:: Menù
 



RootsHighway è membro ufficiale della Euro Americana Chart, la classifica dei dj e giornalisti europei sul mondo Americana/ Roots. Leggi la classifica completa su euroamericanachart.eu

 
 

IN USCITA: scorri l'elenco delle prossime uscite discografiche in campo Americana/ Roots/ Indie:

15 novembre
Joe Henry - Gospel According to Water (EarMusic)
Jack Broadbent – Moonshine Blue (Crows Feet Records)
Wayne Hancock – Man of the Road: The Early Bloodshot Years (Bloodshot Records)

8 novembre
Various Artists - Too Late to Pray: Defiant Chicago Roots (Bloodshot Records)
Joanna Connor – Rise (M.C. Records)
Fruition – Wild as the Night (self-released)
Shelley King – Kick Up Your Heels (self-released)
Sarah Lee Langford – Two Hearted Rounder (Cornelius Chapel Records)
Philip B. Price – Bone Almanac (Signature Sounds Recordings)
The Revelers – At the End of the River (Revelers Records)
Session Americana – Northeast (self-released)

1 novembre
John Byrne Band – A Shiver In The Sky (Ri-Ra Records)
Bob Dylan – Travelin’ Thru, 1967-1969: The Bootleg Series Vol. 15 (Columbia/Legacy Recordings)
Stoney LaRue – Onward (One Chord Song)
Micky and The Motorcars – Long Time Comin’ (self-released)
Josh Rouse – The Holiday Sounds of Josh Rouse (Yep Roc Records)
Carolyn Sills Combo – Return to El Paso (Moon Lasso Music)
Vetiver – Up On High (Mama Bird Recording Co.)
Chris Wilson – One Hallelujah (self-released)

25 ottobre
Allison Moorer - Blood (Autotelic Records)
Neil Young & Crazy Horse - Colorado (Reprise Records)
Craig Cummings – Absolute Surprise (Azalea City Recordings)
Heathcote Hill – Fight Another Day (311 Music)
Van Morrison – Three Chords and the Truth (Caroline International Records)
Nick Nace – Wrestling with the Mystery (Flour Sack Cape Records)
Grace Potter – Daylight (Fantasy Records)
Jackson Stokes – Jackson Stokes (Create Records)
Volume Five – For Those Who Care To Listen (Mountain Fever Records)
Zack Walther Band – The Westerner (Assclown Rock N Roll)

18 ottobre
The Milk Carton Kids - The Only Ones (Milk Carton Records)
Darin Aldridge & Brooke Aldridge – Inner Journey (Rounder Records)
Big Lazy – Dear Trouble (Checkered Past Records)
Doctor Dan’s Music Show – Photo Album (independent)
Driftwood Soldier – Stay Ahead Of The Wolf (Trash Cat Records)
The Drunken Hearts – Wheels of the City (LoHi Records)
Rory Ellis – Inner Outlaw (independent)
EmiSunshine and The Rain – Family Wars (Little Blackbird Records)
Kinky Friedman – Resurrection (Echo Hill Records)
Jimmy “Duck” Holmes – Cypress Grove (Easy Eye Sound)
Libby Koch – Redemption 10: Live at Blue Rock (Berkalin Records)
Jake La Botz – They’re Coming For Me (Hi-Style/Free Dirt Records)
New Copasetics – Twang-Ucopia (Balanced Diet) (Globe Records)
David Newbould – Sin & Redemption (Rock Ridge Music)
Karen & the Sorrows – Guaranteed Broken Heart (Ocean Born Mary Music)
Zachary Lucky – Midwestern (independent)

11 ottobre
Chris Knight - Almost Daylight (Drifters Church Productions)
Trigger Hippy - Full Circle & Then Some (Turkey Grass Records)
Tim Barry – The Roads to Richmond (Chunksaah Records)
The Dead South – Sugar & Joy (Six Shooter Records)
David Grisman’s Dawg Trio – Plays Tunes and Sings Songs (Acoustic Disc)
Cody Jinks – After The Fire (Late August Records)
Catherine MacLellan – Coyote (IDLA)
Kendell Marvel – Solid Gold Sounds (Easy Eye Sound)
Crys Matthews – These Old Hands (NewSong Recordings)
Dustin Welch – Amateur Theater (Super Rooster Records)

4 ottobre
The Avett Brothers - Closer Than Together (Republic Records)
Rob Ickes and Trey Hensley - World Full of Blues (Compass Records)
Bonnie Bishop – The Walk (Plan BB Records)
Susan Gibson – The Hard Stuff (ForTheRecords)
Dan Israel – Social Media Anxiety Disorder (self-released)
Jason James – Seems Like Tears Ago (Melodyville Records)
Kacy & Clayton – Carrying On (New West Records)
Logan Ledger – I Don’t Dream Anymore (Rounder Records)
Lizanne Knott – Bones And Gravity (Good Dog Jake Music)
Jeb Loy Nichols and The Westwood All-Stars – June is Short, July is Long (Compass Records)
Old Crow Medicine Show – Live at The Ryman (Columbia Records)
Monica Rizzio – Sunshine Is Free (Washashore Music)
Alexa Rose – Medicine For Living (Big Legal Mess Records)
The Scatterlings – Being Human (self-released)
Wilco – Ode to Joy (dBpm Records)

27 settembre
Michaela Anne - Desert Dove (Yep Roc Records)
Dori Freeman - Every Single Star (Blue Hens Music)
Sturgill Simpson Sound & Fury (Elektra Records)
John Calvin Abney – Safe Passage (Black Mesa Records)
Paul Benoit – Lost Days Long Nights (Zebadiah Records)
Bob Bradshaw – Queen of the West (Fluke Records)
The Bros. Landreth – ’87 (Birthday Cake Media)
Randy Lewis Brown – Red Crow (Berkalin Records)
The Gina Furtado Project – I Hope You Have a Good Life (Crossroads Records)
Beth Hart – War In My Mind (Mascot Label Group/Provogue Records)
Ernie Hendrickson – Roll On (Lohi Records)
Hot Club of Cowtown – Wild Kingdom (Gold Strike Records)
Jack Klatt – It Ain’t the Same (Yep Roc Records)
Charlie Parr – Charlie Parr (Red House Records)
Billy Strings – Home (Rounder Records)
Whiskey Myers – Whiskey Myers (Wiggy Thump Records)

20 settembre
Bruce Cockburn - Crowing Ignites (True North Records)
Charley Crockett - The Valley (Son of Davy Records)
Del Barber – Easy Keeper (Acronym Records)
Lisa Bastoni – How We Want to Live (self-released)
Darrin Bradbury – Talking Dogs & Atom Bombs (Anti/Epitath Records)
Pieta Brown – Freeway (Righteous Babe Records)
Andrew Combs – Ideal Man (New West Records)
Kevin Daniel – Things I Don’t See (self-released)
Rick Estrin and the Nightcats – Contemporary (Alligator Records)
Samantha Fish – Kill Or Be Kind (Rounder Records)
Ghalia – Mississippi Blend (Ruf Records)
Hiss Golden Messenger –Terms of Surrender (Merge Records)
Chance McCoy – Wander Wide (Tone Tree Music)
The Quebe Sisters – The Quebe Sisters (self-released)
Robbie Robertson – Sinematic (Macrobiotic Records)
Bill Scorzari – Now I’m Free (self-released)
Swearingen & Kelli – Cold-Hearted Truth (self-released)

13 settembre
Corb Lund -Cover Your Tracks (New West Records)
Jonah Tolchin - Fires for the Cold (Yep Roc Records)
Marti Brom – Midnight Bus (Enviken Records)
Ted Drozdowski – Learn To Love The Moon (Dolly Sez Woff Records)
Vincent Neil Emerson – Fried Chicken & Evil Women (La Honda Records)
Jeremy Ivey – The Dream And The Dreamer (Anti/Epitath Records)
Janiva Magness – Change In The Weather: Janiva Magness Sings John Fogerty (Blue Elan Records)
North Mississippi Allstars – Up and Rolling (New West Records)
Geraint Watkins – Rush of Blood (The Last Music Company)

6 settembre
The Highwomen - The Highwomen (Low Country Sound/Elektra Records)
Terri Hendrix - Talk To A Human (Wilory Records)
Jason Tyler Burton – Kentuckian (self-released)
Paul Cauthen – Room 41 (Lightning Rod Records)
Cut Throat Francis – This Garden’s Never Gonna Grow (self-released)
Ana Egge – Is It the Kiss (StorySound Records)
Will Payne Harrison – Living With Ghosts (self-released)
James LeBlanc and The Winchesters –The Devil Between My Ears (Winchester Records)
NRBQ – Turn On, Tune In (Omnivore Recordings)
Amy Speace – Me and the Ghosts of Charlemagne (Proper Records)
These Wild Plains – Thrilled To Be Here (self-released)
Trailerpark Idlers – Ghost Town Nights (Something Wicked)

30 agosto
Sheryl Crow - Threads (The Valory Music Co.)
Joan Shelley - Like The River Loves The Sea (No Quarter Records)
Garrett T Capps – All Right, All Night (Shotgun House)
Luba Dvorak – American Sin (self-released)
Jedd Hughes – West (Royal Noise Productions)
Jesse Malin – Sunset Kids (Wicked Cool Records)
Martin Simpson – Rooted (Topic Records)
Dan Whitaker & the Shinebenders – Far, Far Away (self-released)



 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
Home page


 News   notizie, video, segnalazioni, classifiche


Video della settimana:
Sonny Landreth - Blacktop Run
Dal nuovo omonimo album in uscita il 21 febbraio 2020 per Mascot


-----------------------------------------------------------------------------------------

 

:: Marco Denti - La presentazione di "Forze speciali", il nuovo romanzo

Vizzolo al futuro in collaborazione con Fragile Libri e con il patrocinio del comune di Vizzolo Predabissi (Unione dei Comuni Parco dell’Addetta) presenta il libro di Marco Denti, Forze speciali (Fragile Libri, 2019, 376 pagine, 25 euro): domenica 22 dicembre, ore 17, presso la sala consiliare del Municipio di Vizzolo Predabissi (Mi), via Verdi 9.

Il libro è un viaggio in una città divisa e distrutta dalla guerra, dove si fronteggiano diverse fazioni e una forza di occupazione multinazionale. Dopo alcune operazioni dagli effetti tragici, compresi un massacro di profughi nella stazione centrale e la disintegrazione del duomo, viene richiesto il dispiegamento e l’interposizione di una brigata europea.

Al comando c’è un colonnello italiano, un veterano dell’Iraq e soprattutto dell’Afghanistan, che si è guadagnato il soprannome di Blind per la sua passione per il blues. La brigata deve osservare tutta una serie di limitazioni e regole di ingaggio che portano Blind a chiedersi per chi o per che cosa stia lottando. Mentre deve affrontare i combattimenti sul terreno urbano, crede di intravedere, da una serie di segnali lasciati sul campo, lo stile di Linda, una marine americana con cui ha condiviso addestramento, missioni e passioni. Il suo ricordo lo riporta in Afghanistan, a Baghdad, a Berlino, a Varsavia e a Dublino.

Nel frattempo tra le fazioni in lotta matura l’idea di una tregua per unire le forze. Il segnale che deve inaugurare questa nuova strategia sarà l’organizzazione di un concerto di un famoso cantautore del ventesimo secolo. Le sue canzoni sono messaggi in codice, parole che indicano la via e rischiarano la notte, forse soltanto una serie di sogni, ma il comando delle forze d’occupazione decide di intervenire per impedire il concerto. Blind si trova a inseguire un fantasma dopo l’altro e siamo già nel futuro: è difficile dire per conto di chi si combatte, o si ama e, tra un combattimento e l’altro nel territorio urbano, deve affrontare un rave party, la pronipote della principessa Diana, una sfilata d’alta moda, la speculazione edilizia, la burocrazia e la corruzione e, più di tutto, i suoi dubbi e i suoi blues, che sono quelli di chi vive un odo pericoloso e paradossale, il nostro.

L’incontro è libero e gratuito, si raccomanda la puntualità.
Per ulteriori informazioni: vizzoloalfuturo.blogspot.com

----------------------------------------------------------------------------------------


:: Frank Get - il nuovo album False Flag

Esce “False Flag” un album che racchiude la memoria storica di un territorio cosmopolita

Frank Get è un cantante, chitarrista, pianista, bassista, contrabbassista e compositore triestino, particolarmente noto al pubblico italiano ed europeo, grazie alla quarantennale carriera che lo ha visto impegnato in svariati progetti e collaborazioni con artisti di caratura mondiale. Con l’uscita di False Flag, quindicesimo prodotto discografico, Frank Get esplora e analizza le verità storiche del suo territorio di nascita, una terra cosmopolita con una grande tradizione di convivenza secolare ma, anche, di duri conflitti, e di alcuni personaggi che si sono messi in luce con le proprie gesta in vari ambiti culturali e sociali.

Il disco uscirà l’ultimo giorno di questo 2019, ma ad anticiparlo ci sarà la pubblicazione di un ricco volume intitolato “Ti racconto la mia terra”. Il libro comprende i testi tradotti non solo di False Flag ma, anche, dei precedenti album “Gray Wolf” e, in parte, di Rough Man” e “To Milk A Duck”. Il prezioso compendio alla discografia del cantautore triestino regalerà anche agli ascoltatori che hanno poca dimestichezza con l’inglese un supporto cartaceo su cui leggere le profonde storie contenute nelle canzoni.

Frank Get è un musicista dalle radici multietniche, un po’ istriano, un po’ slavo e un po’ anche ungherese che nella sua carriera quarantennale ha saputo valorizzare il Blues e il Rock in ogni sfaccettatura. Durante gli anni spesi on the road ha sentito la necessità di indagare a fondo quali fossero le sue radici approfondendo la storia delle terre da cui proviene che negli anni hanno subito incredibili sconvolgimenti con due guerre mondiali, migrazioni e numerosi cambi di amministrazione. Caratterizzato da un lirismo denso, ricco di storia e curiosità Frank Get porta avanti il percorso già iniziato con l’album “Gray Wolf” preservando la memoria storica delle radici attraverso testi e melodie che parlano di eventi, uomini e personaggi vissuti nella sua città e nelle zone limitrofe.

fonte: A-Z Press

----------------------------------------------------------------------------------------


:: Robbie Robertson - "Testimony", da novembre in libreria per Jimenez edizioni

Il memoir del leggendario autore e chitarrista della old, weird America cantata dal suo gruppo, The Band, e dal suo più grande ammiratore-collaboratore, Bob Dylan.

L’impareggiabile contributo offerto da Robbie Robertson alla popular music ne ha fatto uno dei più amati autori e chitarristi di tutti i tempi. Ma pochi potevano aspettarsi che sarebbe stato un giovane canadese a scrivere alcune delle canzoni più significative del secolo passato, canzoni che sembrano imbevute fino al midollo della mitologia e delle tradizioni di quella che il critico Greil Marcus ha brillantemente definito Old, Weird America. Robertson e i suoi compagni della Band hanno rimescolato le radici della musica americana finendo per stabilire un nuovo lessico rock capace di resistere al tempo, influenzando una schiera infinita di musicisti e stili. In questa straordinaria autobiografia Robbie Robertson intreccia una fitta trama di racconti partendo dai ricordi d’infanzia – lui, mezzo ebreo e mezzo indiano Mohawk, a Toronto – e dall’apprendistato di musicista svolto sulla strada con Ronnie Hawkins. Da lì gli eventi si succedono freneticamente: la formazione della Band, la prova del fuoco del famigerato tour con Bob Dylan nel 1966, le session rilassate e segrete nella Big Pink a Saugerties, New York, che diedero vita ai basement tapes (prima bootleg, poi album ufficiale, infine leggenda) e forgiarono il distintivo, e unico, suono del gruppo; i preziosi album della Band, che li catapultarono con successo nell’Olimpo del rock, una carriera culminata con il più famoso concerto d’addio della storia della musica, The Last Waltz, eternato da Martin Scorsese. Più in generale, Testimony (Testimonianza) è la storia di un’epoca e di un luogo, dell’istante in cui il rock sbucò fuori dalle paludi e si fece vita. È la storia di un cambiamento, di come l’America attraversò di corsa gli anni Sessanta e di come figure imponenti come Dylan e The Band ridefinirono la musica e la cultura, con il piccolo aiuto del sesso e delle droghe. Ed è la storia di una grande amicizia fra cinque uomini che insieme crearono un nuovo genere di popular music, più intensa, più profonda, più consapevole, una musica che ancora oggi ci affascina e ci fa vibrare.

Robbie Robertson è stato l’autore principale della Band, uno dei più grandi gruppi rock della storia. Ha realizzato diverse colonne sonore per i film di Martin Scorsese (tra cui The Irishman) e oggi continua a incidere dischi da solista. L’ultimo, I, è uscito nel 2019.

fonte: Jimenez edizioni

----------------------------------------------------------------------------------------


:: Bill Fay
- 'Countless Branches', il nuovo album dal 17 gennaio per Dead Oceans

‘Countless Branches’ è il ritorno discografico di Bill Fay, in uscita in versione standard e deluxe il 17 gennaio 2020 per l'etichetta Dead Oceans. L’album è stato anticipato dal singolo e relativo video animato del brano Filled With Wonder Once Again

La copertina di ‘Countless Branches’ di Bill Fay è stata realizzata dal note illustratore Benjamin A Vierling, invece il video psichedelico del primo singolo dall'animatrice e regista Emily Scaife. Countless Branches ha un sound più minimale e istintivo degli ultimi lavori di Bill Fay, rappresenta la sua opera più intima. L’album è una raccolta di perle e brani che Bill ha composto e tenuto da parte nel corso degli ultimi 40 anni e deciso di pubblicare solo ora. Canzoni non finite al tempo emergono ora con con testi e melodie rinnovate che hanno riportato Bill Fay ai temi ricorrenti della sua musica: natura, famiglia e ciclo della vita. Il risultato è di dieci canzoni incredibili, il meglio della produzione passata e recente di Bill Fay. Il nuovo lavoro è la terza produzione di Bill Fay per Dead Oceans in sette anni (mai stato così attivo discograficamente nella sua lunghissima carriera), seguito degli acclamati ‘Life Is People’ del 2012 e ‘Who Is The Sender?’ del 2015, ed è stato prodotto da Joshua Henry, con la partecipazione della chitarra Matt Deighton. Bill Fay su questo nuovo album è torna ad sound più personale che in passato, con un lavoro incredibile in fase di arrangiamento al piano (il suo strumento prediletto) e session di registrazione casalinghe.

fonte: Goodfellas

----------------------------------------------------------------------------------------


:: Destroyer - 'Have We Met', il nuovo album il 31 gennaio per Dead Oceans

Guarda il video di ‘It Just Doesn’t Happen’ dei DESTROYER, band guidata dal carismatico musicista canadese Dan Bejar.

Have We Met , nuovo album dei Destroyer, uscirà su cd, vinile e in formato digitale il 31 gennaio 2020 per Dead Oceans. ‘It Just Doesn’t Happen’ è il secondo singolo estratto dall’atteso ritorno dei Destroyer, il primo estratto dal nuovo album era stato il singolo e relativo video Crimson Tide.

Have We Met è il tredicesimo album in studio di Dan Bejar e dei Destroyer, disponibile dal 31 gennaio per Dead Oceans e anticipato dai due singoli e video dei brani 'Crimson Tide' e ‘It Just Doesn’t Happen’. Il nuovo album arriva a due anni didstana dall’ottimo ‘ken’ del 2017 e come sempre è un gioiello di pop indipendente, splendidamente arrangiato e registrato.

I Destroyer di Dan Bejar suoneranno il 20 aprile al Circolo Ohibò di Milano, unica data italiana del tour di 'Have We Met'

fonte: Goodfellas

----------------------------------------------------------------------------------------


:: Milk Carton Kids - The Only Ones dal 13 dicembre su cd e vinile

‘The Only Ones’ è il nuovo lavoro del duo indie folk The Milk Carton Kids, un mini album di sette tracce in uscita in formato fisico il 13 dicembre per Milk Carton Records/Thirty Tigers e già disponibile in streaming. Il nuovo album di Ryan e Pattengale, ovvero i due Milk Carton Kids, è stato anticipato dal video del primo singolo e titletrack ‘The Only Ones’. Il nuovo disco riporta il sound dei californiani Milk Carton Kids alle radici del folk, con una fase di preproduzione e arangiamento pensata per un duo senza backing band e dopo definita in studio di registrazione con alcuni dei musicisti più rappresentativi di Nashville e della tradizione americana.

La storia del duo è iniziata nel 2011, tra il 2013 e il 2018 hanno ricevuto tre nomination ai Grammy (Best Folk Album, Best American Roots e Best Engineered Album - Non-Classical), oltre ad essere considerati tra i maggiori esponenti contemporanei della folk tradizionale americano. Dall’uscita dell’ultimo album ‘Monterey’ (ANTI, 2015) la vita è cambiata per i The Milk Carton Kids. Pattengale ha lasciato la California per il Tennessee e produce dischi a Nashville, Ryan è diventato padre di due bambini e lavora come produttore per il noto show di varietà itinerante "Live from Here with Chris Thile". Proprio il lungo stop ha dato a Ryan e Pattingale la possibilità di riflettere sul futuro della band e come dovessero suonare i nuovi The Milk Carton Kids.

‘The Only Ones’ è stato prodotto da Ryan Freeland presso la Sun Room degli studi della House of Blues di Nashville. I musicisti che hanno li hanno raggiunti durante le registrazioni sono Brittany Haas al violino e mandolino, Paul Kowert e Dennis Crouch al basso, Jay Bellerose alla batteria, Levon Henry al clarinetto e sassofono, Nat Smith al violoncello, Pat Sansone al piano, mellotron e organo Hammond, Russ Pahl alle chitarre e Lindsay Lou e Logan Ledger ai cori.

fonte: Goodfellas

----------------------------------------------------------------------------------------

:: James Righton - l'album solista The Performer in uscita il 20 marzo 2020

Conosciuto come frontman della band vincitrice di Mercury Prize, Klaxons, e dopo aver registrato con gli Arctic Monkeys e creato il progetto Shock Machine, James Righton annuncia oggi la pubblicazione del suo primo album solista The Performer, prevista per il 20 marzo 2020 sull’etichetta dei Soulwax DEEWEE. Svela inoltre il video della title track, che è anche il primo singolo estratto dall’album. L’album The Performer entra in netto contrasto con l’edonismo elettronico dei precedenti lavori di James con i Klaxons. Ripercorre diverse tappe della musica a partire dal 1970. Sfiora l’art-lounge dei Roxy Music, il groove tintinnante dei R.E.M., la sontuosa psichedelia degli ultimi Beach Boys e le abilità di scrittura di Nick Lowe. Più semplicemente, parte da alcuni elementi classici per dar vita a brani assolutamente attuali. L’album The Performer è stato scritto e prodotto da James Righton con l’aiuto di alcuni collaboratori. Troviamo James Ford (The Last Shadow Puppets, Simian Mobile Disco) al basso su due brani e alla batteria per tutti gli altri, Sean O’Hagan (High Llamas, Microdisney) che ha contribuito agli arrangiamenti, Jorja Chalmers (Bryan Ferry) al sassofono e ancora Josephine Stephenson (Thom Yorke, Ex:Re) che ha collaborato ad altri arrangiamenti. È stato registrato in diversi studi, tra cui quello in casa di James e lo Studio One di Bryan Ferry. È stato poi mixato da David e Stephen Dewaele (aka Soulwax, aka 2manydjs) presso la DEEWEE a Ghent, Belgio.

fonte: Spingo

----------------------------------------------------------------------------------------


:: Terry Allen - il nuovo album Just Like Moby Dick dal 24 gennaio per Paradise Of Bachelors

Just Like Moby Dick segna il ritorno del celebre artista texano con un set di nuovi brani a sei anni distanza da ‘Bottom of the World’. L’album è stato registrato dalla Panhandle Mystery Band al completo, compresi il co-produttore Charlie Sexton (Dylan, Bowie) e la cantante Shannon McNally, oltre all'aiuto in stesura testi dei collaboratori Joe Ely, Dave Alvin e Jo Harvey Allen. Just Like Moby Dick è il più collaborativo album registrato da Terry Allen, interamente composto, arrangiato e registrato con vecchi e nuovi amici.

Come su ogni album di Terry Allen dai tempi del leggendario ‘Lubbock …’ è presente Lloyd Maines alla slide guitar. Charlie Sexton ha suonato la chitarra, cantato e co-prodotto il disco con Allen stesso presso gli Arlyn Studios di Austin, Texas. Il batterista Davis McLarty ha chiamato per il nuovo album una nuova sezione ritmica composta da Glenn Fukunaga (bass) e Brian Standefer (cello), mentre Bale e Bukka Allen, figli di Terry, hanno partecipato al disco suonando parti di piano e djembe. Il nuovo album parla dello spettro della memoria e della follia dell’esistenza umana raccontando storie difficili da dimenticare: le crisi esistenziali di un giovane Houdini, la morte dell’ultima stripper della città, un circo infestato da vampiri, pirati assassini, la guerra in Iraq e Afghanistan e molto altro.

Terry Allen non è solo un autore di musica e testi, ma un vero e proprio scrittore che il The New York Times definì "un poeta". Terry Allen ad oggi ha pubblicato 16 album dal 1975 ad oggi e collaborato con artisti del calibro di David Byrne, Guy Clark, Steve Earle, Joe Ely, Don Everly, Butch Hancock, Bruce Nuaman, Jerry Jeff Walker e Lucinda Williams, e le sue canzoni sono state omaggiate da Bobby Bare, Ryan Bingham, Richard Buckner, Jason Isbell, Little Feat, Sturgill Simpson e Kurt Vile. Terry Allen vive e lavora a Santa Fe, New Mexico, con sua moglie Jo Harvey Allen, attrice e scrittirice. La vita di Terry Allen è diventata anche il soggetto del documentario ‘Everything For All Reasons’, diretto Scott Ballew.

Terry Allen è universalmente noto anche come illustrator e pittore e i suoi lavori sono stati esposti in note gallerie internazionali e presente ai più noti happening d’arte.

fonte: Goodfellas

----------------------------------------------------------------------------------------


:: Mose Allison - If You're Going To The City, il tributo al grande pianista jazz dal 29 novembre per ll'etichetta Fat Possum

In uscita per Fat Possum il 29 novembre il tributo dedicato al grande Mose Allison, celebre pianista, cantante e compositore americano che ha influenzato generazioni di artisti jazz, blues e rock. 15 tracce a cui hanno partecipato con reinterpretazioni dei classici di Mose Allison artisti del calibro di Taj Mahal, Robbie Fulks, Jackson Browne, Fiona Apple, Ben Harper, Chrissie Hynde, Iggy Pop, Bonnie Raitt, Frank Black, Amy Allison, Elvis Costello, Loudon Wainwright III e molti altri.

Amy Allison, figlia di Mose Allison, ha fatto squadra con con il musicista e produttore Don Heffington per onorare l’eredità artistica del padre e le sue immortali composizioni. “Stavamo parlando dell’eredità di mio padre e pensando a tutti i musicisti che erano suoi fan, e a quanto sarebbe stato bello un tributo con tutti questi nomi, specialmente se i proventi fossero andati in beneficienza”. Don ed Amy, con l’aiuto di del produttore Sheldon Gomberg, hanno deciso di donare i proventi del disco all'associazione Sweet Relief Musician’s Fund, fondo di beneficienza per musicisti bisognosi fondato da Victoria Williams. Nato nel 1927 nel Mississippi, Mose John Allison, è cresciuto ascoltando il jazz e il blues di Louis Armstrong, Memphis Minnie, Duke Ellington, Louis Jordan e il Nat Cole Trio. Ha imparato a suonare il piano e la tromba da giovanissimo e dopo un periodo sotto le armi e come turnista in vari club del sud degli states si è trasferito a New York City per dare un senso alla sua carriera come pianista e songwiriter. Proprio a NYC ha conosciuto, collaborato e potuto esibirsi con stelle come Stan Getz, Zoot Sims e Gerry Mulligan, e sviluppato uno stile personale che fondeva blues e jazz.

Mose divenne uno degli artisti più noti della sua generazione e le sue composizione dei classici che hanno influenzato molti musicisti e che sono state reinterpretate nel corso degli anni da Van Morrison, The Who, Bonnie Raitt, Elvis Costello, The Clash e molti altri. Mose Allison è morto nel 2016 all’età di 89 anni.

fonte: Goodfellas

----------------------------------------------------------------------------------------


:: David Crosby - Ultimo eroe dell'Era dell'Acquario, dal 22 ottobre in libreria

Dotato di voce, ego, talento e un amore per la libertà smisurati, David Crosby (classe 1941) ha condotto una vita intensissima, estrema, spesso spericolata. Nel corso degli anni, è stato testimone e protagonista di molti eventi chiave della storia del rock, nonché fondatore di gruppi come i Byrds e CSNY. Per evidenti motivi anagrafici (peraltro a fronte di un’anamnesi medico-clinica che ha dell’incredibile) David Crosby è uno degli ultimi eroi dell’Era dell’Acquario ancora in circolazione. Nelle quattrocento pagine di questo libro si racconta David Crosby in maniera globale, includendo non solo la musica ma anche la sua essenza più visionaria e la sua poesia. L’approfondimento della sua visione e idea di musica, vita e politica, si ricava grazie alle diverse interviste rilasciate durante una lunga carriera e riportate in questo volume; alcune inedite e raccolte dall’autore stesso. L’appendice conclusiva contiene una dettagliata discografia e filmografia, oltre a un’ampia bibliografia.

L'autore, Marco Grompi - Musicista e scrittore, a partire dagli anni Novanta ha curato e tradotto varie pubblicazioni di ambito rock tra cui monografie e antologie di testi dedicate a Neil Young, Joni Mitchell, Eagles, CSNY, Sonic Youth, U2 e Bob Dylan. È autore di Bob Marley. Canzoni di libertà (Giunti), Le canzoni di Bob Marley e Neil Young 1963-2003: 40 anni di rock imbizzarrito (Editori Riuniti). Del rocker canadese ha tradotto (con Davide Sapienza) l’opera omnia ufficiale in Neil Young. Tutti i testi (Giunti) e le autobiografie Il sogno di un hippie e Special Deluxe (Feltrinelli). Ha collaborato con riviste specializzate (“Buscadero”, “Jam”, “Late For The Sky”, “Tribe”, “Playmusic”), con Radio Popolare e alla stesura del Dizionario del Pop-Rock (Baldini&Castoldi) e della Grande Enciclopedia Rock (Giunti). Nelle stagioni teatrali 2015/2017 ha portato in scena Waterface, recital musicale di cui è co-autore, regista e protagonista (medaglia 3D Smiting Festival 2015).

fonte: Vololibero edizioni




info@rootshighway.it