:: Menù
 



RootsHighway è membro ufficiale della Euro Americana Chart, la classifica dei dj e giornalisti europei sul mondo Americana/ Roots. Leggi la classifica completa su euroamericanachart.eu

 
 

IN USCITA: scorri l'elenco delle prossime uscite discografiche in campo Americana/ Roots/ Indie:

9 aprile
Rhiannon Giddens - They’re Calling Me Home (Nonesuch Records)
The Pink Stones - Introducing…The Pink Stones (Normaltown/New West Records)
Elephant Micah – Vague Tidings (Western Vinyl)
Lyman Ellerman –This Just In (Woodshed Resistance)
Katie Jo – Pawn Shop Queen (Fossil Water Records)
Emily Kinney – The Supporting Character (Jullian Records)
Parker Millsap – Be Here Instead (Okrahoma Records)
Dallas Moore – The Rain (Sol Records)
Rev. Peyton’s Big Damn Band – Dance Songs for Hard Times (Family Owned Records)
Hope Dunbar - Sweetheartland (self released)

26 marzo
Brigitte DeMeyer - Seeker (BDM Music)
Sara Watkins - Under the Pepper Tree (New West Records)
Fretland – Could Have Loved You (Soundly Music)
The Imaginaries – The Imaginaries (The Imaginaries Music)
First Aid Kit – Who by Fire. Live Tribute to Leonard Cohen (Columbia Records)
AJ Fullerton – The Forgiver and the Runaway (VizzTone Records)
Queen Esther – Gild the Black Lily (El Recordings)
June Star – How We See It Now (WhistlePig Records)
Miko Marks & the Resurrectors – Our Country (Redtone Records)
Emily Moment – The Party’s Over (self-released)
New Moon Jelly Roll Freedom Rockers – Vol. 2 (Stony Plain Records)
Esther Rose – How Many Times (Father/Daughter Records)
Justin Rutledge – Islands (Outside Music)
John Smith – The Fray (Commoner Records)
Matt Sucich – Don’t Be so Hard on Yourself (Novelty Organ Records)
Sunny War – Simple Syrup (Hen House Studios)

19 marzo
Melissa Carper - Daddy’s Country Gold (Mae Music)
Loretta Lynn - Still Woman Enough (Sony Legacy Recordings)
Mike Barnett – +1 (Compass Records)
Sarah King – The Hour (independent)
Raul Malo – Quarantunes, Vol. 1 (Mono Mundo Recordings)
Maynard and the Musties – Grown-up Things (independent)
Joe Pug – The Diving Sun (Side A) (Nation of Heat Records)
Mandy Rowden – Parachute (Howlin’ Dog Records)
Janet Simpson – Safe Distance (Cornelius Chapel Records)
Son of the Velvet Rat – Solitary Company (Fluff and Gravy Records)
Swallows – In the Shadow of the Seven Stars (Emperor Penguin Records)
Morgan Wade – Reckless (Ladylike Records)

12 marzo
Peter Case - The Midnight Broadcast (Bandaloop Records)
Vivian Leva and Riley Calcagno - Vivian Leva and Riley Calcagno (Free Dirt Records)
Southern Culture On The Skids - At Home With Southern Culture On The Skids (Kudzu Ranch Records)
Blue Water Highway – Paper Airplanes (Start Swimming Records)
Valerie June – The Moon And Stars: Prescriptions For Dreamers (Fantasy Records)
Lake Street Dive – Obviously (Nonesuch Records)
Israel Nash – Topaz (Desert Folklore/Soundly)
Dulcie Taylor – Rediscovered (Mesa BlueMoon Recordings)

5 marzo
Jimbo Mathus & Andrew Bird - These 13 (Wegawam Music)
Gillian Welch & David Rawlings - All the Good Times (Acony Records)
Adeem the Artist – Cast-Iron Pansexual (Saint Judas Records)
Charles Ellsworth – Honeysuckle Summer (Burro Borracho Records)
Jay Gonzalez – Back to the Hive (Middlebrow Records)
Johnny Ironsights – Murder Mountain (independent)
Kaiti Jones – Tossed (independent)
Kristian Montgomery and the Winterkill Band – Prince of Poverty (independent)
Jason Ringenberg – Rhinestoned (Courageous Chicken Records)
Say Darling – Before & After (independent)
Garrison Starr – Girl I Used to Be (independent)

26 febbraio
Willie Nelson - That’s Life (Sony Music Group)
Sara Petite - Rare Bird (JTM Music)
Dale Watson - Dale Watson Presents: The Memphians (Red River Entertainment)
Ross Cooper – Chasing Old Highs (independent)
Sean Della Croce – Illuminations (Pasadena Records)
Cas Haley – All The Right People (Mailboat Records)
David Huckfelt – Room Enough, Time Enough (Fluff and Gravy Records)
The Libras – Faded (Out of the Past Records)
Olivia Ellen Lloyd – Loose Cannon (independent)
Randy Lee Riviere – Wyoming (Wilderness Records)
Clint Roberts – Rose Songs (Carry On Music)
Mando Saenz – All My Shame (Carnival Recording Company)
Curtis Salgado – Damage Control (Alligator Records)
John Smith – The Fray (Commoner Records)
Neil Young & Crazy Horse – Way Down in the Rust Bucket (Reprise Records)

19 febbraio
Spencer Burton - Coyote (Still Records)
David Olney and Anana Kay - Whispers And Sighs (Schoolkids Records)
Catherine Britt – Home Truths (Beverley Hillbilly Records)
The Dead South – Served Live (Six Shooter Records)
Ian Fisher – American Standards (self-released)
John Paul Keith – The Rhythm of the City (Wild Honey Records)
Veronica Lewis –You Ain’t Unlucky (Blue Heart Records)

12 febbraio
Mac Leaphart - Music City Joke (independent)
The Barlow – Horseshoe Lounge (1294451 Records)
Domenic Cicala – Come On Over (Tortured Artists Records)
Bobby Dove – Hopeless Romantic (self-released)
Jim Keller – By No Means (Orange Mountain Music)
Beth Lee – Waiting on You Tonight (self-released)
Karen Matheson – Still Time (Compass Records)

5 febbraio
A.J. Croce - By Request (Compass Records)
Shovels & Rope - Busted Jukebox, Vol. 3: Busted Juicebox (Dualtone Music Group)
Dale Ann Bradley – Things She Couldn’t Get Over (Pinecastle Records)
Curtis McMurtry – Toothless Messiah (self-released)
Aaron Lee Tasjan – Tasjan! Tasjan! Tasjan! (New West Records)
Uncle Walt’s Band – Recorded Live at Waterloo Ice House (Omnivore Recordings)

29 gennaio
Pony Bradshaw - Calico Jim (Black Mountain Music)
John Hurlbut & Jorma Kaukonen - The River Flows (Fur Peace Ranch Records)
Selwyn Birchwood – Living In A Burning House (Alligator Records)
Ani DiFranco – Revolutionary Love (Righteous Babe Records)
Doug Holmes – Mono No Aware (self released)
Langhorne Slim – Strawberry Mansion (Dualtone Music Group)
Lucero – When You Found Me (Liberty & Lament Records)
Saugeye – Saugeye (Horton Records)
Tony Trischka – Shall We Hope (Shefa Records)

22 gennaio
Hardened and Tempered - Hold the Line (Hardened and Tempered Music)
Adam Klein – Little Tiger: Outtakes from “Low Flyin’ Planes” (Cowboy Angel Music)
Justin Moses – Fall Like Rain (Mountain Fever Records)
Willis Pickem – Pickin’ and Grinnin’ (self-released)
Austin Plaine – Fangs (Hazy Rose Music)

15 gennaio
Jeffrey Foucault - Deadstock: Uncollected Recordings 2005-2020 (Blueblade Records)
Leeann Atherton – Fallen Angel (Rainstorm Records)
Michael Clem – Rivannarama (self-released EP)
Daniel Norgren – Live (Superpuma Records)
Lizzy Plotkin & Natalie Spears – Just over the Ridge (self-released EP)
Steve ‘n’ Seagulls – Another Miracle (Playground Music)

8 gennaio
Steve Earle and The Dukes - J.T. (New West Records)
Silas J. Dirge – The Poor Devil (Smoking Man Music)
Barry Gibb – Greenfields: The Gibb Brothers’ Songbook (Vol. 1) (Capitol Records)

18 dicembre
Martin Farrell Jr. – Coffee and Laundry (Lost Cowgirl Records)
Paul McCartney – McCartney III (Capitol Records)
No Coward Soul – The Boondox (No Coward Soul Music)

11 dicembre
Kacy & Clayton and Marlon Williams – Plastic Bouquet (New West Records)
Sturgill Simpson – Cuttin’ Grass – Vol. 2 (The Cowboy Arms Sessions) (High Top Mountain Records)
James Steinle – Cold German Mornings (Shotgun House Records)
This Frontier Needs Heroes – Go with the Flow (self-released)

4 dicembre
Calexico – Seasonal Shift (Anti/Epitaph Records) (Xmas EP)
Justin Howl – Wanderlust (self-released)
Margo Price – Perfectly Imperfect at The Ryman (Loma Vista Recordings)
Stuffy Shmitt – Stuff Happens (Realistic Records)

27 novembre
Jesse Colin - Young Highway Troubadour (BMG Rights Management)
Scott H. Biram – Fever Dreams (Bloodshot Records)

20 novembre
Dave Alvin - From an Old Guitar: Rare & Unreleased (Yep Roc Records)
Kelsey Waldon - They’ll Never Keep Us Down (Oh Boy Records)
Ward Davis – Black Cats and Crows (Ward Davis Music)
Leo Kottke & Mike Gordon – Noon (Megaplum/ATO Records)
Brit Taylor – Real Me (Cut a Shine Records)
Jerry Jeff Walker – Mr Bojangles: The Atco/Elektra Years (Morello Records)

13 novembre
Chris Stapleton - Starting Over (Mercury Nashville)
Kyle Boreing – Who Am I to Say (self-released)
Randall Bramblett – Pine Needle Fire (New West Records)
The Parson Red Heads – Lifetime of Comedy (Fluff & Gravy Records)
Sensational Country Blues Wonders – World Will Break Your Heart (Sensational Wonders Records)
Jules Shear – Slower (Funzalo Records)
Gillian Welch – Boots No. 2: The Lost Songs, Vol. 3 (Acony Records)

6 novembre
Madison Cunningham – Wednesday (Verve Forecast)
Jackslacks – When Pigs Fly (Shield of Love)
Johnnie & Jack with The Tennessee Mountain Boys – Collection 1945-62 (Acrobat Records)
Larry Keel – American Dream (Keel Fish Music)
Donovan Woods – Seeing Other People (Meant Well Inc.)

 



 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
Home page


 News   notizie, video, segnalazioni, classifiche


Video della settimana:
Eric Bibb - Whole World's Got the Blues

L'uscita del nuovo album di Bibb, ‘Dear America', è prevista per l'estate 2021, il brano e il video del singolo The Whole World’s Got The Blues vogliono rimarcare la difficoltà di poter esprimere un disagio a livello collettivo in epoca di Covid e di cambiamenti veloci, verso un futuro con meno sicurezze e punti di riferimento.


-----------------------------------------------------------------------------------------


:: Iron & Wine - in arrivo il 7 Maggio Tallahassee, il debut album non ufficiale

Il 7 maggio 2021, Sub Pop Records pubblicherà Tallahassee; Archive Series Volume no. 5, l'album di debutto perduto nel tempo di Iron & Wine. Una raccolta di canzoni registrate in una finestra di due anni (1998-99) durante la quale Sam Beam di Iron & Wine ha frequentato il College of Motion Picture Arts della Florida State University. Tre anni dopo, Iron & Wine avrebbe pubblicato The Creek Drank the Cradle e iniziato una serie di dischi ampiamente lodati come parte di un nuovo modello nel genere cantautorale. Tallahassee non tenta di riscrivere la storia, ma mira invece a documentare i primi passi del viaggio di Beam per diventare uno degli artisti più originali e caratteristici d'America.

La raccolta di undici canzoni è stata selezionata da un certo numero di registrazioni che erano state (per lo più) dimenticate dallo stesso Beam, ma che erano state conservate dall'ex compagno di stanza e un tempo membro degli Iron & Wine, EJ Holowicki. Holowicki, che ha continuato a lavorare come sound designer allo Skywalker Sound, è stato un catalizzatore nel fare in modo che Beam documentasse queste canzoni mentre i due erano compagni di stanza in una casa. Oltre a servire sia come ingegnere che come bassista, Holowicki ha anche lavorato come produttore d'archivio nel preparare i brani per la pubblicazione ufficiale. Tallahassee, con la sua tela strumentale spartana e le riprese dal vivo in una stanza, è molto simile alle prime uscite di Iron & Wine, The Creek Drank the Cradle, The Sea & The Rhythm e In the Reins. Dal ritmo vagamente country di "Calm on the Valley" alla vibrazione più mid-tempo dell'era Harvest di "This Solemn Day".

fonte: Keezme

----------------------------------------------------------------------------------------

:: Reigning Sound - il nuovo album della garage band di Memphis dal prossimo 14 maggio per Merge records

A Little More Time with Reigning Sound uscirà il 21 Maggio per Merge Records, e segna il ritorno dopo sette anni della nota creatura capitanata da Greg Cartwright, fondatore degli influenti The Oblivians e demiurgo garage indie-rock dalle tonalità sixities. Ascolta ‘A Little More Time’, primo estratto dal ritorno dei Reigning Sound, fondamentale formazione indie rock di Memphis

A Little More Time With Reigning Sound ci consegna la band di Memphis, Texas, in forma smagliante e nella formazione tipo con l'ex Oblivians Greg Cartwright, Jeremy Scott, Greg Roberson e Alex Greene, proprio come nel bellissimo ‘Home for Orphans’ del 2005. Al disco hanno partecipato in veste di guest anche il batterista e percussionista Graham Winchester, il cantante Coco Hames, il chitarrista John Whittemore e gli archi di Elen Wroten e Krista Wroten. I Reigning Sound si riconfermano tra le band più in forma in circolazione, capaci di rivaleggiare tanto con i nomi principali della scena garage rock, quanto con artisti del calibro di The Hold Steady, Eels, Mountain Goats e Cake.

fonte: Goodfellas

----------------------------------------------------------------------------------------


:: The Pine Hill Haints
- The Song Companion of a Lone Star Cowboy uscirà il 14 Maggio per Single Lock Records.

Ascolta ‘Back To Alabama’, primo estratto dal nuovo album dei The Pine Hill Haints.

The Song Companion of a Lone Star Cowboy’ uscirà il 14 Maggio per Single Lock Records. I Pine Hill Saints sono una delle più prolifiche e interessanti realtà dell’Americana contemporanea, capaci di riempire i loro spartiti di influenze bluegrass, folk, honky tonky e country, ma dall’animo rock. La band capitanata da Jamie Barrier ama chiamare "Alabama Ghost Music" la propria esplosiva miscela dal forte accento southern.

The Pine Hill Haints sono attivi da oltre venti anni, con decine tra dischi, singoli ed Ep pubblicati nel corso della loro carriera. I quindici brani del nuovo album ‘The Song Companion of a Lone Star Cowboy’ partono con l’accoppiata rock ‘Fall Asleep’ e ‘Back to Alabama’, in cui si incontrano bluegrass e folk irlandese, per proseguire con il groove alla Bo Diddley di ‘Pretty Thing’ e il country tradizionale di ‘John Henry’. Si continua con il pop di ‘Lone Star Kid’ e il country rock in stile Sun Records di ‘Midnight Mayor’ e ‘Louise’ e il blues di ‘Wade in the Water’ e ‘Downtown Blues’, in cui compare il leggendario musicista rockabilly blues J.D. Wilkes all’armonica. I Pine Hill Haints sono guidati dalla potente voce di Jamie Barrier (sempre più a suo agio nel ruolo di moderno Joe Strummer dall’animo country rock), accompagnato anche in questa occasione da Katie Barrier al mandolino e ai cori, Stevie LaBlanc al basso, Justin Ward al trombone e Brian Borden alla batteria.e.

fonte: Goodfellas

----------------------------------------------------------------------------------------


:: Sam Wasson - 'Il grande addio' in libreria dal 15 aprile 2021 per Jimenez

Subito considerato alla sua uscita negli Stati Uniti, nel 2020, uno dei migliori libri sul mondo del cinema mai pubblicati, Il grande addio racconta la lunga genesi e la tormentata realizzazione di Chinatown, tra i massimi capolavori della New Hollywood degli anni Settanta. .

Roman Polanski, il geniale regista che aveva stregato la Mecca del cinema con le torbide ossessioni di Rosemary’s Baby e che stava cercando di elaborare il lutto per la tragica morte di sua moglie, Sharon Tate; Jack Nicholson, l’ineffabile attore rivelatosi con Easy Rider, qui per la prima volta impegnato in un ruolo da protagonista; Robert Evans, il visionario produttore che aveva ridato linfa all’agonizzante Paramount, trasformandola nel più fecondo e intraprendente degli studios; Robert Towne, l’angosciato sceneggiatore che voleva scrivere la storia della sua vita e non vincere un Oscar (e però lo avrebbe vinto); Hollywood, nella sua stagione più ribelle, avventurosa e creativa, dopo il classicismo ormai stantio della golden age e prima della svendita alle mega-corporazioni. Sono questi i protagonisti di Il grande addio, il volume che celebra uno dei più grandi film della storia – Chinatown, anno 1974 – e insieme reinventa un genere narrativo, più vicino alla letteratura che alla cronaca saggistica, così come il film aveva reinventato un genere cinematografico (da noir a neonoir).

Sam Wasson, penna raffinatissima e sguardo di ampiezza non comune, ci guida dentro la testa fratturata di un Polanski bambino nel ghetto di Cracovia e adulto davanti alla porta insanguinata della villa di Cielo Drive; negli abiti ben stirati di Jack Nicholson, un uomo senza padre e con troppe donne destinato a grandi imprese; nell’inquieta frenesia di Robert Towne, che contemporaneamente a Chinatown scriveva due storici film di Hal Ashby (L’ultima corvè e Shampoo) e intanto dava una mano a Coppola per risolvere le scene più delicate del Padrino; nella residenza di Robert Evans, Woodland, dove tra le fontane della piscina, le ragazze in bikini e le orchidee sempre fresche si faceva la storia del cinema; e infine, ma non ultimo, nella “nascita” di Los Angeles, avvenuta sulle macerie degli abusi di potere, della corruzione, della guerra dell’acqua, dell’addomesticamento del deserto, della mercificazione del sogno americano e dell’imboscamento dei segreti più terribili, uno dei quali – il più terribile di tutti – è il motore che fa girare Chinatown a un ritmo mai più eguagliato. Un film, e un libro, di una preziosità rarai.

fonte: Jimenez edizioni

----------------------------------------------------------------------------------------


:: Hiss Golden Messenger - il nuovo album Quietly Blowing It dal prossimo 25 giugno

Quietly Blowing It’, il nuovo album di Hiss Golden messenger uscirà il prossimo 25 Giugno per Merge, anticipato dal singolo ‘If It Comes In the Morning’.
Si tratta del secondo estratto dal nuovo album di M.C. Taylor, ovvero il titolare del progetto folk-country-rock Hiss Golden Messenger, arrivato un mese dopo il primo singolo ‘Sanctuary

Quietly Blowing It arriva a due anni di distanza dall’ottimo ‘Terms of Surrender’ del 2019, album che ha consacrato il valore di M.C. Taylor con una nomination ai Grammy 2019 per il Best Americana Album. L’anno scorso Taylor ha pubblicato il live album ‘Forward Children’, per aiutare la Durham Public Schools Foundation in North Carolina.

fonte: Goodfellas

----------------------------------------------------------------------------------------


:: Bills & Aches & Blues - la raccolta celebrativa dei 40 anni della 4AD in uscita il 2 aprile

Nel 2020 la 4AD ha compiuto 40 anni. Mai arrivata puntuale ad una festa, quest’anno l’etichetta vuole commemorare la ricorrenza con l’uscita di Bills & Aches & Blues. La raccolta vede 18 fra i suoi artisti attuali reinterpretare una canzone scegliendo dal catalogo passato della 4AD: un esperimento creativo, che ha origine dallo spirito di collaborazione, un’istantanea della 4AD, 41 anni dopo la sua nascita.

Bills & Aches & Blues uscirà in digitale il 2 aprile mentre l’edizione in vinile e CD sarà in vendita dal 23 luglio ed entro la fine dell’anno sarà disponibile un cofanetto deluxe del vinile. Il ricavato dei primi 12 mesi di vendita di Bills & Aches & Blues sarà donato a The Harmony Project, un progetto di doposcuola per bambini di scuole e comunità che non hanno accesso allo studio della musica e dell’arte nell’area di Los Angeles.

Dal 10 marzo sono disponibili le prime cinque canzoni da Bills & Aches & Blues (‘Side 1’), Tkay Maidza, U.S. Girls, Aldous Harding, The Breeders e Maria Somerville, nuova artista dell’etichetta, hanno registrato cover rispettivamente dei Pixies, The Birthday Party, Deerhunter, His Name Is Alive e Air Miami.

fonte: Spin-Go

----------------------------------------------------------------------------------------


:: Van Morrison - Latest Record Project: Volume 1 è il nuovo album doppio, dal 7 maggio

Van Morrison presenta Latest Record Project: Volume 1, il nuovo album in uscita il 7 maggio per Exile/BMG. Il suo quarantaduesimo disco ”Latest Record Project: Volume 1”, il suo album più dinamico e contemporaneo da anni, è un viaggio di 28 tracce nel suo continuo amore per il blues, l'R&B, il jazz e il soul. Per quanto possiate amare i suoi classici, questo nuovo progetto dimostra che Morrison vive nel presente e rimane un artista integro e originale. “Mi voglio allontanare dall'essere riconosciuto sempre per le solite canzoni, i soliti album", dice Morrison. "Questo ragazzo ha scritto 500 canzoni, forse di più, quindi? Perché promuovere sempre le solite dieci? Sto cercando di uscire da questo schema”.

Latest Record Project: Volume 1 è il risultato di un periodo di isolamento forzato. Impossibilitato di andare in tour, Van Morrison si è immerso in un costante songwriting, suonando al piano, alla chitarra o al sassofono. Sono emersi così I nuovi brani che brillano di schiettezza e vivacità, grazie anche alla collaborazione con una sezione ritmica con la quale condivide un feeling immediato e spontaneo. Van Morrison lancia oggi il suo nuovo progetto pubblicandone la title track. Il re indiscusso del soul celtico va dritto al cuore con il suo baritono che abbraccia un caldo suono di organo, accompagnato da armonie vocali doo wop e sha-la-la. Altri spunti eccellenti emergono di continuo, dal sassofono che brilla nella gemma R&B ”Jealousy”, alla gioiosa e country ”A Few Bars Early”, passando per lo spirito garage rock in stile Them dell'esplicita ”Stop Bitching, Do Something”.

Nonostante che l'album risuoni del sentimento romantico e del calore notturno per cui è noto al suo pubblico, il tema dominante è un commento diretto sulla vita di oggi. ”Dead Beat Saturday Night” è una presa di posizione nell'affrontare in modo concreto il suo lockdown: "No life, no gigs, no choice, no voice". Emerge anche nel rock'n'roll da bar di ”Where Have All The Rebels Gone”, che denuncia la mancanza di un vero pensiero indipendente, oggi sostituito dalla mera apparenza. E per quanto riguarda le opinioni di Van Morrison sui social media? Sono riassunte in ”Why Are You On Facebook?”. Due brani, ”Love Should Come With A Warning” e ”Mistaken Identity”, sono scritti con il grande Don Black. Van Morrison si è avvicinato a Black dopo aver riconosciuto in ”On Days Like These”, la sua ballata pop del 1969 cantata da Matt Monro per la colonna sonora di ”The Italian Job”, qualcosa che gli ricordava il suo stile. Il risultato ha portato Black a scrivere oggi ”Mistaken Identity”, che, paradossalmente, è la canzone più autobiografica dell'album.

Ciò che Latest Record Project: Volume 1 dimostra è che se volete apprezzare veramente l'arte di Van Morrison, dovete ascoltare quello che fa oggi perché è un'artista che non si ferma mai. ”Latest Record Project: Volume 1” uscirà in formato doppio-CD, deluxe-CD, triplo-vinile e su tutte le piattaforme digitali. E' ora disponibile in pre-ordine QUI, con la canzone ”Latest Record Project” come instant download per i fan..

fonte: A Buzz Supreme

----------------------------------------------------------------------------------------


:: Blackberry Smoke - il nuovo album ‘You Hear Georgia’ dal 28 maggio per 3 Legged Records/ Thirty Tigers

I Blackberry Smoke pubblicheranno il nuovo album You Hear Georgia il 28 maggio per 3 Legged Records / Thirty Tigers. Ascolta la titletrack ‘You Hear Georgia

Il nuovo album della band guidata dal cantante Charlie Starr è stato prodotto da Dave Cobb e vanta special guest di lusso come Jamey Johnson e Warren Haynes. I dieci brani del nuovo album dei Blackberry Smoke sono un tributo alla ricca eredità southern-rock-blues e folk della Georgia. I Blackberry Smoke sono Charlie Starr (vocals, guitar), Richard Turner (bass, vocals), Brit Turner (drums), Paul Jackson (guitar, vocals) e Brandon Still (keyboards).

‘You Hear Georgia’ segue l’uscita di ‘Find A Light’ del 2018, arrivato al top della classifica degli album Country e Americana/Folk states, al numero 3 della Billboard Top Country Albums chart e al #2 della Billboard Americana/Folk Albums chart, oltre ad essere entrato direttamente al 30° posto della classifica degli album più venduti. Grazie al loro ultimo album e ai precedenti si era parlato dei Blackberry Smoke come del futuro della scena southern rock e di una band capace di rinverdire il discorso mai assopito di artisti come Tom Petty, the Allman Brothers Band, Lynyrd Skynyrd e Hank Williams Jr. Sin dalla loro formazione nel 2001 i Blackberry Smoke hanno continuato a suonare dal vivo senza sosta, costruendo una fan base invidiabile. Ad oggi hanno pubblicato 6 album e sono arrivati alle porte della Top 10 degli album più venduti negli states e nelle posizioni di prestigio della classifica inglese con il loro quarto disco ‘Like an Arrow’ del 2016.

fonte: Goodfellas

----------------------------------------------------------------------------------------


:: Africani, Marocchini, Terroni - Il punk e la Napoli degli anni '80 nel racconto di Davide Morgera, dal 25 marzo in libreria

Il punk e la Napoli degli anni '80 nello splendido racconto di Davide Morgera, con introduzione di Jumpy Velena. Dal 25 Marzo nelle migliori librerie per Goodfellas Edizioni, collana Spittle.

Africani, Marocchini, Terroni … è la storia parallela del punk a Napoli e del suo incontro con le (dis)avventure di un gruppo di ragazzi, che all’inizio degli anni ‘80 irrompe sulla scena italiana e si affaccia dalla finestra con la voglia di cambiare il mondo, cercare di azzerare tutto quello che non va, di lottare per ideali di pace tra concerti infuocati in città e volantinaggio selvaggio, di viaggiare e confrontarsi con altre realtà italiane, di ribellarsi, di registrare un disco ed essere parte attiva dello ZX, locale unico nel suo genere nella città partenopea e fulcro vitale di certa musica. Queste pagine sono il racconto di persone reali, figure che hanno fatto la storia dell'underground italiano e di un ambiente dove le amicizie vere, gli scambi epistolari, i primi dischi e i raduni storici diventarono un tutt’uno. Gli Underage rappresentarono l’inizio di un movimento musicale nella Napoli dei primissimi anni ‘80, una citta` letteralmente a secco di stimoli nuovi. Lanciarono un seme che sarebbe cresciuto con la nascita di altre band e l’apertura di due centri sociali sul finire del decennio, l’Officina 99 e il Tien’a Ment. Con centinaia di illustrazioni, per la prima volta un libro racconta l’esplosione del punk in Italia dalla prospettiva del Sud del Belpaese. In appendice la ricostruzione dei carteggi intrattenuti dall’autore con i punk di tutta la Penisola: un eccezionale ritratto storico che restituisce il valore del circuito delle autoproduzioni, che in quegli anni erano l’unico canale di diffusione di nuova musica al di fuori dello strapotere delle major discografiche.

L’autore: Davide Morgera, Napoli 1962, e` stato il batterista degli Elettroencefalogramma e degli Underage, nonche´ L’autore delle prime fanzine punk del Sud Italia (tra le altre ‘Shock’, ‘Megawave’ e ‘Hate again’). Introduzione ad opera di Jumpy Velena.

fonte: Goodfellas

----------------------------------------------------------------------------------------


:: Alan Vega - l'album postumo 'Mutator’ il 23 aprile per Sacred Bones

‘Mutator’, nuovo album di inediti del compianto membro dei Suicide, uscirà il 23 aprile per Sacred Bones. Si tratta di un album inedito del pioniere punk realizzato a metà degli anni ’90 con la sodale Liz Lamere e il produttore Jared Artaud, già presenti sull'ultimo disco di Alan Vega (‘It’ del 2017). Ascolta ‘Nike Soldier’, primo estratto dall'album postumo di Alan Vega 'Mutator'.

'Mutator' è composto da registrazioni realizzate a New York da Alan Vega e la compagna e musicista Liz Lamere tra il 1995 e 1996. Nel 2019 Liz e il produttore Jared Artaud hanno ritrovato i nastri delle registrazioni e deciso di dargli giustizia con la produzione e il mix che avrebbero meritato, ovvero dando forma a ‘Mutator’. Il primo estratto ‘Nike Soldier’ non è esattamente un nuovo brano di Alan Vega, una versione che potremmo definire "demo" era uscita qualche anno fa per un singolo pubblicato da Fuzz Club, con un brano dei Vacant Lots di Lared Artaud sull’altro lato. Per il singolo è stato realizzato anche un video diretto da Jacqueline Castel, con la musicista Kris Esfandiari nell'iconico ruolo di Alan Vega.

‘Mutator’ è solo la prima di una lunga serie di pubblicazioni per Sacred Bones di materiale in arrivo dal ricchissimo archivio di Alan Vega. Le uscite del "Vega Vault project" saranno curate dalla ex compagna di Alan, Liz Lamere, e prodotte da Jared Artaud con la direziione creativa di Michael Handis.

fonte: Goodfellas

----------------------------------------------------------------------------------------


:: Dinosaur Jr. - 'Sweep It Into Space’, in uscita il 23 aprile per Jagjaguwar

I Dinosaur Jr. tornano con il nuovo album ‘Sweep It Into Space’, in uscita il 23 aprile per Jagjaguwar e anticipato dal singolo I Ran Away.

‘Sweep It Into Space’ arriva a 5 anni di distanza dall'ultimo ‘Give a Glimpse of What Yer Not’, continuando a percorrere la favolosa onda che ha contraddistinto la seconda parte della carriera della celebre band di Amherst, Massachussets. ‘Sweep It Into Space’ è Dinosaur Jr. al 100%, un disco che non deluderà i fan della band di J Masic, Lou Barlow e Murph.

Il nuovo 'Sweep It Into Space' è stato registrato presso i Bisquiteen Studio di Amherst tra la fine del 2019 e l’inizio del 2020. Il disco sarebbe dovuto uscire nel 2020, ma la pandemia ha cambiato le carte in tavola. Alla session di registrazione ha preso parte anche Kurt Vile, presente come co-produttore del disco insieme a J Mascis e chitarrista aggiunto sul primo estratto e singolo ‘I Ran Away’. Come da prassi non potevano mancare all'appello Lou Barlow al basso, qui presente anche ai cori e con un paio di brani scritti e cantati da lui, e Murph con il suo inimitabile stille alla batteria. ‘Sweep It Into Space’ è Dinosaur Jr. al 100%, un sound che non deluderà i fan di vecchia data e i nuovi adepti e che ancora una volta ci ricorda quanto importnate sia stata e sia ancora oggi questa band all'interno della scena rock internazionale.

fonte: Goodfellas

----------------------------------------------------------------------------------------


:: Matt Sweeney & Bonnie ‘Prince’ Billy - il nuovo album Superwolves dal 30 aprile

Dove un tempo c’era Superwolf ora si aggirano i Superwolves, il nuovo album e fabbrica di demoni di Matt Sweeney e Bonnie ‘Prince’ Billy, in uscita su Domino il 30 aprile in digitale e in formato fisico dal 18 giugno. Il due svela il nuovo singolo ‘Hall of Death’, che arriva dopo ‘Make Worry For Me’, scritto da Sweeney e Will Oldham (aka Bonnie ‘Prince’ Billy) insieme al chitarrista e produttore Tuareg Ahmoudou Madassane. La canzone presenta Oldham e Sweeney nei loro tradizionali ruoli, rispettivamente di cantante e chitarrista, registrati live in studio con Madassane alla chitarra ritmica e con la partecipazione dei componenti della sua band: Mdou Moctar e la sua inconfondibile chitarra, Mike Coltun al basso e Souleyman Ibrahim alla batteria. Il video di accompagnamento è stato diretto da Sai Selvarajan e Jeff Bednarz.

Le canzoni che compongono Superwolves, il secondo album del duo e il primo da Superwolf del 2005, si immergono in luoghi inesplorati mentre Matt e Bonny prendono tutta la musica da loro conosciuta per creare canzoni che colpiscono in profondità. In classico stile Garcia-Hunter, Sweeney e ‘Prince’ in principio hanno lavorato separatamente cercando e trovando un percorso reciproco nei loro mondi solitari. I testi di Bonnie sono sstati spediti alla chitarra mentale di Sweeney; gli accordi e una melodia prendono forma, registrati in velocità e rispediti a “Prince”, quindi i due si ritrovano a cantare, unire e rafforzare e finalmente suonare di fronte ad un’ignara audience. Quindi nuovi testi sono spediti, animati e suonati, fino a quando le canzoni e le esecuzioni sono pronte per essere registrate. Questo è solo l’inizio del loro processo di fusione, perchè le parole hanno bisogno di vocalizzazioni di contrasto e sostegno e le line di chitarra suggeriscono armonie da aggiungere e in cui spingere. Durante il processo una nuova creatura prende vita dalla precedente. Nella collaborazione la chitarra apre e condivide uno spazio fluido con le parti vocali e le voci cantano con le chitarra: ogni istante di Superwolves è uno spettacolo stravagante, guidato solo dal suo bisogno.

I due ha cominciato a lavorare a questo album 5 anni fa ma la prima vera sessione si è svolta un anno fa allo Strange Weather di Brooklyn e le successive al Butcher Shoppe a Nashville. Sweeney ha supervisionato il missaggio delle sessioni di Brooklyn ed Oldham ha supervisionato quelle di Nashville. Nell’album Sweeney canta insieme al suo cantante preferito e suona tutte le chitarre, acustica, elettricha e basso, accompagnato da David Ferguson al contrabasso, Mike Coltun al basso elettrico, Mdou Moctar alla chitarra elettrica, Ahmoudou Madassane alla chitarra ritmica, Souleyman Ibrahim, Ryan Sawyer e Peter Townsend alla batteria e Mike Rojas alle tastiere. Bonnie ‘Prince’ Billy canta. Come sempre. E Superwolves governa su tutto.

fonte: Spin-Go

----------------------------------------------------------------------------------------


:: Iceage - Seek Shelter uscirà il 7 Maggio per Mexican Summer

Il nuovo album degli IceageSeek Shelter’ uscirà il 7 Maggio per Mexican Summer, anticipato dal singolo ‘Vendetta’. Guarda il video di ‘Vendetta’, diretto da Jonas Bang con la partecipazione dell’attore croato/danese Zlatko Buric - I danesi Iceage sono arrivati al quinto album, il primo per Mexican Summer dopo quattro dischi per label di culto come What's Your Rupture? e Matador, anticipato dal video di ‘Venedetta’ e dal primo estratto ‘The Holding Hand’. Guarda il video di ‘The Holding Hand’.

Il nuovo album segna il debutto degli Iceage per Mexican Summer, ma anche il decimo anniversario dall’uscita dell'esordio ‘New Brigade’. ‘Seek Shelter’ arriva a tre anni di distanza dall’ottimo ‘Beyondless’, ed è stato registrato da Sonic Boom (Spacemen 3), segnando la prima collaborazione della band con il noto musicista e produttore inglese. Il mix del nuovo album è stato realizzato da Shawn Everett, ingegnere del suono vincitore di un Grammy che ha rivoluzionato il suono della scena indie lavorando con artisti del calibro di Perfume Genius, the War on Drugs e Grizzly Bear. La lineup della band è cambiata e ora nelle file della formazione di Copehagen troviamo anche il nuovo chitarrista Casper Morilla Fernandez, oltre al cantante Elias Bender Rønnenfelt, il chitarrista Johan Surrballe Wieth, il bassista Jakob Tvilling Pless e il batterista Dan Kjær Nielsen. Per due brani del nuovo album gli Iceage hanno collaborato con il Lisboa Gospel Collective.

fonte: Goodfellas

----------------------------------------------------------------------------------------


:: Don Antonio - il prossimo 16 Aprile il nuovo album di Don Antonio La Bella Stagione su Santeria/Audioglobe.

Sei anni dopo avere messo nel cassetto il progetto Sacri Cuori, quattro dopo il disco di debutto come Don Antonio, e tre dopo l'avventura americana di The Crossing insieme ad Alejandro Escovedo, Antonio Gramentieri rimette in pista il suo alter-ego Don Antonio con un nuovo progetto fra musica e parole. La Bella Stagione è il primo disco in cui Don Antonio va oltre la formula della musica cinematica-strumentale e si cimenta con canzoni in italiano. Le dieci tracce del disco sono storie che esplorano memoria, esperienze, paesaggi e visioni. Un disco asciutto, realizzato nella sala di incisione de L'Amor Mio Non Muore e finalizzato a Nashville. Un disco prodotto insieme a Roberto Villa e a Ivano Giovedì che, come in un flusso di coscienza autobiografico, anche nel suono “tocca” molti dei mondi e delle epoche vissute da Don Antonio. I folklori e i synth dei primi '80, le melodie ariose e le partiture contemporanee. La Bella Stagione è un disco di canzoni in italiano e una raccolta di racconti brevi. Non sono la stessa cosa, e non escono necessariamente insieme ma hanno un legame chiaro, e anche una loro autonomia. Le storie de La Bella Stagione sono tutte vere. Parlano del passato, e della maniera in cui il passato si ripresenta, e incide sul presente.

In oltre vent'anni di attività, Antonio Gramentieri ha portato la sua musica, i suoi dischi e i suoi progetti costantemente a spasso per il mondo. Con lo pseudonimo Don Antonio, e con Sacri Cuori prima, ha suonato nei principali festival e club fra Stati Uniti, Inghilterra, Australia, Europa, Scandinavia e Balcani. Don Antonio ha suonato suoi brani al Tiny Desk di NPR, alla BBC a Londra, al programma del mattino della CBS a New York, alla televisione svedese, australiana, olandese. Ha prodotto dischi e suonato in tour mondiali con Alejandro Escovedo, Dan Stuart, Hugo Race, Richard Buckner, Terry Lee Hale. Ha diviso palcoscenici e registrazioni con personaggi con personaggi leggendari come Marc Ribot, David Hidalgo, Jim Keltner, James Chance, John Parish, JD Foster, Wayne Kramer, James Williamson, Howe Gelb, John Convertino. Ha realizzato colonne sonore per il cinema e per la televisione. Nel 2017 un suo brano e' stato scelto da Volkswagen per la pubblicita' della Passat in Svezia e Finlandia.

Foto di Cesare Gramentieri.
Fonte: KeezMe!

----------------------------------------------------------------------------------------


:: Vanessa Peters - Modern Age dal 23 aprile per Idol records

Modern Age è il nuovo album della cantautrice texana Vanessa Peters, che uscirà il prossimo 23 aprile 2021 per Idol Records, distribuito in Italia da Goodfellas. Il primo singolo sarà "Crazymaker" e sarà pubblicato il prossimo 26 febbraio.

"Modern Age" è un album rock moderno/classico che si rivela una sfida d'acciaio. Nel bel mezzo di un anno veramente buio, Vanessa e la band hanno cospirato per realizzare un album che sia allo stesso tempo potente ma anche giocoso, intenso ma sensibile, arrabbiato ma pieno di speranza. In "Modern Age", troviamo ancora una volta Vanessa Peters scrivere e fornire canzoni di eccezionale potenza lirica e musicale, rafforzando ulteriormente la sua reputazione tra la nuova generazione di cantautori americani. Undici tracce di pop / rock energico ma sempre melodico, che capovolgono le aspettative del precedente "Foxhole Prayers", un'opera folk / rock di successo, profondamente introspettiva. Dagli accordi iniziali della title track, è ovvio che questo album va in una nuova direzione: collaborare a stretto contatto con la sua band italiana ha portato una nuova, rauca energia a questa raccolta che raramente è emersa prima, al di fuori dei concerti di Vanessa. Per anni è stato troppo facile collocare Vanessa in una specie di generica categoria "americana" quando in realtà i suoi dischi hanno sempre viaggiato dall'indie-pop all'alt-country, al folk sperimentale e al rock dei cantautori degli anni '70.

Il primo singolo sarà Crazymaker ed uscirà il prossimo 26 febbraio. Un Crazymaker è una persona che ruba la tua energia, la tua gioia, magari anche i tuoi soldi, il tuo tempo....ruba tutto, ma riesce a farti sentire in colpa. Colui/lei che ti fa sentire che sei tu quello pazzo quando in realtà è lui/lei il vero manipolatore, intrappolandoti in una relazione tossica. Troviamo chitarre elettriche e i classici 4-on-the-floor drum beats ispirati agli AC/DC, in un brano rock/pop classico, per un perfetto viaggio on the road.

Testi e musiche di "Modern Age" sono di Vanessa PetersS, eccetto “Valley Of Ashes” e “Hood Ornament” di Vanessa Peters e Rip Rowan. Il nuovo album è prodotto e mixato da Rip Rowan, vede al master Dave McNair. E’ stato registrato tra Paesi Bassi, Germania, Italia e Texas. Intrecciando testi introspettivi con melodie irresistibili, Vanessa Petersd ha pubblicato un album dopo l’altro di gemme folk / rock ben realizzate per più di un decennio. Si è esibita in migliaia di concerti negli Stati Uniti e in Europa e aperto ad artisti tra cui Josh Rouse, 10.000 Maniacs, John Oates, Matthew Sweet, Ben Ottewell e Horse Feathers. Con "Foxhole Prayers" ha ottenuto una brillante recensione MOJO a 4 stelle, oltre a diversi inviti ad esibirsi al NPR's Mountain Stage, 30A, e al Nashville's Americana Fest.

fonte: Bagana Music Agency

----------------------------------------------------------------------------------------


:: Highway 61 e Un mondo di musica - le trasmissioni radio di Massimo Ferro

Highway 61 è una trasmissione di American folk & roots music - ovvero folk, country, blues, bluegrass, old time music, western-swing, cajun, tex-mex, ma anche cantautori, alternative country, rock & roll, rockabilly, guitar music e così via. Si tratta di una sorta di “Viaggio alle radici della musica Americana”, come recita il sottotitolo, le cui selezioni riguardano quasi esclusivamente novità discografiche (spesso proposte in anteprima assoluta per l’Italia) provenienti perlopiù da Nord America ed Europa; uno sguardo al passato è tuttavia contemplato di frequente attraverso la segnalazione di ristampe ed antologie. “Highway 61” è un programma conosciuto anche oltreoceano poiché diffuso in streaming, grazie da RVS Web (www.radiovocespazio.it) tre volte la settimana, dalle 23 alle 24, ogni lunedì, mercoledì e venerdì.

Un Mondo Di Musica è un programma che si occupa di folk, roots e world music provenienti da ogni angolo del pianeta, in sostanza dunque di tutta la musica contemporanea che attinge alla tradizione popolare (compresa la canzone d’autore). Va in onda da Radio Voce Spazio, ogni martedì sera, dalle 21.30 alle 24.00. La trasmissione si occupa principalmente di novità discografiche e, ovviamente, tiene in particolare considerazione la musica italiana, sia essa folk o d’autore. Quasi sempre la trasmissione offre la possibilità di ascoltare interviste telefoniche (quasi sempre in diretta) con artisti, gruppi ed altri personaggi che si occupano di musica delle radici nel nostro paese (e non solo). Occasionalmente inoltre il programma propone ospiti dal vivo in studio e riporta notizie relative ai concerti ed altri eventi locali, soprattutto di carattere locale.

Massimo Ferro ha iniziato la sua attività radiofonica nel lontano 1976 collaborando con le principali emittenti alessandrine. Accanto al suo operato come disk-jockey, in passato ha collaborato con importanti riviste musicali come "Folk Bulletin", "Hi, Folks!", "Il Blues" ed “Il Buscadero”, è stato a lungo attivo come presentatore e consulente con l'Assessorato alla Cultura del Comune di Alessandria per i concerti di roots music, direttore artistico della rassegna "Etnomosaico", socio della Bluegrass & Country Music Association of Italy e componente del Rainbow Smoke Network. Inoltre contribuisce alla stesura di diverse classifiche internazionali, come la Freeform American Roots Chart, la E.M.S. Indipendent Chart, l'Euroamericana Chart e Roots Music Report. Massimo Ferro è stato diverse volte nella giuria di Folkontest. Dal 2004, con una cinquantina di altri operatori del settore, è diventato membro della giuria del "Premio Città di Loano" che annualmente conferisce il titolo di migliore album italiano nell'ambito della musica delle radici. Nel 2009 è stato chiamato anche a far parte della giuria del “Premio Teresa Viarengo”, e poco dopo è stato ammesso a far parte del prestigioso Club Tenco, per il conferimento delle Targhe Tenco.

Per info: info@highway61.it - www.highway61.it

----------------------------------------------------------------------------------------


::
The Devils - il nuovo album ‘Beast Must Regret Nothing’ dal 23 aprile per Goodfellas,

The Devils pubblicheranno il nuovo album ‘Beast Must Regret Nothing’ il 23 aprile per Goodfellas, anticipato dal primo singolo e video per il brano ‘Real Man’ e dall’audio del brano ‘Devil Whistle Don’t Sing’ realizzato in con Mark Lanegan.

Parola a Gianni Blacula e Switchblade Erika, ovvero i The Devils: “Nel settembre 2019, durante un tour in Spagna eravamo alla ricerca di ispirazioni e stimoli per il nuovo album e nello stesso periodo Alain Johannes era impegnato in un tour europeo che si sarebbe concluso in Italia. Così abbiamo deciso di contattare il suo manager per una collaborazione e dopo aver ascoltato la nostra musica Alain ha accettato di lavorare sul nostro nuovo album”. ‘Beast Must Regret Nothing’ é stato registrato a Napoli in due settimane, in uno storico studio di registrazione dotato di una grossa sala di ripresa con un’acustica unica. Alain ha allargato gli orizzonti musicali del duo partecipando anche in fase di arrangiamento dei brani. A proposito del primo singolo e della collaborazione con Mark Lanegan i Devils raccontano: “Real Man parla di una prostituta che vaga in un mondo senza marciapiedi. Musicalmente è ispirata a Jimmy Reed, niente è più penetrante ed eccitante del suo blues. Mentre eravamo in studio, Alain ha fatto ascoltare le registrazioni a Mark Lanegan, il quale ne fu entusiasta. Così è venuto naturale a tutti pensare che la voce di Mark su ‘Devil Whistle Don’t Sing’ sarebbe stata la ciliegina sulla torta.”

I The Devils si sono formati a Napoli nel 2015 e i primi due album ‘Sin, you sinners!’ del 2016 e ‘Iron Butt’ del 2017 sono stati prodotti da Jim Diamond (già al lavoro con The White Stripes, The Sonics e The Dirtbombs), e pubblicati dalla mitica label garage rock svizzera Voodoo Rhythm. Dal 2016 sono costantemente in tour in tutta Europa e Canada, oltre 400 shows. Gianni Blacula stupra la chitarra e Switchblade Erika picchia la batteria. I Devils incarnano il suono definitivo della desolazione e del caos; il loro stile è primitivo, carico di sesso, peccato e rock’n’roll. I Devils sono selvaggi, molto rumorosi e sexy. Il nome del duo è stato scelto come tributo alla mitica pellicola ‘The Devils’ di Ken Russell e sono stati in tour con Jon Spencer, The Sonics, Boss Hog e The Monsters, oltre ad avere aperto in giro per l’Europa i live di Mudhoney, GBH, Nashville Pussy, Guitar Wolf, Kid Congo e molti altri.

fonte: Goodfellas

----------------------------------------------------------------------------------------


:: Cleopatrick - Good Grief, il nuovo singolo del duo rock

I Cleopatrick sono un duo rock canadese, proveniente da Coburg, Ontario, formato dagli amici Ian Fraser e Luke Gruntz quando avevano solo 8 anni e passavano il tempo ascoltando gli AC/DC. Il nuovo singolo del duo, Good Grief, arriva a breve distanza dal grande successo di ‘Hometown’, uno dei brani più trasmessi dalle radio indie e rock europee e americane e che ha tagliato il traguardo dei 40 milioni di ascolti su Spotify, oltre ad aver raggiunto i vertici della Modern Rock Chart americana.

I Cleopatrick sono giovanissimi ed hanno già suonato al Lollapalooza Festival di Chicago e aperto gli show di Royal Blood, Arctic Monkeys e Catfish and Bottlemen. ‘Good Grief’ è nata durante la quarantena e parla dei momenti in cui le cose vanno per il verso sbagliato. La band aveva programmato decine di date live, showcase e tanta promozione, ma alla fine un destino chiamato covid ha cambiato i piani di tutti. ‘Good Grief’ è l’imprecazione che rivolgiamo braccia al cielo quando le cose non vanno come dovrebbero e tocca rimboccarsi le maniche per mettere tutto a posto. La risposta dei Cleopatrick ai tour cancellati e agli impegni saltati è stata quella di chiudersi in studio per l’intera quarantena e lavorare duro sul disco d’esordio e il nuovo singolo ‘Good Grief’. Il brano, ma anche l’album in arrivo, è stato scritto, registrato e prodotto dal duo insieme al fraterno amico e membro aggiuntico, Jig Dub. Nel disco non ci sono ghostwriter, scelte della label o di qualche astuto A&R, produttori di grido o altro … solo tre amici, chitarre, pedali fuzz, batteria e tanta voglia di farcela e spaccare tutto. Il disco è stato prodotto nello scantinato di Jig proprio per dimostrare al mondo che non c’è alcun bisogno di contratti major o bizze da rockstar per fare le cose bene.

fonte: Goodfellas

----------------------------------------------------------------------------------------


:: Michele Anelli - la lavorazione di "Sotto il cielo di Memphis"

Sotto il cielo di Memphis è un progetto discografico che nasce da un viaggio americano, un sogno accarezzato a lungo che sta per diventare realtà. Comincia così, come lo racconta proprio Michele Anelli: “Penso esistano, nel corso degli anni, uno o più viaggi che ci attendono. Uno di questi è arrivato per i trent’anni di matrimonio. Memphis ha un significato particolare, è un luogo in cui rock’n’roll e soul hanno ispirato un modo di capire e vivere la vita. Nel 1989 eravamo poco più che ragazzi e la colonna sonora della cerimonia erano i brani gospel cantati da Elvis Presley. Ecco, che nel 2019, Memphis ci stava aspettando e siamo andati noi da Elvis, ma a Memphis si sono incrociate molte storie: la Sun, la Stax, Martin Luther King fino ai FAME recording studios di Muscle Shoals”.

Proprio a Muscle Shoals, in Alabama, nelle straordinarie sale del FAME recording studio progettato e costruito dal compianto Rick Hall, è iniziata la produzione musicale del nuovo progetto discografico di Michele Anelli. Con John Gifford III alla consolle (allievo e prosecutore dell’opera di Rick Hall), Michele ha avuto modo di interagire con Bob Wray al basso (Al Green, The Marshall Tucker Band, Ray Charles, Etta James, Clarence Carter, Johnny Cash ecc.) e Justin Holder alla batteria, giovane e talentuoso session man in pianta stabile al FAME. Le canzoni, che saranno pubblicate su 45 giri, sono: Ballata arida ed Escluso il cielo. Durante il soggiorno a Memphis sono nate le suggestioni che hanno portato Michele Anelli a comporre le nuove canzoni, registrate tra la fine di settembre e i primi di ottobre del 2020, con i Goosebumps bros. ovvero Cesare Nolli (chitarra elettrica), Paolo Legramandi (basso elettrico) e Nik Taccori (batteria) al Fireplace studio in un piccolo centro del comasco. Ai Goosebumps bros. si sono aggiunti Andrea Lentullo (Wurlitzer) ed Elia Anelli (chitarra elettrica).

Per poter portare a termine questo ambizioso percorso, che sarà completato con un CD comprensivo di tutti i brani e alcune outtake, Michele Anelli, per la prima volta, si è appoggiato alla piattaforma produzionidalbasso.com per trovare un aiuto solidale e concreto alla realizzazione di Sotto il cielo di Memphis, la cui uscita è prevista per la primavera 2021.




info@rootshighway.it