:: Recensioni
 
Seleziona una rubrica:


Ultime novità:


Lazy Lester
Traveling Days: Live in Italy


Nina Simone
Nina's Back


Lazy Lester
All Over You

Abbiamo parlato di:

Willie J. Campbell
Be Cool

Autori Vari
Playing for the Man at the Door

Blind Boys of Alabama
Echoes of the South

Johnny Rawls
Walking Heart Attack

Duke Robillard & His
All-Star Band
Six String of Steel

Durand Jones
Wait Til I Get Over

Taj Mahal
Savoy

GA-20
Live in Loveland

La Ratte
Astray

Marc Broussard
SOS IV: Blues for Your Soul

Mississippi MacDonald
Heavy State Loving Blues

Johnny Rawls
Going Back to Mississippi

Yates McKendree
Buchanan Lane

Lee Fields
Sentimental Fool

Robert Conelly Farr
Shake It

Buddy Guy
The Blues Don't Lie

John Németh
May Be the Last Time

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
Home page


BlackHighway   blues, soul & black music
Condividi


     
 

Roosevelt 'Booba' Barnes & The Playboys
Raw Unpolluted Blues
[New Shot Records 2024]

Sulla rete: newshotrecords.com

File Under: raw blues


di Roberto Giuli (01/06/2024)

Grazie al gran lavoro svolto dalla New Shot, giunge alla nostra attenzione un disco a nome Roosevelt “Booba” Barnes, contenente alcune tracce registrate dal vivo (l’etichetta si è di recente occupata del grande Lazy Lester); come dire, dagli archivi più reconditi delle dodici battute. “Booba” Barnes è un bluesman sconosciuto ai più; originario del Mississippi, classe 1936 (scomparso nel ’96), si trasferisce a Chicago a metà anni Sessanta e li inizia ad esibirsi come cantante e chitarrista. Tornato a sud, tra le altre cose, si produce dal vivo con un giovanissimo Lil’ Dave Thompson, artista che in seguito si farà un nome presso la Fat Possum.

Di Barnes ci restano le tracce realizzate per il documentario “Mississippi Blues” di Bertrand Tavernier, quattro pezzi nell’antologia Chicago's Best West & South Side Blues Singers Vol. 1 (Wolf) e un unico disco ufficiale del 1990, The Heartbroken Man, realizzato per la Rooster. Quel lavoro è un manifesto del suo stile, diretto e senza sconto alcuno, caratteristico per la voce calda e profonda e per uno gusto chitarristico essenziale, riconducibile all’area stilistica dei vari Burnside, Junior Kimbrough, Cedell Davis, seppur meno elaborato. Altrettanto ufficialmente, si potrebbe affermare che la pubblicazione in oggetto sia di fatto la seconda uscita attribuibile a Roosevelt, il quale nel 1991 si trova immerso in un tour che lo conduce anche in Europa.

Valgono le considerazioni di cui sopra. Raw Unpolluted Blues è un titolo molto adatto per questo pugno di incisioni, comprendente diverse cover e qualche originale di discreto livello (dall’album dell’anno precedente): evidentemente la dimensione live è quella che più si addice a Barnes. Se si esclude la jam introduttiva, sono quattro i brani registrati da Gigi Bresciani al blues festival di Nave (BS), Heartbroken Man, che ricorda Howlin’ Wolf in qualche tratto, lo scarno lento Ain’t Gonna Worry About Tomorrow, la classica What’d I Say di Ray Charles e la sospesa You Must Be Lovin’ Someone Else, forse il momento migliore dell’apprezzabile set. Le restanti sette tracce, tra le quali The Thrill Is Gone (Roy Hawkins), una rilettura di Scratch My Back di Slim Harpo e la discreta No Place To Go, dalla penna di Howlin’ Wolf, provengono da una performance al Mississippi Valley Blues Fest di Davenport, Iowa nel luglio sempre del ’91. In entrambi i contesti accanto a Booba (che si rivela buon armonicista) ci sono James Earl Franklin al basso, Terry Taylor alla batteria e il fido Lil’ Dave Thompson alla chitarra.

Un documento interessante, soprattutto per addetti.