Go Puttin Wishes in My Head’, spumeggiante esempio di country rock. ‘Thirstier’ è un disco che parla di amore con brani che affrontano il tema da vari punti di vista: romanticismo, amore platonico, spirituale, per la famiglia e per se stessi. Quello della nuova Torres è un messaggio d’amore rivolto a tutti, per migliorare e cambiare il mondo.

fonte: Goodfellas

----------------------------------------------------------------------------------------


:: Ronnie Wood Band - il tributo a Jimmy Reed in uscita il 3 settembre 2021 per BMG

Ronnie Wood torna al blues con la Ronnie Wood Band e il secondo capitolo della sua trilogia di album dal vivo "Mr Luck - A Tribute to Jimmy Reed: Live at the Royal Albert Hall". In uscita per BMG il 3 settembre 2021, l'album composto da 18 tracce presenta la Ronnie Wood Band insieme a Mick Taylor e altri incredibili ospiti speciali come Bobby Womack, Mick Hucknall e Paul Weller, e rende omaggio a uno degli eroi musicali che più ha influenzato Ronnie, il pioniere del blues elettrico del Mississippi, Jimmy Reed.

L'album è stato registrato dal vivo in una serata memorabile alla Royal Albert Hall il 1° novembre 2013. Contiene brani straordinari tra cui Good Lover e Ghost of A Man. Con un artwork unico appositamente creato da Ronnie, Mr Luck sarà disponibile in digitale, su CD, in vinile e in una bellissima edizione limitata con vinile colorato in doppia tonalità blu fumo.

Quando il chitarrista autodidatta Eddie Taylor insegnò tutto ciò che sapeva del suonare la chitarra al suo amico Jimmy Reed, sicuramente non poteva immaginare l'effetto che ciò avrebbe avuto per la scena blues di Chicago. Per questo, anche se nella sua carriera ha accompagnato musicisti come John Lee Hooker, Taylor è ricordato soprattutto per il suo lavoro con il suo ex studente. La coincidenza ha voluto che nel 1974 un altro Taylor, Mick, facesse posto a Ronnie Wood nei Rolling Stones, aprendo la strada a una amicizia e una collaborazione proficua per questi due celebri chitarristi. Il culmine di tutto ciò è stata la presenza di Taylor nella Ronnie Wood Band alla Royal Albert Hall per il Bluesfest del 2013, dove è stato suonato l'ormai leggendario set che avrebbe generato questa registrazione.

A proposito di Mr Luck, Ronnie commenta: "Jimmy Reed è stato una delle prime influenze per i Rolling Stones e per tutte le band che amano il blues americano fino ai giorni nostri. È un onore per me avere l'opportunità di celebrare la sua vita e la sua eredità con questo tributo". Questo album segna il secondo capitolo di una trilogia di album speciali e personali di Wood con la sua band, che celebrano gli eroi musicali di Ronnie. Il primo album, Mad Lad, ha esplorato il lavoro di Chuck Berry e ha rappresentato una commemorazione struggente dopo la scomparsa di Berry poco più di due anni fa. Ronnie è stato in tour con Berry ed è stato suo fan per tutta la vita.

fonte: A Buzz Supreme

----------------------------------------------------------------------------------------


:: Buena Vista Social Club - festeggia il suo 25° anniversario con una deluxe edition

World Circuit e BMG annunciano oggi i formati dell'edizione del 25° anniversario del Buena Vista Social Club, che uscirà il 17 settembre e comprenderà le seguenti versioni: 2LP + 2CD Deluxe Book Pack, 2CD Casebook, 2LP Vinile Gatefold e Digitale. Queste edizioni speciali sono state create per celebrare il 25° anniversario della registrazione dell'album e conterranno anche l'album originale rimasterizzato dal vincitore del GRAMMY Bernie Grundman, oltre a tracce inedite dai nastri originali delle session del 1996, tra cui "Vicenta" che esce oggi. Inoltre tutti i formati includono nuove note di copertina, fotografie e testi inediti, biografie estese, art print e la storia del leggendario club originale dell'Avana, disponibile esclusivamente nel formato Deluxe Book Pack.

La storia, l'autenticità e il mito di Buena Vista Social Club risplendono ancora oggi per i fan vecchi e nuovi. Il 26 marzo 1996, il trio composto dal bandleader cubano Juan de Marcos González, dal produttore e chitarrista americano Ry Cooder e dal produttore e proprietario dell'etichetta britannica World Circuit Nick Gold, riunì un gruppo improvvisato di musicisti cubani negli storici studi EGREM/Areito dell'Havana. La maggior parte dei musicisti erano celebrati veterani dell'epoca d'oro della scena musicale cubana degli anni '40 e '50. Nessuno di loro aveva idea che le registrazioni che stavano per produrre avrebbero cambiato la vita di molte persone, compresi loro stessi, aumentando per sempre la visibilità della musica cubana nel mondo. Buena Vista Social Club fu il nome scelto per questo straordinario gruppo di musicisti che per il titolo dell'album, registrato in soli sette giorni. Lo studio, di proprietà dell'etichetta musicale nazionale cubana EGREM, fu costruito negli anni '40 ed è celebrato come un grande gioiello della storia della registrazione. La vasta stanza rivestita in legno ha permesso di registrare con dell'intero ensemble dal vivo, che permette all'ascoltatore di sentirsi in mezzo ai musicisti. Non c'è dubbio che questo luogo abbia giocato un ruolo importante nel suono magico delle registrazioni finali.

Questa nuova edizione include brani che sono stati registrati durante quella famosa settimana del 1996, ma mai pubblicati; alcuni brani erano semplici suggerimenti di repertorio, altri improvvisazioni ed altre vere e proprie gemme paragonabili alle canzoni dell'album che abbiamo conosciuto fino a oggi.

fonte: A Buzz Supreme

----------------------------------------------------------------------------------------


:: Luca Milani - il nuovo singolo Dirty Hearts e il nuovo album Warriors Grow Up and Die

Dirty Hearts è il primo singolo estratto dall’album Warriors Grow Up And Die. Per Luca Milani è la chiusura di un cerchio e insieme il capitolo di una maturazione cominciata con le atmosfere acustiche di Scars And Tattoos da cui è ripartito con una prospettiva sonora più ampia. Aiutato da Fidel Fogaroli alle tastiere, che ha conferito a Dirty Hearts un’atmosfera unica, colta alla perfezione dalle immagini del videoclip selezionate e montate da Carlo Lancini, Luca Milani (voce e chitarra acustica) ci ricorda che “le anime libere non fanno promesse perché sanno che il tempo cancellerà tutto”, e apre una prima porta verso l’intero universo di emozioni che compone Warriors Grow Up And Die. Prodotto da Daniele Denti, con il missaggio di Simone Giorgi e con la grafica di Giacomo Comincini, il singolo Dirty Hearts è disponibile su tutte le principali piattaforme.

L’innata modestia di Luca Milani fa da contrasto agli estremi percorsi nella sua ventennale carriera discografica, giunta a un punto di svolta. Se nel fatidico 2001 maturava l’esordio con i File, avvenuto un anno dopo con l’EP Credo nei miracoli, a distanza di vent’anni, Luca Milani si ritrova alle spalle una serie di cambi radicali. Primo artista italiano a firmare per un’etichetta internazionale (con i File aveva siglato per la Zomba Records e per la Silvertone), sceglie poi la via dell’autoproduzione indipendente con l’esordio solista di Scars And Tattoos, che, nel 2009, rivela un’intensa anima acustica, ispirata da Hank Williams e Johnny Cash.

La naturale evoluzione in Sin Train lo rivela nel 2011 come uno dei più sorprendenti songwriter italiani, album affascinante per le sonorità e per l’intrinseca qualità delle canzoni. Ma ben presto l’istintiva vocazione elettrica trova una sua collocazione prima con Lost for Rock N Roll, poi con la creazione dei Glorious Homeless, gruppo che lo supporterà dal 2013 fino al 2016 con Fireworks for Lonely Hearts. È proprio in questo passato prossimo che Luca Milani trova il suo equilibrio, tanto nelle canzoni, quanto nelle performance, tra la vocazione del troubadour acustico e quella del frontman di rumorose rock’n’roll band, che ha una sua definizione in Idols del 2019, frutto del progetto Hellm.

La nuova svolta, che si concretizzerà nell’arco del 2021, vede Luca Milani confrontarsi con i suoi eroi, la sua storia e il suo futuro che avrà un cardine nel nuovo album, Warriors Grow Up And Die, anticipato dal singolo Dirty Hearts.

fonte: Fragile dischi

----------------------------------------------------------------------------------------


::
Durand Jones & The Indications - il nuovo album ‘Private Space’ in uscita il 30 Luglio per Dead Oceans

Ascolta ‘Witchoo’ di Durand Jones & The Indications, primo estratto dal nuovo album ‘Private Space’ in uscita il 30 Luglio per Dead Oceans e Colemine.

Con soli due album e una manciata di singoli all'attivo Durand Jones & The Indications sono diventati una delle più influenti realtà soul contemporanee, capaci con il nuovo album di riversare sul pubblico tutto il loro amore per il funk e il jazz.

Il nuovo singolo ‘Witchoo’ è un perfetto esempio di anthemico soul-funk in chiave jazz, con un giro di basso incredibile e un indimenticabile duetto tra la voce di Durand Jones e il falsetto di Aaron Frazer. ‘Private Space’ arriva a breve distanza dall’incredibile successo del primo album solista di Aaron Frazer, batterista e seconda voce della band di Durand Jones. Il nuovo album segue l’ottimo ‘American Love Call’ del 2019 e presenta novità nel sound della band di Bloomington, Indiana. Siamo sempre di fronte al miglior soul in circolazione, ma più moderno e con un tocco di funk in chiave jazz che richiamano accenni di disco e house music. Durand Jones dice che vorrebbe solo che la gente ascoltando il nuovo album chiudesse gli occhi e dimenticasse dove si trova, perché questa è musica scritta per rilassarsi e divertirsi, come quella di Stevie Wonder.

fonte: Goodfellas

----------------------------------------------------------------------------------------


:: Pond - il nuovo album degli australiani uscirà il 1° ottobre

'9' il nuovo album degli australiani Pond uscirà il 1° ottobre per Spinning Top Records e Secretly Distribution, anticipato dal singolo America’s Cup.

America’s Cup è un brano pop-rock di grande fattura, tinto nell’acido e con un tocco dance. I Pond sono tra i nomi principali della scena psichedelica australiana contemporanea e tra i massimi esponenti della scena di Perth assieme agli amici Tame Impala di Kevin Parker, più volte loro produttore e un tempo membro della band. Il gruppo fa capo ai due musicisti Nick Allbrook e Jay Watson, ciascuno attivo a sua volta con progetti solisti da scoprire.

L’annuncio del nuovo album dei Pond era stato anticipato dal brano ‘Pink Lunettes’. 9, nono full lenght della band guidata da Nick Albrock, Jay Watson e Shiny Joe Ryan, arriva a due anni di distanza dall’ottimo ‘Tasmania’ e dopo il consenso di critica e pubblico ricevuto dai precedenti ‘The Weather’ (2017) e ‘Man It Feels Like Space Again’ (2015).

fonte: Goodfellasi

----------------------------------------------------------------------------------------


:: Highway 61 e Un mondo di musica - le trasmissioni radio di Massimo Ferro

Highway 61 è una trasmissione di American folk & roots music - ovvero folk, country, blues, bluegrass, old time music, western-swing, cajun, tex-mex, ma anche cantautori, alternative country, rock & roll, rockabilly, guitar music e così via. Si tratta di una sorta di “Viaggio alle radici della musica Americana”, come recita il sottotitolo, le cui selezioni riguardano quasi esclusivamente novità discografiche (spesso proposte in anteprima assoluta per l’Italia) provenienti perlopiù da Nord America ed Europa; uno sguardo al passato è tuttavia contemplato di frequente attraverso la segnalazione di ristampe ed antologie. “Highway 61” è un programma conosciuto anche oltreoceano poiché diffuso in streaming, grazie da RVS Web (www.radiovocespazio.it) tre volte la settimana, dalle 23 alle 24, ogni lunedì, mercoledì e venerdì.

Un Mondo Di Musica è un programma che si occupa di folk, roots e world music provenienti da ogni angolo del pianeta, in sostanza dunque di tutta la musica contemporanea che attinge alla tradizione popolare (compresa la canzone d’autore). Va in onda da Radio Voce Spazio, ogni martedì sera, dalle 21.30 alle 24.00. La trasmissione si occupa principalmente di novità discografiche e, ovviamente, tiene in particolare considerazione la musica italiana, sia essa folk o d’autore. Quasi sempre la trasmissione offre la possibilità di ascoltare interviste telefoniche (quasi sempre in diretta) con artisti, gruppi ed altri personaggi che si occupano di musica delle radici nel nostro paese (e non solo). Occasionalmente inoltre il programma propone ospiti dal vivo in studio e riporta notizie relative ai concerti ed altri eventi locali, soprattutto di carattere locale.

Massimo Ferro ha iniziato la sua attività radiofonica nel lontano 1976 collaborando con le principali emittenti alessandrine. Accanto al suo operato come disk-jockey, in passato ha collaborato con importanti riviste musicali come "Folk Bulletin", "Hi, Folks!", "Il Blues" ed “Il Buscadero”, è stato a lungo attivo come presentatore e consulente con l'Assessorato alla Cultura del Comune di Alessandria per i concerti di roots music, direttore artistico della rassegna "Etnomosaico", socio della Bluegrass & Country Music Association of Italy e componente del Rainbow Smoke Network. Inoltre contribuisce alla stesura di diverse classifiche internazionali, come la Freeform American Roots Chart, la E.M.S. Indipendent Chart, l'Euroamericana Chart e Roots Music Report. Massimo Ferro è stato diverse volte nella giuria di Folkontest. Dal 2004, con una cinquantina di altri operatori del settore, è diventato membro della giuria del "Premio Città di Loano" che annualmente conferisce il titolo di migliore album italiano nell'ambito della musica delle radici. Nel 2009 è stato chiamato anche a far parte della giuria del “Premio Teresa Viarengo”, e poco dopo è stato ammesso a far parte del prestigioso Club Tenco, per il conferimento delle Targhe Tenco.

Per info: info@highway61.it - www.highway61.it




info@rootshighway.it