Grant-Lee Phillips
Widdershins
[Yep Roc/ Audioglobe
2018]

grantleephillips.com

File Under: outside it's America

di Fabio Cerbone (01/03/2018)

Tempi cupi sul suolo americano, nazione in balia di conflitti mai sopiti. Occorre una liberazione e Grant Lee Phillips sembra crederci davvero, cantandola con un trasporto che nel finale di Liberation alza al cielo il suo vibrante folk rock. L'intero Widdershins Ŕ attraversato da questo desiderio improrogabile, un album chiuso in fretta, registrato in soli quattro giorni al Sound Emporium di Nashville con la formula del trio, insieme ai fidati Jerry Roe (batteria) e Lex Price (basso). I riflessi si possono sentire tutti sulla tenuta del disco, una delle opere pi¨ elettriche e densamente rock che Phillips ha concepito da diversi anni a questa parte: mancano gli spigoli e la giovent¨ sfrontata dei giorni con i Grant Lee Buffalo, ma non potremmo pretenderlo da un sonwgriter cinquantenne che ha raggiunto la piena maturitÓ, eppure una fiamma che brucia e ricorda quel tempo la si pu˛ scorgere in controluce fra le canzoni di Widdershins.

In senso antiorario, contromano in maniera ostinata, ecco il significato di questo desueto termine inglese, che Phillips utilizza per raccontare lo stato della nazione ma anche le sensazioni e i fatti personali che sembrano schiacciare le persone a fine giornata, una sorta di tensione latente che accompagna tutto il lavoro e si scaglia sull'ascoltatore forte e chiara dal principio, quando Walk in Circles rotola impetuosa su quel sound elettro-acustico che Ŕ tornato a guardare alla tradizione, a cominciare dal precedente The Narrows. Rispetto agli orizzonti Americana e alle ballate crepuscolari di quest'ultimo, Widdershins esalta gli alti e bassi della voce di Grant Lee Phillips, quel suo costante intrattenersi fra passione e malinconia, tra invettiva e carezze. In questo emerge probabilmente il confronto con l'opera dei mai dimenticati Grant Lee Buffalo, che nelle trame di Unruly Mobs, della palpitante Scared Stiff o nel mezzo delle chitarre dal tenore grungy di Great Acceleration paiono fare capolino.

D'altronde Ŕ lo stesso Phillips a non fare mistero di questo legame, ricordando come agli esordi della band, era l'alba degli anni Novanta, ci fosse un'America anche in quel caso confusa e tormentata: dalla Guerra del Golfo, dalla crisi economica, dagli scontri nelle strade di Los Angeles. America Snoring cantava allora il nostro protagonista, oggi invece occorre fronteggiare l'era Trump, ma senza scomodare velleitarie canzoni di protesta: Widdershins pare muoversi su un terreno pi¨ personale, un'intimitÓ che anche nella forza rock trascinante di The Wilderness, non dimentica affatto un briciolo di ironia e disincanto (Miss Betsy), parlando dei tempi americani moderni con l'intensitÓ struggente di una ballata alla Grant Lee Phillips, marchio di fabbrica inimitabile, si chiami essa Totally You Gunslinger, King of Catastrophes o Another, Another, Then Boom.

La band ricama lo stretto necessario, il suono resta comunque denso e riverberato dalla voce di Phillips, che giostra le melodie di Widdershins fra chitarre e pianoforte. Semplice e complesso nel medesimo istante, Widdershins Ŕ la conferma di un autore ritrovato, nel pieno delle sue possibilitÓ.


    


<Credits>