:: Menù
 



RootsHighway è membro ufficiale della Euro Americana Chart, la classifica dei dj e giornalisti europei

Euro Americana Chart
[giugno 2018]

1. Gretchen Peters - Dancing With The Beast
2. Ry Cooder - The Prodigal Son
3. John Prine - The Tree of Forgiveness
4. Carter Sampson - Lucky
5. Parker Millsap - Other Arrangements
6. Levi Parham - It's All Good
7. American Aquarium - Things Change
8. Tami Neilson - SassaFrass!
9. Dave Alvin & Jimmie Dale Gilmore - Downey To Lubbock
10. Willie Nelson - Last Man Standing

La classifica completa:
euroamericanachart.eu

 
 

IN USCITA: scorri l'elenco delle prossime uscite discografiche in campo Americana/ Roots/ Indie:

13 luglio
The Jayhawks - Back Roads And Abandoned Motels (Sony Legacy)
Jimmy LaFave Peace Town (Music Road Records)
AHI – In Our Time (22nd Sentry Records)
Rayland Baxter – Wide Awake (ATO Records)
Carolina Story – Lay Your Head Down (Black River Americana)
Eliza Gilkyson – Secularia (Red House Records)
The Suffers – Everything Here (Shanachie Entertainment)
Nichole Wagner – And the Sky Caught Fire (Star Catcher Music)
Cliff Westfall – Baby You Win (self released)

6 luglio
Kinky Friedman - Circus of Life (Echo Hill Records)
Dawn and Hawkes – The Other Side (independent)
Speedbuggy USA – Kick Out the Twang (Wagon Wheel Records)

29 giugno
I See Hawks in L.A. - Live And Never Learn (Western Seeds Records)
The Milk Carton Kids - All the Things That I Did and All the Things That I Didn’t Do (Anti/Epitaph Records)
Ben Bostick – Hellfire (independent)
Tyler Childers – Live on Red Barn Radio I & II (Hickman Holler Records)
Ray Davies – Our Country: Americana Act II (Legacy Recordings)
Indigo Girls – Live with The University of Colorado Symphony Orchestra (Rounder Records)
Charles Lloyd & The Marvels & Lucinda Williams – Vanished Gardens (Blue Note/Capitol Records)
Ryan Martin – Gimme Some Light (High Moon Records)
Trevor McShane – Boom Boom (Cool Titles LLC)
Eamon O’Leary – All Souls (Reveal Records)
The Rails – Other People (Psychonaut Sounds)
Sons of Bill – Oh God Ma’am (independent)

22 giugno
Jeffrey Foucault - Blood Brothers (independent)
Lera Lynn - Plays Well With Others (Single Lock Records)
Birdtalker – One (independent)
Brothers Comotose – Ink Dust & Luck (Swamp Jam Records)
Paul Cauthen – Have Mercy (Lightning Rod Records)
The Furious Seasons – Now Residing Abroad (Stonegarden Records)
Tom McELvain – Redemption (Committed Records)
The Record Company – All Of This Life (Concord Records)
Priscilla Renea – Colored (White Rose Garden Music)
Rhyan Sinclair – Barnstormer (Little Haunted Girl Music)
Adam Wright – Dust (Carnival Recording Company)

15 giugno
Levi Parham - It’s All Good (Horton Records)
Gene Clark – Gene Clark Sings for You (Omnivore Recordings)
RJ Comer – One Last Kiss (independent)
Steve Dawson – Lucky Hand (Black Hen Music)
Cathy Fink, Marcy Marxer & Sam Gleaves – Shout and Shine (Community Music, Inc.)
Buddy Guy – The Blues Is Alive And Well (Silvertone Records)
Tish Hinojosa – West (Tish Records) Sammy Llanas – The Return of the Goya, Pt. 1 (Llanas Music)
Nick Lowe – Tokyo Bay/Crying Inside (Yep Rec Records)
The Slocan Ramblers – Queen City Jubilee (SloMusic)
Yard Sale – Every Day (Team Love Records)

8 giugno
Jesse Dayton - The Outsider (Blue Elan Records)
Ana Egge - White Tiger (Storysound Records)
Erin Rae - Putting On Airs (Single Lock Records)
Michael Aiken – Wayward Troubadour (Northwind Records)
Blue Yonder – Rough and Ready Heart (self-released)
Liz Frame and the Kickers – Sparrow in a Shoebox (self-released)
Coco O’Connor – This Ol’ War (Satarah Records)
Carter Sampson – Lucky (Continental Song City)
Shannon Shaw – Shannon In Nashville (Easy Eye Sound)
David Starr – South and West (self-released)
Twisted Pine – Dreams (Signature Sounds Recordings)

1 giugno
Dave Alvin & Jimmie Dale Gilmore - Downey to Lubbock (Yep Roc Records)
Phil Cook - People Are My Drug (Psychic Hotline)
American Aquarium – Things Change (New West Records)
Nicki Bluhm – To Rise You Gotta Fall (Compass Records)
Neko Case – Hell-On (Anti/Epitaph Records)
Nancy Cassidy – River’s Rising (Twitter Twatter Music)
Goodnight Moonshine – I’m The Only One Who Will Tell You You’re Bad (Keep the Spark Records)
Karen Jonas – Butter (Yellow Brick Records)
Davis Kathriner – Losing Habits (Amano Recordings)
Muddy Ruckus – Bellows to Mend (independent)
Tami Neilson – Sassafrass! (Outside Music)
Ruen Brothers – All My Shades Of Blue (Ramseur Records)
Chuck Westmoreland – Long Winter Rodeo (independent)

25 maggio
Kasey Chambers & The Fireside - Disciples Campfire (Essence Group)
The Del McCoury Band Del McCoury - Still Sings Bluegrass (McCoury Music)
Andrew Duhon – False River (self released)
Tony Keats – Radio Sounds (self released)
The Travelin’ McCourys – The Travelin’ McCourys (McCoury Music)

18 maggio
Gretchen Peters - Dancing With The Beast (Scarlet Letter Records)
Kelly Willis - Back Being Blue (Premium Records)
Jason Boland & The Stragglers – Hard Times Are Relative (Proud Souls Entertainment)
Clarence Bucaro – Passionate Kind (self-released)
The Dead Tongues – Unsung Passage (Psychic Hotline Records)
Dana Fuchs – Love Lives On (Get Along Records)
Johnny Irion – Driving Friend (self-released)
Pharis & Jason Romero – Sweet Old Religion (Lula Records)
Heather Styka & the Sentimentals – North (Kite Stripe Records)

11 maggio
Brent Cobb - Providence Canyon (Low Country Sound/Elektra Records)
Ry Cooder - Prodigal Son (Fantasy Records)
Brandon Grafius – Highways and Backroads (Lost Mitten Records)
The National Reserve – Motel La Grange (Ramseur Records)
Patrick Sweany – Ancient Noise (Nine Mile Records)
Luke Winslow-King – Blue Mesa (Bloodshot Records)
Gene D. Plumber – All The Pretty Girls (Bar/None Records)
William Prince – Earthly Days (Glassnote Entertainment Group)

4 maggio
Birds of Chicago - Love In Wartime (Signature Sounds Recordings)
Sam Lewis - Loversity (Loversity Records)
Parker Millsap Other Arrangements (Okra Homa Records)
Mariel Buckley – Driving in the Dark (self released)
Buffalo Gospel – On the First Bell (self released)
Rita Coolidge – Safe in the Arms of Time (Blue Élan Records)
Flashback – Denver Snow (Pinecastle Recording Company)
Shakey Graves – Can’t Wake Up (Dualtone Music)
Emma Hill – Am I Talking To You? (Kuskokwim Records)
Lake Street Dive – Free Yourself Up (Nonesuch Records)
Leftover Salmon – Something Higher (Soundly Music)
Erin O’Dowd – Old Town (Horton Records)
Glen Phillips – Swallowed By The New (Compass Records)
Jeff Plankenhorn – Sleeping Dogs (Spike Steel Records)
Kerri Powers – Starseeds (self released)
The Roe Family Singers – Songs of the Mountains, Songs of the Plains (Pinecastle Records)
Rachael Sage – Myopia (MPress Records)
Trampled By Turtles – Life is Good on the Open Road (BanjoDad Records)
Traveller – Western Movies (Refuge Foundation for the Arts)



 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
Home page


 News   notizie, video, segnalazioni, classifiche


Video della settimana:
Colter Wall - Plain To See Plainsman



-----------------------------------------------------------------------------------------


:: Colter Wall, 'Songs of the Plains': dal 12 ottobre per Thirty Tigers il nuovo album

Il nuovo album del cowboy canadese Colter Wall 'Songs of the Plains' uscirà il 12 ottobre per Young Mary's Record Co. e Thirty Tigers, anticipato dal singolo 'Plain to See Plainsman' e dalla cover del classico 'Calgary Round-Up'. Registrato agli RCA Studio di Nashville con il produttore vincitore di un Grammy Award Dave Cobb, il nuovo album di Colter è composto da 11 brani, incluso il primo singolo'Plain to See Plainsman'. Oltre a sette brani originali l'album include anche splendide versioni riarrangiate da Colter Wall stesso di 'Wild Dogs' di Billy Don Burns, 'Calgary Round-Up' di Wilf Carter e due brani della tradizione cowboy, 'Night Herding Song' e 'Tying Knots in the Devil’s Tail'. Oltre a Wall l'album è stato registrato da Cobb (acoustic guitar), Lloyd Green (pedal steel), Chris Powell (drums, spoons), Jason Simpson (bass), Mickey Raphael (harmonica), Blake Berglund (vocals) e Corb Lund (vocals).

fonte: Goodfellas

----------------------------------------------------------------------------------------

:: Blues Made in Italy, sabato 13 ottobre 2018, Cerea (VR)

La Città di Cerea, nota anche come la Capitale del Blues in Italia, è nuovamente pronta ad accogliere, come ogni anno, migliaia di appassionati sia italiani che esteri che arriveranno per vivere il raduno nazionale Blues Made in Italy, giunto alla sua nona edizione. 15 ore ininterrotte di Blues, 3 palchi, oltre 50 artisti e 70 espositori tra strumenti musicali artigianali e artigianato di settore sono gli ingredienti “ormai non più segreti” di questa formula di successo che fa registrare di anno in anno una netta crescita della manifestazione. L’evento dedicato alla cultura musicale si terrà in Area Exp, in uno spazio coperto di oltre 4.000 mq. con concerti dal vivo, seminari di approfondimento e presentazioni di novità editoriali, con la conduzione d’eccezione di Maurizio “Dr. Feelgood” Faulisi di Virgin Radio.

Il raduno nazionale “Blues Made In Italy” si conferma ancora una volta tra le più prestigiose e ambite “vetrine” del panorama musicale italiano – capace di attirare e coinvolgere moltissimi appassionati anche dall’estero – funge, oltretutto, da interessante fucina di nuovi talenti. L’evento, quest’anno alla vigilia della sua decima edizione, viene reso possibile grazie al lavoro del direttivo dell’omonima associazione e all’aiuto di uno staff composto da trenta volontari appassionati. Sabato 13 ottobre 2018, a partire dalle ore 10:30 presso l’Area Exp di Cerea (VR) si terrà quindi il 9° raduno nazionale Blues Made In Italy – la più grande Fiera del Blues in Italia, ancora una volta pronto ad offrire proposte di assoluto rilievo artistico con la certezza di regalare dei momenti indimenticabili per una giornata memorabile a suon di Blues. A vivere la manifestazione si attendono dunque migliaia di appassionati e curiosi che, presso il complesso fieristico dell’Area Exp, troveranno allestita una superficie coperta di oltre 4.000 mq. dotata di diversi punti di ristoro e di comodissime aree parcheggio contribuendo di conseguenza a rafforzare il binomio coniato dalla stampa nazionale: “Citta di Cerea: Capitale del Blues”. Tre palchi, aree per le prove strumenti musicali e uno spazio dedicato alle presentazioni di nuove produzioni editoriali e seminari di approfondimento, dove anche quest’anno è previsto il coinvolgimento degli studenti delle scuole di musica sempre più attirati dalla vasta zona dedicata alla mostra-scambio per collezionisti e dall’esposizione di prodotti artigianali di liutai che, con pazienza e disponibilità tramandano il loro know-how alle nuove generazioni.

L’organizzazione dell’evento, già premiato come “Miglior Festival Blues” in occasione della notte degli “Oscar del Blues”, sarà a cura di Lorenz Zadro, presidente dell’omonima associazione affiancato da un affiatato direttivo impegnato sia nella diffusione nella preservazione della cultura del Blues attraverso la valorizzazione degli artisti italiani, la loro attività concertistica e la loro produzione musicale che, per merito delle elevate qualità proposte, si trova sempre più sotto i riflettori. Con questo stesso intento, dal 2013, Blues Made In Italy infatti è socio-attivo di “European Blues Union”, associazione europea nata a Bruxelles nel 2008, che raccoglie al suo interno i massimi esperti di blues europei assieme a promoter, organizzatori di festival, giornalisti e musicisti, con l’intento di promuovere il blues europeo nel vecchio continente. Fin dal primo mattino, giungeranno in terra veronese, musicisti provenienti ogni parte della nostra Nazione; una nutrita rappresentanza del meglio del Blues italiano che va dai giovani emergenti ad artisti di consolidata fama che hanno e stanno contribuendo a fare la storia di questo genere musicale in Italia. Ma non sono solo i musicisti ad arricchire il parterre di Blues Made In Italy dove, tra amicizia e business (come compete ad ogni fiera che si rispetti), si trovano sempre più professionisti del settore musicale che scelgono il raduno come strumento per conoscere ed approcciare nuove realtà da coinvolgere nelle loro organizzazioni.

Info: info@bluesmadeinitaly.com - bluesmadeinitaly.com

fonte: AZ Blues

----------------------------------------------------------------------------------------


:: 'Il Quaderno Punk', 1979-1981 la nascita del nuovo rock italiano. Disponibile dal 14 settembre per Goodfellas Edizioni

Queste pagine rappresentano il "nuovo rock italiano" dal punto di vista di due ragazzini perduti nella provincia italiana, simili e uguali a decine di loro coetanei sparsi per tutta la penisola. Il libro ripropone esattamente il lavoro fatto in gioventù dei due autori. Pagine a colori, il quadernone tale e quale, con l’aggiunta di una presentazione che gli autori hanno scritto trent’anni dopo e un capitolo ulteriore curato dal solo Stefano Gilardino con interviste inedite a Confusional Quartet, Clito, No Submission/Wax Heroes, Dirty Actions e Jumpers/198X. Completa il libro un CD compilato dai due autori con brani inediti e rarità di alcuni dei protagonisti dell'epoca: Gaznevada, HCN, HitlerSS, Rats, Johnson Righeira, Skiantos, Sorella Maldestra, Windopen e tanti altri.

Per un’intera generazione di ragazzi cresciuti negli anni Settanta, il servizio andato in onda durante il programma televisivo di RAI 2 'Odeon - Tutto Quanto Fa Spettacolo' è stato il primo incontro con la musica punk. In un’epoca in cui non esistevano i social network e le riviste musicali specializzate erano poche e non sempre reperibili, una delle opzioni per rimanere informati sulla scena era rappresentata dal ritagliare, conservare e leggere ogni notizia valida sulla nascente scena musicale del nuovo rock italiano, recuperando il materiale soprattutto da rotocalchi di costume, quotidiani e persino da riviste sportive.

Il quaderno a quadretti diventa quindi una sorta di catalogo in cui trovano spazio brevi schede dedicate ai nuovi gruppi e divise per provenienza geografica. “Lo potremmo definire il nostro tentativo di mappare la scena del cosiddetto ‘nuovo rock’ senza velleità di completezza: nessuna necessità di archiviare, ma solo di mettere assieme la maggior quantità possibile di informazioni. Il ‘quadernone’, come lo chiamavamo noi, era a stretto uso personale, nessuno l’ha mai neppure visto prima di questa pubblicazione, poiché l’unica vera necessità era rappresentata dalla scoperta.”

Fabrizio Gilardino (1961) si occupa di grafica, musica, cinema di animazione e sperimentale. Dilapidando le sue prime paghette settima- nali, ha scoperto e fatto scoprire a suo fratello i dischi di Sex Pistols e Clash. Li ascolta ancora spesso. Vive tra Montreal e Kuala Lumpur.

Stefano Gilardino (1967) è scrittore e giornalista musicale. È stato redattore di importanti riviste italiane come Rock Sound, Speciale Punk, Onstage Magazine, Dynamo e Vida e collaboratore di XL/Repubblica, Bam! Magazine. Ha recentemente pubblicato il libro La storia del Punk (Hoepli, 2017). Anche lui ascolta spesso Sex Pistols e Clash. Vive a Milano.

fonte: Goodfellas

----------------------------------------------------------------------------------------


:: Ron Gallo: il nuovo album in uscita il 5 ottobre per New West

Ron Gallo annuncia l'arrivo del suo nuovo, secondo album STARDUST BIRTHDAY PARTY, fuori il 5 ottobre per New West a poco più di un anno dal debut album HEAVY META. Stardust Birthday Party è il risultato di un importante percorso interiore dopo un disco, Heavy Meta, creato da "un ragazzo di Philadelphia perso a metà dei suoi vent’anni, in una relazione con qualcuno che stava lottando con problemi di salute mentale e con una devastante dipendenza dall’eroina. Stavo scrivendo Heavy Meta, la porta perfetta per vedere il posto che avrei voluto evitare per sempre: me stesso."

Stardust Birthday Party racconta invece il percorso interiore. L’amore. Il cambiamento. "Ecco di cosa parla questo album, sono io che ballo mentre distruggo la persona che pensavo di essere. Stardust Birthday Party parla dell’evoluzione umana. In particolare, di un’evoluzione umana: la mia, Ron Gallo. Nel libretto dell’album di John Coltrane’s 'A Love Supreme' (che noi omaggiamo in Stardust Birthday Party) lui scrisse: 'Durante l’anno 1957, ho vissuto, per grazia di Dio, un risveglio spirituale che fu lì per portarmi in una vita già ricca, più piena e più produttiva. A quel tempo, in gratitudine, chiesi umilmente di darmi i mezzi e il privilegio di fare felici gli altri attraverso la musica'. È quello. È la pura essenza della creatività. Ecco perché questo album esiste. Grazie, se vorrete condividere questo con me." Ron Gallo

Stardust Birthday Party segue il viaggio di Ron Gallo nel risveglio, nella destrutturazione personale, che inizia con il semplice messaggio: “Who Are You? (Point to it)”. L’album esamina l'odiarsi, l’ansia e la follia in canzoni come “Always Elsewhere,” “Party Tumor” e “Do You Love Your Company?” e portano alla fine alla risposta: “You Are The Problem”. La seconda metà dell’album rappresenta il sottile e lento passaggio verso uno sguardo più luminoso, amorevole. Gallo rende omaggio al personale risveglio spirituale di John Coltrane in “Love Supreme (Work Together!)”. L’album si chiude con “Happy Deathday”, che sfida a dimenticare qualunque cosa si conosca. Durante Stardust Birthday Party si scoprirà che la definizione di Gallo “weirdo punk-poet persona” non ha a che fare con la rabbia. Le chitarre sono fuzzy e rumorose, bilanciate con un lungo e profondo OM.

fonte: astarteagency

----------------------------------------------------------------------------------------


:: Swamp Dogg: 'Love, Loss, And Auto-Tune' dal 7 settembre per Joyful Noise

Swamp Dogg condivide il singolo 'Answer Me, My Love' secondo estratto dal nuovo album 'Love, Loss, And Auto-Tune', disponibile su cd, vinile e formato digitale dal 7 settembre per Joyful Noise. Al nuovo album di Swamp Dogg ha partecipato in veste di guest Justin Vernon, Bon Iver.

'Answer Me, My Love' è un classico del repertorio pop interpretato anche da Nat King Cole e Joni Mitchell, ma nessuno aveva mai registrato una versione innovativa come questa di Swamp Dogg per il nuovo album.

'Love, Loss, and Auto-Tune' è il disco che mai ti aspetteresti da un mito del soul come Swamp Dogg, attivo da oltre 60 anni. Jerry Williams, noto come Swamp Dogg, ha registrato un album innovativo, capace di coniugare tradizione e innovazione, pulsioni soul e r&b classiche con il gusto tipico delle moderne produzioni indie e hip hop. Il disco è stato prodotto da Swamp Dogg stesso in team con Ryan Olson dei Polica, con collaborazioni di primo piano. Justin “Bon Iver” Vernon ha prestato i suoi celebri vocalizzi auto-tune per il primo singolo 'I'll Pretend'. 'Love, Loss, And Auto-Tune' è una gemma, un momento unico ed imprevedibile nella vita di un artista unico ed imprevedibile che gli appassionati di soul e r&b considerano un tesoro nazionale.

fonte: Goodfellas

----------------------------------------------------------------------------------------


:: The Crossing. il nuovo album di Alejandro Escovedo dal 14 settembre

Yep Roc è orgogliosa di annunciare l’uscita, il prossimo 14 settembre, di “The Crossing”, prima collaborazione con il compositore texano Alejandro Escovedo. Registrato a Villafranca in Italia e co-prodotto con Brian Deck (Modest Mouse, Gomez, Iron & Wine), il disco è stato registrato in collaborazione con Antonio Gramentieri (Sacri Cuori) aiutato dai musicisti del suo ultimo progetto, Don Antonio.

Caldo e cinematico, “The Crossing” racconta la storia di due migranti, uno messicano e uno italiano, che arrivano in America per realizzare il loro sogno americano: incontrare i loro idoli punk e rock. Quando Salvo e Diego arrivano in America scoprono che è diversa da come se l’aspettavano, non è così aperta e libera. Guardando all’esperienza di Alejandro come figlio di immigrati messicani, “The Crossing” lo vede alle prese con un cambiamento radicale. Le diciassette canzoni che compongono il disco si concentrano con uno sguardo chiaro e tagliente sulle questioni del nostro tempo e sulla nostra identità culturale, i diritti delle minoranze e sul razzismo, in questo momento particolarmente travagliato. Non è solo il primo album di Alejandro su Yep Roc, ma è anche il primo lavoro dell’artista americano registrato in Europa. L’album è stato realizzato e scritto a quattro mani con Don Antonio, la band italiana di Modigliana guidata dal chitarrista Antonio Gramentieri, già nei Sacri Cuori.

L'album è stato registrato nell’arco di un mese a Villafranca, in Italia, con la co-produzione di Brian Deck. La cosa che mi ha più colpito degli italiani è che nella loro musica cercano sempre la melodia. È sempre molto romantico, anche quando è tragico. La band comprende anche Denis Valentini al basso, Matteo Monti alla batteria, Gianni Perinelli e Franz Valtieri ai fiati, oltre a Nicola Peruch alle tastiere. "The Crossing", inoltre, vede ospiti anche altri musicisti di primissimo piano, tra cui James Williamson dei The Stooges - in ‘Teenage Luggage’ - e Wayne Kramer degli MC5 in ‘Sonica USA’ (entrambe le band sono menzionate all’interno del libretto dei testi). 'Waiting for Me' vede Peter Perrett e John Perry dei The Only Ones, per la prima volta insieme dal 1980. Joe Ely appare sulla sua traccia, 'Silver City'. ‘Rio Navidad’, spoken word su un ranger del Texas, è stata scritta da Willy Vlautin, romanziere e leader di Richmond Fontaine e The Delines, e letta dal suo compagno di band Freddy Trujillo.

Nel corso della sua carriera e dei suoi 15 album realizzati, Alejandro è stato punk con i The Nuns di San Francisco, cowpunk nei Rank & File, rocker di razza con i True Believers di Austin e artista solista sin dai primi anni '90, collaborando con artisti del calibro di Bruce Springsteen, John Cale, Los Lobos, Peter Buck e Scott McCaughey e Chuck Prophet. L’autorevole No Depression lo ha eletto come Artist of the Decade, poco prima che l’artista venisse colpito dall'epatite B, una malattia dalla quale si è ripreso poco prima della registrazione di questo nuovo album. “The Crossing” è il tipo di viaggio nel quale solo un artista come Alejandro Escovedo potrebbe portarvi. L'avventura inizia qui.

fonte: Audioglobe

----------------------------------------------------------------------------------------


:: LOW: nuovo album in arrivo a Settembre e data italiana a ottobre

Il prossimo 14 Settembre, nel modo provocatorio che ha contraddistinto i loro 25 anni di carriera, i LOW pubblicheranno su Sub Pop/ Audioglobe il nuovo studio album “Double Negative”, il più sfacciato e più potente fino ad oggi. Come anteprima dell’album la band ha reso disponibile i videoclip delle prime tre canzoni dell’album che possono essere visionate con questo unico link youtu.be/jvEozu4Obfs o separatamente

Per Double Negative, i LOW hanno arruolato B.J. Burton, produttore avventuroso che negli ultimi anni ha lavorato con Bon Iver, Lizzo e Francis and the Lights. Tornando ancora nello studio April Base di Justin Vernon a Eau Claire nel Wisconsin (dove hanno registrato Ones & Sixes del 2015) Alan Sparhawk, Mimi Parker e il bassista Steve Garrington sapevano che volevano andare oltre con Burton e la sua gamma di suoni: volevano vedere cosa, a detta di Alan, "un ragazzo hip-hop" poteva davvero fare con la loro musica. Anziché scrivere e provare ossessivamente a casa a Duluth, nel Minnesota, spesso si dirigevano a sud-est verso Eau Claire, arrivando con schizzi e idee su cui avrebbero lavorato per giorni con Burton. Band e produttore sono così diventati co-sceneggiatori collaborativi, costruendo i pezzi e modificandoli fino a quando il loro scopo e la loro forza non sono apparsi chiari. La copertina dell'album per Double Negative è stata creata da un collaboratore di lunga data, l'artista inglese Peter Liversidge.

Dopo gli show estivi nel Regno Unito, in Germania e in Polonia, la band si imbarcherà per una prima tappa del tour di supporto al nuovo album con due notti al National Sawdust di New York City e toccherà l’Italia con una data unica il prossimo 5 Ottobre al Teatro Dal Verme di Milano.

fonte: Kizzme!

----------------------------------------------------------------------------------------


:: Mark Lanegan & Duke Garwood: il nuovo album "With Animals", in uscita il 24 agosto su Heavenly Recordings

Heavenly Recordings è orgogliosa di annunciare With Animals, il secondo album di Mark Lanegan & Duke Garwood, in uscita il 24 agosto. I 12 brani dell’album sono spettrali e robusti, spesso definiti dallo spazio tra i suoni. Un fischiettio spettrale si muove intorno ad una nota pulsante in “Lonesome Infidel”; la dura storia di “Feast to Famine” fluttua sopra ai riff di chitarra così distorti da essere a malapena riconoscibili. Lanegan & Garwood hanno condiviso il video per “Save Me”, il primo singolo e opening track dell’album e hanno annunciato una serie di date per questo autunno in Europa.

Negli ultimi dieci anni Lanegan e Garwood hanno lavorato insieme all’album Black Pudding nel 2013 e agli album solisti di Lanegan (Garwood ha contribuito a Blues Funeral del 2012, a Gargoyle del 2017 e subito dopo ha partecipato al tour come musicista nella band di Lanegan). La tecnologia li ha sempre aiutati permettendogli di collaborare da punti diversi del globo: Garwood da Londra e Lanegan da Los Angeles.

Se Black Pudding metteva la chitarra lunatica di Garwood al centro del palco, With Animals è costruito con una serie di attrezzi diversi. Analogico e polveroso, suona come se Lanegan e Garwood si fossero rintanati in uno studio di registrazione dei ’60 mentre un’apocalisse impazza fuori. Brani in loop suonano come se fossero stati estratti da There’s A Riot Goin’ On, mentre melodie sparse richiamano il sound dei produttori britannici Burial oppure Boards of Canada. Le polverose canzoni di With Animals sembra che siano state composte in compagnia di anime notturne. “Nonostante molte di queste canzoni fossero state registrate durante il giorno,” ha detto Duke, “Prima che il sole si alzi troppo…quel sound notturno è sempre lì nel mio cuore. Suppongo sia sempre mezzanotte da qualche parte.”

Il brano più emozionante e diretto è “Desert Song”. In due minuti di acustico, Lanegan dichiara l’impossibile: “Please let me continue this dream / even though it can’t be believed”. Come Duke fa notare, l’ascoltatore è lasciato con l’impressione che non sia una coincidenza. “Dopo otto giorni trascorsi a registrare il grosso del lavoro, siamo andati a Joshua Tree per suonare ad un festival di beneficenza. Mi svegliai prima del sorgere del sole; la mente fu travolta dalla vista dell’alba. Scrissi “Desert Song” proprio lì e la registrammo la notte stessa. Penso davvero che non fosse affatto una coincidenza.” È un finale puro e spontaneo, proprio quello in cui uno potrebbe sperare – una catarsi, un’alchemia creata da due talenti brillanti e singolari. A mille di queste albe…e anche a quei raduni notturni.
With Animals sarà disponibile dal 24 agosto su Heavenly Recordings, distribuzione Self.

fonte: Spingo




info@rootshighway.it