:: Pneumonia menù
 


Ultime recensioni:


Bettye Lavette
Things Have Changed


Usher's Island
Usher's Island


US Rails
We Have All Been Here Before


Autori Vari
Chicago Plays The Stones

Cose recenti, archivio Pneumonia:

Nathaniel Rateliff & The Night Sweats
Live at Red Rocks
Autori Vari
Won't Be Home for Christmas
Steve Winwood
Greatest Hits Live
Joan Osborne
Songs of Bob Dylan
Van Morrison
Roll with the Punches
Hard Working Americans
We're All in This Together
Mavis Staples
I'll Take You There: An All-Star Celebration
Willie Nile
Positively Bob. Willie Nile Sings Bob Dylan
Tom Russell
Play One More.
The Songs of Ian & Sylvia

Bonnie Prince Billy
Best Troubadour
Tedeschi Trucks Band
Live from the Fox Oakland
Autori Vari
The Musical Mojo of Dr. John. celebrating Mac and His Music
The Rolling Stones
Blue & Lonesome
Lowlands and Friends
Play Townes Van Zandt's Last Set
John Prine
For Better, Or Worse
Billy Bragg & Joe Henry
Shine a Light: Field Recordings from the Great American Railroad
Autori Vari
Day of the Dead
The Mystix
Live - Rhythm and Roots
Autori Vari
Southern Family
Albert Collins & The Icebreakers
Live at Rockpalast
Greg Trooper
Live at the Rock Room
Autori Vari
God Don't Never Change: The Songs of Blind Willie Johnson
Popa Chubby
Big, Bad and Beautiful - Live
Neil Young & Bluenote Café
Bluenote Café
Drive_By Truckers
It's Great to be Alive!
Autori Vari
Cold Bitter Tears - The Songs of Ted Hawkins
The Black Sorrows
Endless Sleep
Autori Vari
Independent Celebration vol.1
Bob Childers, Greg Copeland,
Keith Miles, Barry Ollman
Singer Songwriters from Home
Autori Vari
Dylan, Cash and The Nashville Cats: A New Music City
Autori Vari
Silver Lining
Joe Bonamassa
Muddy Wolf at Red Rocks
Tom Russell
The Rose of Roscrae: A Ballad of
The West

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
Pneumonia   boxes, tributes & live records

 
 

Autori Vari
When the Wind Blows
The Songs of Townes Van Zandt
[Appaloosa/ IRD 2018]

townesvanzandtfestival.com

File Under: Townes' legacy

di Fabio Cerbone (14/05/2018)

È una di quelle strane alchimie che di tanto in tanto nascono seguendo percorsi insondabili, sintonie artistiche, sensibilità che non hanno una ragione altra se non quella della bellezza. La musica e le canzoni di Townes Van Zandt appartengono alla stessa categoria estetica, sono diventate negli anni ancora più apprezzate, venerate, un oggetto di culto che ha reso giustizia, sempre postuma purtroppo, alla poetica di un folksinger che ha cantato i luoghi bui della sua anima e li ha riflessi nell'America dei margini. L'Italia in particolare sembra essersi trasformata in una seconda casa per l'autore texano e per i tanti discepoli, più e meno giovani songwriter sparsi per il mondo, attratti dal fascino romantico e perdente delle sue composizioni.

È a Figino Serenza, in un piccolo angolo del comasco a nord della Brianza lombarda, che da diversi anni si svolge il "Townes Van Zandt Festival", per iniziativa del cantautore e promoter locale Andrea Parodi. Un teatro cittadino anima la serata chiamando a raccolta il pubblico degli appassionati, mentre decine di musicisti, più e meno noti, italiani e stranieri, affollano il palco proponendo il loro omaggio personale. Sono passati nomi importanti e semplici sconosciuti da queste parti, annullando le distanze geografiche e artistiche, nell'idea di una comunità vasta ed eterogena che provasse soltanto a trasmettere il proprio amore per l'eredità musicale di Van Zandt. Un progetto come When the Wind Blows, fortemente voluto da Parodi, che ne cura la produzione artistica con il supporto del musicista americano Jono Manson, giunge a completamento di questo percorso, un po' per celebrare quello che è stato, un po' per rilanciare l'iniziativa, che l'anno prossimo festeggerà i quindici anni di vita.

Trentadue brani, altrettanti artisti, un doppio album generoso nei contenuti e meritevole nella qualità, fin dalla cura della copertina, un ritratto dello stesso Van Zandt dipinto dalle mani del songwriter Sam Baker, cui si aggiungono, impressi sul cd, alcuni bozzetti di Ivan Graziani, indimenticato chitarrista e autore che morì lo stesso giorno di Townes, il 1 gennaio del 1997. Un breve pensiero di Mary Gauthier, fra gli ospiti del festival nelle passate stagioni, è impresso all'interno del booklet, del quale potrete trovare tutte le informazioni e i crediti delle registrazioni all'indirizzo townesvanzadtfestival.com. La chiave è la naturalezza, anche la spontaneità con cui i singoli protagonisti si approcciano all'opera di Van Zandt, ai suoi blues, come li definisce la stessa Gauthier, che hanno reso il mondo un posto migliore. L'abito sonoro è in prevalenza acustico, fedele alla sceneggiatura country folk di partenza, dritto al cuore della migliore canzone d'autore texana, con le differenze di personalità che gioco forza entrano in campo quando si affrontano tributi di questo genere. Eppure la coerenza musicale di When the Wind Blows è uno dei suoi indiscutibili punti a favore, anche quando il rispetto frena alcuni partecipanti dall'osare di più in fase interpretativa. Poco male, perché nel suo sviluppo appaiono piccole rivelazioni, solide certezze, autori che toccano vertici di intensità ed altri che mantengono una semplicità negli arrangiamenti che fa emergere il lirismo di Van Zandt, le poetica inquieta delle sue parole.

Impossibile, anche superfluo citare qui ogni singola traccia, poiché è l'insieme a rendere When the Wind Blows una raccolta onesta, e aggiungiamo curiosa per chi ama i sentieri del suono Americana. Sono qui presenti autentici maestri, nonché vecchi compagni dello stesso Van Zandt, quali il Joe Ely che interpreta If I Needed You o il Terry Allen di White Freightliner Blues, manco a a dirlo tra i passaggi più belli del doppio album. E ancora degni allievi e mai abbastanza decantati autori come il citato Sam Baker (Come Tomorrow), Malcolm Holcombe (una spiritata Dollar Bill Blues) o Gurf Morlix (tra le più originali e coraggiose la sua Marie). Al loro fianco qualche nome nuovo, giovani promesse e outsider per vocazione: dal gruppo escono allo scoperto il Thom Chacon dalla voce rude in Still Looking For You, il sempre bravo Christian Kjellvander (Tower Song) e la coppia di texani Slaid Cleaves (Colorado Bound) e Matt Harlan (You Are Not Needed Now), un James Maddock insolitamente rock rispetto al resto (Loretta), ma soprattutto, secondo preferenza del tutto personale, il Tim Grimm di Colorado Girl, il drammatico Michael McDermott alle prese con il classico Waiting Around to Die e un commosso Radoslav Lorkovic alla pianistica Flyin' Shoes.

C'è anche un pezzo d'Italia in scaletta ed è doverosamente lo stesso Andrea Parodi a ritagliarsi questo spazio, con una credibile trasposizione in italiano della tragica storia narrata dal capolavoro Tecumseh Valley, lì dove la protagonista Caroline diviene figlia di un minatore sardo, gettata nelle strade della prostituzione fra i carrugi di Genova. La canzone e l'intero When the Wind Blows vanno idealmente ad aggiungersi a questo sorprendente, persino singolare affetto dimostrato dalla comunità di musicisti di casa nostra - ricordando infatti il non lontano tributo che i Lowlands di Edward Abbiati dedicarono all'ultima setlist suonata da Townes in vita - verso quella figura complessa e tormentata che è stato Van Zandt in vita.


    

 

 

info@rootshighway.it