:: Recensioni
 
Seleziona una rubrica:



Ristampe/ Antologie


Steve Young
Seven Bridges Road. The Complete Recordings


Chilli Willi and The Red Hot Peppers
Real Sharp


Peter Rowan
Texican Badman


Will T. Massey
30 Years in the Rearview

John Gorka
Before Beginning: The Unreleased
I Know

David Gray
The Best of David Gray
Terry Dolan
Terry Dolan
Terry Allen
Lubbock (on everything)

Gov't Mule
The Tel-Star Sessions

DM3
West of Anywhere
Dusty Springfield
Come for a Dream: The UK Sessions
Beat Happening
Look Around

Tracey Thorn
Solo: Songs and Collaborations
1982-2015

The Beckies
The Beckies
Lee Hazlewood
The Very Special World of...
A.J. Croce
That's Me in the Bar (20th Anniversary Edition)
Son Volt
Trace (Expanded & Remastered)

The Scientists
The Scientists + Blood Red River

Julian Cope
World Shut Your Mouth + Fried

Royal Jesters
English Oldies

The Textones
Midnight Mission/ Cedar Creek

Jimi Hendrix
Freedom - Atlanta Pop Festival

Grayson Capps
Love Songs, Mermaids and Grappa
Jerry Jeff Walker
No Leavin' Texas 1968-82
Nikki Sudden
Dark Rags at Dawn
Tony Joe White
The Complete Warner bros. Recordings
Glen Campbell
Rhinestone Cowboy - 40th Anniversary Edition
Jeff Cowell
Lucky Strikes and Liquid Gold
Dave Ray
Legacy
Radio Birdman
Radio Birdman (Box set)
The Velvet Underground
The Velvet Underground (45th Anniversary Reissue)
Mike Cooper
Trout Steel + Places I Know/ The Machine Gun Co.
CSN&Y
CSNY 1974
Kinks
Lola Versus Powerman and The Moneygorouns, Part One
The Dictators
Faster...Louder. The Dictators Best 1975-2001
The Beasts of Bourbon
30 Years on Borrowed Time
The Walkabouts
Devil's Road/ Nighttown
R.E.M.
Unplugged 1991-2001: The Complete Sessions
Richard Buckner
Bloomed
The Dream Syndicate
The Days Before Wine and Roses
Uncle Tupelo
No Depression (Deluxe)
Bocephus King
Amarcord
Lucinda Williams
Lucinda Williams
The Waterboys
Fisherman's Box
Bottle Rockets
Bottle Rockets + The Brooklyn Side

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
Home page

ClassicHighway   best of, ristampe, classici

 

Califone
Roomsound
Quicksand/Cradlesnakes
[Dead Oceans/ Goodfellas 2017]


www.califonemusic.com

File Under: Post-atomic roots soundscapes

di Gianfranco Callieri (21/07/2017)

Sebbene ci si debba domandare, con piena legittimità, cosa possa restare, nelle orecchie e negli occhi, e cosa si possa aggiungere, in termini di racconto, di analisi, di approfondimento, a un'epoca nella quale dischi risalenti a una quindicina di anni prima, e peraltro già ristampati in precedenza, vengono fatti uscire per l'ennesima volta in fantomatiche edizioni celebrative su vinile utili soltanto a spennare gli appassionati meno selettivi, è pur vero che fa sempre piacere imbattersi, per omaggiarlo oppure scoprirlo, nel nome del chicagoano Tim Rutili, dai tempi di Friends Of Betty e Red Red Meat uno dei più efficaci e coerenti tra i musicisti abituati, durante i Novanta, al rimescolamento di vecchi blues, sbrindellature country e polverosi medaglioni folk con una serie di accorgimenti elettronici e un armamentario di rumori ambientali - in genere organici, ossia rintracciati attraverso la pratica del field recording, anziché costruiti in studio - peraltro invecchiati piuttosto bene.

Roomsound, oggi pubblicato su doppio LP (ma la musica occupa soltanto tre delle quattro facciate disponibili), non fu l'esordio vero e proprio dei Califone, la formazione con cui Rutili, il percussionista Ben Massarella, il chitarrista Tim Hurley e un pittoresco Brian Deck (qui impegnato a occuparsi dei synth e in seguito prolifico produttore di Modest Mouse e Counting Crows tra gli altri) diedero l'addio all'attività dei Red Red Meat dopo aver realizzato, con quella sigla, almeno tre grandi dischi e un mezzo capolavoro (There's A Star Above The Manger Tonight, distribuito da Sub Pop nel 1997); prima ci furono due EP di media lunghezza (entrambi raccolti da Glitterhouse in Sometimes Good Weather Follows Bad People [2000]) dove, non sembri troppo snob affermarlo, Rutili e soci avevano già stabilito le coordinate del periplo avant-folk - un viaggio a base di country-blues scorticati e rintocchi trip-hop, ballate acide e sonnolenze dub, psichedelia distorta e claudicanti sospiri sintetici - più affascinante, delizioso e scombinato dell'intero decennio. Lo stesso programma veniva ribadito, con ispirazione sempre notevole, appunto in Roomsound, l'album in cui, tramite il tiro stonesiano della sbilenca Wade In The Water, il bricolage tra hip-hop e country di Bottles And Bones (Shade & Sympathy), i campionamenti selvatici di St. Augustine (A Belly Full Of Swans) o l'atmosfera trasognata dell'interminabile New Black Tooth (quasi otto minuti di meditazione neo-folk), i Califone confermavano la maturità di uno stile sviluppato guardando sia alle musiche più oscure e sinistre della tradizione appalachiana, sia a un Beck Hansen più depresso e incarognito del prototipo.

Se gli inediti recuperati per l'occasione, fatto salvo l'apocrifo 16 Horsepower di una spettacolare Cluk Old Hen riempita di frastuono industriale, nulla aggiungono (né ovviamente tolgono) al suono perfettamente compiuto di Roomsound e alle sue sfumature sospese fra ironia, grottesco e un senso di tragedia incombente ma mai lasciato deflagrare del tutto, si potrebbe invece partire dalle nuove (più o meno) Cats Eat Coyote, Slowness o Kissing Cousin Wikkan - la prima ridotta a uno sbuffante strumentale da film horror di serie B, la seconda un valzer desertico confezionato con gli oRSo del collega Phil Spirito, la terza un sortilegio di stregoneria country-folk - che, in compagnia di altri brani dal vivo, versioni alternative e paradossali remix, occupano un intero LP dei due confezionati per la ristampa di Quicksand/Cradlesnakes, all'epoca arrivato dopo il passo falso del noiosissimo Deceleration One (2002), dedicato alle sonorizzazioni di pellicole per il grande schermo, e composto da frattaglie jazz-acid-blues miracolosamente in grado di risultare unitarie, e a modo loro pressoché "classiche", malgrado la frammentarietà combinatoria delle premesse.

Benché meno spiazzante dei predecessori, anche Quicksand/Cradlesnakes, scortato dal plumbeo country-rock di Vampiring Again, dal pianoforte alla Sparklehorse (quindi fluttuante in un mare di rumori) della sofferta Horoscopic.Amputation.Honey e dalla melodia sognante e memorabile, come di prammatica sommersa da un arsenale di rintocchi estranei, di Michigan Girls, s'incaricava ancora una volta d'incorniciare con incantevole sgangheratezza (perché viva e pulsante proprio in ragione del suo continuo vacillare) la formula della band di Rutili, immortalando uno stato di grazia che i nostri avrebbero ritrovato soltanto nel visionario Heron King Blues dell'anno successivo. Nient'altro da aggiungere se non che, trovandoci noi a vivere nei giorni del post-tutto, il post-songwriting di questi due dischi usciti in origine nel 2001 (su Perishable) e nel 2003 (su Thrill Jockey), rappresentino essi, per chi legge, una riscoperta o un nuovo amore, resta un gran bel sentire.