:: Recensioni
 

Vai alle altre rubriche:

Ultime novità:


Andrea 'Lupo' Lupi
SoLo


Rico Migliarini
Suono i blues a casa mia


Front Hump Camels
South Side

Abbiamo parlato di:

Massimiliano Larocca
Daimon

Edward Abbiati
To the Light

Luca & The Tautologists; Grand Drifter

Leandro Diana; Pulin & The Little Mice; Marco Crea; Slidin' Charlie & Boo Shake

Vincenzo Tropepe
Cammisa Janca

Don Antonio
Lacosta

Light and Scars
LITOW (Live Is The Only Way)

Graziano Romani
Still Rocking

Angelo Leadbelly Rossi
It Don't Always Matter How Good You Play

Veronica Sbergia
Bawdy Black Pearls

Ellen River
Life

Michele Anelli
Libertà e Amore

Daniele Tenca
Just a Dream

Evasio Muraro
Non Rientro

Pitchtorch
I Can See the Light From Here

Massimo Valli
Senza avere un orizzonte

Tao
Freedhome

Fabrizio Poggi
Basement Blues

Carlo Lancini, Elisa Mariani
Alive & Well

Umberto Porcaro
Take Me Home

Marco Simoncelli
Breejo

Matt Waldon
Not Too Late

Cheap Wine
Yell

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
Home page


Made in Italy   cose di casa nostra
Condividi


 
  Swanz The Lonely Cat
Swanz The Lonely Cat's Macbeth
[Toten Schwan / EEEE 2024]

Sulla rete: totenschwan.bandcamp.com

File Under: "La vita non è che un’ombra vagante”


di Nicola Gervasini (02/02/2024)

Probabilmente se Swanz The Lonely Cat non fosse stato già un artista seguito dalle nostre pagine non saremmo mai arrivati a segnalarvi questo Swanz The Lonely Cat's Macbeth. Di lui, al secolo Luca Andriolo, vi avevamo già parlato due volte con i bei dischi pubblicati con il suo gruppo Dead Cat in a Bag (Sad Dolls and Furious Flowers del 2018 e We've Been Through del 2022), dischi intrisi di una roots-music gotica che ci riportava sempre a citare David Eugene Edwards (16 Horsepower) come riferimento più evidente, e quindi decisamente in linea con l’indirizzo artistico scelto dalla nostra testata. Ma stavolta si presenta con il suo nickname da solitario felino per un album dove non troverete canzoni, ma due lunghe suite che fanno da colonna sonora ad un cortometraggio (intitolato “All is but Toys”) in puro stile gotic-horror, realizzato dal duo di creatori di immagini Plastikwombat (Silvia Vaulà e Paolo Grinza), per cui prendetelo un po’ come i fans di Neil Young hanno accolto la colonna sonora di Dead Man di Jim Jarmusch, come un'occasione per Swanz di dare sfogo alle sue visioni musicali, unendo quindi il suo background di musica americana con l’elettronica e suggestioni a metà tra kraut-rock di altri tempi e musica industriale. Un viaggio sonoro negli inferi shakespeariani che mi azzardo a descrivere un po’ scherzosamente come il disco che avrebbero fatto i Tangerine Dream se fossero nati ad Austin.

Non ci sono quindi canzoni da commentare, le suite sono divise in varie fasi in cui Swanz a volte gioca anche con la recitazione del classico della letteratura britannica The Tragedy of Macbeth, suonando tutti gli strumenti per gettarsi a capofitto nelle atmosfere che l’orrore della sete di potere del protagonista creano negli immortali versi scritti da William Shakespeare. Quello che mi porta a proporre comunque il disco a dei lettori magari più abituati a cercare la forma canzone della tradizione del songwriting americano (di cui Swanz è intriso, come dimostrava anche nel suo disco d’esordio Covers On My Bed, Stones In My Pillow del 2017 dove si destreggiava tra riletture di Hank Williams e Kris Kristofferson), è una riflessione su quanto negli ultimi anni stiamo assistendo a un sempre più consueto uso di atmosfere derivanti da altri mondi (come prog, dark/new wave e musica elettronica) anche nel mondo della musica di ispirazione “roots”, e non è un caso che l’anno scorso vi presentammo We've Been Through in abbinamento a un album di Nero Kane, altro artista nostrano che crea mondi sonori suggestivi per cercare di andare oltre la tradizione, senza però perderla nella costruzione delle canzoni.

Qui ovviamente siamo in un caso più estremo, ma al di là del fatto che il disco sicuramente attirerà l’attenzione di ascoltatori che di certo non hanno familiarità con la musica solitamente proposta da Swanz, questo Swanz The Lonely Cat's Macbeth con il suo vortice di suoni potrebbe davvero diventare un punto di confronto anche per altre opere di cui vi parleremo, significativamente sempre più spesso create da artisti italiani. E non mi meraviglierei che già il prossimo disco dei Dead Cat in the Bag riparta da qui.