:: Menù
 



RootsHighway è membro ufficiale della Euro Americana Chart, la classifica dei dj e giornalisti europei

Euro Americana Chart
[ottobre 2017]

1. Chris Hillman - Bidin' My Time
2. JW Roy & The Royal Family - A Room Full Of Strangers
3. Jolie Holland & Samantha Parton - Wildflower Blues
4. Eilen Jewell - Down Hearted Blues
5. Chris Blevins - Better than Alone
6. David Rawlings - Poor David's Almanack
7. The Roseline - Blood King
8. Hiss Golden Messenger - Hallelujah Anyhow
9. Susto - & I Am Fine Today
10. Amber Cross - Savage on the Downhill

La classifica completa:
euroamericanachart.eu

 
 

IN USCITA: scorri l'elenco delle prossime uscite discografiche in campo Americana/ Roots/ Indie:

3 novembre
Scott Miller – Ladies Auxiliary (F.A.Y. Recordings)
Samantha Fish - Belle of the West (Ruf Records)
Big Head Todd and The Monsters – New World Arisin’ (Big Records)
Jim Byrnes – Long Hot Summer Nights (Black Hen Music)
The Contenders – Laughing with the Reckless (Rock Ridge Music)
Boris McCutcheon – I’m Here Let Me In (independent)
The Ribeye Brothers – All Hat, No Cattle (MainMan Records)

27 ottobre
The Wailin’ Jennys - Fifteen (Red House Records)
Lee Ann Womack - The Lonely, The Lonesome & The Gone (ATO Records)
Billy Burnette – Crazy Like Me (Rock & Roll With It Records)
Peter Case – On The Way Downtown: Recorded Live on Folkscene (Omnivore Recordings)
Chamomile & Whiskey – Sweet Afton (independent)
The Deep Dark Woods – Yarrow (Six Shooter Records)
Ronnie Fauss – Last Of The True (Normaltown Records)
Joe Henry – Thrum (earMUSIC)
Mile Twelve – Onwards (independent)
Thor Platter – Take Time (independent)
Various Artists – The Life & Songs of Kris Kristofferson (Blackbird Production Partners)

20 ottobre
Dori Freeman - Letters Never Read (Blue Hens Music)
Margo Price - All American Made (Third Man Records)
Bob Bradshaw – American Echoes (Fluke Records)
Bela Fleck and Abigail Washburn – Echo In The Valley (Rounder Records)
Monocle Band – The Clearing (independent)
Porter and The Bluebonnet Rattlesnakes – Don’t Go Baby It’s Gonna Get Weird Without You (Cornelius Chapel Records)
Nora Jane Struthers – Champion (independent)
Turnpike Troubadours – A Long Way From Your Heart (Bossier City Records)
Dan Tyminski – Southern Gothic (Mercury Nashville)

13 ottobre
Derek Hoke - Bring the Flood (Little Hollywood Records)
The Barr Brothers – Queens of the Breakers (Secret City Records)
Joshua Davis – The Way Back Home (Soundly Music)
Kevin Fisher – Beer Me (37 Records)
Jackie Greene – The Modern Lives Vol. 1 (Blue Rose Music)
Ryan Koenig – Two Different Worlds (Big Muddy Records)
Lydia Loveless – Boy Crazy and Single(s) (Bloodshot Records)
Jeffrey Martin – One Go Around (Fluff & Gravy Records)
Masontown – In This Time (self released)
Travis Meadows – First Cigarette (Blaster Records)
Matt Patershuk – Same As I Ever Have Been (Black Hen Music)

6 ottobre
Gill Landry - Love Rides A Dark Horse (ATO Records)
Whitney Rose - Rule 62 (Six Shooter Records)
Bill Carter – Bill Carter (Forty Below Records)
Laura Cortese & The Dance Cards – California Calling (Compass Records)
Ren Geisick – Ren, Love Song (independent)
Thomm Jutz – Crazy If You Let It (Mountain Fever Records)
JD McPherson – Undivided Heart & Soul (New West Records)
Silver Torches – Let It Be a Dream (independent)
The White Buffalo – Darkest Darks, Lightest Lights (Unison Music Group)
The Roseline – Blood (King Forward Records)

29 settembre
Lucinda Williams - This Sweet Old World (Highway 20 Records)
Flatt Lonesome – Silence In These Walls (Mountain Home Music Company)
Lazer Lloyd – Freedom’s Child (Lots of Love Records)
Sarah Lou Richards – Someone Who Gets Me (independent)
Ana Tivel – Small Believer (Fluff and Gravy Records)
Fred Wickham – Mariosa Delta (Thirty Days Records)

22 settembre
Chris Hillman - Bidin’ My Time (New Rounder Records)
Eilen Jewell - Down Hearted Blues (Signature Sounds Recordings)
Jon Langford - Four Lost Souls (Bloodshot Records)
Kris Delmhorst – The Wild (Blue Blade Records)
Max Gomez – Me & Joe (Brigadoon Records)
Hiss Golden Messenger – Hallelujah Anyhow (Merge Records)
Christian Lopez – Red Arrow (Blaster Records)
Steve Martin with The Steep Canyon Rangers – “The Long-Awaited Album” (Rounder Records)
Van Morrison – Roll With The Punches (Caroline International)
Josh Ritter – Gathering (Pytheas Recordings)
Leon Russell – On a Distant Shore (Palmetto Records)
Stephen Stills & Judy Collins – Everybody Knows (Wildflower Records)
Billy Strings – Turmoil & Tinfoil (Apostol Recording Company)
Various Artists – Swampland Jewels (Yep Roc Records)
Various Artists – Woody Guthrie: The Tribute Concerts (Bear Family Records)

15 settembre
Larry Campbell & Teresa Williams - Contraband Love (Red House Records)
Radney Foster - For You to See the Stars (Devil’s River Records)
The Paula Boggs Band – Elixir – The Soulgrass Sessions (Boggs Media LLC)
Bruce Cockburn – Bone On Bone (True North Records)
Deer Tick – Deer Tick, Vol. 1, Deer Tick, Vol. 2 (Partisan Records)
Flatland Tourists – Carry Me Home (Little King Records)
Dennis Johnson & The Mississippi Ramblers – Rhythmland (Root Tone Records)
The Lil’ Smokies – Changing Shades (independent)
The Texas Gentlemen – TX Jelly (New West Records)
Willie Watson – Folksinger Vol. 2 (Acony Records)
Sunday Wilde & Reno Jack – Two (Hwy 11 Records)
Hank Williams III – Greatest Hits (Curb Records)
Lizz Wright – Grace (Concord Records)
Rusty Young – Waitin’ for the Sun (Blue Élan Records)

8 settembre
Mark Olson - Spokeswoman of the Bright Sun (Glitterhouse Records)
Neil Young - Hitchhiker (Reprise Records)
Gregg Allman – Southern Blood (Rounder Records)
Tom Irwin – All That Love (Clyded Records)
Ali Handal – That’s What She Said (Red Parlor Records)
Jolie Holland & Samantha Parton – Wildflower Blues (Cinquefoil Records)
The McCrary Sisters – Live (Soundly Music)
Charlie Parr – Dog (Red House Records)
David Ramirez – We’re Not Going Anywhere (Sweetworld Records)
Tom Russell – Folk Hotel (Frontera Records)
Cale Tyson – Careless Love (At Last Records)
Van William – The Revolution EP (Fantasy Records)



 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
Home page

 News   notizie, video, segnalazioni, classifiche


Video della settimana:
Legendary Shack Shakers - After You've Gone



-----------------------------------------------------------------------------------------


:: Robert Palmer: "Deep Blues" per Shake edizioni dal 9 novembre

Quando Robert Palmer decise di affrontare il blues alla fonte, alle radici principali, intraprendendo una meticolosa ricostruzione storica e culturale, sapeva di seguire un sentiero già tracciato prima di lui, ma non aveva idea di quanto l’avrebbe trasformato e di come sarebbe riuscito ad andare fino in fondo. Deep Blues è il frutto di quel coraggioso tentativo di lasciarsi trasportare e di immergersi nel blues: era il 1981 quando venne pubblicato, dieci anni dopo diventò un film e ora, finalmente, è disponibile anche in italiano (in libreria dal 9 novembre, Shake Edizioni, 370 pagine, 18 euro, traduzione di Giancarlo Carlotti).

Basta leggere le prime pagine, da Robert Johnson a Muddy Waters, per ritrovare intatta la magia del racconto di Robert Palmer che fin dall’inizio ci tiene a ricordare come il Deep Blues sia proprio l’inizio e la fine di tutto: “Si ritiene spesso che l’importanza del blues del Delta sia dovuta al suo impatto planetario. In base a tale linea di ragionamento, questa musica è importante perché alcuni dei musicisti più popolari al mondo, Rolling Stones, Bob Dylan, Eric Clapton, hanno imparato a cantare e a suonare imitando le registrazioni dei maestri del Delta, che ancora ammirano e venerano. Questa musica è importante perché i chitarristi rock di tutto il mondo suonano con uno slider di metallo o di vetro sulle dita, un omaggio, più o meno riconosciuto, ai musicisti del Delta come Muddy Waters ed Elmore James. È importante perché i chitarristi del Delta sono stati i primi a sperimentare nei dischi l’utilizzo del feedback e della distorsione. È importante perché quasi tutti quelli che prendono in mano un’armonica, in America o in Inghilterra o in Francia o in Scandinavia, a un certo punto della maturazione emulano o Little Walter o un imitatore di Little Walter. È importante perché i giri di basso, i riff di chitarra e i boogie al piano inventati nel Delta attraversano un ampio spettro della musica popolare occidentale, dall’hard rock al pop cantautoriale alla disco al jazz fno alle colonne sonore. È importante perché i bluesmen del Delta come Muddy Waters e Robert Johnson sono diventati icone, figure mastodontiche che sembrano aver espresso alcune delle massime aspirazioni dell’America contemporanea e i suoi più oscuri segreti con incomparabile immediatezza nelle loro musiche di trenta o quarant’anni fa”.

Per ulteriori informazioni: www.shake.it

----------------------------------------------------------------------------------------


:: La storia degli Skiantos per la collana Spittle/ Goodfellas

Una sera di novembre del 1977, un manipolo di musicisti si riunisce per compiere il folle esperimento di registrare un disco in una sera. Non ci sono canzoni pronte e molti non si conoscono neppure tra di loro, eppure il miracolo riesce. Il risultato sarà il primo album degli Skiantos. Quarant’anni dopo, questo libro celebra le gesta, le canzoni e l’influenza culturale di un gruppo dalla storia unica e irripetibile.

I bolognesi Gianluca Morozzi e Lerry Arabia hanno messo la penna del romanziere, il primo, e la grande esperienza da biografo musicale, il secondo, e hanno raccolto testimonianze, interviste, rivelazioni che ricostruiscono quattro decenni di Skiantos. Con un apparato di foto, memorabilia, rarità a impreziosire il libro, e le immaginarie vicende di due immaginarie band alle prese con il diabolico Signore dei Dischi e con l’eredità Skiantos del futuro. Dalla Bologna del ’77 ai giorni nostri, tra ortaggi sul palco e cambi di formazione, tra testi geniali e performance imprevedibili. Contributi di Vasco Rossi, Franco Zanetti, Bruno Casini, Johnson Righeira, Massimo Cotto, ... Oltre 500 immagini di cui moltissime inedite e un apparato iconografico definitivo.

Gianluca Morozzi ha esordito nel 2001 con il romanzo “Despero” (Fernandel) e ha raggiunto il successo nel 2004 con “Blackout” (Guanda), da cui è stato tratto il film omonimo. Ha pubblicato finora 24 romanzi e 212 racconti. Oltre che scrittore, è musicista e conduttore radiofonico. I suoi ultimi romanzi sono “Lo specchio nero” (Guanda) e “Confessioni di un povero imbecille” (Fernandel). Lorenzo “Lerry” Arabia è biografo e musicista per passione, per cui scrive e suona solo quello che gli piace. Ha pubblicato “Le radici e le ali” (la storia dei Gang), “Bologna Ride” (la storia della comicità a Bologna) e “Viaggi e in-temperie” (la biogra a di Ivan Graziani). Non potrebbe vivere in un mondo senza la pizza.

Il volume SKIANTOS, 'Una storia come questa non c’era stata mai prima, ...e non ci sarà mai più' uscirà il 1° dicembre per Goodfellas Edizioni, collana Spittle.

fonte: goodfellas

----------------------------------------------------------------------------------------


:: Grant Lee Phillips: il nuovo album "Widdershins" sarà disponibile dal prossimo 28 febbraio su etichetta Yep Roc

Widdershins (contromano)… è una parola vecchia. Muoversi in senso antiorario, girare al contrario. Questo album porta con sé una domanda: in che direzione ci stiamo muovendo? Grant-Lee Phillips.

Dipingo l’urgenza del momento, dice il cantautore Grant-Lee Phillips riguardo a Widdershins, il suo nono album solista, in uscita su Yep Roc Records il prossimo 28 febbraio 2018. Ispirato da le cose che ti logorano a fine giornata, Phillips racconta lo spirito e la sfumatura delle tensioni che ci accompagnano quotidianamente. Phillips ha appena pubblicato in anteprima il singolo ‘Totally You Gunslinger’. Il brano mescola in maniera ambigua i suoni di Roy Orbison e The Smiths. Registrate in 4 giorni al Sound Emporium di Nashville, le 12 tracce sono state prodotte dallo stesso Phillips (chitarra/voce/tastiera) e per la maggior parte registrate live nello studio con Jerry Roe (batteria) e Lex Price (basso). Mixato da Tucker Martine e arrangiato da Mike Stankiewicz, l’album porta la verità poetica della sensibilità di Phillips, grazie anche alla sua solita abilità vocale in grado da sempre di mescolare intensità e vulnerabilità. Ho promesso a me stesso di non cadere nella disperazione, spiega Phillips, e qui ho tentato di tracciare una narrativa più complessa. Tutti siamo passati più o meno da questa situazione, non soltanto la nostra città ma tutte le civiltà. Phillips vede nel suo nuovo “Widdershins” un collegamento con il suo primo lavoro con i Grant Lee Buffalo. Anche quello era un periodo di ansia a livello sociale: la Guerra del Golfo, la rivolta di LA, tutto era amplificato. Poi un po’ di anni dopo ci fu un terremoto in cui fummo coinvolti, altro motivo di difficoltà. Ero in uno stato di pesantezza quando scrissi tutte quelle cose, così come lo sono adesso. Definito da Mother Jones, criminalmente sottovalutato, il cantante, autore, chitarrista, multi-strumentista, attore e autore ha esordito negli anni ‘90 come front-man dei meravigliosi Grant Lee Buffalo. Fu definito dalla rivista Rolling Stone la voce maschile dell’anno e da Uncut distinguibile cantautore americano.

fonte: Audioglobe

----------------------------------------------------------------------------------------


:: Black rebel Motorcyle Club: il nuovo album “Wrong Creatures” in uscita il 12 gennaio 2018

I Black Rebel Motorcycle Club stanno ultimando il loro ottavo album “Wrong Creatures”, che segue “Specter At The Feast” del 2013, in uscita il 12 gennaio 2018 su [PIAS], distribuzione Self. Ascolta il primo singolo “Little Things Gone Wild” QUI. I BRMC – Peter Hayes (voce, chitarra e armonica), Robert Levon Been (voce, basso, chitarra) e Leah Shapiro (batteria) – hanno iniziato a pensare a questo album nell’estate 2015. Shapiro aveva subito un’operazione al cervello sei mesi prima per la Malformazione di Chiari, un raro disturbo che restringe il flusso del liquido spinale tra cervello e spina dorsale.

Il trio ha dovuto interrompere il tour e iniziare a concentrarsi sulle nuove canzoni nella loro sala prove privata, chiamata “The Bunker”, a North Hollywood. “È una macchina impazzita, può risucchiarti completamente, siamo stati in tour finché le gomme non sono esplose e il cervello di Leah non ha cominciato ad uscirle dalla testa” spiega Been “Io ho combattuto con la depressione e anche la testa di Pete ha avuto di problemi”. Nick Launay, famoso per il suo lavoro con Yeah Yeah Yeahs, Arcade Fire e Nick Cave & The Bad Seeds, è arrivato per produrre l’album, diventando una parte fondamentale per la macchina dei BRMC. “Ho cominciato a scrivere molto sulla morte,” dice Heyes “a discutere con la morte. Anche se suona molto scuro, per me è dark humor”. Been aggiunge “Siamo davvero un’isola, qualunque cosa accada, quindi di solito è meglio essere vestiti conformemente. Non so che abiti bisogna indossare quando si annega nelle fiamme, ma la pelle di solito va bene per tutto”.

La band ha anche pubblicato il primo singolo “Little Thing Gone Wild”. “Little Thing Gone Wild” è sporca, sexy, un viaggio spensierato con grandi riff e bassi pesanti – è il primo assaggio dell’album. È anche d’ispirazione per il titolo del disco, che si ispira a questo passaggio del testo ““Lord you hear me loud into my soul speaker, why won’t you let me out, you’ve got the wrong creature”. I BRMC hanno annunciato anche il tour europeo che partirà il 23 ottobre da Dublino e li porterà ad esibirsi in Italia al Fabrique di Milano il 30 novembre 2017 (info: Indipendente Concerti)

fonte: Spin-go

----------------------------------------------------------------------------------------


:: SICILY JASS, 'The World's First Man in Jazz' - l'incredibile storia di Nick La Rocca, primo musicista ad aver registrato un disco Jazz

In occasione del centenario del jazz esce in DVD + Cd e DVD + Lp 'Sicily Jass - The world's first man in Jazz’, il film diretto Michele Cinque che racconta l’appassionante vicenda biografica del leggendario Nick La Rocca, cornettista, figlio di un emigrante siciliano e leader della Original Dixieland Jass Band, l'ensemble di New Orleans che nel 1917 incise il primo disco Jazz della storia, vendendo oltre un milione e mezzo di copie. Prodotto da MRF5 e Ga&a, in associazione con Rai Cinema e in collaborazione con Lazy Film, e con il sostegno della Sicilia Film Commission, “Sicily Jass” è stato finalista ai Nastri d’argento nel 2016 e ha ricevuto una menzione speciale al Salina Doc Fest e al Seeyousound di Torino.

Pubblicato da Godfellas, 'Sicily Jass - The world's first man in Jazz’, arriva nei migliori negozi di dischi e negli store digitali dopo un lungo tour di presentazioni nei più importanti festival internazionali e nazionali: New Orleans Film Festival in Usa, Victoria Film Festival in Canada, Mimo Festival in Brasile, Babel Med Music di Marsiglia, Doc Feed di Eindhoven, Festival dei Popoli di Firenze, Taormina Film Festival. Il film sta facendo un tour mondiale per il centenario del Jazz con il supporto di SIAE, nell'ambito dell'iniziativa "Sillumina”. Il 17 novembre prossimo sarà presentato anche all’ICC di Londra in collaborazione con il London Jazz fest e a dicembre 2017 arriverà in Giappone per due proiezioni a Osaka e a Tokyo.

Il film, disponibile in formato DVD, sarà accompagnato da una colonna sonora in formato in LP o CD, curata dal ricercatore Mark Berresford, uno dei maggiori esperti e collezionisti di Jazz e Blues delle origini. Una raccolta contenente le storiche incisioni della Original Dixieland Jazz band, insieme ad alcuni brani dell’ensemble eseguiti da grandi maestri come Louis Armstrong, Fletcher Henderson, Joe Venuti, Bix Beiderbeck, Frankie Trumbauer. Tutti i pezzi sono stati interamente rimastrerizzati dal noto ingegnere del suono Nick Dellow. Un tributo alle origini del jazz, un’antologia di grande valore che, come spiega Berresford, “ci permette di confrontare le migliori registrazioni originali della ODJB dal 1917 al 1918, realizzate con apparecchiature di registrazione primitive, senza l'ausilio di microfoni e amplificazioni, con le versioni degli anni Venti di grandi e piccoli gruppi, per tracciare l'evoluzione del jazz, dalle sue origini grezze alle elaborate orchestrazioni di Fletcher Henderson e di solisti del calibro di Louis Armstrong, Bix Beiderbecke e Coleman Hawkins”.

'Sicily Jass - The world's first man in Jazz’, forte del contributo di importanti critici e ricercatori e grazie alla scoperta di preziosi materiali d'archivio rielaborati con tecniche grafiche moderne, offrirà a tutti la possibilità di rivivere la storia di Nick La Rocca, dai giorni dell'incredibile successo fino a quelli del lento declino. Nato a New Orleans alla fine dell’800, La Rocca, con la sua Original Dixieland Jazz Band, nel 1917 incide Livery Stable Blues che vende più di un milione e mezzo di copie nel giro di poche settimane, facendo dell’ODJB la jazz band più pagata al mondo. I suoi brani da Tiger Rag a Clarinet Marmalade hanno influenzato i più grandi jazzisti di tutti i tempi, tra cui anche Louis Armstrong. Il film, muovendosi tra elementi di finzione e cinema del reale, racconta la moderna favola di La Rocca da cornettista autodidatta a musicista di successo nella musica “nera” per eccellenza. Dal ritmo incessante del Jazz Dixieland, alla colonna sonora di Salvatore Bonafede, Sicily Jass è un viaggio introspettivo narrato dalla tromba di Roy Paci, dal gesto e dai pupi di Mimmo Cuticchio. La voce di La Rocca stesso, immortalata in un’intervista inedita, insieme al racconto di suo figlio Jimmy, guideranno lo spettatore alla scoperta del perché, La Rocca e i suoi uomini, saranno oggetto di dimenticanza e omissione da parte della storia ufficiale.

Un lavoro essenziale che testimonia l'influenza che gli emigranti italiani hanno esercitato sul Jazz e il ruolo rilevante svolto nella nascita di quello che è considerato l'ultimo genere della musica americana. Come Nick La Rocca, figlio di un emigrante siciliano originario di Salaparuta, è proprio dall’Italia infatti che provengono tante delle figure di spicco del jazz americano: Toni Scott, Lawrence Veca, Louis Prima, solo per citarne alcuni. Tutti nomi che ci ricordano l’apporto fondamentale che i musicisti bianchi di origine italiana hanno dato alla nascita del Jazz. Dall’incontro fra la tradizione musicale della minoranza nera – con i suoi gospel, la malinconia del blues e i canti di lavoro nei campi – e quella siciliana fatta di musica da banda, opera lirica e reminiscenze arabe, nascerà la miscela esplosiva che prenderà il nome di jass.

fonte: Goodfellas

----------------------------------------------------------------------------------------


:: Il decimo ed ultimo volume della collana SOUL BOOKS, Vololibero edizioni

Pur essendo nato e cresciuto a Philadelphia, Solomon Burke diede un contributo insostituibile alla preparazione di quella miscela di gospel, country, pop e blues conosciuta come soul sudista. Quando il musicista firmò per la Atlantic Records, nel 1960, riempì il vuoto causato dal passaggio di Ray Charles alla concorrenza. Modestamente, l'uomo che volle farsi re del rock and soul, si riteneva il miglior cantante del mondo. Ma guai a puntare tutto su una carta sola! Oltre a seguire l'intera filiera dei suoi spettacoli, gestiva una catena di fast food, una società di assistenza agli orfani e una casa editrice musicale. Laureato in scienze funerarie, era pure titolare di un'impresa di onoranze funebri e, naturalmente, vescovo nella chiesa fondata da sua nonna, la House of God for All People.

Ogni libro della collana Soul Books é introdotto da una prefazione curata da Massimo Oldani, grande esperto italiano di soul, r&b e black music che cura la trasmissione VIBE su Radio Capital. Graziano Uliani (organizzatore e direttore artistico del Porretta Soul Festival) inserisce in ogni pubblicazione curiosità, notizie e aneddoti della sua decennale attività a fianco dei più grandi nomi del soul.

fonte: Vololibero Edizioni

----------------------------------------------------------------------------------------


:: "La Mia Vita Hard-Core" di Harley Flanagan per Goodfellas Edizioni dal 15 settembre

Se vi importa qualcosa della storia e dello stile punkhardcore, o se siete in cerca di una storia ben raccontata, questo libro è il pugno in faccia di cui avete bisogno. La vita di Harley Flanagan e le storie che racconta in questo libro ben sintetizzano gli anni settanta e ottanta della scena underground newyorkese. Figlio di una giovane Hippie, Flanagan cresce fin da ragazzino a contatto con gli scrittori, gli artisti e i poeti che animano la scena americana a cavallo tra la fine dei movimenti di protesta degli anni 70 e la nascita del punk, tanto che un suo libro di racconti e storie scritto da bambino, porta la firma nell’introduzione di Allen Ginsberg. Appena dodicenne frequenta le notti della grande mela e viene a contatto con personaggi del calibro di Andy Warhol e Joe Strummer. Nel 1986 alla guida dei Cro-Mags, band fondamentale del movimento hardcore newyorkese, Harley Flanagan da alle stampe l'album ‘The Age Of Quarrel’ con cui la sua fama valica i confini degli Stati Uniti e che da molti critici è considerato un fondamentale tassello della scena punk americana. Il maturo e attuale Harley Flanagan, tra le altre cose cintura nera e istruttore di Jiu-Jitsu, è un personaggio controverso che non accenna a diminuire la sua carica dirompente e radicale. Steven Blush, autore del libro ‘American Punk Hardcore’ e dell'introduzione di questa biografia: “Harley Flanagan non è come me o voi. La maggior parte di noi è cresciuta in un ambiente relativamente sicuro e protetto. Harley è venuto su come un animale selvatico, costretto a cavarsela da solo nella giungla di delinquenza, droghe, soprusi e povertà del Lower East Side degli anni Settanta. A soli dieci anni divenne la piccola star del downtown come batterista degli Stimulators suonando in locali come il Max’s Kansas City e il CBGB e socializzando con personaggi del calibro di Debbie Harry dei Blondie o i Dead Boys. Tutti pensano sia stato qualcosa di molto carino… ma non lo era per niente.” Lo chef stellato e autore di culto Anthony Bourdain, ha detto: “Lo straordinario racconto di Harley Flanagan non è solo il raconto della nascita della scena NYHC (New York HardCore), di cui lui è il padre fondatore, ma è la storia di New York stessa. È tutto scritto qui, una serie incredibile di coincidenze inverosimili, di successi, catastrofi e amicizie. Se è accaduto a New York, ed è stato importante e interessante, ci sono buone probabilità che Harley fosse nei paraggi”.

fonte: Goodfellas






info@rootshighway.it