:: Parole e rock'n'roll
 
Il blog di BooksHighway

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -



Abbiamo parlato di:


BooksHighway 226
Jennifer Pashley
"Gli osservati"


BooksHighway 225
Matteo Ceschi
"Note per salvare il pianeta"


BooksHighway 224
Richard Ford
"Scusate il disturbo"

BooksHighway 223
Blue Bottazzi
"Un mucchio selvaggio"

BooksHighway 222
Carlo Babando
"Blackness"

BooksHighway 221
Paolo Mazzucchelli
"L'altra metà del pop"

BooksHighway 220
Don Winslow
"Ultima notte a Manhattan"

BooksHighway 219
Guido Santato
"Billie Holiday. La vita e la voce"

BooksHighway 218
Marco Denti
"Storie sterrate"

BooksHighway 217
Ted Gioia
"Delta blues"

BooksHighway 216
Re Nudo
"Antologia di re Nudo 1970-2020. Storia e storie di una rivista"

BooksHighway 215
Sara Bao
"Voodooblues. Il misterioso caso di Robert Johnson"

BooksHighway 214
Luca Miele
"Il vangelo secondo Jack Kerouac"

BooksHighway 212
Nick Cave
"Stranger than Kindness"

BooksHighway 211
Edmond G. Addeo; Richard M. Garvin
"Leadbelly. Il grande romanzo di un Re del blues"

BooksHighway 210
Marika Lucciola "Being Janis. Il diritto di essere se stessi"
Holly George-Warren
"Janis Joplin. La biografia definitiva"

BooksHighway 209
Melissa Anne Peterson
"I ragazzi di Cota Street"

BooksHighway 208
Sam Shepard
"Spiare la prima persona"

BooksHighway 207
Jessica Bruder
"Nomadland"

BooksHighway 206
Jennifer Pashley
"Il caravan"

BooksHighway 205
Patti Smith
"L'anno della scimmia"

BooksHighway 204
Stephen Markley; Larry Watson; Jesmyn Ward; Willy Vlautin

BooksHighway 203
Elisa De Munari
"Countin' the Blues. Donne Indomite"

BooksHighway 202
Holly George-Warren
"Alex Chilton. Un uomo chiamato distruzione"

BooksHighway 201
Tyler Keevil
"Poncho e Lefty"

BooksHighway 200
Kent Haruf
"La strada di casa"

BooksHighway 199
Stephen King
"Rock and Roll Will Stand"

BooksHighway 198
Kristin Hersh
"Non fare stronzate, non morire. Un addio a Vic Chesnutt"


BooksHighway 197
Robbie Roberston
"Testimony"


BooksHighway 196
Chris Salewicz
"Jimmy Page. Il cuore oscuro dei Led Zeppelin"


BooksHighway 195
Willy Vlautin
"The Free"


BooksHighway 194
Tom Drury
Thomas Savage
John D MacDonald
Jennifer Clement

BooksHighway 193
Alessandro Portelli
"We shall not be moved. Voci e musiche dagli Stati Uniti (1969-2018) "

BooksHighway 192
Rachel B. Glaser
"Piscio sull'acqua"

BooksHighway 191
Chris Salewicz
"Club 27"

BooksHighway 190
James Still
"Chinaberry"

BooksHighway 189
Robert Forster
"Grant & io. Dentro e fuori i Go-Betweens"

BooksHighway 188
Clarice Trombella
"Sacerdotesse, imperatrici e regine della musica"


Archivio di BooksHighway

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -


America 2.0 (Quarup)
un libro di Fabio Cerbone
<<entra nello speciale>>

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
Home page


BooksHighway   il rock'n'roll tra le parole
Condividi

 

Jonathan Scott
Mixtape Interstellare
La storia del Voyager Golden Record

[Jimenez, pp. 320]

- a cura di Gianni Del Savio -

Un titolo che sembrerebbe quello di un racconto fantascientifico. E per molti versi lo è. Il sottotitolo: “La storia del Voyager Golden Record”, indica una delle più affascinanti imprese spaziali: la missione dei Voyager I e II, “messaggio interstellare-intergalattico”, inviato nel 1977, verso spazio e tempo infiniti (compiti e direzioni diversi), anche con l’intento di comunicare la nostra esistenza a eventuali altri esseri viventi, fornendo loro tutti gli elementi possibili per decifrare i dati. Immagini, raffigurazioni di esseri umani, letture, suoni vari e specifici brani musicali. Il supporto tecnologico è un dischetto d’oro di 90 minuti.

Il tutto nasce da un’idea di Carl Sagan, astronomo, e Frank Drake, astrofisico - avvantaggiati dall’allineamento di Giove, Saturno, Urano e Nettuno, previsto per la fine dei ’70 -, e realizzato col contributo di specialisti di ogni genere, tra cui Alan Lomax. Nel prologo, l’inglese Jonathan Scott - critico musicale e appassionato di astronomia -, accenna ai suoi riferimenti giovanili, che vanno dal soul al punk. Ha indagato minuziosamente sui particolari, progettuali e realizzativi del fantastico viaggio comunicativo che, a partire dalla sua ideazione e dalla faticosa approvazione, ha messo in moto decine di persone. Un articolato “brainstorming” per definirne i caratteri, il più possibile comprensibili/intuibili, affinché qualsiasi essere del cosmo, in “vario modo” intelligente e curioso, possa analizzare e apprezzare i fondamentali segni della nostra esistenza.

Dimensioni e complessità dell’impresa si possono intuire partendo dalle pagine della Appendice A (vedi elenco qui di seguito, ndr), “Il contenuto completo del Voyager Golden Record della Nasa”, che indica le parti in cui è suddiviso il messaggio; ognuna con le sue articolate sottosezioni. In vario modo, sono documentati passaggi, accordi, rinunce, diatribe, entusiasmi del fantastico progetto. Una messe di dati, ricerche, nomi, che si susseguono con particolari specifici sulle teorie, scelte, descrizioni, tanto che l’affascinante testo di Scott a volte risulta appesantito da dettagli di vario genere.

I. Saluti di Kurt Waldheim, segretario generale delle Nazioni Unite
II. Saluti in 55 lingue
III. Saluti dell’ONU/Canti delle balene
IV. I suoni della Terra
V. Sequenza fotografica
VI. Breve sequenza musicale con pochi secondi di Cavatina.
VII. La musica

Eccoci alla parte che qui più ci riguarda e diverte, causando inevitabilmente qualche rammarico per mancanza di questo o quel brano, nonché gli immancabili “ma io al posto di…”. I 27 brani scelti intendono rappresentare tutti i continenti e le specifiche culture, fornendo dettagli su composizioni, interpreti, registrazioni date ed esecuzioni. Scott narra delle discussioni e perfino di qualche litigio(!), per definire la soundtrack cosmica. Tra i nomi portanti della cultura classica occidentale, le scelte sono cadute su composizioni di Bach, Beethoven, Mozart, Stravinsky. Di interesse specifico per chi segue queste “pagine”, sono le vicende che hanno portato a scegliere Johnny B. Goode di Chuck Berry (non gradito da Lomax…), invece del beatlesiano Here Comes the Sun, dato che per i diritti di quest’ultima erano richiesti 50.000$ (capitolo 7: Berry vs Beatles). Ci sono pure Melancholy Blues di Louis Armstrong & His Seven e Dark Was the Night, Cold Was the Ground di Blind Willie Johnson (che ispirerà il regista Wim Wenders per The Soul of a Man, “capitolo” della splendida serie The Blues, prodotta da Martin Scorsese nel 2003).

Anche pensando a qualche “incomprensibile assenza interstellare”, ognuno vorrà stilare la propria playing list. E mentre scorrono queste righe, il complesso messaggio terreste multimediale sta viaggiando e continua a comunicare con noi: un “colloquio” che dovrebbe esaurirsi nel 2036… Avvisate figli e nipoti.