:: Recensioni
 
Seleziona una rubrica:



Ultime novità:


Barrence Whitfield & The Savages
Soul Flowers of Titan


Tinsley Ellis
Winning Hand


Curtis Salgado and Alan Hager
Rough Cut


Robert Finley
Goin' Platinum

Abbiamo parlato di:

Jimmy Zee Band
Son Little
Sharon Jones & The Dap-Kings
The Cash Box Kings
Ronnie Earl & The Broadcasters
Rick Estrin
Sugarray Rayford
Jim Byrnes
Tommy Castro
Rev. Sekou
Selwyn Birchwood
Guy Belanger
Taj Mahal Keb Mo'
Don Bryant
Guy Davis & Fabrizio Poggi
Eric Bibb
Coco Montoya
Reed Turchi
Soul Scratch
Otis Taylor
Robert Randolph & Family Band
Little Steve & The Big Beat
Elvin Bishop
John Mayall
Rory Block
Colin James
Randolph Matthews
Lee Fields & The Expressions
Lil Ed & The Blues Imperials// JW-Jones
Popa Chubby
Macy Gray
Duke Robillard and
His All-Star Combo

Ronnie Earl
Fabrizio Poggi
Martha High
Johnny Fuller &
The Phillip Walker Band

Nick Moss Band
Andre Williams
Kenny Blues Boss Wayne

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
Home page

BlackHighway   blues, soul & black music

   
 

Durand Jones & The Indications
Durand Jones & The Indications
[Dead Oceans/ Goodfellas 2018]

durandjonesandtheindications.com

File Under: young soul singers

di Nicola Gervasini (09/04/2018)

Da grande Durand Jones voleva fare il sassofonista, e ha dovuto litigare non poco con la propria madre, che al contrario lo vedeva bene a cantare nel coro della chiesa. Detta così sembra una storia da soul music degli anni cinquanta, ma accade ancora anche in questi anni dieci nella profonda America. Galeotti furono però gli anni universitari, in cui Durand ha messo insieme una band, li ha chiamati The Indications per assonanza con i tanti gruppi doo-wop di cinquant'anni fa, e ha provato a dire la sua nel mondo del new soul. Il self-titled Durand Jones & The Indications aveva visto la luce già nel 2016 per una piccola etichetta (la Colmine) ed era passato ovviamente inosservato per motivi di scarsa distribuzione, ma ora a ristamparlo ci pensa la Dead Oceans, un tempo paradiso per band indie folk come Phosphorescent, Akron Family e Califone, oggi evidentemente intenzionata ad allargare il raggio d'azione anche nella black music.

E lo fa allungando il brodo con una registrazione live (chiamata sibillinamente Live Vol.1, lasciando ad intendere che la riedizione potrebbe non finire qui), per giustificare così anche la dicitura "deluxe edition". Durand Jones e i suoi fidi amici (Aaron Frazer alla batteria, Blake Rhein alla chitarra, Kyle Houpt al basso e Justin Hubler all'Hammond) arrivano ormai ultimi di un movimento di rinascita soul che con la morte della regina Sharon Jones è forse diretto verso il tramonto, ma il tempo e l'occasione per diffondere ancora il verbo della soul music di stampo classico c'è sempre. Quello che manca è davvero un pizzico di originalità alla proposta che lo possa distinguere dai tanti nomi usciti o riscoperti in questi anni, da Lee Fields fino a Charles Bradley, e forse anche una voce davvero memorabile, che nel genere è peccatuccio non da poco. In ogni caso il riferimento è il soul di metà anni settanta, quello già ammiccante al Philly Sound (basta sentire Make a Change, Smile o la ballata Can't Keep My Cool), ma ancora non scivolante nella melassa che poi ammantò quella soul music che non voleva cedere ai ritmi disco nella seconda metà di quel decennio.

E quando decidono di dare ritmo, tirano fuori anche riff di chitarra come quello di Groovy Babe che ricorda da lontano il soul energico di Black Joe Lewis & The Honeybears. Ma è la ballata romantica alla fine che la fa da padrona, con il tappeto d'organo di Giving Up, il momento sospeso tra lounge music e Smokey Robinson di Is It Any Wonder?, il blues abbozzato di Now I'm Gone e lo strumentale alla Tramp di Tuck and Roll. A questo punto scatta poi la più lunga parte live, dove i giovani dimostrano già di saperci fare, ma anche qui senza particolari rivoluzioni da proporre. Non si grida al miracolo dunque con l'arrivo a Soultown di un nuovo pretendente al trono, ma se ancora state piangendo la morte di Otis Redding, questo disco fa al caso vostro.