:: Parole e rock'n'roll


America 2.0 in tour
Le prossime presentazioni

- Domenica 18 settembre 2016
Bow Festival - Borgarello (PV)
Ore 18.00 circa, w/ Mandolin' Brothers
(copie disponibili durante la presentazione)

facebook.com/bowfolkfestival

Vuoi organizzare una presentazione di "America 2.0" nella tua città?
Conosci librerie, circoli, biblioteche, locali che potrebbero essere interessati?
Contattami all'indirizzo editor@rootshighway.it

------------------------------------




"La ragazza del Tropicana"
(inedito da America 2.0)

Scarica (formato pdf) gratuitamente il racconto inedito, liberamente tratto da "Drive She Said" di Stan Ridgway

------------------------------------



"Il sentiero delle teste di rame"
(inedito da America 2.0)

Scarica (formato pdf) gratuitamente il racconto inedito, liberamente tratto da "Copperhead Road" di Steve Earle

------------------------------------

Il blog per seguire tutti gli aggiornamenti sul libro e le prossime presentazioni: rootshighway.wordpress.com

-------------------------------

Gli altri libri di Fabio Cerbone:


Ronald Reagan
Born in The USA
[Bevivino editore]


Levelland
Nella periferia del rock americano
[Pacini editore]


Fuorilegge d'America
Hank Williams, Johnny Cash, Steve Earle
[Selene edizioni]

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
Home page
 

America 2.0   il libro, i racconti, le canzoni che lo hanno ispirato

 


Fabio Cerbone
America 2.0
Canzoni e racconti di una grande illusione

[Quarup, 2015 - www.quarup.it]

Si può raccontare un’idea di America partendo dalle suggestioni letterarie che sprigionano alcune canzoni? E soprattutto lo può fare un autore italiano, dal suo punto di osservazione, al tempo stesso distante e vicino all’oggetto?

In America 2.0 Fabio Cerbone raccoglie per strada le sue short stories, ispirate dal suono e dalle parole di composizioni della tradizione folk-rock americana. Cercandole in quella irripetibile generazione di musicisti, sbocciata a cavallo tra gli anni Sessanta e Settanta, e influenzata tanto dalla letteratura e dalla poesia dei Beat quanto dalla rivoluzione elettrica di Bob Dylan e dalle note fuorilegge di Johnny Cash, l’autore fotografa i margini del cosiddetto “sogno americano”, mostrandone il tradimento e l’illusione.

Suggestioni musicali (ogni storia è percorsa da un suono, dal verso di una canzone…), geografiche e letterarie che si intrecciano negli undici racconti del libro: le storie diventano così un album perfetto, in equilibrio tra musica e sensibilità narrativa, secondo lo sguardo degli artisti che hanno firmato i brani originali, da Bruce Springsteen a Tom Waits, passando per eroi di culto come Townes Van Zandt o John Prine.

Due ideali facciate che al ritmo delle chitarre sostituiscono quello della pagina scritta.

 



Collana: Le impurità del bianco
Pagine: 176
Euro 13.90

Amazon.it

- In tutte le librerie: maggio 2015
- Su tutti principali bookstore digitali, tra cui:
IBS - Internet Bookshop
LaFeltrinelli
Libreria universitaria

   
 

INDICE
America 2.0 - l'elenco dei racconti

11 short stories - 11 canzoni

(Tra parentesi i brani a cui sono ispirati i racconti)

Side One

"Heartland"
1. Michigan Avenue  (Used Cars, Bruce Springsteen)
2. La scheggia  (Sam Stone, John Prine)
3. Nella valle di Tecumseh  (Tecumseh Valley, Townes Van Zandt)

"Down to the Promised Land"
4. Per battere il diavolo  (Sunday Morning Comin’ Down/ To Beat the Devil, Kris Kristofferson)
5. La Cadillac di Elvis  (Tennessee Plates, John Hiatt)

Side Two

"Drive South"
6. Il ballerino degli Honky Tonk  (Mr. Bojangles, Jerry Jeff Walker)
7. Qualcosa di grande  (Something Big, Tom Petty)

"Into the Desert"
8. I pozzi di Monahans  (Desperados Waiting for a Train, Guy Clark)
9. Frequenze cladestine  (Fourth of July/ Border Radio, Dave Alvin)
10. Johnny  (Where’s Johnny, James McMurtry)

"Way Out West"
11. Ventinove dollari  ($29.00, Tom Waits)


 
 


L'AUTORE


Fabio Cerbone (Lodi, 1975) è innamorato dell’America. Scrive di musica e cultura degli Stati Uniti per passione e, quando ci riesce, per lavoro. Collaboratore di svariate fanzine e riviste a livello nazionale, ha ideato nel 2001 il web magazine RootsHighway – www.rootshighway.it – luogo virtuale in cui si occupa dell’immaginario del rock e delle sue radici letterarie e sociali. Ha pubblicato, per Selene Edizioni, i volumi Easy Ryders. Sogni e illusioni Americane (2005) e Fuorilegge d’America. Hank Williams, Johnny Cash, Steve Earle (2007), galleria di vite scapestrate di musicisti e banditi. Per Pacini Editore ha firmato il saggio Levelland. Nella periferia del rock americano (2009), dedicato alla cosiddetta scena alternative country. Nel 2012, per Bevivino Editore, ha curato Born in the USA, ironico ritratto pop della vita da presidente di Ronald Reagan.

Lo sguardo di Cerbone è affettuoso, più vicino a quello di uno scrittore con i suoi personaggi che a quello del critico musicale […] Una narrazione che sta in bilico tra la voglia di parlare di musica e la semplice esigenza di raccontare storie che hanno il profumo di leggenda…
Carllo Babando (Mucchio Extra)

Canzoni e vite “perdute” si susseguono nelle parole scritte da Cerbone in una sequenza filmica che avvince e istruisce…
Mauro Zambellini (Buscadero)