:: Menù
 



RootsHighway è membro ufficiale della Euro Americana Chart, la classifica dei dj e giornalisti europei

Euro Americana Chart
[aprile 2017]

1. Rodney Crowell - Close Ties
2. Rhiannon Giddens - Freedom Highway
3. Nathan Bell - Love > Fear
4. Carrie Elkin - The Penny Collector
5. Nikki Lane - Highway Queen
6. Matt Haeck - Late Bloomer
7. Lynne Hanson - Uneven Ground
8. Drew Holcomb & The Neighbors - Souvenir
9. Tim O'Brien - Where the River Meets the Road
10. Allison Krauss - Windy City Capitol

La classifica completa:
euroamericanachart.eu

 
 

IN USCITA: scorri l'elenco delle prossime uscite discografiche in campo Americana/ Roots/ Indie:

7 aprile
Cory Branan - Adios (Bloodshot Records)
Malcolm Holcombe - Pretty Little Troubles (Gypsy Eyes Music)
Andrew Combs – Canyons Of My Mind (New West Records)
Front Country – Other Love Songs (Organic Records)
Joshua James – My Spirit Sister (self released)
Imelda May – Life Love Flesh Blood (Verve Int’l)
Mipso – Coming Down The Mountain (self released)
Jeb Loy Nichols – Country Hustle (Inkind Music)
Darden Smith – Everything (Compass Records)
Various Artists – Outlaw: Celebrating the Music of Waylon Jennings (Sony Legacy Records)
The Whiskey Gentry – Dead Ringer (Pitch-A-Tent Records)
The Wild Reeds – The World We Built (Dualtone Music)

31 marzo
Rodney Crowell - Close Ties (New West Records)
Tim O’Brien - Where The River Meets The Road (Howdy Skies Records)
Timothy Seth Avett as Darling – IV (Ramseur Records)
Bob Dylan – Triplicate (Columbia Records)
Jake Xerxes Fussell – What in the Natural World (Paradise of Bachelors)
Lawson & Williams – Chapter 3 (Mountain Home Recording Company)
Aimee Mann – Mental Illness (Super Ego Records)
The Mavericks – Brand New Day (Mono Mundo Recordings)
David Olney – Don’t Try To Fight It (Red Parlor Records)
James Talley – Tryin’ Like The Devil – 1976 – 2016 (Cimarron Records)
Matt Urmy – Out of the Ashes (Tritone Media/Dualtone Records)

24 marzo
Jessi Colter - The Psalms (Sony Legacy Recordings)
Peter Mulvey - Are You Listening? (Righteous Babe Records)
Sera Cahoone – From Where I Started (Lady Muleskinner Records)
Samantha Crain – You Had Me at Goodbye (Ramseur Records)
Johnny Flynn – Sillion (Transgressive Records)
Ruthie Foster – Joy Comes Back (Blue Corn Music)
Drew Holcomb & The Neighbors – Souvenir (Magnolia Music)
Bridget Kearney – Won’t Let You Down (Signature Sounds)
Rich Minus – This Son Is a Stranger to You (Saustex Records)
Lindi Ortega – Til the Goin’ Gets Gone (Soundly Music)

17 marzo
Quiles & Cloud - Shake Me Now (Compass Records)
Samantha Fish – Chills & Fever (Ruf Records)
Rich Minus – This Son Is a Stranger to You (Saustex Records)
Lindi Ortega – Til the Goin’ Gets Gone (Soundly Music)
Tedeschi Trucks Band – Live From The Fox Oakland (Fantasy Records)

10 marzo
Valerie June - The Order Of Time (Concord Records)
Marty Stuart and the Fabulous Superlatives - Way Out West (Superlatone Records)
Sunny Sweeney - Trophy (Aunt Daddy Records)
Pieta Brown – Postcards (independent)
Amelia Curran – Watershed (Six Shooter Records)
Greg Graffin – Millport (Anti- Records)
Ha Ha Tonka – Heart-Shaped Mountain (Bloodshot Records)
Hurray for the Riff Raff – The Navigator (ATO Records)
K Phillips – Dirty Wonder (Rock Ridge Music)
Bill Scorzari – Through These Waves (independent)
Snyder Family Band – The Life We Know (Mountain Home Music Company)
Taarka – Fading Mystery (independent)

3 marzo
Noam Pikelny - Universal Favorite (Rounder Records)
The Reverend Peyton’s Big Damn Band - Front Porch Sessions (Family Owned Records)
Bombadil – Fences (Ramseur Records)
Guy Clark – The Best of the Dualtone Years (Dualtone Records)
Colin Hay – Fierce Mercy (Compass Records)
Ashley Riley – Can’t Let You Go (Riled Up Records)
The Kernal – Light Country (Single Lock Records)

24 febbraio
Rhiannon Giddens - Freedom Highway (Nonesuch Records)
The Old 97’s - Graveyard Whistling (ATO Records)
Scott H. Biram – The Bad Testament (Bloodshot Records)
Charlie and The Regrets – Rivers in the Street (independent)
Chris Eldridge & Julian Lage – Mount Royal (Free Dirt Records)
Ry Cooder – Live at the Bottom Line ’74 (Rox Vox Records)
Frontier Ruckus –Enter the Kingdom (independent)
Dan Hicks & His Hot Licks – Greatest Licks – I Feel Like Singin’ (Surfdog Records)
Shinyribs – I Got Your Medicine (Mustard Lid Records)
Southern Avenue – Southern Avenue (Stax Records)
Wesley Stace – Wesley Stace’s John Wesley Harding (Yep Roc Records)
Ralph Stanley – The Bottom Line Archive (The Bottom Line Record Company)
Jaime Wyatt – Felony Blues (Forty Below Records)

17 febbraio
Alison Krauss - Windy City (Capitol Records)
Son Volt - Notes of Blue (Transit Sound)
Ryan Adams – Prisoner (Blue Note Records)
Blair Crimmins – You Gotta Sell Something! (New Rag Records)
The Gibson Brothers – In the Ground (Rounder Records)
Nikki Lane – Highway Queen (New West Records)
Bill & Joel Plaskett – Solidarity (independent)
Robert Randolph and The Family Band – Got Soul (Sony Music)
Chip Taylor – A Song I Can Live With (Trainwreck Records)
Pegi Young & The Survivors – Raw (self released)

10 febbraio
Sallie Ford - Soul Sick (Vanguard/Concord Records)
The Sadies - Northern Passages (Yep Roc Records)
Darin and Brooke Aldridge – Faster And Farther (Mountain Home Music Company)
Old Crow Medicine Show – Best Of Old Crow Medicine Show (Nettwerk Records)
Chuck Prophet – Bobby Fuller Died For Your Sins (Yep Roc Records)
Romantica – Shadowlands (Last Chance Records)



 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
Home page

 News   notizie, video, segnalazioni, classifiche


Video della settimana:
The Afghan Whigs - Demon In Profile



-----------------------------------------------------------------------------------------


:: ROUTE 61 MUSIC aderisce al Record Store Day: Elliott Murphy e Graziano Romani

Due eccezionali prodotti in vinile anticipano le uscite primaverili dell'etichetta in occasione del decennale della giornata dedicata ai negozi di dischi indipendenti (22 aprile).

CHELSEA BOOTS
è il nuovo singolo di ELLIOTT MURPHY, il suo primo 45 giri dagli anni Ottanta. La canzone anticipa l'album PRODIGAL SON, la prima raccolta di canzoni nuove dell'artista newyorchese da tre anni a questa parte. Sul retro di Chelsea Boots, in questo prodotto realizzato esclusivamente per il mercato italiano, è presente Poetic Justice Theme, una composizione mai pubblicata prima su cd o vinile che l'autore ha utilizzato per accompagnare un racconto ispirato dai film di Sergio Leone e che non si troverà sul nuovo album. Murphy torna a incidere per Route 61 Music a due anni di distanza da Aquashow Revisited.

LIFT ME UP
è la reinterpretazione che GRAZIANO ROMANI offre di un brano che Bruce Springsteen compose nel 1999 per il film Limbo di John Sayles. La canzone anticipa il cd SOUL CRUSADER AGAIN, che vede l'artista emiliano tornare ad omaggiare con dodici brani una delle sue principali influenze a sedici anni dal fortunatissimo Soul Crusader (2001). Il lato B di questo 45 giri è occupato da un brano tratto dalle session di Soul Crusader Again ma preservato per questo singolo e non reperibile altrove. "When the Lights Go Out" è una composizione nota per essere stata presentata da Springsteen durante i famosi concerti per il Christic Institute nel 1990. I nuovi dischi di Elliott Murphy e Graziano Romani verranno pubblicati il 19 maggio prossimo e sono distribuiti, come tutto il catalogo Route 61, da BTF..

fonte: Route 61 Music

----------------------------------------------------------------------------------------


:: Don Bryant: il soulman torna sulle scene con il nuovo album ‘Don’t Give Up On Love’, dal 12 maggio per Fat Possum

Don Bryant è uno degli ultimi soul man rimasti in circolazione, una delle voci più rappresentative e tra i massimi esponenti della scena di Memphis. La sua carriera è iniziata negli anni '60 sotto l'ala protettrice di Willie Mitchell ed è proseguita con successo grazie al lavoro svolto come compositore e arrangiatore per la celebre Hi Records, label che negli anni '70 ha pubblicato i dischi di maggiore successo di Al Green. Grazie al supporto di Willie Mitchell Don ha collaborato con artisti del calibro di Solomon Burke, Albert King ed Etta James, ma solo dopo l'incontro con la futura compagna di vita Ann Peebles la sua carriera ha fatto il salto meritato. Don e Ann hanno scritto insieme la celeberrima 'I Can't Stand The Rain' e altri successi, iniziando con lei un rapporto professionale e sentimentale che dura ancora oggi.

'Don't Give Up On Love' è il primo album da solista di Don Bryant in 25 anni, il ritorno di uno dei più grandi autori della musica americana. L'album è stato registrato in una arco di 5 anni presso i celebri Bomar's Electraphonic Recording Studio di Memphis con una squadra di musicisti che vanta leggende della scena soul come Charles Hodges (organo), Archie “Hubbie” Turner (tastiere), Howard Grimes (batteria), Joe Restivo (chitarra), Scott Bomar (basso) e Marc Franklin e Art Edmaiston ai fiati, entrambi della Gregg Allman Band. L’album è stato prodotto da Scott Bomar e Bruce Watson. Il nuovo disco di Don Bryant è una dedica d'amore aalla moglie Ann Peebles, compagna di vita che ha da poco deciso di lasciare le scene per riposarsi dopo anni passati on the road con il marito. I dieci brani di 'Don't give Up on Love' si dividono tra classici del blues come ‘A Nickel and a Nail’ e inediti scritti appositamente per il nuovo album, tra cui spicca la perfezione soul del primo singolo 'How Do I Get There?'. Don non è solo uno grande compositore ma anche un cantante di smisurato talento, capace di ridare vita a l'inconfondibile stile soul che ha contribuito a creare negli anni passati in studio e in tour.

Il video di ‘How Do I Get There?’, primo singolo del nuovo album di Don Bryant, è stato girato presso il Clayborn Temple, chiesa storica di Memphis, celebre per i discorsi di Martin Luther King e luogo di culto del Movimento dei Diritti Civili.

https://www.youtube.com/watch?v=nxBbYROWVPY

fonte: Goodfellas

----------------------------------------------------------------------------------------


:: John Moreland: Big Bad Luv, primo album su 4AD, il uscita il 5 maggio 2017

Il nuovo album di John Moreland è un’esperienza onesta e cruda. Un bel disco sull’amore, la fede e la condizione umana. Big Bad Luv è il quarto album di John e anche il suo debutto su etichetta 4AD. Originario di Tulsa, Oklahoma, John è un compositore acuto e prodigioso e dal 2011 ha principalmente pubblicato album autoprodotti. A giocare un ruolo altrettanto cruciale nella sua carriera sono state le sue magnetiche esibizioni soliste (fra cui il suo debutto televisivo al The Late Show with Stephen Colbert dello scorso anno), che grazie al passa parola hanno contribuito a creare un vero e proprio fenomeno. Big Bad Luv è stato registrato a Little Rock in Arkansas insieme ad un gruppo di amici di Tulsa: John Calvin Abney (piano e chitarra), Aaron Boehler (basso), Paddy Ryan (batteria), Jared Tyler (dobro) e Rick Steff dei Lucero (pianoforte). Registrato in oltre dieci mesi, durante tre sessioni intervallate da gite turistiche e vita quotidiana, l'ultimo album è stato poi mixato da Tchad Blake (vincitore di diversi Grammy Award) che ha lavorato con artisti leggendari come Al Green e Tom Waits.

In anteprima il primo brano It Don’t Suit Me (Like Before):
www.youtube.com/watch?v=UKTsPKs0www

fonte: Spingo

----------------------------------------------------------------------------------------


:: "The ROLLING STONES 1961-2016 - La storia, i dischi e i grandi live" di Massimo Bonanno in uscita per VoloLibero

Partiti dagli scantinati di Londra i Rolling Stones sono diventati icone mondiali: colonna sonora di intere generazioni che hanno sognato, amato, pianto e riso con i loro indimenticabili riff. In questo volume Massimo Bonanno, già autore di altre pubblicazioni internazionali sulla band, racconta i Rolling Stones dagli esordi ai giorni nostri, senza tralasciare nulla: demo, concerti, album, bootleg, scandali, rumors, curiosità, arresti, business, rarità per collezionisti e trasgressioni. Grazie a un rapporto diretto con Andrew Loog Oldham, primo produttore del gruppo, e con Philip Townsend, lo storico fotografo dei primi anni Sessanta, Bonanno ha ricostruito, con precisione e cura dei dettagli, la vita della band.. La storia viene percorsa partendo dagli incontri tra i vari membri. A scandirne il percorso ci sono i loro dischi raccontati uno ad uno ed inquadrati nell'evoluzione e storia della formazione di Jagger e soci arrivando sino al loro ultimo album “Blue e Lonesome” del 2016 con cui ritornano alle radici blues. Ma i dischi sono solo una parte della narrazione; Bonanno infatti prende in considerazione anche i concerti, sia quelli singoli più significativi come i grandi tour mondiali che fanno parte della storia e della cultura delle “Pietre Rotolanti”. Un viaggio nell'universo Rolling Stones dai primi anni, in cui crearono il loro mito, ad oggi con i giorni dei tour mondiali faraonici e del business più estremo.

Massimo Bonanno è l'autore di The Rolling Stones Chronicle pubblicato in Inghilterra per Plexus Publishing, Henry Holt in America, Angus & Robertson in Australia e Nuova Zelanda, Shinko Music in Giappone e Ramsay in Francia. Il volume è uscito in seguito in altre edizioni tradotto in molte lingue. Nato a Genova, abbandona la città nrgli anni Ottanta e si trasferisce a Londra dove dà gli ultimi ritocchi al suo primo libro sugli Stones e inizia a lavorare al romanzo Feeling Old Feelings, un thriller ambientato nel mondo del rock e dei media. Massimo ha seguito da vicino i Rolling Stones dalla metà degli anni Sessanta, ed è stato incaricato dal loro sito ufficiale di curare la parte inerente gli archivi delle tournées e dei concerti della band. Suona la batteria in una blues band.

fonte: VoloLibero edizioni

----------------------------------------------------------------------------------------


:: Bob Marley in This Life: il 9 febbraio in libreria per Chinaski editore

In uscita il 9 febbraio per Chinaski Bob Marley in This Life uno dei libri più completi su Bob Marley mai realizzati in Italia. Attraverso la raccolta e traduzione di gran parte delle interviste rilasciate da Bob Marley nel corso della sua vita, questo libro è una sorta di prima autobiografia della più grande star del Terzo Mondo. Bob ci parla del suo credo, delle sue convinzioni, del grande messaggio di pace e amore che ne ha fatto una delle poche autentiche leggende del ventesimo secolo. Ma ci racconta anche il lato più privato della sua vita, i ricordi d’infanzia, il forte legame con la terra, la musica e il calcio. Nella seconda parte del libro è invece lo scrittore F.T.Sandman a parlare, tracciando le origini del culto Rastafari, la nascita della musica reggae, la controversa figura del Ras Tafari, Hailé Selassié, e le carriere dei tanti figli avuti da Bob Marley. Con la collaborazione di Bunna (Africa Unite), Alberto Castelli, Bob Marley Magazine e il contributo di alcuni celebri musicisti (Alborosie, Manu Chao, Michael Franti, Piotta, David Rodigan, Raphael, Jaca, Alpha Blondy e tanti altri) che svelano cosa abbia rappresentato l’artista giamaicano nella loro vita e nella loro musica.

A proposito dell’autore: Federico Traversa aka F.T. Sandman (Genova 1975), si occupa da anni di musica e questioni sociali. Co-fondatore di Chinaski Edizioni, come scrittore è riuscito in pochi anni a collaborare e scrivere libri di successo con molti rappresentanti noti della controcultura (Don Gallo,Tonino Carotone, Africa Unite), senza tralasciare le tematiche di quelli che stanno laggiù, in fondo alla la. È un grande, grandissimo appassionato di reggae.

fonte: Chinaski editore

----------------------------------------------------------------------------------------


:: Spiral Stairs, il nuovo album Doris and The Daggers uscirà il 24 marzo

Sono passati otto anni dall’ultimo album di Scott Kannberg, aka Spiral Stairs (membro fondatore dei Pavement e dei Preston School of Industry). Oggi, Spiral Stairs annuncia l’uscita del suo secondo album “Doris and the Duggers” prevista per 24 marzo 2017 su Domino, distribuzione Self. E’ valsa la pena di aspettare, “Doris and the Duggers” è la musica più personale ed emozionante che Kannberg abbia mai scritto riflettendo i cambiamenti di vita che si sono verificati in questi otto anni. In questo periodo Scott è stato segnato dalla perdita degli amici, ha fatto tesoro delle gioie della paternità, ha vissuto come un vero australiano e ha anche mangiato l’haggis.

Tutte esperienze che hanno contribuito a rendere le nuove canzoni particolarmente calde, dolcemente melodiche e profondamente oneste. The Real Feel, il primo album come Spiral Stairs è uscito nel 2009, proprio quando i Pavement annunciarono una serie di concerti per la riunion. Dopo questi show Scott e sua moglie si trasferirono a Brisbane, in Australia, dove cominciarono una semplice vita familiare. Trasferitosi a Los Angeles, l’idea originale per il nuovo album era di andare agli Orbit Studios di Seattle e "registrare il tutto in una settimana, come ai vecchi tempi". Poi, un mese prima del viaggio, Scott ricevette una notizia di straziante: Darius Minwalla, che aveva suonato la batteria con i Preston School of Industry e in The Real Feel e che avrebbe dovuto partecipare alle session di Seattle, era morto improvvisamente nel sonno. Scott fu profondamente scosso dalla notizia e passarono altri tre mesi prima che si sentisse pronto per entrare in studio. A questo punto l’album era cambiato, le canzoni erano maturate nel frattempo, diventando più lunghe e più emotive.

Dopo la morte di Darius, Scott trascorse del tempo a San Francisco con l’amico cantautore Kelley Stoltz confrontandosi con lui su varie idee. “La sua influenza ha dato all’album una direzione completamente diversa” Invece che durante il blitz di una settimana in studio, “Doris and the Duggers” è stato registrato nel corso di diverse brevi session agli Exactamundo Studios di Eagle Rock, California, con Matt Harris al basso e Justin Peroff (Broken Social Scene) alla batteria. Il trio ha inciso 30 canzoni in tutto e alcuni musicisti, amici intimi di Scott, hanno contribuito in modo fondamentale all’album. Mentre Kevin Drew, anche lui nei Broken Social Scene, canta in ‘Emoshuns’, Matt Berninger dei The National canta in ‘Exiled Tonight’ e la chitarra di Kelley Stoltz accompagna l’estiva 'AWM'.

fonte: spin-go

----------------------------------------------------------------------------------------


:: Jeses & Mary Chain al Pistoia Blue Festival 2017

Nell’anno di Pistoia Capitale Italiana della Cultura, ecco rivelato il primo artista internazionale della 38esima edizione del Pistoia Blues Festival 2017: saranno i Jesus And Mary Chain dei fratelli Reid a salire sul palco di Piazza Duomo il prossimo 7 luglio. La band cult degli anni Ottanta, che con il loro stile e la loro musica ha rivoluzionato la scena musicale di un’intera generazione, ha annunciato un nuovo album di inediti intitolato “Damage & Joy” in uscita il 24 Marzo 2017 anticipato dal singolo “Amputation” tramite l’etichetta Creation Records, la stessa che li lanciò nel lontano 1984.

Il nuovo disco, a cui seguirà un tour mondiale tra cui la data italiana del Pistoia Blues, arriva a 19 anni dall’uscita del loro ultimo album “Munki” e si tratta del settimo album in studio per la band scozzese che scosse gli anni 80 con il loro atteggiamento sempre in guerra con il mondo, gli abiti scuri, il sound noise/pop, diventando una vera e propria icona di stile. Punto di riferimento della scena musicale londinese post Sex Pistols, ispirati a The Stooges e Velvet Underground, la band ha dato vita a un nuovo genere musicale, lo shoegaze, diventando punto di riferimento di artisti come My Bloody Valentine e Slowdive. Con la pubblicazione nel 1985 di “Psychocandy”, loro album d’esordio, The Jesus and Mary Chain diventano presto i beniamini della stampa inglese: un disco cult nel mondo dell’alternative rock britannico che ha cambiato la storia della musica. La band, originaria di Glasgow, viene fondata dai fratelli William e Jim Reid (chitarrista e cantante) nel 1984. Ben presto i due si trasferiscono a Londra dove vengono immediatamente notati da Alan McGee, dalla Creation Records e da Bobby Gillespie, cantante dei Primal Scream, che si unisce alla band come batterista per il primo singolo “Upside Down”. “Psychocandy” ha generato classici come “Just Like Honey“ e “Some Candy Talking”. Con sei album in studio all’attivo, nel 1999 la band si scioglie a causa delle forti tensioni fra i due fratelli. La band si riunisce però nel 2007 per un memorabile e ormai leggendario live set al Coachella Festival, durante il quale Scarlett Johansson, loro grande fan, raggiunge la band sul palco per “Just Like Honey”. L’anno scorso, dopo un trionfale tour di festeggiamento per il trentennale del loro album “Psychocandy” arrivano le conferme di uscita di un nuovo disco di inediti per il 2017.

I biglietti per il concerto dei Jesus And Mary Chian il 7 luglio 2017 saranno in vendita dalle ore 11:00 di venerdì 13 gennaio su www.ticketone.it, www.boxofficetoscana.it al prezzo di 30€ +dp, 35€+dp la gradinata numerata.
Info: www.pistoiablues.com | facebook.com/pistoiablues | twitter.com/pistoia_blues.

fonte: davvero comunicazione




info@rootshighway.it