:: Pneumonia menù
 


Ultime recensioni:


David Olney
Evermore + Nevermore
The Final Live in Holland


Larry Campbell & Teresa Williams
Live from the Archives vol.1


Eli Paperboy Reed
Down Every Road

Cose recenti:

Edgar Winter
Brother Johnny

Bob Weir & Wolf Bros
Live in Colorado

Cowboy Junkies
Songs of the Recollection

Tony Coleman &
Henry Carpaneto

Live European Tour 2019

Cat Power
Covers

Lucinda Williams
You Are Cordially Invited...A Tribute to The Rolling Stones

The The
The Comeback Special

Autori Vari
Highway Butterfly: The Songs of
Neal Casal

Jason Isbell & The 400 Unit
Georgia Blue

The Ronnie Wood Band
Mr. Luck. A Tribute to Jimmy Reed

AA. VV.
I'll Be Your Mirror. A Tribute to the Velvet Underground & Nico

Muddy Waters
The Montreaux Years

Lucinda Williams
Southern Soul

Mike Cooley; Patterson Hood & Jason Isbell
Live at The Shoals Theatre

Nina Simone
The Montreaux Years

Shannon McNally
The Waylon Sessions

Autori Vari
Songs from the Fans
Chris Cacavas 60

Mick Fleetwood & Friends
Celebrate the music of Peter Green

Lucinda Williams
Runnin Down a Dream. A Tribute to Tom Petty

New Moon Jelly Roll Freedom Rockers
Vol.1/Vol2

Joan as Police Woman
Live

A.J. Croce
By Request

David Grissom
Trio Live 2020

Belle and Sebastian
What to Look for in Summer

Steve Earle & The Dukes
J.T.

Margo Price
Perfectly Imperfect at The Ryman

Kenny Wayne Shepherd band
Straight to You Live

The War on Drugs
Live Drugs

Autori Vari
Back to Paradise. A Tulsa Tribute to Okie Music

Emma Swift
Blonde on the Tracks

Hannah Aldridge
Live in Black and White

Daniel Romano's Outfit
Okay Wow

Rich Hopkins & Luminarios
Live at El Lokal

Artisti vari
Too Late to Pray. Defiant Chicago Roots

Artisti vari
Buscadero Americana

Artisti vari
If You're Going to the City. A Tribute to Mose Allison

Big Band of Brothers
A Jazz Celebration of the Allman Brothers Band

Artisti Vari
Come On Up the House:
Women Sing Waits

The Mavericks
Play the Hits

Giant Sand
Recounting the Ballads of
Thin Line Man

Jesse Dayton
Mixtape vol.1

Hans Theessink
70 Birthday Bash

Sam Baker
Horses and Stars

Mrs. Henry
Presents The Last Waltz

Rickie Lee Jones
Kicks

Steve Earle
Guy

Tommy Castro
Killin' It Live

The Bangles; The Dream Syndicate; Rain Parade; The Three O'Clock
3x4

Mavis Staples
Live in London

Mercury Rev
Bobbie Gentry's The Delta Sweete Revisited

The Kentucky Headhunters
Live at The Ramblin' Main Fair

John Mellencamp
Other People's Stuff

JW Jones
Live

Bob Malone
Mojo Live. Live at the Grand Annex

Son of the Velvet Rat
The Late Show

Autori Vari
Epilogue. A tribute to John Duffey

Autori Vari
When The Wind Blows. The Songs of Townes Van Zandt

Bettye Lavette
Things Have Changed

Joan Osborne
Songs of Bob Dylan

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
Pneumonia   tributes, covers & live records
Condividi

 
 

Steve Earle & The Dukes
Jerry Jeff
[New West 2022]

Sulla rete: steveearle.com

File Under: L’etica del restare


di Gianfranco Callieri (10/06/2022)

«In questo mondo colpevole, che solo compra e disprezza», scriveva Pier Paolo Pasolini nei versi della Religione Del Mio Tempo (1961), «il più colpevole sono io, inaridito dall’amarezza». Ma è un’accusa, quella del farsi spegnere dalla disillusione dilagante e da un incombente senso di vuoto, che di certo non si può rivolgere a Steve Earle. Bollito, secondo alcuni, da una routine ormai composta dal mestiere (e dalla necessità di provvedere al figlio autistico) anziché dall’ispirazione e quindi occupato a produrre, l’una di seguito all’altra, opere assolutamente estemporanee; sempre fedele, secondo chi scrive, all’imperativo di riannodare con costanza i fili del passato, all’obbligo interiore di instaurare un dialogo ininterrotto col proprio immaginario e i suoi elementi costitutivi allo scopo di esorcizzarne ricordi e rimpianti.

E così, dopo essersi misurato col blues attraverso una vitalità quasi punk in Terraplane (2015), dopo aver ragionato sullo scorrere del tempo con l’amica e collega Shawn Colvin in Colvin & Earle (2016), dopo aver aggiornato il progressive-country dei ’70 con un po’ di sporcizia e cattiveria in So You Wannabe An Outlaw (2017), dopo aver parlato di lavoro e morti bianche nello spigoloso Ghosts Of West Virginia (2020) e dopo aver reso omaggio alla memoria del primogenito Justin Townes, scomparso a soli 38 anni, tramite le spine rootsy del doloroso J.T. (2021), ecco che oggi, con questo Jerry Jeff dedicato alla rivisitazione di dieci episodi dal catalogo di Jerry Jeff Walker, Earle porta a compimento un’ideale trilogia, inaugurata nel 2009 di Townes (Van Zandt) e proseguita nel 2019 di Guy (Clark), sulla persistenza degli insegnamenti dei suoi maestri. Sull’arte e sul gesto dei mèntori al cui esempio si è rifatto per imparare a scrivere canzoni e per farlo, per di più, senza mai rinunciare all’onestà e al disincanto.

Van Zandt, Clark e Walker (quest’ultimo originario della provincia di New York ma diventato un beniamino della scena texana, nonché uno dei suoi punti di riferimento, in seguito al trasferimento nel Sud) sono stati, per uno Steve Earle alle prime armi (pure lui nato altrove, ossia in Virginia, benché cresciuto tra San Antonio e Houston), gli autori in grado di fargli scambiare il Texas della giovinezza «per la California meridionale». Cioè per la meta privilegiata e accogliente di pazzi, sognatori, emarginati, sbandati, idealisti in disarmo e soprattutto musicisti, attirati dalla promessa di un luogo creativo, estraneo a barriere e steccati. Mentre però i toni cupi di Townes immortalavano la dimensione più oscura e tormentata del cantautore di Fort Worth, e quelli distesi e vivaci di Guy celebravano con asciutta nostalgia il portamento inconfondibile di un paziente artigiano delle note, Jerry Jeff, pubblicato a due stagioni dal decesso di Walker per un cancro alla gola, prova invece a mettere in scena una divertita sintesi delle atmosfere dei predecessori, ora raggomitolandosi nella rilassatezza di polverose ballate, ora concedendosi piccole scariche di honky-tonk straccione e countreggiante.

A non venire mai meno, non nell’esordio col botto di Gettin’ By e Gypsy Songman (la prima caratterizzata da qualche modifica nelle liriche, tutte e due vivacizzate da un dettato country antiretorico, spumeggiante, irresistibile) né nel congedo “cosmico” di una Old Road affidata soltanto alla suggestione delle voci e a un’armonica bluesy frustata dal vento e dalla malinconia, è tuttavia la consapevolezza di come le sgrammaticature adoperate da Walker nel frullare country, blues e r’n’r (qualcuno, accostandone l’operato a quello giornalistico di Hunter S. Thompson, parlò di stile «gonzo») non fossero sintomo di pigrizia e noncuranza ma rispondessero, altresì, a un preciso disegno impressionista e allergico ai paludamenti del mainstream, capace di sottrarre la tradizione alle sue derive più reazionarie per trasformarla, a sorpresa, in quella che lo stesso Earle chiama, giustamente «full-blown hippie music». E al cui spirito lui e i suoi fidati Dukes si attengono, speziando di soul e urgenza comunicativa l’arcinota, immancabile Mr. Bojangles, sottolineando la natura gioiosa di Charlie Dunn e I Makes Money (Money Don’t Make Me) con robuste iniezioni di febbrile country-rock, scoprendosi pensosi e meditativi nei pressi di My Old Man nonché attenti e devoti alla melodia cristallina di Little Bird. Fino a raggiungere vette di dolente, inaspettata espressività prima alle prese con la dolcezza folkie di un’incantevole Hill Country Rain, poi nei laconici ricordi guerra, in forma di interrogazione delle proprie radici, evocati nella stupenda Wheel, altro blues astrale sulla fragilità della vita e degli esseri umani.

Jerry Jeff ci conferma che, per Steve Earle, nel fare dischi il cuore conta più del calcolo, e il «radicamento, la stanzialità, la nostalgia per la terra d’origine, la difesa e la cura del territorio» in cui si è nati e vissuti (per usare le parole con cui l’antropologo Vito Teti definisce l’attaccamento ai propri luoghi, intesi anche in senso metafisico) appartengono non a un’azione di retroguardia ma alla perpetua necessità di fare i conti con se stessi e con gli scambi, gli incontri, le conoscenze di una vita spesa sulla strada. E se questo non basta a fare del ventiduesimo lavoro in studio di Earle un album irrinunciabile, è però sufficiente a gettare una luce di affetto e concordia sulla negatività sperimentata quotidianamente, fino a stringere in mano una lettera d’amore da declamare, con orgoglio, sulle macerie di un’epoca che della poesia, dei rimpianti, dei sorrisi e delle lacrime di un tempo non sa più cosa farsene.


    

 

 

info@rootshighway.it