:: Pneumonia menù
 


Ultime recensioni:


Tony Coleman &
Henry Carpaneto

Live European Tour 2019


Cat Power
Covers


Lucinda Williams
You Are Cordially Invited...A Tribute to The Rolling Stones

Cose recenti:

The The
The Comeback Special

Autori Vari
Highway Butterfly: The Songs of
Neal Casal

Jason Isbell & The 400 Unit
Georgia Blue

The Ronnie Wood Band
Mr. Luck. A Tribute to Jimmy Reed

AA. VV.
I'll Be Your Mirror. A Tribute to the Velvet Underground & Nico

Muddy Waters
The Montreaux Years

Lucinda Williams
Southern Soul

Mike Cooley; Patterson Hood & Jason Isbell
Live at The Shoals Theatre

Nina Simone
The Montreaux Years

Shannon McNally
The Waylon Sessions

Autori Vari
Songs from the Fans
Chris Cacavas 60

Mick Fleetwood & Friends
Celebrate the music of Peter Green

Lucinda Williams
Runnin Down a Dream. A Tribute to Tom Petty

New Moon Jelly Roll Freedom Rockers
Vol.1/Vol2

Joan as Police Woman
Live

A.J. Croce
By Request

David Grissom
Trio Live 2020

Belle and Sebastian
What to Look for in Summer

Steve Earle & The Dukes
J.T.

Margo Price
Perfectly Imperfect at The Ryman

Kenny Wayne Shepherd band
Straight to You Live

The War on Drugs
Live Drugs

Autori Vari
Back to Paradise. A Tulsa Tribute to Okie Music

Emma Swift
Blonde on the Tracks

Hannah Aldridge
Live in Black and White

Daniel Romano's Outfit
Okay Wow

Rich Hopkins & Luminarios
Live at El Lokal

Artisti vari
Too Late to Pray. Defiant Chicago Roots

Artisti vari
Buscadero Americana

Artisti vari
If You're Going to the City. A Tribute to Mose Allison

Big Band of Brothers
A Jazz Celebration of the Allman Brothers Band

Artisti Vari
Come On Up the House:
Women Sing Waits

The Mavericks
Play the Hits

Giant Sand
Recounting the Ballads of
Thin Line Man

Jesse Dayton
Mixtape vol.1

Hans Theessink
70 Birthday Bash

Sam Baker
Horses and Stars

Mrs. Henry
Presents The Last Waltz

Rickie Lee Jones
Kicks

Steve Earle
Guy

Tommy Castro
Killin' It Live

The Bangles; The Dream Syndicate; Rain Parade; The Three O'Clock
3x4

Mavis Staples
Live in London

Mercury Rev
Bobbie Gentry's The Delta Sweete Revisited

The Kentucky Headhunters
Live at The Ramblin' Main Fair

John Mellencamp
Other People's Stuff

JW Jones
Live

Bob Malone
Mojo Live. Live at the Grand Annex

Son of the Velvet Rat
The Late Show

Autori Vari
Epilogue. A tribute to John Duffey

Autori Vari
When The Wind Blows. The Songs of Townes Van Zandt

Bettye Lavette
Things Have Changed

Joan Osborne
Songs of Bob Dylan

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
Pneumonia   tributes, covers & live records
Condividi

 
 

Bob Weir & Wolf Bros
Live in Colorado
[Third Man records 2022]

Sulla rete: bobweir.net

File Under: roots rock


di Paolo Baiotti (22/04/2022)

Bob Weir, californiano di San Francisco, è il più giovane tra i fondatori dei Grateful Dead: aveva 16 anni quando conobbe Jerry Garcia a Palo Alto, 18 quando The Warlocks si trasformarono in Grateful Dead nel ’65. Dopo lo scioglimento del gruppo conseguente alla morte del chitarrista, ha alternato la carriera solista con i RatDog alla partecipazione a formazioni che hanno portato avanti l’eredità del gruppo di origine (The Other Ones, The Dead, Furthur) fino al ritorno con tutti gli ex colleghi per i concerti del 2015, a vent’anni dalle ultime apparizioni con Garcia. In seguito ha formato i Dead & Company con John Mayer alla chitarra, oltre ai vecchi compagni Mickey Hart e Billy Kreutzmann, che sono tuttora attivi e ripartiranno per un tour estivo, ma ha anche realizzato un album solista, Blue Mountain.

Nel 2018 si è riunito per qualche data con il bassista Phil Lesh e ha costituito The Wolf Bros, un trio con Don Was, bassista e produttore di fama mondiale (Rolling Stones, Bob Dylan, Bob Seger, Willie Nelson, Van Morrison…), nonchè presidente della Blue Note e con il batterista Jay Lane (RatDog, Furthur, Primus) che ha girato gli Usa per un paio di anni fino alla pandemia, quando ha aggiunto in alcune date in streaming le tastiere di Jeff Chimenti (RatDog, The Dead, Furthur) e la pedal steel di Greg Leisz, un session man che ho suonato con tutti o quasi i musicisti più importanti, da Eric Clapton ai Black Crowes, da Ryan Adams a Jackson Browne, inserendo anche una sezione di archi e fiati chiamata The Wolfpack. Con questa configurazione più ampia ha ripreso a suonare nel giugno del 2021 a Red Rocks, in Colorado, e a Veil; da queste date sono estratti gli otto brani pubblicati dalla Third Man di Jack White che rivisitano principalmente episodi del repertorio dei Grateful Dead, con un taglio diverso, più intimo e riflessivo, a tratti jazzato, senza (o quasi) una chitarra elettrica solista, con largo spazio a break strumentali in cui piano e pedal steel hanno un ruolo basilare, oltre alla voce di Weir, che è maturata affinandosi e adattandosi anche ai brani che erano cantati da Garcia.

I Wolf Bros interpretano i Dead con un approccio rilassato, non da grandi stadi, al contrario di Dead & Company che ricalcano con qualche variazione lo stile della formazione originale. New Speedway Boogie apre la scaletta, il primo brano suonato a Red Rocks dopo il lockdown, in una lunga versione rallentata e notturna, con un piano boogie, la lap steel sempre puntuale che dà un tocco country e la presenza discreta dei fiati, seguita da A Hard Rain’s Gonna Fall di Dylan, una canzone che Weir ama riproporre, distesa e scorrevole, con dosati interventi strumentali. Il ritmo si alza con una briosa Big River (Johnny Cash) da sempre nel repertorio dei Dead, con lap steel e piano che dialogano in scioltezza e la chitarra elettrica che si ricava qualche spazio tra rock e country. West L.A. Fadeaway, tratta da In The Dark dell’87, è sinuosa e jazzata, mentre My Brother Esau, una b-side dello stesso periodo, è un mid-tempo addolcito da Leisz, pur restando un pezzo minore. Only A River è l’unico estratto da Blue Mountain, un country/folk con richiami alla tradizionale melodia di Shenandoah, seguita dalla ballata Looks Like Rain, tratta da Ace, esordio solista di Bobby del ’72, ammorbidita e rilassata. Il disco è chiuso dall’accoppiata Lost Sailor/ Saint Of Circumstance, due tracce composte da Weir e John Barlow per Go To Heaven del ’79, meno immediate rispetto ad altre dei Dead, allungate e riarrangiate con l’inserimento riuscito di archi e fiati e un’influenza country-jazz.

Live In Colorado non inventa nulla, ma offre una prospettiva diversa e in parte innovativa a un repertorio che è entrato nella storia della musica americana.


    

 

 

info@rootshighway.it