:: Pneumonia menù
 

Ultime recensioni:


Tedeschi Trucks Band
Live from the Fox Oakland


Autori Vari
The Musical Mojo of Dr. John. celebrating Mac and His Music


The Rolling Stones
Blue & Lonesome


Lowlands and Friends
Play Townes Van Zandt's Last Set


John Prine
For Better, Or Worse

Cose recenti, archivio Pneumonia:

Billy Bragg & Joe Henry
Shine a Light: Field Recordings from the Great American Railroad
Autori Vari
Day of the Dead
The Mystix
Live - Rhythm and Roots
Autori Vari
Southern Family
Albert Collins & The Icebreakers
Live at Rockpalast
Greg Trooper
Live at the Rock Room
Autori Vari
God Don't Never Change: The Songs of Blind Willie Johnson
Popa Chubby
Big, Bad and Beautiful - Live
Neil Young & Bluenote Café
Bluenote Café
Drive_By Truckers
It's Great to be Alive!
Autori Vari
Cold Bitter Tears - The Songs of Ted Hawkins
The Black Sorrows
Endless Sleep
Autori Vari
Independent Celebration vol.1
Bob Childers, Greg Copeland,
Keith Miles, Barry Ollman
Singer Songwriters from Home
Autori Vari
Dylan, Cash and The Nashville Cats: A New Music City
Autori Vari
Silver Lining
Joe Bonamassa
Muddy Wolf at Red Rocks
Tom Russell
The Rose of Roscrae: A Ballad of
The West

Kevin Breit feat. Rebecca Jenkins
Ernesto and Delilah
Autori Vari
BBC Radio 2 Folf Awards 2015
Asleep at the Wheel
Still the King - Celebrating The Music of Bob Wills & His Texas Playboys
Dan Baird & Homemade Sin
Electric// Acoustic (Live)
Gov't Mule feat. John Scofield
Sco-Mule
Autori Vari
While No One Was Looking. Toasting 20 Years of Bloodshot Records
Gary Clark Jr.
Live
Autori Vari
Look Again to the Wind: Johnny Cash's Bitter Tears Revisited
Autori Vari
The Art of McCartney
Kris Kristofferson
An Evening with Kris Kristofferson

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
Pneumonia   boxes, tributes & live records

 
 

Bonnie Prince Billy
Best Troubador
[Domino/ Self 2017]

dragcity.com

File Under: remembering Hag

di Domenico Grio (06/06/2017)

Non c'Ŕ dubbio che quello passato Ŕ stato un annus horribilis per la musica rock, proprio lo stesso anno, ironia della sorte, in cui gli accademici di Stoccolma hanno assegnato alle canzoni di Bob Dylan la valenza di straordinarie opere letterarie. Da David Bowie a Leonard Cohen, da Keith Emerson a Paul Kantner, da Prince a George Martin, la lista degli artisti che ci hanno lasciato nel corso del 2016 Ŕ lunghissima e tra questi impossibile dimenticare Merle Haggard, uno dei grandi "fuorilegge" del country, eccellente songwriter e assiduo frequentatore delle charts americane. Bonnie Prince Billy, al secolo Will Holdham, non era un semplice fan di Merle ma nutriva nei suoi confronti un'autentica venerazione, ragion per cui questo album integralmente composto da cover del leggendario "troubador" di Bakersfield non sorprende affatto.

Certo, un'operazione del genere presentava ab origine grossi rischi e un atto di amore poteva facilmente trasformarsi in un tributo povero di slanci emozionali per eccessiva fedeltÓ o, al contrario, in un'eccentrica ed inconsciamente irriverente reinterpretazione di brani entrati a far parte del patrimonio comune. L'ex Palace Bros invece fa centro e riesce a cogliere l'essenza delle storie in musica narrate dal grande maestro. Non c'Ŕ nulla di banale nelle rivisitazioni offerte ma, al contempo, non c'Ŕ neppure nulla di inadeguato, di infedele, nulla di autoreferenziale o di omologato. La scelta dei brani appare giÓ piuttosto significativa. Will non concede troppo al pubblico e scava soprattutto ai margini del repertorio di Merle, privilegiando evidentemente le atmosfere e le storie. Il cosiddetto "Baskersfield Sound" (contrapposto all'epoca al Nashville Sound) che prende a base il country folk di Jimmy Rodgers, arricchito dallo swing e dal rock'n'roll, viene addolcito dall'inserimento di diversi strumenti a fiato e rivisitato con arrangiamenti tenui e sofisticati. Le ballate si fanno evocative, anche grazie all'intreccio di voci (belli i duetti con A.J. Roach e Mary Feiock, ospiti del progetto assieme al fido Emmett Kelly ed all'ottimo chitarrista Matt Sweeney) e lo spirito dell'autore rimane vivido, imprescindibile.

Gli slanci elettrici non trovano dimora in questa ricerca introspettiva e la scelta di confezionare questo lungo ed elegante necrologio limita inevitabilmente lo spazio alle virate honky tonk. Tutto ci˛ evidenzia certamente una visione molto personale ed anche forse piuttosto eccentrica dell'universo espressivo di Merle ma manifesta il personalissimo accesso di Will a queste canzoni, la sua libera ed amorevole traduzione di quel mood che le ha prodotte. Del resto lo stesso titolo dell'album e l'idea di registrare i pezzi nell'intimitÓ delle mura domestiche, tradiscono chiaramente questa ricerca poetica e, in questo senso la musica diventa solo il tramite per scavare a fondo l'animo dell'autore e contribuire a renderne inestinguibile la figura. Sincero e passionale, questo Best Troubador arricchisce la discografia di Bonnie Prince Billy ma si deve rispettosamente aggiungere anche alla produzione di Merle Haggard, alla stregua di una biografia atipica e fascinosa.

Tracklist
1 The Fugitive // 2 I'm Always On a Mountain When I Fall // 3 The Day the Rains Came // 4 Haggard (Like I've Never Been Before) // 5 I Always Get Lucky With You // 6 Leonard // 7 My Old Pal // 8 Roses In The Winter // 9 Some Of Us Fly // 10 Wouldn't That Be Something // 11 Pray // 12 That's the Way Love Goes // 13 Nobody's Darling // 14 What I Hate (Excerpt) // 15 I Am What I Am // 16 If I Could Only Fly



    

 

 

info@rootshighway.it