:: Recensioni
 

Vai alle altre rubriche:

Ultime novità:


Lowlands
The Collection 2008-2018


Chiara Giacobbe
Lion's Heart


Staggerman and
the hobo's amen
Hobos and Gentlemen


Andrea Van Cleef
Tropic of Nowhere


Il resto della ciurma:

Franco Giordani
Truòisparìs

Eloisa Atti
Edges


Riccard Maccabruni
Waves


Guy Littell
One of Those Fien Days

Jama Trio
A Process

Claudio Conti
Garnet Dusk

Cheap Wine
Dreams

Dago Red
Cicada

Blues Ghetto
Down in the Ghetto

Alberto De Gara
Deeper

J. Sintoni
Relief

Graziano Romani
Soul Crusader Again

Tiziano Mazzoni// Luca Rovini

The Rusties
Dove osano i rapaci


Matt Waldon
Grow Up

The Delta Junkmen
Anatomy of the Blues

Jimmy Ragazzon
Song Bag

Francesco Piu
Peace & Groove

Michele Gazich
La via del sale

Luca Milani & The Glorious Homeless
Fireworks for the Lonely Hearts


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
Home page

Made in Italy   cose di casa nostra

 
 

Dead Cat in a Bag
Sad Dolls and Furious Flowers
[Gusstaff 2018]

facebook.com/Dead-Cat-in-A-Bag

File Under: Black & White Music

di Nicola Gervasini (11/06/2018)

Tra i tanti pregiudizi che colpiscono Torino c'è quello di essere una città neanche triste, ma proprio tetra, luogo ideale per inscenare film horror, notizie di cronaca nera o per dare corpo a manifestazioni artistiche dedicate alla depressione. Luoghi comuni ovviamente, nella realtà c'è di che gioire in quella città, ma sarebbe per noi più facile trovare una forte "torinesità" nella vena "dark" esibita nelle copertine e nel sound con cui i Dead Cat in a Bag maneggiano ormai da anni una materia musicale ben poco italiana. Ma l'operazione che Luca "Swanz" Andriolo e compagni propongono con questo Sad Dolls and Furious Flowers è una sorta di viaggio a ritroso, che porta a casa riferimenti internazionali evidenti (il Nick Cave così chiaramente richiamato in Thirsty o il folk gotico alla Tindersticks ritrovabile nel gioco tra tromba e archi di Not A Promise) o a volte solo vagheggiati (i Calexico facilmente citabili ascoltando l'intro Sad Dolls o i Pogues di Waste), dando a Torino una nuova colonna sonora per esaltare la sua affascinate sabauda malinconia.

Giunti ormai al terzo album dopo Lost Bags del 2011 e Late For A Song del 2014, i Dead Cat in a Bag sono nel frattempo diventati un trio che oltre ad Andriolo (voce, banjo, chitarra, mandolino, balalaika, melodeon e chumbus) vede impegnati Andrea Bertola (violino, percussioni, campionamenti, cori) e Scardanelli (fisarmonica, piano, zaino-batteria, sega musicale, tromba, mandolino, cori), oltre ad alcuni amici a supporto. Il loro mondo musicale in bianco e nero è fatto di voci che non si dovrebbero sentire perché trafitte da violini e fisarmoniche demoniache (The Voice You Shouldn't Hear) o posti che non si dovrebbero visitare perché immersi in un gothic-country alla 16 Horsepower (The Place You Shouldn't Go), e brani che spaziano negli stili più disparati, tra il Jacques Brel cercato in Le Vent, e i Velvet Underground trovati in una convincente cover di Venus In Furs, fino allo Scott Walker immaginato nel teatrale duello tra voce e violino di The Clouds.

Il tutto condizionato sempre dalla vocalità di Andriolo, spesso forzata a cercare sfumature che citano via via Tom Waits, Hugo Race o il Leonard Cohen ridotto ad un sussurro dei suoi ultimi dischi. Ma sul tutto regna un pensiero musicale che cerca e trova quei luoghi dove la tradizione americana ha riscoperto le sue mille anime antiche e europee, sentieri dove negli anni si sono incrociate band apparentemente lontane come gli Handsome Family o i Gallon Drunk ad esempio, dove perfino gli scheletri messicani di Mexican Skeletons finiscono a ballare su un sound che pare quasi musica balcanica.

Inutile definirli dunque, i Dead Cat in a Bag sono una delle ormai (fortunatamente) numerose realtà italiane che non hanno dovuto imparare un suono perché con quello ci sono nati e cresciuti. E si sente.