:: Recensioni
 

Vai alle altre rubriche:

Ultime novità:


Matt Waldon
Not Too Late


Cheap Wine
Yell


Don Antonio & The Graces
Colorama


Nero Kane; Dead Cat in a Bag; Acid Jack Flashed; Andrea Giannoni

Il resto della ciurma:

Rawstars
Rawstars

Blancos; Sacro Mud; Stefano Dentone; Hernandez&Sampedro

Phill Reynolds
A Ride

Fabio Melis
Runaway Train

SirBone and
The Mountain Sailors
Wicked Games

Caboose
Awake Go Zero

SirJoe Polito
My Friend Ry

Grande Drifter, Only Child; Country Feedback, Intermissions

Maurizio Gnola Glielmo
Beggars and Liars

Hubert Dorigatti
Stop

Francesco Piu
Live in France

Lino Muoio
Vedi Napoli e poi... Muoio!

Lovesick Duo
A Country Music Adventure

Sterbus
Let Your Garden Sleep In

Luca Milani
Warriors Grow Up and Die

Paolo Ercoli
Why Not

Smallable Ensemble
Plays the Music of John Lennon

Gigowatt
Rock'n'roll in the Country

Cek Franceschetti
Sarneghera Stomp

Michele Anelli
Sotto il cielo di Memphis

Andrea Van Cleef &
Diego Deadman Potron
Safari Station

Andrea Parodi
Zabala

J. Sintoni
Backroads

An Early Bird; Dinelli; De Francesco; Sirio

The C.Zek band
Samsara

Radio Days
Rave On!

Spookyman and The All Nighters
Blood Sweat and Tears

Marco Sonaglia
Ballate dalla grande recessione

Don Antonio
La bella stagione

Mauro Ferrarese
Walkin'

Staggerman; Giuli Larovere; John Strada; Alessandro Tomaselli

Dust & the Dukes
Dust & the Dukes

Lovesick Duo
All Over Again

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
Home page


Made in Italy   cose di casa nostra
Condividi


 
  Marco Simoncelli
Breejo
[Abeat records 2022]

Sulla rete: abeatrecords.com

File Under: Blues e dintorni...


di Nicola Gervasini (14/11/2022)

Pensi ad un armonicista blues come Marco Simoncelli e ti immagini subito il tipo di disco che possa fare, sebbene in libera uscita dalla sua lunga carriera in blues-band come i Magnetoscopics di cui era frontman, e la combo svizzera Marco Marchi & the Mojo Workers, con la quale gira abitualmente i palchi blues europei. Invece Breejo è un disco sorprendente per la sua varietà di stili e ispirazioni, e per come, appunto, l’armonica di Simoncelli non straborda mai prendendosi la scena in maniera virtuosistica, ma si mette al servizio delle canzoni, quasi in secondo piano.

Si prenda ad esempio la cover di Green Flower Street del Donald Fagen epoca The Nightfly, dove il giro iniziale riscritto per armonica si innesta perfettamente nel mood elegante e rigoroso delle composizioni dell’ex Steely Dan. O anche l’altra cover del disco, una Bye Bye Love degli Everly brothers (ma gli autori erano i coniugi Boudleaux & Felice Bryant), dove il duetto col turco Korhan Kodaman regala al brano un ritmo completamente nuovo, decisamente più rallentato.

Ma sono i suoi brani autografi che fanno di varietà virtù, vuoi per il largo utilizzo di una imponente sezione fiati e di vocalist femminili che gli permette anche di sconfinare nello ska di Joke On Me o nel funky arabeggiante di Desert con disinvoltura. Il blues c’è, più classico nell’ironico singolo Green Pass, più swingato in My Babe Is My Life, lento e soulful in Overall VLR, ma non è mai puro, è sempre sporcato di altro, sia soul, rock (si senta anche l’inizio veemente di Barcode Freedom) fino ai ritmi latini di I Miss You. Poi si arriva addirittura ad un riuscito esperimento di In The Middle Of The Night, pezzo che parte per sembrare uno Stevie Wonder anni 70, ma si sviluppa poi in una divertente italo-disco puramente anni 80. Nota a parte per la sentita Live!, duetto bilingue con la figlia Vittoria ad impersonare un dialogo tra il suo omonimo e scomparso campione di motociclismo e sua madre.

Al disco collaborano session-man noti della scena musicale italiana (Laura Fedele, Heggy Vezzano e tanti altri), non solo blues, che garantisco all’album un respiro davvero ampio, anche grazie all’ottima produzione curata con Biagio Sturiale. Una consigliata sorpresa di casa nostra.