:: Menù
 



RootsHighway è membro ufficiale della Euro Americana Chart, la classifica dei dj e giornalisti europei sul mondo Americana/ Roots. Leggi la classifica completa su euroamericanachart.eu

 
 

IN USCITA: scorri l'elenco delle prossime uscite discografiche in campo Americana/ Roots/ Indie:

16 settembre
Adam Hood - Bad Days Better (Southern Songs)
The Commonheart – For Work Or Love (Jullian Records)
Ali McGuirk – Till It’s Gone (Signature Sounds)
Rhett Miller – The Misfit (ATO Records)
Lara Taubman – Ol’ Kentucky Light (Atomic Sound Record Company)
Amy Ray – If It All Goes South (Daemon Records)

9 settembre
Charley Crockett - The Man From Waco (Son of Davy Records)
I Draw Slow - I Draw Slow (Compass Records)
Laura Benitez and The Heartache – California Centuries (Copperhead Records)
Damn Tall Buildings – Sleeping Dogs (self-released)
Derek Hoke – Electric Mountain (3Sirens Music Group)
The Hooten Hallers – Back in Business Again (self-released)
The Hungry Williams – Let’s Go! (Rochelle Records)
Freedy Johnston – Back on the Road to You (Forty Below Records)
Dan Knobler – Friends Play My Son’s Favorite Songs, Vol. 1 (self-released)
Jake La Botz – Hair on Fire (Hair on Fire Records)
Lauren Monroe – Messages from Aphrodite (self-released)
Stillhouse Junkies – Small Towns (Dark Shadow Records)

2 settembre
Lloyd Maines - Eagle Number 65 (self-released)
Brittany Collins – Things I Tell My Therapist (Pacific Northwest Records)
Ragland – Guardian (self-released)
The Sensational Country Blues Wonders! – The Adventures of a Psychedelic Cowboy (self-released)
Frank Solivan & Dirty Kitchen – Hold On (Compass Records)
Martha Spencer – Wonderland (Gingham Rose Records)

26 agosto
Valerie June - Under Cover (Fantasy Records)
Jim Lauderdale - Game Changer (Missing Piece Music)
Will Hoge – Wings on My Shoes (self-released)
Marcus King – Young Blood (American/Republic Records)
Tommy McLain – I Ran Down Every Dream (Yep Roc Records)
Dan Navarro – Horizon Line (Red Hen Records)

19 agosto
Shemekia Copeland - Done Come Too Far (Alligator Records)
Ever More Nest - Out Here Now (self-released)
Caleb Bailey – Camille (self-released)
Katy Guillen & The Drive – Another One Gained (self-released)
Early James – Strange Time To Be Alive (Easy Eye Sound)
The Alex Leach Band – All The Way (Mountain Home Music Company)
Bill Scorzari – The Crosswinds Of Kansas (self-released)
Loudon Wainwright III – Lifetime Achievement (StorySound Records)
Watkins Family Hour – Vol. II (Family Hour Records)
Tiffany Williams – All Those Days of Drinking Dust (Blue Redbird Music)

12 agosto
Kelsey Waldon - No Regular Dog (Oh Boy Records)
Mariel Buckley – Everywhere I Used to Be (Birthday Cake Records)
Sam Burchfield – Scoundrel (EatMusic Records)
Dead Horses – Brady Street (Vos & Wolff Records)
The Empty Pockets – Outside Spectrum (self-released)
Cahalan Morrison – Wealth of Sorrow (Fluff & Gravy Records)
Peter Mulvey with SistaStrings – Love Is the Only Thing (Righteous Babe Records)
Walter Trout – Ride (Provogue Records)
Vandoliers – The Vandoliers (Amerikinda Records)

5 agosto
Kenny Roby - Kenny Roby (Royal Potato Family)
John Calvin Abney – Tourist (Black Mesa Records)
Ace of Cups – Extended Play (High Moon Records)
The Brother Brothers – Cover to Cover (Compass Records)
Fireside Collective – Across The Divide (Mountain Home Music Co.)
Rachel Sumner & Traveling Light – Rachel Sumner & Traveling Light (Sad Luck Dame Records)
The Western Express – Lunatics, Lovers & Poets (self-released)
Will Stewart – Slow Life (Cornelius Chapel Records)

29 luglio
Andrew Duhon - Emerald Blue (Verve Records)
Josh Rouse - Going Places (Yep Roc Records)
Amanda Shires - Take It Like A Man (ATO Records)
The Brothers Comatose – Turning Up the Ground (Swamp Jam Records)
Wyatt Easterling – From Where I Stand (Phoenix Rising Records)
Fantastic Cat – The Very Best of Fantastic Cat (Blue Rose Music)
King Johnson – Luck So Strange (Landslide Records)
Whiskey Myers – Tornillo (Wiggy Thump Records
Nick Nace – The Harder Stuff (self-released)
Tom Paxton, Cathy Fink & Marcy Marxer – All New (Community Music)

22 luglio
John Moreland - Birds in the Ceiling (Old Omens Records)
Ben Harper – Bloodline Maintenance (Chrysalis Records)
Nathan Kalish – Great Big Motel Bed In The Sky (JTM Music)
Whitney Lockert – Long Way to California (self-released)
Lonesome River Band – Heyday (Mountain Home Music Co.)
Lindsay Lou – You Thought You Knew (EP) (self-released)
Joe Pug – Nation of Heat | Revisited (self-released)
The Sadies – Colder Streams (Yep Roc Records)
Monica Taylor – Trains, Rivers & Trails (Horton Records)
Dan Tyminski – One More Time Before You Go (North Star Records)

15 luglio
Willi Carlisle - Peculiar, Missouri (Free Dirt Records)
Arlo McKinley - This Mess We’re In (Oh Boy Records)
Nick Dittmeier & The Sawdusters – Heavy Denim (self-released)
The Local Honeys – The Local Honeys (La Honda Records)
Merle Jagger – Trash Talking Guitars (JTM Music)
Tami Neilson – Kingmaker (Outside Music)
Gerry Stanek – Heart In Peril (self-released)
Jonah Tolchin – Lava Lamp (Yep Roc Records)

8 luglio
The Deslondes - Ways & Means (New West Records)
Richie Furay - In The Country (Renew Records)
Lyman Ellerman – Departure (Woodshed Resistance)
Michelle Rivers – Chasing Somewhere (self-released)

1 luglio
Jenner Fox – Good Luck Road (self-released)
Christian Parker – Best Kept Secret (Edgewater Music)
The Taproots – Tales Of Wonderland (self-released)
Teddy and the Rough Riders – Teddy and the Rough Riders (Appalachia Record Co.)
Tedeschi Trucks Band – I Am The Moon: II. Ascension (Fantasy Records)

24 giugno
Hackensaw Boys - Hackensaw Boys (Suns Work Records)
Peter Rowan - Calling You From My Mountain (Rebel Records)
Joan Shelley - The Spur (No Quarter Records)
The Barlow – New Year, Old Me (self-released)
BoDeans – 4 The Last Time (Free & Alive Records)
Caamp – Lavender Days (By and By Records)
Gregory Dwane – XX (Peacedale Records)
Greg Loiacono – Giving It All Away (Blue Rose Music)
Janiva Magness – Hard to Kill (Fathead Records)
Curtis Phagoo – When We Were Young (Written-By Records)
Andrew Weiss and Friends – Sunglass & Ash (Reviver Records)

17 giugno
Pharis and Jason Romero - Tell ’Em You Were Gold (Smithsonian Folkway Records)
Various Artists - Americana Railroad (Renew Records)
Hank Williams, Jr. - Rich White Honky Blues (Easy Eye Sound)
Stacy Antonel – Always the Outsider (self-released)
Chastity Brown – Sing to the Walls (Compass Records)
The Damn Quails – Clouding Up Your City (HonkyTonk Laboratory)
Kathy Kallick and Friends – What Are They Doing In Heaven Today? (Live Oak Records)
Drew Kennedy – Marathon (self-released)
Meredith Lazowski – Other Way Home (self-released)
Mapache – Roscoe’s Dream (Innovative Leisure)

10 giugno
Patty Griffin - Tape (PGM Records)
The Slocan Ramblers - Up the Hill and Through the Fog (Slomusic)
American Aquarium – Chicamacomico (Losing Side Records)
Michaela Anne – Oh To Be That Free (Yep Roc Records)
Florence Dore – Highways & Rocketships (Propeller Sound Recordings)
Dwayne Haggins – Call Me Boston (Verdict Music)
Rod Picott – Paper Hearts And Broken Arrows (self-released)

3 giugno
Mary Gauthier- Dark Enough to See the Stars (In The Black Records)
Charlie Musselwhite - Mississippi Son (Alligator Records)
Beth // James – Get Together (self-released)
Andrew Bird – Inside Problems (Loma Vista Recordings)
Blue Dogs – Big Dreamers (self-released)
Nicki Bluhm – Avondale Drive (Compass Records)
Wes Collins – Jabberwockies (self-released)
Drive-By Truckers – Welcome 2 Club XIII (ATO Records)
Fortunate Ones – English Harbour (Sonic Records)
S.G. Goodman – Teeth Marks (Verve Forecast Records)
Jack Klatt – Edge of the End (self-released)
Angel Olson – Big Time (Jagjaguwar Records)
The Redhill Valleys – Travel Well, Pt. 1 (self-released)
Michael Shaw – He Rode On (self-released)
Tedeschi Trucks Band – I Am The Moon: I. Crescent (Fantasy Records)
Wood Belly – Great Big Skies (self-released)
Ken Yates – Cerulean (self-released)

27 maggio
Steve Earle & The Dukes - Jerry Jeff (New West Records)
Wilco - Cruel Country (dBpm Records)
Hilary Hawke (Featuring Reed Stutz) – LilyGild (Pickin Chicken Records)
JD McPherson – Warm Covers EP, Vol. 2 (New West Records)
Laura Orshaw – Solitary Diamond (self-released)

20 maggio
Nitty Gritty Dirt Band - Dirt Does Dylan (self-released)
Mavis Staples and Levon Helm - Carry Me Home (Anti- Records)
Seth Walker - I Hope I Know (The Royal Potato Family)
Suzie Brown – Some See the Flowers (self-released)
Stephen Clair – To The Trees (self-released)
John Doe – Fables in a Foreign Land (Fat Possum)
Thomas Dollbaum – Wellswood (Big Legal Mess Records)
Fellow Pynins – Lady Mondegreen (self-released)
Michael McDermott – St. Paul’s Boulevard (Pauper Sky)
Grant Lee Phillips – All That You Can Dream (Yep Roc)
Jaelee Roberts – Something You Didn’t Count On (Mountain Home Music Company)
Mike Stevens – Breathe In The World Breathe Out Music (Stony Plain)
Cristina Vane – Make Myself Me Again (self-released)

13 maggio
Abbie Gardner - DobroSinger (self-released)
Lyle Lovett - 12th of June (Verve Records)
Delbert McClinton - Outdated Emotion (Hot Shot Records)
Reverend Shawn Amos – Hollywood Stories: Songs and Stories From the Family Tree (Immediate Family Records)
Joshua Dylan Balis – We’re On Fire (State Fair Records)
The Bros. Landreth – Come Morning (self-released)
Chain of Lakes – The Catch Album (self-released)
Steve Forbert – Moving Through America (Blue Rose Music)
49 Winchester – Fortune Favors the Bold (New West Records)
Linen Ray – On The Mend (self-released)
Christopher Lockett – At the Station (self-released)
Mama’s Broke – Narrow Line (Free Dirt)
Mr. Sun – Extrovert (Compass Records)
Lee Rogers – Gameblood (Zenith Café)
Jesse Smithers – Jesse Smithers (self-released)
Tray Wellington – Black Banjo (Mountain Home Music Company)

 

 



 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
Home page


 News   notizie, video, segnalazioni, classifiche


Video della settimana
: Courtney Marie Andrews - Loose Future

Il nuovo album 'Loose Future', in uscita per Fat Possum dal prossimo 7 ottobre.



-------------------------------------------------------------------------------------------------


:: Barry Gifford - 'Il mondo di Roy' dal prossimo 30 settembre in libreria per Jimenez edizioni

Torna il protagonista di Wyoming, il giovane Roy, in una raccolta di storie nelle quali piccoli episodi di vita quotidiana si trasformano in abbaglianti epifanie. Dal libro è stato tratto il film-documentario Roy’s World di Rob Christopher, con la partecipazione di Willem Dafoe, Matt Dillon e Lili Taylor.

Il mondo di Roy raccoglie i racconti brevi, a volte brevissimi, che Barry Gifford ha scritto nel corso di decenni, tutti con protagonista il giovane, irresistibile Roy, suo palese alter ego. Un bambino, poi adolescente, che si muove tra le strade di Chicago e d’America tra la fine degli anni Quaranta e l’inizio dei Sessanta, dipanando il ritratto di un tempo e di un luogo che non esistono più. Come nota l’autore: “Quel tempo e quei luoghi abitati da Roy possono essere scomparsi ma a me è stato lasciato il compito di salvare i ricordi, i sogni e le riflessioni”. Ragazzino apparentemente ingenuo ma invece acuto, con uno spirito romantico e uno spiccato senso dell’ironia, Roy vive tutto quello che gli capita di vivere, osserva tutto quello che gli riesce di osservare. Appassionato di film d’avventura, scrittore in erba e amante alle prime armi, è un giovane che vediamo crescere pagina dopo pagina e affrontare con onesta franchezza ciò che la vita ha da offrire a lui e ai suoi compagni di viaggio. Un manipolo di amici spaesati, una coppia di genitori separati, un carosello di personaggi indimenticabili: malavitosi, sbandati, reietti, prostitute, ballerine senza un soldo, casalinghe senza prospettive. Adulti che vivono ai margini della società e che finiscono per diventare i maestri di vita di Roy, in un mondo tempestoso e dal futuro incerto in cui tenta di non finire alla deriva. Il mondo di Roy è, a suo modo, il romanzo di formazione che Barry Gifford non ha mai scritto: una carrellata di diapositive piuttosto che un film, una storia che procede in modo ellittico, che mescola realtà e immaginazione e che dà forma, come in un sogno, a ricordi e desideri, speranze e paure, per tornare sempre lì dove solo la buona letteratura sa arrivare, nel cuore del personaggio e del lettore.

Barry Gifford è autore di oltre quaranta opere, tra romanzi, poesie, saggi e sceneggiature, tradotte in più di trenta lingue. È stato insignito del PEN America, ha ricevuto premi dal National Endowment for the Arts, dalla American Library Association, dal Writers Guild of America e dalla Christopher Isherwood Foundation. Tra i suoi lavori più noti in Italia: Cuore selvaggio (da cui nel 1990 il regista David Lynch ha tratto l’omonimo film, Palma d’oro al Festival di Cannes), Il padre fantasma, Jack’s book: una biografia narrata di Jack Kerouac, Port Tropique. Nelle edizioni Jimenez sono usciti i volumi Notti del Sud (2020) e Wyoming (2021), il romanzo breve che anticipa le avventure del piccolo Roy in viaggio con la madre per le strade d’America.

Fonte: Jimenez edizioni

--------------------------------------------------------------------------------------------------


:: Weyes Blood - in arrivo a novembre il nuovo album 'And In The Darkness, Hearts Aglow'

Venerdì 18 novembre 2022, Sub Pop pubblicherà il nuovo sorprendente full-length di Weyes Blood “And In The Darkness, Hearts Aglow”. Le dieci tracce dell'album sono state scritte da Natalie Mering dei Weyes Blood, con la produzione dell'album da parte della Mering insieme a Jonathan Rado per tutte le canzoni, ad eccezione di "A Given Thing", prodotta dalla Mering e da Rodaidh McDonald. L’album è stato mixato da Kenny Gilmore al 101 Studio, masterizzato da Emily Lazar e Chris Allgood al The Lodge e vede la partecipazione di Meg Duffy, Daniel Lopatin e Mary Lattimore. L'album è il seguito dell'acclamato Titanic Rising, il primo di tre album di una speciale trilogia. Laddove Titanic era un'osservazione del destino a venire, And In The Darkness, Hearts Aglow parla dell'essere nel pieno di esso: una ricerca di una via di fuga per liberarci dagli algoritmi e dal caos ideologico (spoiler alert: il prossimo sarà sulla "speranza"). "Siamo in uno spettacolo di merda perfettamente funzionante", dice Natalie Mering. "Il mio cuore è un bastoncino luminoso che si è rotto, illuminando il mio petto in un'esplosione di serietà". Il primo singolo del nuovo album, It's Not Just Me, It's Everybody, parla dell'interconnessione di tutti gli esseri, ma anche dello sgretolamento della società che ci circonda.

Weyes Blood ha anche annunciato l’In Holy Flux Tour, una tournée internazionale da headliner per la primavera del 2023 a supporto di And In The Darkness, Hearts Aglow. Le date nel Regno Unito e nell'Unione Europea inizieranno sabato 28 gennaio a Berlino al Festsaal Kreuzberg e termineranno martedì 14 febbraio a Brighton, Regno Unito, al CHALK. La tappa nordamericana inizierà mercoledì 22 febbraio a Nashville al Brooklyn Bowl e terminerà sabato 2 aprile a Tulsa alla Cain's Ballroom. I biglietti per questi spettacoli saranno messi in vendita venerdì 16 settembre. Il tour sarà preceduto da uno spettacolo da headliner al Theatre at The Ace Hotel di Los Angeles l'8 dicembre 2022.

fonte: Keezme

--------------------------------------------------------------------------------------------------


::
Don Antonio - dal 30 settembre 'Colorama', il nuovo album di Don Antonio and The Graces, colonna sonora della nuova serie Netflix "WANNA"

Colorama è il terzo capitolo dell'avventura di Don Antonio. Un disco che segna il ritorno del musicista romagnolo a una musica degli spazi, strumentale e cinematica. L’album uscirà in Italia il 30 Settembre su Santeria/Audioglobe. Dopo gli anni con Sacri Cuori, dopo innumerevoli collaborazioni internazionali, dopo l'avventura americana con Alejandro Escovedo (il loro The Crossing li ha portati anche al programma del mattino della CBS, al Tiny Desk, alla BBC e su Sirius), Colorama riporta tutto a casa. Composto e registrato dal vivo in studio, negli spazi del Crinale insieme a The Graces, duo toscano formato da Luca Giovacchini e Piero Perelli, Colorama è una collezione di 14 episodi la cui pubblicazione ha incontrato da subito una richiesta inattesa. Netflix ha, infatti, selezionato alcune delle musiche del disco come colonna sonora di Wanna, l'attesa docu-serie prodotta da Fremantle, che ricostruisce la storia della televenditrice più famosa d’Italia, disponibile su Netflix dal 21 settembre in Italia e in oltre 190 paesi. Inoltre, Don Antonio ha realizzato per Wanna anche le restanti musiche originali della serie..

L’album è composto da 13 brani strumentali e la canzone Cinque Minuti di Te è stata scelta come sigla della serie. Pensata come una canzone italiana degli anni '60, portata con un assetto da orchestrina da ballo, Cinque Minuti di Te è affidata alla voce di Daniela Peroni. Una canzone dolce eppure perturbata perfetta per ritrovarsi nella storia di luce e ombre di Wanna. Colorama – tuttavia - nasce e vive anche al di fuori dello schermo, ed è una mappa di colori e sfumature collezionate nel viaggio. Il taccuino degli appunti sonori ed emotivi di un musicista che come pochi altri in Italia, negli ultimi quindici anni ha portato la sua musica a spasso per i continenti e per i generi, mantenendo sempre una linea riconoscibile. Un modo di dipingere i panorami e gli stati d'animo che ripensa le soundtrack italiane classiche attingendo alle partiture contemporanee americane, e alla musica popolare dei Sud del Mondo. Colorama è un disco che risarcisce indirettamente anche lo spirito inquieto di questi anni recenti?. Anni in cui il viaggio è stato sovente sognato, vissuto come un miraggio. Colorama e' il diario multicolore di questo viaggio immaginato e infine ripreso, dipinto con le tinte di un sogno, a tratti dolce e a tratti inquieto.

Queste le parole di Don Antonio sul titolo dell’album: “Colorama è un lavoro che vive dell'essere suonato insieme, del dialogo naturale delle chitarre e delle percussioni, di un fare musica che si risveglia dopo il silenzio. Ritrovarmi di nuovo in una band stabile, a confronto costante con altri ha dato al disco un'energia particolare. Luminosa, e cromaticamente viva. Da qui il titolo”.

fonte: Keezme

--------------------------------------------------------------------------------------------------


:: Titus Andronicus -'The Will To Live', nuovo album per Merge il prossimo 30 settembre

Titus Andronicus sono una vera e propria istituzione rock americana, si sono formati nel New Jersey (come i grandi del rock USA) nel 2005 e ad oggi hanno pubblicato ben sette album dai toni punk rock. La band guidata da Patrick Stickles è unica nel suo negenre e nel corso degli anni ha pubblicato album per label di culto come XL e Merge, hanno suonato ovunque e sono seguiti da una ben nutrita fanbase. Il nuovo album dei Titus Andronicus è stato annunicato all'inizio dell'estate con i primi due singoli ‘Give Me Grief’ e ‘We’re Coming Back’

The Will to Live’ è un classico album in stile Titus Andronicus, pieno di incredibili anthem rock dalla chiara attitudine punk, brani veloci, melodici e capaci di acchiappare l’ascoltatore sin dalla prima nota. Questa è una band all'apice della propria carriera, professionale come poche e capace di raggiungere la perfezione pop con grandi pezzi punk rock. Come al solito la musica dei Titus Andronicus è un’anomalia rock all’interno del movinemto punk, con brani potenti e veloci capaci di durare anche sette minuti (come nel caso del nuovo singolo ‘An Anomaly’). Patrick Stickles dice di aver lavorato sul nuovo album pensando ai Titus come a degli ZZ TOP era Elinator che fanno cover dei Silver Jews.

fonte: Goodfellas

--------------------------------------------------------------------------------------------------


::
The Black Lips -‘Apocalypse Love’, disponibile dal 14 Ottobre per Fire records

I Black Lips annunciano l’uscita del nuovo album ‘Apocalypse Love’, disponibile dal 14 Ottobre per Fire. Ascolta il primo singolo ‘No Rave’.

Apocalypse Love è il decimo album per i Black Lips, la più atipica tra le indie-rock band in circolazione e tra le più creative di sempre. Il nuovo album come al solito è un magistrale cambio di rotta, sound e influenze per i ragazzi di Atlanta, Georgia. Se pensate di poter prevedere le goliardie sonore dei Black Lips siete in errore e con il nuovo album vi sorprenderanno con quello che tramite le parole della loro corista, cantante, sassofonista e musa Zumi Rosow definiscono “uno strano album dance, capace di riflettere il momento che il mondo sta vivendo”. ‘Apocalypse Love’ rappresenta lo stile Black Lips come mai prima, con un livello di pazzia incontrollata e psichedelia capace di chiamare in causa la Plastic Ono Band e i reverberi orchestrali di Morricone. “Ci sono tutte le influnze accumulate nel corso degli ultimi anni - afferma Jared Swilley. Che sia un pezzo elettronico o country, il tutto è filtrato attraverso di noi e c’è un modo distintivo in cui facciamo le cose, quindi ogni produzione ha il nostro marchio.” Cole Alexander, chitarrista dei Black Lips e carismatico sparring partner dell’altro membro orginale Jared Swilley ci tiene a precisare che tutti nella band scrivono i pezzi e che è proprio questo che ha permesso ai Black Lips di crescere nel tempo. I Black Lips sono appena entrati nel terzo decennio della loro carriera e con ‘Apocalypse Love’ non mostrano alcun segno di cedimento, anzi...

fonte: Goodfellas

--------------------------------------------------------------------------------------------------


:: ’A pistola lasciala, pigliami i cannoli - La storia definitiva della realizzazione di “Il Padrino” di Coppola, dal 2 settembre in libreria per Jimenez Edizioni

La storia di come è stato realizzato Il Padrino è drammatica, grottescamente divertente e poetica quanto il film stesso. Nel corso degli anni si sono accumulate le versioni più svariate sui tanti aspetti dell’impetuosa creazione del film, a vol - te contrastanti, sempre avvincenti. In questo volume Mark Seal passa al setaccio le informazioni e le prove, ha nuove, lunghe conversazioni con il regista Francis Ford Coppola e con diverse fonti finora taciute, e le completa con colorite interviste ai protagonisti, tra cui gli attori Al Pacino, James Caan, Talia Shire e altri, per scrivere la storia definitiva di uno dei più rappresentativi capolavori del cinema americano. Oltre alle complicazioni della produzione cinematografica, i creatori del Padrino si trovarono costretti a fare i conti con il reale protagonista del film (e con i suoi membri reali): la mafia. Durante la produzione, i permessi per le location furo- no inspiegabilmente revocati, l’autore Mario Puzo ebbe una (presunta) rissa pubblica con un irato Frank Sinatra, l’auto del produttore Al Ruddy fu trovata crivellata di colpi, uomini legati alla mafia fecero a gara per entrare nel cast, e ad alcuni di loro furono assegnate delle parti nel film. Come nota Seal, questo è il racconto di un film che “rivitalizzò Hollywood, salvò la Paramount Pictures, annunciò l’arri- vo di Francis Ford Coppola come uno dei grandi registi della nuova era del cinema, coniò una nuova generazione di star, rese ricchi lo sceneggiatore, il regista e il produttore, e scatenò una guerra tra due delle massime potenze d’America: gli squali di Hollywood e i soldati della mafia”.

MARK SEAL - Giornalista con una quarantennale carriera alle spalle, è entrato nella redazione di Vanity Fair nel 2003. Il suo articolo del 2016 “The Over the Hill Gang”, su una banda di ladri in pensione che ha messo a segno il più grande furto di gioielli della storia britanni- ca, è stato la base del film King of Thieves, con Michael Caine. Oltre a ’A pistola lasciala, pigliami i cannoli, è autore dei libri Wildflower e The Man in the Rockefeller Suit.

fonte: Jimenez edizioni

--------------------------------------------------------------------------------------------------


::
Matteo Torcinovich - '1977 - Don’t Call It Punk - Storia illustrata dell’anno che cambiò per sempre la musica' , dal 29 settembre in libreria

Disponibile dal 29 Settembre per Goodfellas edizioni, collana Spittle, '1977 Don't Call It Punk - Storia illustrata dell'anno che cambiò per sempre la musica', il nuovo volume curato e scritto da Matteo Torcinovich, esteta, ricercatore e tra i massimi esponenti di cultura punk nel nostro paese. Il 1977 è l’anno dell’enorme produttività del movimento punk, il periodo in cui si caratterizza come corrente giovanile di grande impatto musicale ed estetico con il suo epicentro a Londra. In questo libro il 1977 viene raccontato attraverso una dettagliata cronistoria che giorno dopo giorno ci ricorda i clamorosi eventi di cronaca - spesso gonfiati all’inverosimile dalla stampa scandalistica inglese, le innumerevoli uscite discografiche, i concerti, i libri, le fanzine e le recensioni dei principali giornali musicali anglosassoni.

La pubblicazione è un ricchissimo almanacco di immagini d’epoca arricchito da una raccolta di aneddoti generosamente raccontati all’autore Matteo Torcinovich da chi ha vissuto quell’epoca in prima persona, si tratta di musicisti, scrittori, fotografi come Gaye Black degli Adverts, il mitico fondatore del Roxy Club Andrew Czezowski, Anada Silva delle Raincoats, il fotografo Peter Gravelle, Lora Logic degli X-Ray Spex, il giornalista Kris Needs e molti molti altri ancora. “1977 - Don’t call it punk” è una ricerca e un approfondimento che guiderà il lettore nell'esplosivo mix artistico/musicale del 1977, teatro di variegate e contraddittorie meraviglie creative.

L’autore è un appassionato e onnivoro ricercatore di musica, in particolare di vinili e documenti relativi il movimento new wave e punk. Matteo Torcinovich è il co-fondatore del collettivo artistico Death Tricheco, grafico per la fanzine 'L’age D’Or' ed il mensile 'Jamais Bourgeois'. E’ autore dei libri 'Pics off! L’estetica della nuova onda punk ' (Nomos Edizioni, 2016), 'Buy or Die! The Residents + Ralph Records 1972-2016' (Goodfellas edizioni, 2017), 'Punkouture. Cucire una rivolta. 1976-1986' (Nomos Edizioni, 2019) e 'Grafika 80! Italian New Wave, Punk, Dark, Industrial' (Goodfellas edizioni,2020).

fonte: Goodfellas

--------------------------------------------------------------------------------------------------


:: Indigo Sparke - 'Hysteria’, disponibile dal 7 Ottobre per Sacred Bones.

Hysteria’ è il secondo album della cantautrice australiana per Sacred Bones, seguito dell’acclamato ‘Echo’ del 2021. Se l’esordio di Indigo era stato co-prodotto in compagnia di Adrianne Lenker dei Big Thief, il nuovo album rappresenta un balzo in avanti anche grazie all’ottimo lavoro in studio realizzato con la direzione di Aaron Dessner dei The National e Big Red Machine.

A proposito della registrazione del nuovo album Indigo Sparke racconta: “Ho avuto una forte sensazione intuitiva di voler fare questo album con Aaron Dessner. Ci eravamo già incontrati una volta a Eau Claire, così ho chiesto al mio manager di contattarlo. Quando ci siamo sentiti la prima volta, abbiamo parlato di co-scrivere da zero, avevo una grande cartella di demo ma ero nervosa a condividerli, ma dopo averli ascoltati mi ha detto: ‘C’è già così tanto su cui lavorare‘. Aaron è una persona incredibile, sentire la sua generosità e sentirlo al mio fianco è un vero dono“, continua l’artista. “Mi ci è voluto un po’ di tempo per abituarmi a un modo diverso di lavorare e per affidare la mia fiducia e il mio cuore a lui e alla sua visione, ma mi è sembrato così naturale e siamo diventati molto amici nel corso del processo“. “Ho iniziato a sentire le idee ascoltando la sua voce quasi subito - aggiunge Aaron Dessner. Ci siamo sentiti per telefono e abbiamo parlato a lungo. È stata incredibilmente aperta e gentile, e dal momento in cui abbiamo iniziato a lavorare è stata davvero fonte di ispirazione creativa. Ci si sente sempre come in uno strano miracolo quando nascono canzoni che si vogliono ascoltare in continuazione, e questo è stato sicuramente il caso del suo disco. Mi sembra coeso, senza tempo e ispirato in un modo che so che continuerò a riascoltare. Penso che la chimica sia giusta“. Per la realizzazione dell’album Indigo Sparke si è avvalsa della collaborazione di Shahzad Ismaily, collaboratore di lunga data, e del batterista Matt Barrick dei The Walkmen e dei Muzz.

fonte: Goodfellas

--------------------------------------------------------------------------------------------------

:: Vieux Farka Touré e Khruangbin - ‘Ali’ uscirà il 23 Settembre per Dead Oceanss.

Ali’ di Vieux Farka Touré e dei Khruangbin uscirà il 23 Settembre per Dead Oceans, anticipato dal primo estratto ‘Savanne’. I Khruangbin con Vieux, figlio del leggendario chitarrista Ali Farka Tourè, tributano il loro amore per una delle pricipali figure della scena musicale africana. Ali è stato un chitarrista e artista influente, noto per il suo blend capace di unire blues e lingue dei popoli songhai, tuareg, fula e bambara. Ali è noto per il desert blues che gli ha portata fama intenrazionale e riconosimenti internazionali come i Grammy Award, oltre ad una notorietà internazionale al tempo rara per i musicisti africani.

Il disco è un omaggio ad Alì, 8 tracce scelte della sua vasta discografia, riarrangiate e registrate per l’occasione dai Khruangbin e Vieux Farka Tourè. Il risultato è un’ode a una leggenda contemporanea, capace di ridare vita e traghettare verso il futuro gli immortali spartiti e testi di uno dei più grandi musicisiti degli ultimi 50 anni. ‘Alì’ uscirà il giorno dopo il Republic Day, festa nazionale commemorativa dell’indipendenza della Repubblica del Mali (22 Settembre 1960). Il primo singolo estratto ‘Savanne’ è il perfetto punto di ingresso per capire il lavoro dietro al tributo dei texani Khruangbin con Vieux Farka Tourè. Il ritmo è rilassato e gioiosamente ripetitivo, solo pochi accordi suonati alla chitarra con la voce roca di Vieux a farla da padrone.

fonte: Goodfellas

--------------------------------------------------------------------------------------------------


:: Nicola Gervasini - "Il Paradosso di Ippocrate", un nuovo thriller nel mondo dei medicina da WLM edizioni

E' in uscita da WLM Edizioni il nuovo romanzo noir di Nicola Gervasini (Rolling Vietnam, Musical 80) dedicato al mondo dei medici. La protagonista, Diana Palmieri, è una pediatra per vocazione e donna dalla condotta irreprensibile che viene coinvolta in una lotta all’ultimo sangue contro i poteri che governano il mondo ospedaliero. A mettere in crisi le sue certezze etiche e professionali sarà l’incontro con Andrea Barson, ambiguo manager di una azienda di medicali. Appassionato di musica grunge e con una ossessione per la cultura nipponica, Barson incarnerà tutta la profonda sete di giustizia di Diana, frustrata dall’impossibilità di svolgere il proprio lavoro al meglio a causa dell’incapacità e della corruzione del sistema decisionale della sanità. Christopher Boyle, l’AD di una multinazionale, manovra i fili dall’alto, killer professionisti inseguono, un’associazione segreta promette soluzioni a medici dediti alla causa. Il Paradosso di Ippocrate è un romanzo che si nutre delle contraddizioni tra missione del medico e mondo commerciale, universo femminile e maschile, adolescenza e maturità, amore e passione. E il lettore che si chiederà come si sarebbe comportato al posto di Diana, potrebbe scoprire di non essere più tanto sicuro delle proprie risposte.

Nicola Gervasini (Varese, 1972) ha scritto regolarmente di musica dal 1992 per varie testate e siti web di settore (Mucchio Selvaggio, Il Buscadero, Rootshighway, FilmTV, TomTomRock). Nel 2009 il suo racconto La Pistola ha ottenuto la Menzione Speciale della Critica al Concorso Quaderni Rock del MEI. Nel 2010 ha pubblicato Rolling Vietnam – Radio-grafia di una guerra (Pacini Editore), saggio storico vissuto tramite le canzoni che hanno raccontato la guerra del Vietnam. Nel 2017 esce Musical 80 (WLM) indagine del Commissario Manfredi nel mondo dei musical. Il paradosso di Ippocrate (WLM, 2022) è il suo secondo noir.

fonte: WLM/ Nicola Gervasini

--------------------------------------------------------------------------------------------------


:: Bonny Light Horseman- il nuovo album ‘Rolling Golden Holy’ dal prossimo 7 Ottobre per 37d03d Records

Il trio indie folk americano Bonny Light Horseman pubblicherà il nuovo album ‘Rolling Golden Holy’ il 7 Ottobre per 37d03d Records, label di proprietà di Aaron Dessner dei The National e Big Red Machine. Ascolta il primo singolo ‘California

Bonny Light Horseman sono Anaïs Mitchell, Eric D. Johnson degli Shins e Josh Kaufman dei The National, uno gruppi indie folk più interessanti usciti nel corso degli ultimi anni. Con il loro esordio i Bonny Light Horseman aveva ricevuto due nomination ai Grammy del 2020 come Best Folk Album e Best American Roots Performance per il brano ‘Deep in Love’.

Il nuovo album ‘Rolling Golden Holy’ è stato prodotto da Josh Kaufman, che parlando del disco racconta: “Il nostro esordio era incentrato sul vecchio mondo, l’Inghilterra e gli states delle prime città dell’Est. Il nuovo album ha un soggetto differente, ne è un esempio ‘California’, la nostra prima canzone in stile West Coast. E’ un brano triste, una storia che parla di radici tagliate e un nuovo indizio, di sveglie mattutine e lunghi viaggi cavalcando verso l’alba e non il tramonto.”

fonte: Goodfellas

--------------------------------------------------------------------------------------------------


:: Yeah Yeah Yeahs - 'Cool It Down’, in uscita il 30 Settembre per Secretly Canadian.

A quasi 10 anni dal loro ultimo disco gli Yeah Yeah Yeahs tornano con ‘Cool It Down’, in uscita il 30 Settembre per Secretly Canadian. Guarda il video del primo singolo ‘Spitting Off The Edge’ feat. Perfume Genius

Gli otto brani di ‘Cool It Down’ sono un perfetto distillato di quello che i fan si aspettano da un nuovo album degli Yeah Yeah Yeahs. Il primo estratto, ‘Spitting Off the Edge of the World’, è stato registrato con la partecipazione di Perfume Genius e prodotto da Dave Sitek. Perfume Genius oltre a cantare con Karen sul brano è presente anche nel video, nel ruolo di angelo vendicatore che guida una limousine. Il video è stato diretto dal creativo e collaboratore di lunga data degli YYY Cody Critcheloe (aka Ssion), che aveva disegnato l’iconografica copertina del loro esordio e diretto lo sfavillante video di ‘Queen’ di Perfume Genius. Sempre parlando del video Karen afferma: “Cody, ha superato le aspettative e ci ha regalato il nostro ‘November Rain’. Lo spirito degli YYY è vivo e vegeto attraverso gli occhi di Cody Critcheloe. La limousine customizzata Yeahs del video è in gran parte opera sua, alimentata dal suo amore per la band.” “Il disco si chiama 'Cool It Down' ed è tratto da una canzone meno conosciuta dei Velvet Underground. Ho detto ad Alex Prager, la cui foto abbellisce la copertina del disco, che la sua immagine parla di temi importanti nella musica e riassume come mi sento esistenzialmente in questi tempi!”.

fonte: Goodfellas

--------------------------------------------------------------------------------------------------


:: Courtney Marie Andrews - 'Loose Future' dal prossimo 7 Ottobre per Fat Possum

'Loose Future' di Courtney Marie Andrews, giovane eroina del folk americano, uscirà il 7 Ottobre per Fat Possum. Ascolta il primo singolo ‘Satellite’. La giovane musicista dell’Arizona è stata nominate al Grammy Award per Best Americana Album per il suo ultimo album ‘Old Flowers’.

Il singolo ‘Satellite’ è il primo tassello della svolta di Courtney Marie Andrews, sempre vicina nello spirito alla tradizione dell’Americana e del folk da "american songbook" ma diretta verso i lidi del pop rock contemporaneo, per intenderci quello fatto di arrangiamenti coraggiosi, avanguardia e intelligenza che abbiamo imparato a conoscere grazie a Sharon Van Etten, Angel Olsen, Weyes Blood e Cate Le Bon. La nuova Courtney Marie Andrews non disdegna l’uso dei synth, i filtri vocali e i riverberi di chitarra, ma restando se stessa, ovvero quella grande promessa del folk rock americano nominata ai Grammy per Best Americana Album nel 2020. Courtney ha regiìstrato e prodotto il nuovo album presso gli Evian’s Flying Cloud Recordings studio di Sam Evian sulle Catskill Mountains, stesso produttore e studio di Big Thief, Cassandra Jenkins e Anna Burch. Nel disco sono presenti contributi di Chris Bear dei Grizzly Bear e Josh Kaufman dei Bonnie Light Horseman.

fonte: Goodfellas






info@rootshighway.it